Hillary: se vinco Bill sarà lo zar dell’economia

Pubblicato il 17 maggio 2016 da redazione

clinton

WASHINGTON. – Ne eleggi uno, ne prendi due: è il messaggio lanciato da Hillary Clinton durante la sua campagna per le primarie in Kentucky, dove ha promesso che suo marito Bill sarà “incaricato di rivitalizzare l’economia” se lei sarà eletta alla Casa Bianca.

“Perché lui sa come farlo, specialmente in posti come quelli minerari o poveri o in altre parti del Paese rimaste tagliate fuori”, ha spiegato, alludendo ai successi economici degli otto anni di presidenza del marito, anche se fu sotto la sua amministrazione che vennero poste le basi per la futura crisi economica scoppiata nel 2007, con l’abolizione della legge bancaria del 1933 che separava nettamente le attività delle banche d’affari da quelle commerciali.

In gennaio Hillary aveva ironizzato su Bill: “comincerà a darmi consigli dal tavolo di cucina, poi vedrò se andremo oltre…”. Ma già il mese scorso aveva confidato di volerlo far “uscire dalla pensione” perché aiuti la gente a tornare al lavoro.

Ora gli ritaglia un ruolo per rilanciare l’economia, senza precisare quale incarico gli affiderebbe ma lasciando supporre un coinvolgimento di alto profilo, all’interno dell’ amministrazione, dove la ‘Clinton machine’ tornerebbe ad essere un tandem. Come quando Bill nominò Hillary capo dell’unità sulla Riforma della Sanità Nazionale.

I suoi detrattori considerarono inappropriato che una first lady giocasse un ruolo centrale nelle questioni politiche, mentre i suoi sostenitori replicarono che gli elettori erano consapevoli del ruolo attivo che avrebbe avuto durante la presidenza del marito.

Del resto durante la sua campagna Bill aveva dichiarato che votare per lui significava prendere “due al prezzo di uno”. Ora la moglie gli restituisce il favore promettendo quello che qualcuno ha già ribattezzato come un nuovo “Billary”, una Casa Bianca per due.

L’ex first lady ha deciso di scommettere sino in fondo su Bill, nonostante resti controverso se il marito le sia più di aiuto o di ostacolo. Finora è stato un’arma a doppio taglio: nessuno l’ha sostenuta più di lui, ma involontariamente l’ha danneggiata mettendone in evidenza per contrasto i limiti, esponendola agli effetti dei suoi attacchi sopra le righe e offrendo il fianco alle critiche sulle proprie infedeltà extraconiugali, in particolare da parte del presunto candidato repubblicano Donald Trump.

Portare il marito alla Casa Bianca non come primo first husband ma come regista del rilancio economico potrebbe essere un buon colpo ma anche una mossa falsa, aumentando l’elenco, stilato dal New York Times, dei 12 motivi per cui Hillary potrebbe perdere la gara presidenziale.

Nella lista figurano le sue gaffe, la sua incapacità di trasmettere entusiasmo e fiducia, il fatto di non piacere abbastanza, il rischio di scivolare troppo a sinistra per compiacere gli elettori di Bernie Sanders o a destra per intercettare i voti dei repubblicani anti Trump, il non reagire agli attacchi martellanti del tycoon, la spada di Damocle dell’Emailgate, il suo sostegno all’attacco in Libia.

Ma, più in generale, come sintetizzano i suoi stessi sostenitori, il fatto di apparire come un candidato convenzionale in una campagna non convenzionale, un rappresentante dell’establishment in una stagione di rabbia e malcontento, uno sfidante oscurato dall’onnipresenza di Trump sui media americani. Basterà il vecchio Bill a salvarla?

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

21:03Polonia: ottavo giorno di proteste contro riforma giustizia

(ANSA) - VARSAVIA, 23 LUG - Per l'ottavo giorno consecutivo migliaia di polacchi sono scesi nelle strade di Varsavia, sventolando bandiere dell'Unione Europea e della Polonia, per chiedere al presidente Andrzei Duda di non firmare la legge che limiterà drasticamente l'autonomia dei giudici nel Paese cedendo di fatto al governo il controllo della Corte Suprema. Da oltre una settimana i manifestanti denunciano un vero e proprio assalto alle fondamenta democratiche del Paese ed accusano il leader del partito di governo Jaroslaw Kaczynski di comportamenti autoritari mirati espressamente a cementare il suo potere personale.

20:47Calcio: amichevoli, Bologna-Trento 5-0

(ANSA) - BOLOGNA, 23 LUG - Il Bologna ha battuto il Trento (Serie D) 5-0, nell'ultima amichevole disputata durante il ritiro a Castelrotto (Bolzano). Le reti: 10' Krejci, 22' Verdi, 24' Pulgar, 38' Petkovic, 73' Falco. Domani il gruppo rossoblù si cimenterà in un percorso di rafting sul fiume Rienza, all'interno dell'abitato di Issengo, in Bassa Pusteria, al terz'ultimo giorno di permanenza in Alto Adige.

20:33Calcio: Atalanta, Gasperini, Petagna sta lavorando bene

(ANSA) - CLUSONE, 23 LUG - "Più che test questi sono allenamenti importanti sul piano fisico che servono ai nuovi per farsi conoscere". Gian Piero Gasperini commenta così il 3-1 della sua Atalanta sulla Giana, a cui è seguita una partitella in famiglia in cui hanno giocato anche Berisha, Rossi, Eguelfi, Melegoni e Petagna. Il tecnico si sofferma su quest'ultimo: "È stato fra gli ultimi ad aggregarsi al gruppo in ritiro, ma si è fatto trovare pronto, sta lavorando bene sulle conclusioni a rete e anche oggi ha segnato una bella doppietta". Sul possibile dualismo nel ruolo di punta esterna, Gasperini mostra apprezzamento sia per Ilicic che per Orsolini, schierati insieme nel primo tempo contro i milanesi: "Sono entrambi mancini, quindi chi dei due gioca a destra trova più facilmente il tiro rientrando sul piede preferito. Ma anche Gomez può fare entrambe le fasce, davanti abbiamo molte soluzioni". Ultima battuta sui possibili colpi di mercato, viste le voci su De Roon: "Numericamente siamo a posto, ci sarà qualche movimento in uscita".

20:04Calcio: Bonucci ‘7 Champions non casuali,Milan è tradizione’

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - "Pensando al Milan mi vengono in mente tradizione, storia, vittorie importanti. Una squadra non ha 7 Champions in bacheca per caso: qui c'è tradizione, mentalità vincente. Ora tocca a noi riportare il Milan dove merita". Leonardo Bonucci ha espresso così tutta la sua voglia di far parte di una rinascita, nonché la speranza di trasmettere la sua 'febbre' milanista ai figli: "Uno è granata, l'altro juventino. Vediamo se riesco a far cambiare idea a quello grande". Alla tv tematica del club, il calciatore classe '87 si è raccontato partendo dalla svolta che lo portò a diventare un difensore centrale. "Ho cominciato a 16 anni, prima facevo il centrocampista davanti alla difesa e per qualche partita la prima punta. Poi - ha ricordato - l'anno della Beretti con la Viterbese: l'allenatore Carlo Perrone mi disse che se avessi voluto diventare qualcuno nel mondo del calcio avrei dovuto fare il difensore centrale. Ero il capitano e ho dovuto accettare anche se non ero convintissimo. Poi però ha avuto ragione lui".

19:53Tour: Froome trionfa a Parigi, è il quarto successo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Chris Froome ha vinto il 104/o Tour de France di ciclismo, dopo la 'passerella' odierna sui Campi Elisi. Per l'inglese di origini keniane, che gareggia con il Team Sky, si tratta del quarto successo in carriera, dopo quelli conquistati a Parigi nel 2013, 2015 e 2016. Il podio è stato completato nell'ordine dal colombiano Rigoberto Uran e dal francese Romain Bardet. La 21/a e ultima tappa, partita da Montgeron e conclusa ai piedi dell'Arco di Trionfo (103 chilometri), è stata vinta dall'olandese Dylan Groenewegen.

19:42Scherma: Mondiali, Garozzo battuto in semifinale fioretto

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'azzurro Daniele Garozzo, campione olimpico ed europeo in carica, non ce l'ha fatta a raggiungere la finale della gara di fioretto dei Mondiali di Lipsia. A batterlo per 15-12 è stato il giapponese Toshiya Saito. Garozzo è quindi medaglia di bronzo.

19:35Siccità: Legambiente, livello lago Bracciano mina ecosistema

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Il Lazio dichiarato in "severità idrica alta" per la siccità: nel 2017 le precipitazioni si sono ridotte tra l'80% e l'85% e i laghi entrano in crisi anche a causano delle eccessive captazioni (prelievi di acqua). E' la sintesi del dossier 'Captazioni e abbassamento dei laghi nel Lazio' presentato da Legambiente regionale. Il Lago di Bracciano - al centro della crisi idrica di Roma - "ha un livello idrometrico di 140 centimetri rispetto allo zero con ripercussioni gravi su tutto l'ecosistema", secondo l'associazione. Nel lago di Albano negli ultimi 10 anni si sono registrati 21 milioni di litri d'acqua in meno. Secondo Legambiente "lo stop della Regione alle captazioni da parte di Acea è un atto necessario per salvare il lago. Ora si inizi a prevenire l'emergenza. Subito al lavoro per una diversa gestione della risorsa idrica e il Comune di Roma si attivi per piano di adattamento al clima per tutta l'area urbana".

Archivio Ultima ora