Il campionato è appena finito e già inizia il valzer delle panchine

Pubblicato il 17 maggio 2016 da redazione

Il sodalizio tra Cairo e Ventura sembra solido. In caso di addio ci sono le opzioni Mihajlovic, Giampaolo o Gasperini

Il sodalizio tra Cairo e Ventura sembra solido. In caso di addio ci sono le opzioni Mihajlovic, Giampaolo o Gasperini

ROMA. – La serie A del futuro è spaccata a metà: nove club proseguiranno la strada con i loro tecnici, altri dieci (in attesa dell’ultima promozione) hanno dubbi. Se sono super confermate le panchine delle prima sei (Allegri, Sarri, Spalletti, Mancini, Paulo Sousa e Di Francesco), tra i club che contano rimane sospesa la questione Milan, almeno fino alla finale di Coppa Italia.

Le conferme o meno di Gasperini o Ventura possono dare il là a una girandola di spostamenti che coinvolge Giampaolo, Pioli, Maran, Mihajlovic e Montella. Ma rispetto agli altri anni ci sono più certezze.

Tecnici confermati:

BOLOGNA-DONADONI: dopo avere rigenerato la squadra la società se lo tiene stretto. Niente nazionale per l’ex ct pronto a gestire una rosa più competitiva per obiettivi più concreti.

CAGLIARI-RASTELLI: dopo il buon lavoro all’Avellino promozione centrata per il tecnico ora in A con l’obiettivo di restarci.

FIORENTINA-PAULO SOUSA: superate le perplessità per una lunga fase negativa, il portoghese resta: gioco, mudulo e scelte piacciono. Servono innesti mirati per migliorare il quinto posto.

INTER-MANCINI: salvo sorprese Mancio resta, ma per colmare il gap con le prime tre servono tre acquisti, in particolare un regista e bisognerà sfrondare la rosa di troppi doppioni.

JUVENTUS-ALLEGRI: Dopo l’impresona-rimonta si continua per il sesto scudetto e un’altra finale Champions. Allegri è sulla scia di Trap, Lippi e Conte, fa già parte della storia della Juve.

NAPOLI-SARRI: impatto vincente, gioco splendido e super Higuain. La ricetta Sarri conquista Napoli, il club gli chiede più turnover, anche con i nuovi inserimenti che arriveranno.

PALERMO-BALLARDINI: nell’anno dei sette tecnici cambiati una salvezza col brivido. Dopo la cacciata e il ritorno Ballardini resta saldo per la nuova stagione, ma l’organico cambierà molto.

ROMA-SPALLETTI: un impatto sontuoso, record di punti e gol, Champions diretta sfiorata. Ora il tecnico può dettare le scelte con un occhio al bilancio e la certezza di una rosa competitiva.

SASSUOLO-DI FRANCESCO: con l’ Europa quasi conquistata e la stima incondizionata per lui il club di Squinzi potrebbe decidere anche di investire di più per il salto di qualità definitivo.

Panchine in dubbio:

ATALANTA: Reja lascia dopo due salvezze. Percassi ha pensato prima a Stramaccioni poi a Prandelli e a Filippo Inzaghi. Un altro papabile è Maran, se lascia il Chievo.

CHIEVO: salvezza in largo anticipo e la voglia di continuare con Maran, che però si guarda intorno. Può tornare Iachini.

CROTONE: vuole tenere Juric eroe della promozione, ma il croato ha ricevuto molte proposte. Se non si concretizzano, resta.

EMPOLI: Giampaolo ha gestito bene il dopo Sarri ma ora ha offerte interessanti. Il club pensa a promuovere Martusciello.

GENOA: Preziosi è molto tentato da Juric, ma sa bene quanto gli ha dato Gasperini, che in ogni caso non resterebbe disoccupato.

LAZIO: Dopo l’ultimo ko qualche dubbio su Inzaghi. Sampaoli chiede troppo, Gasperini ipotesi più concreta di Mihajlovic.

MILAN: Se vince la Coppa Italia Brocchi potrebbe restare, ma molto dipende dalla cessione del club. Giampaolo e Montella sono ipotesi da valutare, ma al momento è tutto in alto mare.

SAMPDORIA: A prescindere dalle suggestioni azzurre la storia con Montella sembra al capolinea. Le prime scelte sembrano Maran e Giampaolo, in sott’ordine hanno chance anche Pioli e Iachini.

TORINO: il sodalizio tra Cairo e Ventura sembra solido. In caso di addio ci sono le opzioni Mihajlovic, Giampaolo o Gasperini.

UDINESE: De Canio spera nella conferma ma la famiglia Pozzo vuole cambiare. Il profilo giusto per il futuro sembra quello di Stefano Pioli, in alternativa ci può essere Maran.

Ultima ora

09:40F1: Australia, ultimo Gp vinto da Ferrari a Singapore 2015

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Ferrari non vinceva un Gran Premio di Formula 1 dal 20 settembre 2015 quando sul circuito di Singapore Sebastian Vettel vinse la sua terza gara al volante della Rossa. Nel 2016 la Rossa non aveva vinto nessun Gran Premio.

09:35F1:Australia,Vettel, oggi potevo guidare Ferrari per sempre

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - ''E' stato un Gp fantastico, è stato folle in senso positivo vedere tutte queste bandiere rosse, la macchina è divertente da guidare, è stata una giornata bellissima''. Parola di Sebastian Vettel sul podio di Melbourne tra una doccia di champagne, gli abbracci e le strette di mano con gli avversari. ''Noi ci siamo - ha detto il pilota tedesco della Ferrari - siamo qui per lottare. Abbiamo fatto un lavoro eccellente, la Ferrari ci permette di competere quest'anno, è molto divertente da guidare, oggi avrei potuto continuare a guidare per sempre''.

09:33Vettel esulta in italiano’grande Ferrari, è per noi’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - ''Questa è per noi, grande Ferrari, grazie ragazzi''. Gioia ed esultanza targata Sebastian Vettel che appena tagliato il traguardo per primo del Gran Premio d'Australia si lascia andare parlando in italiano con il box ad una gioia irrefrenabile. Poi sceso dall'abitacolo salta come un grillo andando ad abbracciare i suoi meccanici dando il via alla festa della Rossa sul podio di Melbourne, nella prima gara della stagione di Formula 1.

09:32Usa: Pence, ‘lotta all’Obamacare continuerà’

(ANSA) - WASHINGTON, 26 MAR - La lotta all'Obamacare "proseguirà" per mettere fine a "un incubo e dare al popolo americano l'assistenza sanitaria che merita". E' quanto ha sottolineato il vicepresidente americano Mike Pence, intervenendo ad un incontro di imprenditori in West Virginia, all'indomani del fallimento del tentativo Gop di abrogare la legge di assistenza sanitaria voluta da Barack Obama che non è riuscito a raccogliere il sostegno repubblicano sufficiente per essere approvato alla Camera.

09:31Usa: si barrica su bus a Las Vegas e spara, un morto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un uomo su un autobus a due piani nella zona dei casinò di Las Vegas, ha estratto una pistola e ha cominciato a sparare, uccidendo una persona e ferendone un'altra per poi barricarsi all'interno per diverse ore prima di arrendersi ed essere arrestato dalla polizia. Le due persone colpite sono state portate in ospedale ma per una di loro non c'era più niente a fare, ha fatto sapere una fonte del University Medical Centermorto. Per ore, i negoziatori, robot e veicoli blindati hanno circondato il bus con le autorità incerte se ci fossero altre vittime all'interno. Nel frattempo, gli ufficiali hanno fatto evacuare i casinò vicini, mettendo in guardia i turisti e i passanti di allontanarsi dalla zona.

09:31F1: Australia, Giovinazzi chiude suo primo Gp al 12/o posto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Il pilota italiano della Sauber Antonio Giovinazzi ha chiuso al dodicesimo posto il Gran Premio d'Australia, il primo della sua carriera in Formula 1. Dopo 6 anni di assenza, dai tempi di Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi l'Italia, l'Italia rivede un suo driver passare sotto la bandiera a scacchi di un Gp della massima serie. Chiude al quinto posto la Red Bull di Verstappen davanti alla Williams di Massa e alla Force India di Perez. Ottava posizione per la Toro Rosso di Sainz che ha preceduto il compagno di scuderia Kvyat e la Force India di Ocon. Ritirata l'altra Red Bull dell'idolo di casa Daniel Ricciardo e stessa sorte per la McLaren di Fernando Alonso.

09:26Usa: scontri tra pro e anti-Trump in California, 4 arresti

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Tafferugli tra i sostenitori e gli oppositori di Donald Trump su una popolare spiaggia della California del Sud. Il bilancio è di 4 arresti. Lo riferiscono i media statunitensi. Un gruppo di sostenitori di Trump ha improvvisato un corteo sulla spiaggia di Bolsa Chica. Un gruppetto di oppositori - tutti vestiti in nero - era nei pressi. Si è scatenata una battaglia a colpi di pugni e spray al peperoncino.

Archivio Ultima ora