Polemica su fiasco all’Old Trafford, Gb “rossa di vergogna”

Pubblicato il 17 maggio 2016 da redazione

OldTraffordEvacuato

LONDRA. – L’allarme rosso la domenica, la facce “rosse di vergogna” il lunedì. E’ giorno di polemiche, di mea culpa e d’imbarazzo in Gran Bretagna all’indomani del plateale “fiasco dell’Old Trafford”, il glorioso stadio del Manchester United svuotato di decine di migliaia di persone, con tanto di partita cancellata, per un allarme causato da un finto ordigno, come si è alla fine scoperto: un oggetto in tutto e per tutto simile a una vera bomba rudimentale, ‘dimenticato’ fra gli spalti dopo un’esercitazione di sicurezza.

L’epilogo ha avuto dell’incredibile e i giornali non fanno sconti. Ma anche il sindaco di Manchester, il laburista Tony Lloyd, grida allo “scandalo” e chiede un’inchiesta, al di là delle scuse dei responsabili di un’azienda di security. Quanto accaduto “è inaccettabile”, tuona: “Gravi disagi ai tifosi, tempo sottratto a un enorme numero di poliziotti e ai reparti di artificieri, gente inutilmente in pericolo, perché evacuare decine di migliaia di persone da uno stadio di calcio non è senza rischi”.

Di buono c’è che l’evacuazione è stata portata a termine con ordine. Lloyd ne attribuisce il merito alla polizia e agli steward dell’Old Trafford, come pure alla collaborazione di entrambe le società: quella di casa, lo United, e quella ospite, il Bournemouth. Oltre che alla compostezza del grosso degli spettatori (eccezion fatta per i cori beceri incrociati di qualche manipolo di ultrà).

Mentre la Greater Old Manchester Police insiste per bocca del suo numero due, John O’Hare, responsabile dell’operazione sul terreno, a difendere la decisione di far sfollare il pubblico poco prima del fischio d’inizio: per ragioni precauzionali insuperabili – dice – in un Paese nel quale l’allerta terrorismo è costantemente al livello massimo da mesi (come altrove in Europa) sull’onda delle minacce dell’Isis e non solo.

Esaurito il valzer delle giustificazioni e dei riconoscimenti reciproci, resta tuttavia da capire come si sia potuto arrivare a tanto senza che la minaccia avesse il minimo fondamento reale. Il sindaco (ad interim) Lloyd pretende che si indaghi fino in fondo per chiarire “come è successo, perché e chi ne sia il responsabile”.

E l’impegno a indagare c’è. Ma sulle colpe i toni si fanno improvvisamente vaghi e perplessi. Sulla polizia nessuno sembra aver nulla da ridire, anzi lo stesso Lloyd ne elogia “la professionalità”. E al club padrone di casa non si muovono finora contestazioni.

Il pasticcio ricade per ora solo sull’anonima società Security Search Management & Solutions che a suo tempo aveva fornito il materiale per la simulazione eseguita nello stadio allo scopo di prevenire l’ipotetica minaccia di un attacco.

“E’ tutta colpa mia”, si cosparge il capo di cenere uno dei responsabili dell’azienda, Chris Reid, dicendosi “sconvolto”. Sarebbe stato lui in persona a ‘dimenticare’ sulle tribune lo pseudo-ordigno – in grado peraltro di attirare l’attenzione dei cani addestrati a fiutare esplosivi durante l’esercitazione – rimasto inspiegabilmente poi abbandonato per giorni.

Senonchè c’è da chiedersi se qualche negligenza non sia riconducibile pure alla società di gestione dell’impianto, a chi coordina gli steward, allo stesso Manchester United o magari alle autorità locali. Di sicuro l’episodio pone qualche interrogativo in tema di psicosi, in un Paese che pure sfoggia l’autocontrollo come un vanto. Mentre rischia di far giustizia – con mezza giornata di caos – del mito degli invincibili apparati di sicurezza di Sua Maestà, propagato per decenni al cinema da 007 e soci.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

21:05Francia: Rihanna all’Eliseo, ‘un incontro incredibile’

(ANSA) - PARIGI, 26 LUG - "Un incontro incredibile", così la cantante Rihanna ha definito il suo colloquio all'Eliseo con "il presidente e la first lady" di Francia, Emanuel Macron e sua moglie Brigitte, che sono, ha detto, "incredibilmente cortesi". Durante i colloqui, "ci siamo concentrati sulla questione dell'insegnamento da un punto di vista globale e faremo un annuncio davvero grande il prossimo settembre, durante la settimana delle Nazioni Unite e faremo anche un ulteriore lavoro ad ottobre in Africa", ha detto ancora Rihanna, che è ambasciatrice dell'organizzazione internazionale Global Partnership for Education. Parlando con i giornalisti, la cantante ha anche affermato di essere "davvero ispirata dalla sua leadership", di Macron.

21:01Scherma: Mondiali, Italia oro nel fioretto uomini

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Italia ha vinto la medaglia d'oro nel fioretto a squadre maschile che chiude i Mondiali di scherma di Lipsia. Daniele Garozzo, Giorgio Avola, Alessio Foconi e Andrea Cassarà hanno battuto in finale gli Stati Uniti col punteggio di 45-41.

20:41Calcio: altro stadio targato Allianz, sarà negli Usa

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Dopo che anche la Juventus ha ribattezzato il proprio impianto 'Allianz Stadium, il colosso assicurativo tedesco darà il proprio nome anche all'arena in cui gioca il Minnesota United, una delle squadre partecipanti alla Major League Soccer nordamericana. Si chiamerà Minnesota Field ed è è previsto che la capienza venga ampliata dagli attuali 19.400 posti a 24.474. Si tratterà dell'ottavo impianto nel mondo 'targato' Allianz, dopo quelli di Bayern Monaco, Rapid Vienna, Sydney FC, Nizza, Palmeiras, Juventus e London Saracens di rugby.

20:35Calcio: Galliani, questo Milan mi piace

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Mi piace questo Milan. Sono un tifoso pazzo del Milan e non cambio maglia. I dirigenti passano, i presidenti passano ma la fede rimane": lo dice l'ex ad rossonero Adriano Galliani a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A. "Bonucci? E' super", aggiunge poi con un sorriso Galliani.

20:35Calcio: Cairo, Belotti continuerà a indossare maglia Torino

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "In Torino-Milan, sicuramente Belotti giocherà con la maglia granata": lo dice il presidente del Torino Urbano Cairo alla presentazione del nuovo calendario di Serie A, in cui il primo derby sarà proprio quello tra i granata e la Juventus. "Quella sul futuro di Belotti è una domanda che mi farete ancora, lo so. E io continuerò a dire che resta. E' un grande attaccante - continua il patron - ma il Toro non è solo Belotti. E' la punta dell'iceberg, è reduce da un campionato molto buono e mi aspetto che lo faccia altrettanto positivo in vista del Mondiale". Cairo commenta anche il sorteggio del derby con la Juventus che si giocherà alla sesta giornata: "Speriamo di non farci rimontare all'ultimo minuto come negli scorsi anni".

20:34Calcio: Marotta, Bonucci?Via campione ma rimasti tanti altri

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "E' stata una cosa molto veloce. Scelte umane e professionali che vanno rispettate. E' andato via un campione ma e' rimasto un gruppo di campioni. Un rischio calcolato". L'ad della Juventus Beppe Marotta commenta così, alla presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, la cessione di Leonardo Bonucci al Milan. "Abbiamo un gruppo di difensori molti forti. Così come Bonucci si è formato da noi, abbiamo giovani interessanti che cresceranno e troveranno continuità".

20:31Calcio: Ferrero, dove va Schick? Da me che gli voglio bene

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - ''Schick va da Ferrero che gli vuole tanto bene''. Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, a margine della presentazione del nuovo calendario di Serie A, risponde così ad una domanda sul futuro di Patrik Schick. La trattativa con la Juventus non sarebbe ancora chiusa definitivamente e sullo sfondo resta l'Inter, molto interessata al giovane attaccante. Schick però potrebbe anche restare un anno alla Sampdoria, come da richiesta di Ferrero. Il patron blucerchiato parla anche di Antonio Cassano che ha dato l'addio al calcio qualche giorno fa: ''E' un grande calciatore non credo che smetterà davvero. E' presto per perdere un talento come il suo''. Infine evita di sbilanciarsi sulla prossima stagione: ''Non faccio pronostici, il calcio è cambiamento''.

Archivio Ultima ora