Hillary: se vinco Bill sarà lo zar dell’economia

Pubblicato il 17 maggio 2016 da redazione

clinton

WASHINGTON. – Ne eleggi uno, ne prendi due: è il messaggio lanciato da Hillary Clinton durante la sua campagna per le primarie in Kentucky, dove ha promesso che suo marito Bill sarà “incaricato di rivitalizzare l’economia” se lei sarà eletta alla Casa Bianca.

“Perché lui sa come farlo, specialmente in posti come quelli minerari o poveri o in altre parti del Paese rimaste tagliate fuori”, ha spiegato, alludendo ai successi economici degli otto anni di presidenza del marito, anche se fu sotto la sua amministrazione che vennero poste le basi per la futura crisi economica scoppiata nel 2007, con l’abolizione della legge bancaria del 1933 che separava nettamente le attività delle banche d’affari da quelle commerciali.

In gennaio Hillary aveva ironizzato su Bill: “comincerà a darmi consigli dal tavolo di cucina, poi vedrò se andremo oltre…”. Ma già il mese scorso aveva confidato di volerlo far “uscire dalla pensione” perché aiuti la gente a tornare al lavoro.

Ora gli ritaglia un ruolo per rilanciare l’economia, senza precisare quale incarico gli affiderebbe ma lasciando supporre un coinvolgimento di alto profilo, all’interno dell’ amministrazione, dove la ‘Clinton machine’ tornerebbe ad essere un tandem. Come quando Bill nominò Hillary capo dell’unità sulla Riforma della Sanità Nazionale.

I suoi detrattori considerarono inappropriato che una first lady giocasse un ruolo centrale nelle questioni politiche, mentre i suoi sostenitori replicarono che gli elettori erano consapevoli del ruolo attivo che avrebbe avuto durante la presidenza del marito.

Del resto durante la sua campagna Bill aveva dichiarato che votare per lui significava prendere “due al prezzo di uno”. Ora la moglie gli restituisce il favore promettendo quello che qualcuno ha già ribattezzato come un nuovo “Billary”, una Casa Bianca per due.

L’ex first lady ha deciso di scommettere sino in fondo su Bill, nonostante resti controverso se il marito le sia più di aiuto o di ostacolo. Finora è stato un’arma a doppio taglio: nessuno l’ha sostenuta più di lui, ma involontariamente l’ha danneggiata mettendone in evidenza per contrasto i limiti, esponendola agli effetti dei suoi attacchi sopra le righe e offrendo il fianco alle critiche sulle proprie infedeltà extraconiugali, in particolare da parte del presunto candidato repubblicano Donald Trump.

Portare il marito alla Casa Bianca non come primo first husband ma come regista del rilancio economico potrebbe essere un buon colpo ma anche una mossa falsa, aumentando l’elenco, stilato dal New York Times, dei 12 motivi per cui Hillary potrebbe perdere la gara presidenziale.

Nella lista figurano le sue gaffe, la sua incapacità di trasmettere entusiasmo e fiducia, il fatto di non piacere abbastanza, il rischio di scivolare troppo a sinistra per compiacere gli elettori di Bernie Sanders o a destra per intercettare i voti dei repubblicani anti Trump, il non reagire agli attacchi martellanti del tycoon, la spada di Damocle dell’Emailgate, il suo sostegno all’attacco in Libia.

Ma, più in generale, come sintetizzano i suoi stessi sostenitori, il fatto di apparire come un candidato convenzionale in una campagna non convenzionale, un rappresentante dell’establishment in una stagione di rabbia e malcontento, uno sfidante oscurato dall’onnipresenza di Trump sui media americani. Basterà il vecchio Bill a salvarla?

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

10:23Aggredito sacerdote Reggio Calabria, è grave

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 24 MAG - Un sacerdote, don Giorgio Costantino, è stato aggredito e malmenato da alcune giovani non identificati, nella notte a Reggio Calabria. Don Giorgio, parroco della Madonna del Divino Soccorso, sarebbe stato malmenato dal gruppo di giovani che aveva richiamato dopo che questi si erano introdotti in un locale della parrocchia forzando il cancello d'ingresso. Attualmente il sacerdote che è stato soccorso e trasportato in ospedale si trova ricoverato in prognosi riservata. Ha riportato un ematoma alla testa e dovrebbe essere, in queste ore, sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire agli autori dell'aggressione.(ANSA).

09:40Migranti sfruttati, arrestati coniugi del Bangladesh

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAG - Una coppia di coniugi del Bangladesh, titolari di una impresa agricola nel veneziano, sono stati arrestati dai carabinieri in esecuzione di un ordine di custodia cautelare per riduzione in schiavitù di connazionali costretti a lavorare per oltre 12 ore al giorno nei campi senza mai un giorno si riposo e senza alcuna retribuzione. I due sono accusati anche di minaccia aggravata nei confronti dei lavoratori e favoreggiamento della permanenza in Italia di persone senza permesso.

09:31Card. Bagnasco, grande onore per me aver servito la Cei

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "E' stato per me un grande onore e una grande grazia poter servire, come meglio ho saputo, la nostra Conferenza che ha il dono di un legame unico con il Vescovo di Roma, il Papa. Insieme abbiamo servito le nostre Chiese e il nostro amato Paese. Come sempre, ci affidiamo alla Vergine Maria, la grande Madre di Dio e della Chiesa". Lo ha detto il Card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente uscente della Cei, al termine dell'omelia della messa di conclusione dell'assemblea generale dei vescovi italiani, ultimo atto prima della nomina da parte di Papa Francesco del nuovo presidente. "E grazie per l'esempio, la parola saggia, l'amore alla Chiesa, che in questi dieci anni ho sempre visto in tutti e in ciascuno", ha aggiunto Bagnasco. E' attesa nelle prossime ore la nomina del nuovo presidente Cei da parte del Papa dopo la terna dei candidati: il cardinale di Perugia Gualtiero Bassetti, mons. Francesco Giulio Brambilla, vescovo di Novara e il cardinale Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento.

09:28Clan e affari, arrestati Cesaro, fratelli deputato FI

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAG - Gli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro, fratelli del deputato di Fi Luigi Cesaro, sono stati arrestati stamane dai carabinieri del Ros con altre tre persone, in esecuzione di un'ordinanza di custodia della Dda di Napoli. L'inchiesta è relativa alle infiltrazioni del clan Polverino negli investimenti da 40 milioni di euro per il piano di insediamento produttivo del Comune di Marano (Napoli).

09:16Filippine: gruppo filoIsis attacca chiesa

(ANSA) - MANILA, 24 MAG - Il gruppo terroristico filippino ispirato all'Isis, Maute, ha preso in ostaggio un prete, il personale di una chiesa e alcuni fedeli a Marawi City dopo aver dato fuoco alla cattedrale della città nel sud del Paese. Lo ha detto oggi il vescovo Edwin dela Peña, secondo quanto riporta il giornale online Philstar Global. L'arcivescovo Socrates Villegas, presidente della conferenza episcopale cattolica delle Filippine, ha detto che uomini armati hanno fatto irruzione nella cattedrale ed hanno preso in ostaggio il reverendo Chito Suganob e oltre 10 persone tra fedeli e personale della chiesa. Secondo Villegas il gruppo armato ha minacciato di uccidere gli ostaggi "se le forze governative scatenate contro di loro non vengono richiamate". Ieri il presidente Rodrigo Duterte ha imposto la legge marziale sull'isola di Mindanao dopo i violenti scontri a Marawi, dove almeno 15 uomini armati del gruppo Maute hanno impegnato l'esercito in una vera e propria battaglia.

09:10Manchester: due polacchi tra le vittime

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - I due cittadini polacchi che risultavano tra i dispersi nell'attacco alla Manchester Arena sono morti. Lo ha reso noto il ministero degli esteri di Varsavia secondo quanto riferisce l'Independent.

09:06Trump dal Papa: presidente Usa in Vaticano

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Il presidente Usa Donald Trump è giunto in Vaticano per l'udienza di papa Francesco. Il corteo presidenziale, proveniente da Villa Taverna, è entrato in Vaticano dalla porta laterale del Perugino per dirigersi al Cortile di San Damaso. Da lì la delegazione è entrata nel Palazzo Apostolico vaticano. Al suo arrivo, Trump, accompagnato dalla moglie Melania, è stato accolto da monsignor Georg Gaenswein, prefetto della Casa Pontificia. Trump è in abito scuro e cravatta regimental, la signora Melania in abito scuro. Al momento dell'incontro, Trump e il Papa si sono scambiati una cordiale stretta di mano e alcune parole di saluto.

Archivio Ultima ora