Strasburgo processa l’Italia, negato il diritto alla salute

Pubblicato il 17 maggio 2016 da redazione

Impianti Ilva a Taranto

Impianti Ilva a Taranto

TARANTO. – L’Ilva sotto processo a Taranto, l’Italia sotto processo a Strasburgo. Destini incrociati che riaffermano il dilemma tra diritto alla vita e diritto al lavoro, tra produzione e impatto ambientale, tra profitto e sicurezza. Da Strasburgo arriva la notizia che lo Stato italiano è formalmente sotto processo di fronte alla Corte europea dei diritti umani, con l’accusa di non aver protetto la vita e la salute di 182 cittadini di Taranto e dei comuni vicini dagli effetti negativi delle emissioni dell’Ilva.

Le denunce erano state presentate tra il 2013 e il 2015. Alcuni cittadini rappresentano i congiunti deceduti, altri i figli minori malati. Nel ricorso sostengono che “lo Stato non ha adottato tutte le misure necessarie a proteggere l’ambiente e la loro salute” e contestano al governo il fatto di aver autorizzato la continuazione delle attività del polo siderurgico attraverso i cosiddetti decreti ‘salva Ilva’.

Concetto, peraltro, espresso anche dal governatore della Puglia Michele Emiliano a margine del processo ‘Ambiente svenduto’, iniziato nell’aula Alessandrini del tribunale di Taranto. La Regione si è costituita parte civile e la presenza di Emiliano in aula ha catalizzato l’attenzione, quasi spostando la scena. Perché tra gli imputati c’è anche il suo predecessore Nichi Vendola, fondatore di Sel, che della questione ambientale a Taranto aveva fatto uno dei suoi cavalli di battaglia.

“Questo non è – ha spiegato Emiliano ai giornalisti dopo un’iniziale (e per lui inconsueta) reticenza – un piccolo processo per limitati episodi di inquinamento ambientale. Bisogna sanare un’apparente incongruità: com’è possibile che un impianto continui a funzionare nonostante la magistratura accusi i precedenti gestori di reati così gravi? Tutto questo può accadere grazie ai decreti che hanno ‘sospeso’ le possibilità di tutelare la salute dei cittadini tarantini”.

Il processo è iniziato con il lungo ed estenuante appello da parte del presidente della Corte d’Assise Michele Petrangelo, nei confronti del quale è stata riproposta una istanza di ricusazione da parte dei legali dell’ex assessore provinciale all’Ambiente Michele Conserva.

Altre decine di costituzioni di parte civile sono state presentate nel corso dell’udienza dall’Asl di Taranto, da famigliari di operai e cittadini morti di tumore, dal Fondo antidiossina, da rappresentanti di cooperative e di organizzazioni onlus, dal Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, dal Codacons, dall’Enpa (Ente protezione animale).

Alla sbarra ci sono 47 imputati (44 persone fisiche e tre società). Tra questi, i fratelli Fabio e Nicola Riva, della proprietà Ilva (oggi in amministrazione straordinaria), l’ex governatore Vendola, il sindaco di Taranto Ippazio Stefano, l’ex presidente della Provincia Gianni Florido, l’ex presidente dell’Ilva Bruno Ferrante, l’ex responsabile dei rapporti istituzionali dell’Ilva Girolamo Archinà, gli ex direttori di stabilimento Luigi Capogrosso e Adolfo Buffo.

L’udienza è andata avanti a singhiozzo, tra deposizione di atti, eccezioni, repliche e controrepliche. E’ stata rigettata la richiesta dell’avv. Giandomenico Caiazza, difensore di Archinà, impegnato in un altro processo in Cassazione, di soprassedere sulle decisioni che riguardavano la regolarità delle parti civili.

La Corte d’Assise, dopo una camera di consiglio di oltre tre ore, ha aggiornato l’udienza al 14 giugno prossimo per un difetto di notifica eccepito dall’avv. Vincenzo Vozza per conto di Cesare Corti, funzionario dell’Ilva. Le notifiche erano arrivate infatti al vecchio difensore dell’imputato, che aveva invece eletto il proprio domicilio presso Riva Fire. In aula si è affacciato anche l’ex procuratore Franco Sebastio, che ha ammesso il rammarico per non aver aver potuto rappresentare l’accusa fino al termine del dibattimento.

“Ma questo – ha precisato parlando con i giornalisti – non significa che il processo non lo debba seguire lo stesso. Noi riteniamo che la capacità inquinante di questo stabilimento sia stata riconosciuta dallo Stato attraverso l’Aia e le 9 leggi che via via sono state emesse”.

Infine, per il vescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro, quello di Strasburgo “è un attacco diretto e formale allo Stato italiano in cui si chiede che venga fatta luce sulla questione in maniera adeguata. Ci si chiede inoltre se in questi anni, dal 2012 ad oggi, siano state portate avanti le bonifiche sul territorio. Allo stesso tempo resta aperta anche la questione occupazionale” oltre che quella dell’assetto societario.

Proprio in serata il gruppo Marcegaglia e il gruppo Arcelor-Mittal hanno comunicato la volontà di presentare un’offerta insieme per l’acquisizione dell’Ilva. Secondo fonti vicine all’operazione, i due concorrenti hanno manifestato ai commissari la volontà di costituire una joint venture per presentare un’offerta.

La cordata che avrebbe come capofila Arcelor potrebbe accogliere anche altri soci e nel contempo, secondo quanto si apprende, i due gruppi sono anche pronti a partecipare da soli. Intanto proseguono in maniera serrata i contatti tra il gruppo Arvedi e Erdemir per chiudere il loro accordo di partnership in vista di un’offerta per l’acquisto dell’Ilva. A questa seconda cordata potrebbe partecipare anche Leonardo Del Vecchio attraverso la sua holding Delphin.

(di Giacomo Rizzo/ANSA)

Ultima ora

18:39Tennis: Atp San Pietroburgo, Fognini in finale

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Seconda finale stagionale per Fabio Fognini. L'azzurro si è infatti qualificato per l'atto conclusivo del torneo Atp di San Pietroburgo, in Russia. In semifinale il 30enne ligure ha battuto in rimonta per 2-6 7-6(9-7) 7-6 (7-5) lo spagnolo Roberto Bautista-Agut, primo favorito del seeding. Fognini ha dovuto annullare due match-point nel tie-break del secondo parziale prima di riuscire a mettere a segno il settimo successo in nove sfide con il 29enne iberico. Domani in finale Fabio troverà dall'altra parte della rete il bosniaco Damir Dzumhur che ha sconfitto per 6-3 7-5 il tedesco Jan-Lennard Struff.

18:35“Tentato stupro”, 19/enne tedesca denuncia ragazzo a Roma

(ANSA)-ROMA, 23 SET - Una tedesca di 19 anni ha denunciato di aver subito un tentativo di violenza sessuale alcune sere fa a Roma in un hotel non lontano dalla stazione Termini. Il giovane che l'avrebbe aggredita dopo una serata in un locale é stato identificato e denunciato a piede libero, ma per la Questura "allo stato non emergono elementi certi che possano confermare responsabilità". La denuncia, redatta alla presenza del ragazzo, é stata trasmessa alla procura. Secondo la ricostruzione del fatto, la giovane, a Roma in vacanza, sarebbe andata con un'amica in un locale di via Palestro e qui avrebbero conosciuto due ragazzi ventenni, con i quali avrebbero bevuto e ballato. In seguito, le ragazze sarebbero state invitate nella camera d' albergo dei due, in viale Castro Pretorio, vicino al locale. Qui l'amica della ragazza tedesca sarebbe rimasta da sola di propria volontà con uno dei due ragazzi, mentre la 19/enne si sarebbe rifiutata e avrebbe subito il tentativo di stupro da parte dell'altro.

18:31Ciclismo: Mondiali, olandese Blaak oro prova femminile

(ANSA) - ROMA, 23 SET - La ciclista olandese Chantal Blaak ha vinto la medaglia d'oro ai Campionati Mondiali in corso a Bergen, Norvegia, vincendo la prova femminile su strada. Secondo posto e medaglia d'argento per l'australiana Katrin Garfoot, terzo e medaglia di bronzo per la danese Amalie Dideriksen Delusione per l'Italia che sperava di più del decimo posto conquistato da Elena Cecchini.

18:26Trump contro star dello sport, licenziare chi non canta inno

(ANSA) - NEW YORK, 23 SET - L'ira di Donald Trump si abbatte sui campioni 'ribelli' dello sport americano, quelli che contestano la presenza del tycoon ala Casa Bianca o protestano apertamente contro le violenze della polizia verso gli afroamericani. Così il presidente americano ha chiesto alla Nfl, la lega professionistica del football americano, di licenziare i giocatori che non cantano l'inno. E ha deciso di ritirare l'invito alla Casa Bianca alla star assoluta del basket, Stephen Curry, che ha dato forfait alla visita che la sua squadra campione della Nba farà nella residenza presidenziale. "Il presidente mostra una totale mancanza di rispetto verso i nostri campioni e verso le idee degli altri", ha replicato il commissario della Nfl, Roger Goodell, alimentando una polemica senza precedenti tra la lega e la Casa Bianca.

18:26Papa: riceve nuovo ambasciatore italiano Pietro Sebastiani

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 SET - Papa Francesco ha ricevuto oggi in udienza a Palazzo apostolico il nuovo ambasciatore d'Italia presso la Santa Sede, Pietro Sebastiani, che gli ha presentato le sue Lettere credenziali. La nomina di Sebastiani come successore del precedente ambasciatore Daniele Mancini, recentemente deliberata dal Consiglio dei Ministri, era stata resa nota nei giorni scorsi dalla Farnesina a seguito del gradimento del Governo interessato. Sebastiani è nato a Capannori (Lucca) il 28 marzo 1957. È sposato e ha quattro figli. Laureato in Scienze politiche con indirizzo internazionale presso l'Università "Cesare Alfieri" di Firenze, ha seguito successivamente corsi ad Harvard e alla Columbia University di New York. E' stato negli ultimi anni Ambasciatore a Madrid e Direttore Generale per la Cooperazione allo Sviluppo. Conosce il francese, l'inglese, l'olandese, il russo, lo spagnolo e il tedesco.

18:15Tennis: Laver Cup, esordio vincente per Federer

(ANSA) - ROMA,, 23 SET - Seconda giornata della Laver Cup, gara tennis a squadre che si concluderà domani a Praga. E doppio impegno per Roger Federer e Rafael Nadal. In una giornata dove ogni vittoria vale 2 punti (domani ne varrà 3), il capitano dell'Europa Bjorn Borg ha schierato i suoi assi per incrementare il vantaggio sul Resto del Mondo. Federer ha battuto per 6-4 6-2 lo statunitense Sam Querrey, Nadal si è imposto per 6-3 3-6 11-9 al super tie-break sull'altro statunitense Jack Sock. Roger e Rafa giocheranno il doppio insieme contro i due statunitensi Querrey e Sock dopo la sfida tra il ceco Tomas Berdych e l'australiano Nick Kyrgios. Il punteggio attuale è di 7-1 per l'Europa. La giornata di ieri si era conclusa sul 3-1: il croato Marin Cilic aveva battuto lo statunitense Frances Tiafoe, l'austriaco Dominic Thiem aveva piegato sullo statunitense John Isner e il tedesco Alexander Zverev aveva regolato il canadese Denis Shapovalov. Il punto del Resto del Mondo era arrivato col doppio Kyrgios-Sock che hanno battuto Berdych-Nadal.

18:09Calcio: Di Francesco, stiamo crescendo

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "Quello che mi interessava oggi oltre alla vittoria era la prestazione e devo dire che ho visto una grande manovra da parte della squadra: abbiamo fatto delle ottime giocate, peccato per il gol subito. Sono molto soddisfatto per la crescita della squadra": così ai microfoni di Premium Sport l'allenatore della Roma Eusebio Di Francesco commenta il successo per 3-1 contro l'Udinese. ''Quanto manca per vedere la vera Roma? E' presto per dirlo, nel calcio si cambia idea dopo una partita, io devo dare continuità a quello che sto facendo - le parole del tecnico giallorosso - i ragazzi sono disponibili, sono tutti predisposti al sacrificio. Un voto per El Shaarawy? Sta ritrovando la condizione ottimale, è uno dei più bravi ad attaccare la profondità e nel mio modo di giocare è un attaccante ideale".

Archivio Ultima ora