Polemica su fiasco all’Old Trafford, Gb “rossa di vergogna”

Pubblicato il 17 maggio 2016 da redazione

OldTraffordEvacuato

LONDRA. – L’allarme rosso la domenica, la facce “rosse di vergogna” il lunedì. E’ giorno di polemiche, di mea culpa e d’imbarazzo in Gran Bretagna all’indomani del plateale “fiasco dell’Old Trafford”, il glorioso stadio del Manchester United svuotato di decine di migliaia di persone, con tanto di partita cancellata, per un allarme causato da un finto ordigno, come si è alla fine scoperto: un oggetto in tutto e per tutto simile a una vera bomba rudimentale, ‘dimenticato’ fra gli spalti dopo un’esercitazione di sicurezza.

L’epilogo ha avuto dell’incredibile e i giornali non fanno sconti. Ma anche il sindaco di Manchester, il laburista Tony Lloyd, grida allo “scandalo” e chiede un’inchiesta, al di là delle scuse dei responsabili di un’azienda di security. Quanto accaduto “è inaccettabile”, tuona: “Gravi disagi ai tifosi, tempo sottratto a un enorme numero di poliziotti e ai reparti di artificieri, gente inutilmente in pericolo, perché evacuare decine di migliaia di persone da uno stadio di calcio non è senza rischi”.

Di buono c’è che l’evacuazione è stata portata a termine con ordine. Lloyd ne attribuisce il merito alla polizia e agli steward dell’Old Trafford, come pure alla collaborazione di entrambe le società: quella di casa, lo United, e quella ospite, il Bournemouth. Oltre che alla compostezza del grosso degli spettatori (eccezion fatta per i cori beceri incrociati di qualche manipolo di ultrà).

Mentre la Greater Old Manchester Police insiste per bocca del suo numero due, John O’Hare, responsabile dell’operazione sul terreno, a difendere la decisione di far sfollare il pubblico poco prima del fischio d’inizio: per ragioni precauzionali insuperabili – dice – in un Paese nel quale l’allerta terrorismo è costantemente al livello massimo da mesi (come altrove in Europa) sull’onda delle minacce dell’Isis e non solo.

Esaurito il valzer delle giustificazioni e dei riconoscimenti reciproci, resta tuttavia da capire come si sia potuto arrivare a tanto senza che la minaccia avesse il minimo fondamento reale. Il sindaco (ad interim) Lloyd pretende che si indaghi fino in fondo per chiarire “come è successo, perché e chi ne sia il responsabile”.

E l’impegno a indagare c’è. Ma sulle colpe i toni si fanno improvvisamente vaghi e perplessi. Sulla polizia nessuno sembra aver nulla da ridire, anzi lo stesso Lloyd ne elogia “la professionalità”. E al club padrone di casa non si muovono finora contestazioni.

Il pasticcio ricade per ora solo sull’anonima società Security Search Management & Solutions che a suo tempo aveva fornito il materiale per la simulazione eseguita nello stadio allo scopo di prevenire l’ipotetica minaccia di un attacco.

“E’ tutta colpa mia”, si cosparge il capo di cenere uno dei responsabili dell’azienda, Chris Reid, dicendosi “sconvolto”. Sarebbe stato lui in persona a ‘dimenticare’ sulle tribune lo pseudo-ordigno – in grado peraltro di attirare l’attenzione dei cani addestrati a fiutare esplosivi durante l’esercitazione – rimasto inspiegabilmente poi abbandonato per giorni.

Senonchè c’è da chiedersi se qualche negligenza non sia riconducibile pure alla società di gestione dell’impianto, a chi coordina gli steward, allo stesso Manchester United o magari alle autorità locali. Di sicuro l’episodio pone qualche interrogativo in tema di psicosi, in un Paese che pure sfoggia l’autocontrollo come un vanto. Mentre rischia di far giustizia – con mezza giornata di caos – del mito degli invincibili apparati di sicurezza di Sua Maestà, propagato per decenni al cinema da 007 e soci.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

22:21Calcio: Verona, presidente conferma la panchina a Pecchia

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - Niente cambi sulla panchina del Verona. Fabio Pecchia resta in sella, e guiderà la squadra gialloblù anche nel prossimo impegno di campionato, in trasferta al Franchi, contro la Fiorentina. Lo ha deciso il presidente del club, Maurizio Setti. La squadra andrà intanto in ritiro. "Al termine di una giornata di riflessioni e confronti - spiega il Verona in una nota - il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, ha deciso che la squadra andrà in ritiro fino a data da destinarsi. Il gruppo, in vista del match contro la Fiorentina, si allenerà ad Imola agli ordini di Fabio Pecchia e del suo staff, con il primo allenamento in programma per mercoledì 24 gennaio". La proprietà comunica inoltre di aver indetto il silenzio stampa, esteso "a tutti i propri tesserati".

22:15Calcio: Rafinha, voglio vincere dei titoli con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - "Sono davvero molto felice, è una grande soddisfazione arrivare qui. E' una tappa importante della mia vita e ho tanta voglia di affrontare questa nuova fase della mia carriera. All'Inter sono passati tanti giocatori importanti, che hanno fatto la storia. Voglio fare del mio meglio e dare tutto per arrivare il più in alto possibile e vincere titoli con questi colori". Sono le prime parole di Rafinha da giocatore, rilasciate a Inter TV. "Cerco sempre di ottenere il massimo, voglio vincere più partite possibili e aiutare la squadra a raggiungere il nostro obiettivo, la Champions League", ha aggiunto. Rafinha, che vestirà la maglia numero 8, ritrova anche Mauro Icardi, compagno ai tempi della Cantera del Barcellona: "È sempre bello avere nel gruppo chi parla la tua lingua, conosco anche Mauro, ho giocato con lui. Mi ha dato subito una mano facendomi visitare il Centro Sportivo di Appiano Gentile".

22:12Calcio: 40 anni Buffon, France Football gli dedica copertina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Un regalo per i 40 anni di Gianluigi Buffon, che li compirà domenica prossima. France Football, nel suo numero in edicola domani, dedica la copertina e uno speciale di 16 pagine al portiere juventino e della Nazionale, definito, tra l'altro, un monumento del calcio. Lo speciale rievoca la lunga carriera del giocatore "fenomeno di longevità e di successo", che "pur ancora in piena attività è già diventato una leggenda del football mondiale" e un "modello per i colleghi, per le prestazioni e il comportamento". Non manca nello speciale una carrellata di auguri, a volte sorprendenti, di colleghi di tutto il mondo e l'interrogativo se il portiere azzurro sia da inserite tra i cinque più forti della storia.

21:55Scajola: mi sono interessato asilo Matacena, no reato

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 22 GEN - "Io non ho mai negato di essermi interessato a far ottenere l'asilo politico a Matacena, ma continuo a pensare che non sia un reato. Semmai una questione inopportuna, che non rifarei". A dirlo è stato Claudio Scajola parlando con i giornalisti in una pausa del processo in cui è imputato a Reggio Calabria per procurata inosservanza della pena in relazione alla latitanza dell'ex deputato di Fi Amedeo Matacena, condannato a 3 anni per concorso esterno in associazione mafiosa e adesso a Dubai. Nel corso dell'udienza è stata confermata la convocazione come teste per il prossimo 5 febbraio di Silvio Berlusconi. I giudici oggi hanno ascoltato la testimonianza del funzionario ex Carige (banca di cui era vicepresidente un fratello di Scajola) Paolo Pippione, che ha affermato che l'ex ministro gli chiese se era possibile aiutare Chiara Rizzo spostando una somma di denaro. Pippione ha riferito che quando accertò che Matacena era stato condannato disse a Scajola che non era possibile e lui ne prese atto.

21:47Calcio: Eysseric sprona la Fiorentina, ora ripartiamo

(ANSA) - FIRENZE, 22 GEN - "Abbiamo fallito nel nostro dovere di rappresentare con orgoglio i colori della Fiorentina e le nostre ambizioni, ora dobbiamo lavorare ancor più per vincere la prossima partita". Così Valentin Eysseric su Instagram ha espresso tutta la delusione per la pesante sconfitta rimediata dalla Fiorentina ieri a Marassi contro la Sampdoria. "Dopo una partita come quella di ieri la notte è stata molto breve - scrive ancora il centrocampista francese che Pioli ha schierato titolare per l'assenza di Veretout - Le critiche sono facili quando perdiamo, ma ci prenderemo questa sconfitta da uomini puntando a tornare già domenica alla vittoria". Il prossimo impegno al Franchi per Eysseric e compagni sarà contro il Verona con l'obiettivo di ritrovare il successo che sul proprio campo manca da un mese e mezzo: l'ultimo è stato quello ottenuto il 3 dicembre contro il Sassuolo, poi tre pareggi interni di fila contro Genoa, Milan e Inter.

21:41Calcio: è ufficiale, Rafinha è un giocatore dell’Inter

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Rafinha è un giocatore dell'Inter, lo annuncia il club nerazzurro sul proprio sito. L'Inter "detiene un'opzione per l'acquisto del giocatore per 35 milioni più 3 milioni di euro in bonus - si legge - che dovrà essere esercitata prima del termine dell'attuale stagione sportiva".

Archivio Ultima ora