Ilva: inammissibile istanza ricusazione pres.te Corte Assise

(ANSA) – TARANTO, 16 MAG – La sezione distaccata di Taranto della Corte d’Appello di Lecce ha dichiarato inammissibile, per carenza di documentazione, l’istanza di ricusazione presentata dall’ex assessore provinciale all’Ambiente Michele Conserva (Pd), uno dei 47 imputati del processo per il presunto disastro ambientale causato dall’Ilva, nei confronti del presidente della Corte d’Assise, Michele Petrangelo. L’ordinanza è stata notificata agli avvocati Michele Rossetti e Laura Palomba, difensori di Conserva, che domani – secondo quanto apprende l’ANSA – riproporranno la richiesta di ricusazione presentando la documentazione mancante in occasione della prima udienza del processo. Prevista in aula la presenza del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. L’ente è tra le circa mille parti civili del processo. L’ex assessore Conserva è accusato di concussione tentata e consumata a carico di due dirigenti della Provincia impegnati con il rilascio di autorizzazioni a favore del gruppo Riva.

Condividi: