Il campionato è appena finito e già inizia il valzer delle panchine

Pubblicato il 17 maggio 2016 da redazione

Il sodalizio tra Cairo e Ventura sembra solido. In caso di addio ci sono le opzioni Mihajlovic, Giampaolo o Gasperini

Il sodalizio tra Cairo e Ventura sembra solido. In caso di addio ci sono le opzioni Mihajlovic, Giampaolo o Gasperini

ROMA. – La serie A del futuro è spaccata a metà: nove club proseguiranno la strada con i loro tecnici, altri dieci (in attesa dell’ultima promozione) hanno dubbi. Se sono super confermate le panchine delle prima sei (Allegri, Sarri, Spalletti, Mancini, Paulo Sousa e Di Francesco), tra i club che contano rimane sospesa la questione Milan, almeno fino alla finale di Coppa Italia.

Le conferme o meno di Gasperini o Ventura possono dare il là a una girandola di spostamenti che coinvolge Giampaolo, Pioli, Maran, Mihajlovic e Montella. Ma rispetto agli altri anni ci sono più certezze.

Tecnici confermati:

BOLOGNA-DONADONI: dopo avere rigenerato la squadra la società se lo tiene stretto. Niente nazionale per l’ex ct pronto a gestire una rosa più competitiva per obiettivi più concreti.

CAGLIARI-RASTELLI: dopo il buon lavoro all’Avellino promozione centrata per il tecnico ora in A con l’obiettivo di restarci.

FIORENTINA-PAULO SOUSA: superate le perplessità per una lunga fase negativa, il portoghese resta: gioco, mudulo e scelte piacciono. Servono innesti mirati per migliorare il quinto posto.

INTER-MANCINI: salvo sorprese Mancio resta, ma per colmare il gap con le prime tre servono tre acquisti, in particolare un regista e bisognerà sfrondare la rosa di troppi doppioni.

JUVENTUS-ALLEGRI: Dopo l’impresona-rimonta si continua per il sesto scudetto e un’altra finale Champions. Allegri è sulla scia di Trap, Lippi e Conte, fa già parte della storia della Juve.

NAPOLI-SARRI: impatto vincente, gioco splendido e super Higuain. La ricetta Sarri conquista Napoli, il club gli chiede più turnover, anche con i nuovi inserimenti che arriveranno.

PALERMO-BALLARDINI: nell’anno dei sette tecnici cambiati una salvezza col brivido. Dopo la cacciata e il ritorno Ballardini resta saldo per la nuova stagione, ma l’organico cambierà molto.

ROMA-SPALLETTI: un impatto sontuoso, record di punti e gol, Champions diretta sfiorata. Ora il tecnico può dettare le scelte con un occhio al bilancio e la certezza di una rosa competitiva.

SASSUOLO-DI FRANCESCO: con l’ Europa quasi conquistata e la stima incondizionata per lui il club di Squinzi potrebbe decidere anche di investire di più per il salto di qualità definitivo.

Panchine in dubbio:

ATALANTA: Reja lascia dopo due salvezze. Percassi ha pensato prima a Stramaccioni poi a Prandelli e a Filippo Inzaghi. Un altro papabile è Maran, se lascia il Chievo.

CHIEVO: salvezza in largo anticipo e la voglia di continuare con Maran, che però si guarda intorno. Può tornare Iachini.

CROTONE: vuole tenere Juric eroe della promozione, ma il croato ha ricevuto molte proposte. Se non si concretizzano, resta.

EMPOLI: Giampaolo ha gestito bene il dopo Sarri ma ora ha offerte interessanti. Il club pensa a promuovere Martusciello.

GENOA: Preziosi è molto tentato da Juric, ma sa bene quanto gli ha dato Gasperini, che in ogni caso non resterebbe disoccupato.

LAZIO: Dopo l’ultimo ko qualche dubbio su Inzaghi. Sampaoli chiede troppo, Gasperini ipotesi più concreta di Mihajlovic.

MILAN: Se vince la Coppa Italia Brocchi potrebbe restare, ma molto dipende dalla cessione del club. Giampaolo e Montella sono ipotesi da valutare, ma al momento è tutto in alto mare.

SAMPDORIA: A prescindere dalle suggestioni azzurre la storia con Montella sembra al capolinea. Le prime scelte sembrano Maran e Giampaolo, in sott’ordine hanno chance anche Pioli e Iachini.

TORINO: il sodalizio tra Cairo e Ventura sembra solido. In caso di addio ci sono le opzioni Mihajlovic, Giampaolo o Gasperini.

UDINESE: De Canio spera nella conferma ma la famiglia Pozzo vuole cambiare. Il profilo giusto per il futuro sembra quello di Stefano Pioli, in alternativa ci può essere Maran.

Ultima ora

05:37Terremoto, scossa magnitudo 4.2 vicino Amatrice

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è stata registrata alle 4:13 tra le province dell'Aquila, Rieti e Teramo. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 14 km di profondità; l'epicentro è stato a 3 km da Campotosto (L'Aquila), 8 da Amatrice (Rieti) e 12 da Crognaleto (Teramo). La scossa è stata chiaramente avvertita dalla popolazione, anche fino a Rieti. Al momento non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose.

00:24Furgone travolge bimbi e donna in gelateria

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - Un furgone ha travolto quattro persone che si trovavano in una gelateria a Firenze. E' accaduto poco dopo le 22 in via Quintino Sella, all'immediata periferia est della città. I quattro feriti sono tre bambini: una bimba di sei anni, la più grave, trasportata in codice rosso all'ospedale pediatrico Meyer, un bambino della stessa età ed una bimba di tre anni, anche loro ricoverati al Meyer ed una donna. Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente, ma il furgone, secondo le prime ipotesi, avrebbe sbagliato una manovra e, senza controllo, sarebbe "entrato" nella gelateria all'immediata periferia est del capoluogo toscano, falciando alcuni degli avventori dopo aver travolto i tavolini che si trovano davanti all'ingresso del locale. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 e la polizia municipale.

00:21Calcio: Germania vince 2-1, Italia eliminata

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Sconfitta per 2-1 dall Germania l'Italia femminile di calcio esce dall'Europeo in Olanda. A Tilburg le giocatrici di Antonio Cabrini perdono, perdono ma non soccombono di fronte alle più quotate avversarie: campionesse olimpiche, detentrici del titolo continentale e vincitrici delle ultime sei edizioni. Però cuore, carattere e belle giocate non bastano. Arriva il secondo ko, dopo quello all'esordio contro la Russia. Vantaggio tedesco al 19'. Su un pallone spiovente nell'area piccola, Giuliani perde la sfera, lasciando la porta sguarnita per il gol di testa della Henning. Al 29' il pari dell'Italia. Contropiede sulla sinistra di Bonansea e cross basso sul primo palo dove Ilaria Mauro anticipa Schult con un rasoterra. L'attaccante della Fiorentina dovrà uscire nel finale di primo tempo per la distorsione ad una caviglia. Al 21' della ripresa Germania di nuovo avanti su rigore, causato dal fallo di Giuliani su Mittag. Dal dischetto Peter realizza. Italia in 10 per l'espulsioni di Bartoli al 24'.

23:49Pallanuoto: Australia-Italia 5-13

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Il Settebello ha vinto, ma non è riuscito a battere l'Australia con almeno 11 reti di scarto, condizione indispensabile per primeggiare nel girone B del Mondiale di pallanuoto, in corso a Budapest. Nella terza ed ultima gara della fase di qualificazione, i ragazzi del ct Sandro Campagna hanno prevalso 13-5 (parziali 5-2, 8-2, 10-5), ma il raggruppamento è stato vinto dall'Ungheria (che ha chiuso con 5 punti come l'Italia) grazie alla migliore differenza reti. I padroni di casa aveva battuto 13-3 i 'canguri'. Domenica, negli ottavi, il Settebello affronterà il Kazakistan. Passa nella parte apparentemente più complicata del tabellone, con la Croazia che aspetta nel quarti e la Serbia probabile semifinalista.

23:29Isis: Mattis, ‘credo che al Baghdadi sia vivo’

(ANSA) - NEW YORK, 21 LUG - Il segretario alla Difesa americano, John Mattis, ritiene che il leader dello stato islamico Abu Bakr al Baghdadi sia ancora vivo e abbia un ruolo nell'organizzazione. ''Credo sia ancora vivo'' dice Mattis, secondo quanto riportato dai media americani.

22:32Calcio: Lotito, “Keita? Nessuna offerta da Inter e Juve”

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "Le offerte arrivate per Keita? Quella del West Ham è pubblica. Le offerte di Juventus e Inter non sono arrivate. Dall'estero sì". Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, commenta così la situazione sulla possibile partenza di Keita, ormai separato in casa con il club biancoceleste. "Io con Keita osservo, faccio l'osservatore. Per Keita sono arrivate diverse offerte importanti. Abbiamo lasciato libero di scegliere il giocatore. La società troverà le soluzioni adeguate", ha aggiunto Lotito parlando dal ritiro di Auronzo di Cadore. Riguardo al rinnovo de giocatore "non ho proposto nulla, non sono un operatore di mercato. Abbiamo tanti ruoli in società, ognuno fa il suo. Il mercato non lo faccio io".

22:19Nuoto: Mondiali sincro, il misto libero in finale

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Il "Paradiso perduto" del campione del mondo Giorgio Minisini e della sua partner del misto libero Mariangela Perrupato è in finale ai Mondiali di sincronizzato, in corso a Budapest. Ingresso con il secondo punteggio della routine: 90.8333 punti e "si può fare ancora meglio", assicurano i protagonisti, ma "oggi era importante rompere il ghiaccio". Meglio di tutti fanno i russi: Mikhaela Kalancha e Aleksandr Maltsev ricevono di più, 92.0000 e gli statunitensi Bill May e Kanako Kitao Splendlove sono terzi con 88.0333. Domani alle 19 la finale.

Archivio Ultima ora