Sport

Tags | ,

Giro d’Italia: bis di Greipel, aspettando Nibali

Pubblicato il 13 maggio 2016 da redazione

German Rider Andr?? Greipel on the way of the seventh stage of Giro dItalia cycling race from Sulmona to Foligno, 13 May 2016. ANSA/CLAUDIO PERI

German Rider Andr?? Greipel on the way of the seventh stage of Giro dItalia cycling race from Sulmona to Foligno, 13 May 2016. ANSA/CLAUDIO PERI

FOLIGNO (PERUGIA). – Se lo sprint rimane affare per tedeschi con ‘i gemelli diversi’ Greipel e Kittel che si dividono volate e successi (2 a 2 il conto dopo il successo di oggi a Foligno del ‘Gorilla di Rostock’), il Giro chiede agli sfidanti della maglia rosa Dumoulin di battere un colpo.

L’arrivo sulla cima dell’Aremogna, con l’olandese in gran spolvero a conquistare secondi sui suoi principali avversari, ha costretto tutti a rivedere le strategie e a riconsiderare il valore dell’olandese della Giant che va come un treno nelle crono ma ha dimostrato di sapersi difendere, eccome, anche in salita.

“Abbiamo capito con chi abbiamo a che fare – ha ammesso un Vincenzo Nibali ancora provato dallo psicodramma seguito all’attacco suicida di ieri, con tanto di scuse nei suoi confronti da parte dei due direttori sportivi dell’Astana colpevoli di averlo mandato allo sbaraglio – ora sappiamo che è forte anche in salita e che dobbiamo fare la gara su di lui”.

“Non cambia nulla. Siamo qui per vincere il Giro con Nibali” prova a rincuorare il suo pupillo il ds Beppe Martinelli. L’occasione buona potrebbe arrivare già con la tappa di Foligno ad Arezzo, per 186 chilometri di ordinaria amministrazione fino ai 25 chilometri dall’arrivo dove fa il suo esordio al Giro l’Alpe di Poti, Gran Premio della montagna di seconda categoria a 800 metri d’altezza.

Più che la montagna, otto chilometri e mezzo di salita con pendenze non eccezionali, rappresentano un’incognita i sette Km di sterrato attraverso il bosco. Anche perché le previsioni dicono pioggia. E con le gambe frenate dal fango, un attacco ben assestato potrebbe diventare letale.

“Ci infangheremo un po’ di più – la butta sullo scherzo la maglia rosa Dumoulin confortato da oggi dalla presenza della fidanzata Thanee che lo ha raggiunto in Italia – non credo che la pioggia potrà incidere tanto su un percorso in salita. Penso sia un tracciato buono per me. Ma ogni giorno è diverso e dipende da come stanno le gambe. Magari potrebbe essere buono per Nibali. Ma la crono del Chianti, quella la vinco io”.

Senza storia la volata che Andrè Greipel (Lotto) ha vinto di prepotenza approfittando anche della foratura che a cinque chilometri dalla fine ha tolto dai giochi il rivale Kittel. E’ la quarta vittoria di un tedesco al Giro, tutte allo sprint, e la terza consecutiva per la belga Lotto (due con Greipel e una con Wellens).

Sei gli azzurri tra i primi dieci con Nizzolo e Modolo che devono accontentarsi ancora una volta dei gradini più bassi del podio. In classifica generale situazione immutata con Dumoulin che gestisce 26″ sul danese Fuglsang e 28″ sul russo Zakarin.

Nibali guadagna una posizione, ma non secondi, e ora e’ ottavo. Cadute e forature hanno caratterizzato la tappa: ne ha fatto le spese lo spagnolo Javier Moreno, uno degli scudieri di Valverde. Per lui frattura della clavicola e Giro finito anzitempo. Per altri, invece, il Giro deve ancora cominciare.

Ultima ora

21:17Calcio: Hamsik, con il Milan vittoria della pazienza

(ANSA) - NAPOLI, 19 NOV - "Dopo il pareggio col Chievo, volevamo tornare a vincere, ma sapevamo di dover affrontare un buon avversario. Siamo stati pazienti, sapevamo che prima o poi avremmo superato il muro difensivo del Milan". Marek Hamsik, come è ormai consuetudine, affida al proprio sito ufficiale il commento della partita giocata ieri sera al San Paolo. "E' stato fondamentale - dice lo slovacco - segnare un gol nel primo tempo e alla fine abbiamo vinto ottenendo tre punti importanti contro una squadra di qualità". "Fino ad ora - conclude Hamsik - 11 vittorie e due pareggi. E' fantastico! Il campionato però è ancora lungo dobbiamo continuare così e rimanere concentrati. Martedì ci aspetta la sfida in Champions contro lo Shakhtar. Faremo di tutto per vincere".

21:14Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risultati della 6/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo: Imoco Conegliano - Saugella Monza 3-0 Igor Novara - Foppapedretti Bergamo 3-0 Unet Busto Arsizio - Sab Legnano 3-0 Il Bisonte Firenze - Pomì Casalmaggiore 3-2 Lardini Filottrano - Liu Jo Modena 0-3 Mycicero Pesaro - Del Bene Scandicci 2-3 - Classifica: Conegliano 18; Scandicci e Novara 17; Busto Arsizio 15; Modena 9; Pesaro 8; Monza e Legnano 6; Firenze 5; Casalmaggiore 4; Filottrano 3; Bergamo 0.

21:12Rugby: Eccellenza, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risultati della settima giornata del campionato di rugby di Eccellenza: Femi-Cz Rovigo- Patarò Calvisano 23-20 Lafert San Donà - Petrarca Padova 14-22 Viadana - Conad Reggio Emilia 31-17 Aeroporti I Medicei - Fiamme Oro 16-20 Lazio - Mogliano 24-20 - Classifica: Patarò Calvisano 29; Femi-Cz Rovigo 27; Petrarca Padova 26; Viadana 20; Fiamme Oro 19; Lafert San Donà 18; I Medicei 17; Lazio 6; Conad Reggio E. 5; Mogliano 4.

21:05Usa: capo armi nucleari, mi opporrei a ordine illegale Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Il generale dell'aviazione John Hyten, capo del comando strategico Usa (Stratcom), e' pronto a disobbedire al presidente Donald Trump se ordinasse un attacco nucleare "illegale". "Come capo dello Stratcom, io consiglio il presidente. Lui mi dira' cosa fare", ha spiegato alla platea di un forum sulla sicurezza a Nova Scotia, Canada. "E se - ha proseguito l'ufficiale, che supervisiona l'arsenale nucleare Usa - e' illegale, indovinate cosa accadra'? Diro', 'signor presidente, questo e' illegale'. E poi? Lui dira' 'cosa sarebbe legale?'. E troveremo delle opzioni, con un mix di capacita' di risposta a qualsiasi situazione. Questo e' il modo in cui funzionano le cose. Non e' complicato". Le sue parole arrivano pochi giorni dopo che il Senato, per la prima volta in oltre 40 anni, sull'onda delle minacce del presidente alla Corea del nord, ha discusso le prerogative nucleari del 'Commander in chief' in caso di conflitto.

20:38Calcio: Ferrero, oggi Samp è la 500 che supera una Ferrari

(ANSA) - GENOVA, 19 NOV - Massimo Ferrero scatenato dopo il successo della sua Sampdoria contro la Juventus. Il presidente blucerchiato si è affidato al cinema e ad un film storico come "Il sorpasso" riproducendo anche il suono di un clacson. "Io mi sono comprato una trombetta e ho cominciato a suonare: ero con la 500 ma davanti avevo una Ferrari e si sono scansati e li ho superati". Il successo mantiene però la Sampdoria con i piedi per terra. "Futuro? Volare basso e schivare il sasso, adesso pensiamo al Bologna. Oggi - ha aggiunto Ferrero - abbiamo riequilibrato il campionato, la gente va più volentieri allo stadio, gode di più e c'è più competizione, sennò vince sempre la Juventus".

20:32Calcio: Allegri, la Nazionale? Io voglio proseguire con Juve

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Voglio proseguire con la Juventus, costruire la squadra per il futuro e vincere titoli. Non ho ancora la testa per andare in Nazionale, quello del c.t. è l'ultimo dei problemi della Federazione. Dovranno strutturare l'Italia come un club". Così Massimiliano Allegri, dai microfoni Rai, sull'eventualità che il tecnico della Juve riceva una chiamata da via Allegri con l'offerta della panchina della nazionale. E cosa pensi Allegri del presidente della Figc Carlo Tavecchio? "Non so cosa voglia fare l'Associazione Italiana Allenatori - risponde Allegri - ne parlerò con il presidente e cercherò di capire cosa vuole fare per il bene del calcio. È responsabilità di Tavecchio decidere se dimettersi o no, oggi c'è un consiglio direttivo e questa sera sapremo come orientarci".

20:27Figc: Chiellini “niente caccia alle streghe, serve tempo”

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Mi aspetto che ci sia equilibrio. Ci vuole tempo per portare candidati e progetti credibili senza voler fare una caccia alle streghe". Così Giorgio Chiellini in vista del Consiglio federale di domani, decisivo per il futuro del presidente Tavecchio. "Se va qualcuno solo per rubare la poltrona non uscirà niente di buono - ha aggiunto il difensore della Juventus e della nazionale - Spero ci sia un periodo di qualche mese, aspetterei un attimo. A caldo si fanno scelte sbagliate: ci vogliono equilibrio, lucidità e grande pazienza in questi momenti".

Archivio Ultima ora