Venezuela: Maduro proroga l’emergenza economica di 60 giorni

Pubblicato il 15 maggio 2016 da redazione

maduro

CARACAS. – Un fine settimana ad alta tensione in Venezuela. Il presidente Nicolás Maduro ha prorogato per altri 60 giorni lo “stato di emergenza economica” nel paese che gli assicura poteri speciali nei confronti del Parlamento controllato dall’opposizione. Ed ha puntato il dito, come tante altre volte, contro gli Stati Uniti su più fronti.

In vigore ormai dallo scorso gennaio, lo stato di eccezione ed emergenza economica punta a “sconfiggere il colpo di stato e la guerra economica, in modo di stabilizzare il paese e affrontare le minacce contro la nostra patria”, ha sottolineato Maduro, precisando che Washington sta d’altro lato “attivando richieste promosse dalla destra venezuelana”.

Ma le mosse di Maduro non si fermano qui: ha richiamato l’ambasciatore venezuelano in Brasile, Alberto Castelar, a seguito dell’impeachment contro Dilma Rousseff e l’insediamento del nuovo presidente, Michel Temer, che ha definito “un golpe”.

Quindi, legando quanto sta avvenendo a Caracas con il caso Brasile, ha commentato che l’obiettivo di fondo Usa è quello di “porre fine alle correnti del progressismo in America Latina”. Sullo sfondo di questi annunci resta la grave crisi economica: il Paese dà la sensazione di essere sull’orlo di un abisso a causa di un’inflazione inarrestabile, la mancanza di alimenti nei supermercati e il crollo dei prezzi del petrolio.

Ma al centro dell’emergenza c’è anche un problema tutto politico, e cioè il braccio di ferro tra Maduro, sconfitto pesantemente nelle elezioni di dicembre, e l’opposizione sul referendum con cui l’antichavismo punta a revocare il mandato del presidente. Lo scontro è totale, mentre la tensione sale a Caracas, Maracaibo e in altre città.

Ieri c’è stata un’ennesima manifestazione dell’opposizione contro le frenate che Maduro sta facendo per rallentare il corso del referendum: in un modo o in un altro, il presidente cerca di farlo fallire, o quanto meno di ridurne l’impatto.

Se infatti la revoca del mandato presidenziale avviene nella prima metà dell’incarico, in questo caso prima di gennaio 2017, si deve andare a nuove elezioni. Nel caso in cui invece si scavalli tale data è solo il presidente a dover lasciare, sostituito dal vice presidente.

Nell’ambito della proroga dello “stato di emergenza economica”, il presidente Nicolás Maduro, ha ordinato di occupare le fabbriche che sono paralizzate a causa della crisi e di mandare in carcere gli imprenditori che “stanno boicottando il paese”.

Con questa dichiarazione Maduro si è riferito a quattro stabilimenti della Cerveceria Polar, tra le principali fabbriche di birra del Venezuela, che una ventina di giorni fa ha fermato la propria produzione nell’impossibilità di poter accedere alle valute estere senza le quali non può importare le materie prime necessarie. Maduro si è anche rivolto alle forze armate, alle quali ha ordinato di essere pronte ad “esercitazioni militari”, sottolineando la necessità di prepararsi a “qualsiasi scenario” di fronte alle “minacce di intervento” nel paese.

Ultima ora

13:11Violentarono minore, arrestato anziano nel Salernitano

(ANSA) - SALERNO, 19 GEN - Svolta nelle indagini che riguardano un caso di violenza di gruppo nei confronti di un minorenne nel Salernitano. I carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore hanno arrestato - su richiesta della procura della Repubblica di Salerno - un 72enne di Nocera Inferiore, ritenuto responsabile di violenza sessuale di gruppo. A far scattare le indagini fu la madre della vittima, la quale presentò una denuncia per le violenze sessuali subite dal figlio (che all'epoca aveva 17 anni) all'interno di un centro massaggi a Cava de' Tirreni tra l'ottobre 2015 e l'aprile 2016. Nel luglio scorso le attività investigative avevano già consentito di arrestare, per le medesime violenze, due uomini residenti a Cava de' Tirreni e Vicenza, i quali - in concorso con l'anziano finora rimasto ignoto - avevano attirato l'adolescente all'interno del centro massaggi e, dopo averlo legato, lo costrinsero a turno a subire atti sessuali, filmando le violenze.

13:07Maltempo:famiglie evacuate a Torpè, si teme esondazione diga

(ANSA) - NUORO, 19 GEN - Nel Nuorese non nevica e l'allerta meteo è rientrata, ma l'emergenza continua per i cumuli di neve caduti nei giorni scorsi. La Colonia penale di Mamone è ancora isolata. Un'altra criticità è rappresentata dalla diga Maccheronis a Torpé, dove 35 persone nella parte basta del paese sono state evacuate precauzionalmente: la gran quantità di neve caduta in questi giorni con lo scioglimento potrebbe causare una esondazione. Ancora chiusa la statale 389 Nuoro-Lanusei al Passo Correboi dove l'Anas e i vigili del fuoco stanno lavorando per rimuovere la neve. A Fonni, a mille metri, e Desulo, nel nuorese, la situazione è sempre difficile per la viabilità: un mezzo speciale dell'Agenzia Forestas cercherà di liberare la provinciale Fonni-Desulo da tre giorni impraticabile. Mentre la provinciale Tonara-Desulo è percorribile con le catene. Gli allevatori isolati in campagna sono stati raggiunti dal "gatto delle nevi" dei vigili del fuoco arrivati ieri con un intero convoglio di mezzi speciali da Cagliari. La sindaca di Fonni, Daniela Falconi, ha scritto su Fb ai cittadini: "Oggi non nevica ma siamo ancora sommersi. La neve accumulata sui tetti soprattutto nel centro storico può causare situazioni di pericolo. Prestate la massima attenzione, soprattutto avvisate i bambini che oggi usciranno a giocare". Intanto la polemica dei sindaci della Barbagia Mandrolisai, che dicono di essere stati lasciati soli a gestire l'emergenza, non si placa: "I mezzi comunali e quelli privati stanno facendo il possibile per liberare le strade del paese - ha detto all'ANSA il sindaco di Desulo, Gigi Littarru -. Le forze in campo ci sono ma non abbiamo mezzi idonei: siamo abituati a spalare la neve, ma per spingere due metri di neve c'è bisogno di mezzi potenti. Prima di accusarci di non aver rispettato i Piani della Protezione civile, dalla Regione vengano a vedere quanta neve è caduta e quanti mezzi abbiamo a disposizione". "Oggi la situazione è una fotografia di quella di ieri - ha aggiunto la sindaca di Tonara, Flavia Loche - non abbiamo mezzi per liberare le strade. Abbiamo chiesto mezzi alla Protezione civile, a Forestas, ai Vigili, alla Prefettura, ma qui non è arrivato niente". (ANSA).

13:06Maltempo:Bora chiude portellone camion, uomo colpito a morte

(ANSA) - TRIESTE, 19 GEN - Un uomo è deceduto la scorsa notte nella zona industriale di Trieste dopo essere stato colpito violentemente al capo dal portellone di un camion, apertosi improvvisamente a causa del forte vento di Bora. L'incidente è avvenuto intorno alle ore 21.00, nei pressi dello stabilimento "Pasta Zara", tra Trieste e Muggia. L'uomo stava caricando il camion ma una raffica improvvisa del vento ha causato la chiusura improvvisa del portellone, che lo ha preso nella zona cervicale, causandone il decesso immediato. Sul posto sono intervenuti gli operatori sanitari del 118 e la Polizia del Commissariato di Muggia, per i rilievi. (ANSA).

12:45Prostituzione a Torino, sigilli a 47 centri massaggi cinesi

(ANSA) - TORINO, 19 GEN - Blitz delle forze dell'ordine che questa mattina hanno posto sotto sequestro, a Torino, 47 centri massaggi cinesi in cui veniva abitualmente esercitata la prostituzione. Il decreto di sequestro preventivo è stato emesso dal gip di Torino su ordine della Procura al termine di una indagine di quasi due anni coordinata dal procuratore Paolo Borgna. Ai titolari dei locali, situati nel capoluogo piemontese e in alcuni centri della prima cintura, sono stati notificati gli avvisi di garanzia. Tra i reati contestati lo sfruttamento della prostituzione e il favoreggiamento. I sequestri sono stati eseguiti da polizia municipale, carabinieri e polizia.(ANSA).

12:31Consiglio Europa, limiti a giudici in politica

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - L'Italia deve introdurre leggi che pongano limiti più stringenti per la partecipazione dei magistrati alla politica, e mettere fine alla possibilità per i giudici di mantenere il loro incarico se vengono eletti o nominati per posizioni negli enti locali. È una delle dodici raccomandazioni contenute nel rapporto di Greco, organo anti corruzione del Consiglio d'Europa, approvato il 21 ottobre scorso e reso pubblico oggi. Il Consiglio chiede poi all'Italia di introdurre norme "chiare e applicabili" per regolare "la spinosa questione" del conflitto d'interessi dei parlamentari. Ancora, occorrono più misure e strumenti per assicurare l'integrità dei membri delle commissioni tributarie. Nonostante negli ultimi anni l'Italia abbia fatto "passi decisivi" per combattere la corruzione, secondo l'organismo ci sono ancora diversi problemi da risolvere tra cui "l'allarmante" numero dei processi penali non conclusi a causa della prescrizione.

12:21Traffico di prodotti in falsa pelle scoperto da Gdf Gorizia

(ANSA) - GORIZIA, 19 GEN - La Guardia di Finanza di Gorizia ha scoperto e bloccato un traffico internazionale di prodotti riportanti la falsa indicazione "vera pelle", importati dalla Cina e destinati alla vendita in alcuni negozi, gestiti da cittadini cinesi a Milano e Sesto Fiorentino. Le indagini sono scaturite da un controllo nei pressi del valico di Sant'Andrea a Gorizia, di un autoarticolato proveniente dalla Repubblica Ceca con a bordo accessori di abbigliamento, venduti da una società con sede a Ningbo, nella provincia cinese dello Zhejiang, a un'impresa con sede a Praga al prezzo di 6.474,80 euro e da questa a sua volta ceduti a una ditta cinese con sede legale a Roma e luogo d'esercizio a Prato al prezzo di 10.074,80 euro. La merce trasportata era costituita da 3.600 portafogli da uomo e 3.000 portachiavi con impressa la dicitura "vera pelle", anche se evidentemente sintetici. Gli accessori sono stati sottoposti a sequestro probatorio con l'ipotesi di reato di vendita di prodotti industriali con segni mendaci.

12:12Maltempo: isolato Cas in frazione Carpineto Ascoli

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 19 GEN - Il Comune di Ascoli sta seguendo con particolare attenzione la situazione della frazione di Carpineto, isolata dalla neve, dove si trova un Cas, centro di accoglienza straordinaria per richiedenti asilo, che ospita 140 persone seguite da quattro operatori. La neve non consente l'accesso alla frazione e gli ospiti della struttura sarebbero senza viveri e luce. Nell'agosto scorso un ospite del Centro, un trentenne nigeriano, era stato arrestato dai carabinieri per aver aggredito la responsabile del Cas per impedirle di documentare il suo comportamento con una ripresa video. L'uomo aveva anche minacciato atti di autolesionismo sporgendosi da una finestra con in braccio la nipote di 6 anni.

Archivio Ultima ora