Fallimenti società nel Salernitano, tre arresti e sequestri

(ANSA) – SALERNO, 18 MAG – Tre persone sono state arrestate e un immobile del valore di oltre 700.000 euro è stato posto sotto sequestro dalla Guardia di Finanza negli sviluppi dell’inchiesta “Ipervigile”, che il 26 novembre scorso portò all’arresto di cinque persone e al sequestro di beni per oltre 12 milioni di euro nei confronti di 13 soggetti e 21 società operanti nel settore della vigilanza privata, trasporto e custodia di valori in provincia di Salerno. Agli arresti domiciliari sono stati posti Fernando De Santis, Filomena Vicidomini e Filomena Paolino, tutti e tre accusati, a vario titolo, di bancarotta fraudolenta. I sigilli sono stati apposti a un immobile adibito a uffici di oltre 500 metri quadri nel centro di Nocera Inferiore (Salerno). Le accuse di bancarotta si riferiscono al fallimento della società “L’astuto s.r.l.” di Avellino, dichiarato nel maggio 2015.

Condividi: