Strasburgo processa l’Italia, negato il diritto alla salute

Pubblicato il 17 maggio 2016 da redazione

Impianti Ilva a Taranto

Impianti Ilva a Taranto

TARANTO. – L’Ilva sotto processo a Taranto, l’Italia sotto processo a Strasburgo. Destini incrociati che riaffermano il dilemma tra diritto alla vita e diritto al lavoro, tra produzione e impatto ambientale, tra profitto e sicurezza. Da Strasburgo arriva la notizia che lo Stato italiano è formalmente sotto processo di fronte alla Corte europea dei diritti umani, con l’accusa di non aver protetto la vita e la salute di 182 cittadini di Taranto e dei comuni vicini dagli effetti negativi delle emissioni dell’Ilva.

Le denunce erano state presentate tra il 2013 e il 2015. Alcuni cittadini rappresentano i congiunti deceduti, altri i figli minori malati. Nel ricorso sostengono che “lo Stato non ha adottato tutte le misure necessarie a proteggere l’ambiente e la loro salute” e contestano al governo il fatto di aver autorizzato la continuazione delle attività del polo siderurgico attraverso i cosiddetti decreti ‘salva Ilva’.

Concetto, peraltro, espresso anche dal governatore della Puglia Michele Emiliano a margine del processo ‘Ambiente svenduto’, iniziato nell’aula Alessandrini del tribunale di Taranto. La Regione si è costituita parte civile e la presenza di Emiliano in aula ha catalizzato l’attenzione, quasi spostando la scena. Perché tra gli imputati c’è anche il suo predecessore Nichi Vendola, fondatore di Sel, che della questione ambientale a Taranto aveva fatto uno dei suoi cavalli di battaglia.

“Questo non è – ha spiegato Emiliano ai giornalisti dopo un’iniziale (e per lui inconsueta) reticenza – un piccolo processo per limitati episodi di inquinamento ambientale. Bisogna sanare un’apparente incongruità: com’è possibile che un impianto continui a funzionare nonostante la magistratura accusi i precedenti gestori di reati così gravi? Tutto questo può accadere grazie ai decreti che hanno ‘sospeso’ le possibilità di tutelare la salute dei cittadini tarantini”.

Il processo è iniziato con il lungo ed estenuante appello da parte del presidente della Corte d’Assise Michele Petrangelo, nei confronti del quale è stata riproposta una istanza di ricusazione da parte dei legali dell’ex assessore provinciale all’Ambiente Michele Conserva.

Altre decine di costituzioni di parte civile sono state presentate nel corso dell’udienza dall’Asl di Taranto, da famigliari di operai e cittadini morti di tumore, dal Fondo antidiossina, da rappresentanti di cooperative e di organizzazioni onlus, dal Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, dal Codacons, dall’Enpa (Ente protezione animale).

Alla sbarra ci sono 47 imputati (44 persone fisiche e tre società). Tra questi, i fratelli Fabio e Nicola Riva, della proprietà Ilva (oggi in amministrazione straordinaria), l’ex governatore Vendola, il sindaco di Taranto Ippazio Stefano, l’ex presidente della Provincia Gianni Florido, l’ex presidente dell’Ilva Bruno Ferrante, l’ex responsabile dei rapporti istituzionali dell’Ilva Girolamo Archinà, gli ex direttori di stabilimento Luigi Capogrosso e Adolfo Buffo.

L’udienza è andata avanti a singhiozzo, tra deposizione di atti, eccezioni, repliche e controrepliche. E’ stata rigettata la richiesta dell’avv. Giandomenico Caiazza, difensore di Archinà, impegnato in un altro processo in Cassazione, di soprassedere sulle decisioni che riguardavano la regolarità delle parti civili.

La Corte d’Assise, dopo una camera di consiglio di oltre tre ore, ha aggiornato l’udienza al 14 giugno prossimo per un difetto di notifica eccepito dall’avv. Vincenzo Vozza per conto di Cesare Corti, funzionario dell’Ilva. Le notifiche erano arrivate infatti al vecchio difensore dell’imputato, che aveva invece eletto il proprio domicilio presso Riva Fire. In aula si è affacciato anche l’ex procuratore Franco Sebastio, che ha ammesso il rammarico per non aver aver potuto rappresentare l’accusa fino al termine del dibattimento.

“Ma questo – ha precisato parlando con i giornalisti – non significa che il processo non lo debba seguire lo stesso. Noi riteniamo che la capacità inquinante di questo stabilimento sia stata riconosciuta dallo Stato attraverso l’Aia e le 9 leggi che via via sono state emesse”.

Infine, per il vescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro, quello di Strasburgo “è un attacco diretto e formale allo Stato italiano in cui si chiede che venga fatta luce sulla questione in maniera adeguata. Ci si chiede inoltre se in questi anni, dal 2012 ad oggi, siano state portate avanti le bonifiche sul territorio. Allo stesso tempo resta aperta anche la questione occupazionale” oltre che quella dell’assetto societario.

Proprio in serata il gruppo Marcegaglia e il gruppo Arcelor-Mittal hanno comunicato la volontà di presentare un’offerta insieme per l’acquisizione dell’Ilva. Secondo fonti vicine all’operazione, i due concorrenti hanno manifestato ai commissari la volontà di costituire una joint venture per presentare un’offerta.

La cordata che avrebbe come capofila Arcelor potrebbe accogliere anche altri soci e nel contempo, secondo quanto si apprende, i due gruppi sono anche pronti a partecipare da soli. Intanto proseguono in maniera serrata i contatti tra il gruppo Arvedi e Erdemir per chiudere il loro accordo di partnership in vista di un’offerta per l’acquisto dell’Ilva. A questa seconda cordata potrebbe partecipare anche Leonardo Del Vecchio attraverso la sua holding Delphin.

(di Giacomo Rizzo/ANSA)

Ultima ora

21:50Raggi: difficile governare Roma, ma città sta cambiando

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Governare Roma "non lo definirei un peso ma un onore, certo è una città difficile, ci sono responsabilità, le conoscevamo prima di candidarci e siamo pronti a farcene carico come stiamo già facendo". Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi intervistata a 'di Martedì' su La7. "La città sta cambiando ma quando si costruisce si deve fare la buca, scavare, costruire le fondamenta. Gli operai sono a lavoro a costruire solide fondamenta", ha aggiunto. "La macchina amministrativa è uscita fuori da Mafia Capitale a pezzi, quindi noi tutti insieme ci stiamo facendo carico di ricostruire la macchina - ha sottolineato -. Quando è ricostruita possiamo iniziare a guidare". La Raggi ha parlato anche del caso Marra ("è stato un errore ma ora è un capitolo chiuso") e della collega di Torino, Chiara Appendino, in testa ai gradimenti. "Ognuno deve fare il sindaco della propria città, è brava", ha detto. E sul possibile avviso di garanzia: "si leggono e si valuta cosa fare".

21:21Calcio: Crotone, Cordaz, vogliamo giocarcela fino al termine

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - "Ci crediamo, siamo vivi e vogliamo giocarcela fino al termine". Così Alex Cordaz, portiere e capitano del Crotone, cerca di risollevare il morale della squadra dopo il ko casalingo con il Bologna ed in vista della gara di domenica prossima a Marassi contro il Genoa. "Quella contro l'undici di Juric - dice il numero uno del Crotone - è una gara fondamentale, come sarà peraltro da qui alla fine per ogni partita. Il morale deve essere alto. Non dobbiamo guardare a quello che è successo o non è successo perché non ne abbiamo il tempo. Dobbiamo solo concentrarci su Genoa e cercare di ottenere il massimo". Contro i rossoblu liguri il Crotone ritroverà Ivan Juric, l'allenatore che ha permesso ai calabresi la conquista della Serie A. "Conosciamo bene Juric - dice Cordaz - ma lui ha le sue armi e la sua squadra. Noi adesso non possiamo guardare l'avversario. Che sia Genoa, Empoli o Juventus, dobbiamo giocarcela con chiunque e fare punti''.

21:06Killer Florida, ‘ho agito in nome dell’Isis’

(ANSA) - NEW YORK, 17 GEN - Esteban Santiago, l'uomo accusato di aver ucciso cinque persone all'aeroporto di Fort Lauderdale, in Florida, ha detto agli agenti dell'Fbi di aver effettuato l'attacco a nome dell'Isis: lo ha detto l'agente speciale del Bureau Michael Ferlazzo durante la sua testimonianza in udienza, secondo quanto riporta la Cnn. L'agente non ha spiegato se Santiago sostiene di avere legami con lo Stato Islamico o se e' stato solo ispirato dall'organizzazione terroristica.

20:54Maltempo: partoriente da Desulo a Nuoro in sei ore

(ANSA) - NUORO, 17 GEN - Quasi un'odissea quella vissuta oggi da una partoriente di Desulo che ha impiegato sei ore per percorrere la strada provinciale 7, che collega il paese del Mandrolisai, dove la neve ha superato il mezzo metro, con Nuoro. Tutto comunque è andato bene, la donna è stata ricoverata all'ospedale San Francesco e potrebbe partorire nelle prossime ore. Una vicenda che il sindaco di Desulo, Gigi Littarru, ha stigmatizzato su Facebook: "Secondo voi può una partoriente fare un viaggio di sei ore per raggiungere l'ospedale di Nuoro? In Sardegna, a Desulo accade anche questo. Mi tengo per me le maledizioni di rito. Siamo governati da incapaci, che puntualmente non capiscono o non vogliono capire". La donna, con la gravidanza a termine, è partita verso Nuoro alle prime ore del mattino, dopo le prime avvisaglie del parto, ma raggiungere il capoluogo barbaricino si è rivelato più complicato del previsto. "Con la riforma sanitaria ci hanno chiuso l'ospedale di Sorgono, che era a pochi chilometri, ora però ci permettano di avere i mezzi per liberare la strada - ha dichiarato il sindaco all'ANSA - Chi ci governa ancora non sa che siamo paesi di montagna distanti ore dal primo ospedale. Qui non stiamo chiedendo la luna ma solo mezzi per permetterci di vivere in questo territorio. Quando siamo venuti a conoscenza del viaggio della donna abbiamo allertato la Protezione civile e tutto è andato bene. Ma non si può vivere in queste condizioni. La Regione deve sapere che anche nei piccoli paesi dimenticati dal mondo c'è bisogno della presenza dello Stato". (ANSA).

20:41Maradona: de Magistris’evento per tutti magari il 10 maggio’

(ANSA) - NAPOLI, 17 GEN - "Un evento organizzato e voluto da Alessandro Siani". Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, parlando, nel corso della diretta Facebook dalla pagina di Repubblica Napoli, dello spettacolo di ieri sera al Teatro di San Carlo con Maradona, sottolineando che "è stata una bella serata, il teatro era stracolmo". "Noi lavoriamo a un evento allo stadio San Paolo in occasione dei 30 anni dallo scudetto - ha affermato - se possibile il 10 maggio, ma comunque in quel mese". "Pensiamo a un evento accessibile a tutti - ha aggiunto - durante il quale conferire la cittadinanza onoraria a Maradona". "Noi consideriamo Maradona un bene comune - ha concluso - e per lui deve esserci un evento popolare, accessibile a tutti".

20:39Attivista Femen contro statua Trump a Museo Cere

(ANSA) - MADRID, 17 GEN - Un'attivista dell'organizzazione femminista Femen ha fatto irruzione nel Museo delle Cere di Madrid per contestare a seni nudi l'inaugurazione di una statua dedicata al presidente eletto americano Donald Trump. La donna ha gridato varie volte in inglese "stringete il patriarcato per i testicoli" e "fascista!", prima di essere allontanata dai dipendenti del museo. Femen Spagna ha rivendicato l'iniziativa pubblicando sul proprio sito una foto di spalle della donna, affermando che "Femen ha preso per i testicoli la statua di Trump nel Museo delle Cere".

20:30Calcio: Bologna, problemi difesa,out Gastaldello e Torosidis

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - Doppio stop nella difesa del Bologna. Il capitano Daniele Gastaldello, con uno stiramento all'otturatore interno sinistro, ne avrà per due-tre settimane. Il terzino greco Vasilis Torosidis, per un problema al pettineo sinistro, tornerà invece a disposizione tra dieci giorni. Gli esiti degli esami sono resi noti dal club, impegnato in serata in Coppa Italia con l'Inter a Milano.

Archivio Ultima ora