Recuperata la lettera di Colombo, “ho scoperto un nuovo mondo”

Pubblicato il 19 maggio 2016 da redazione

colombo

ROMA. – Stanco e inquieto, il grande Cristoforo Colombo non si fidava dei suoi uomini. Per questo, appena sbarcato a Restelo, vicino a Lisbona, di ritorno dal suo periglioso viaggio alla ricerca delle Indie, si affrettò a spedire una lettera per informare i reali di Spagna della scoperta del Nuovo Mondo. Era il 4 marzo 1493, le gesta del grande avventuriero genovese sono diventate storia.

Ma forse neanche lui poteva immaginare che una copia di quella sua lettera avrebbe compiuto, 500 anni dopo, un viaggio di andata e ritorno dalle Americhe, rocambolesco quasi quanto il suo.

Rubata dalla Biblioteca Riccardiana di Firenze, dove era stata sostituta da una copia, e recuperata dai carabinieri dei beni culturali negli Usa, dove grazie ad una donazione era finita addirittura sugli scaffali della biblioteca del Congresso a Washington, quella lettera di Colombo torna finalmente a casa, prima a Roma poi a Firenze, restituita con tutti gli onori dagli americani.

“Una giornata simbolo”, sorridono insieme il ministro Franceschini e l’ambasciatore Usa in Italia John R. Phillips, “un fatto che segna l’amicizia e la totale collaborazione che c’è tra i Paesi”.

Le indagini sono ancora in corso, anche perché nelle more dell’inchiesta è venuto fuori che un’altra copia della stessa lettera è stata rubata e sostituita alla Biblioteca Nazionale di Roma. Forse per questo gli investigatori sono avari di particolari.

Ma la vicenda è fascinosa e intricata, almeno quanto la lunga missiva – quattro pagine in spagnolo poi tradotte in latino per le prime stampe fatte in quello stesso anno – che Colombo spedì a Ferdinando D’Aragona e Isabella di Castiglia.

E per arrivare al recupero è servita anche l’esperienza messa a frutto con lo scempio dei Girolamini. Nessuna ipotesi ufficiale sulla data del trafugamento, e nemmeno sugli autori di un colpo messo a segno così bene da non essere scoperto per anni.

“L’unica certezza è che la copia restituita dagli Usa è certamente quella autentica”, allarga le braccia il direttore della Riccardiana Fulvio Silvano Stacchetti. A scoperchiare il vaso, racconta il comandante dei carabinieri Tpc Mariano Mossa, è stata una denuncia di furto partita dalla Biblioteca Nazionale di Roma. Niente a che fare con Colombo, ma è da lì che gli investigatori si accorgono che la copia della lettera del navigatore custodita dalla biblioteca romana potrebbe essere falsa.

E’ così che parte il controllo sulla copia di Firenze e si arriva agli esami di laboratorio fatti dagli esperti del Racis. Altro che originali, le due lettere, racconta il generale, risultano false, “riproduzioni fotografiche moderne stampate su carta antica, ma incompatibile rispetto alla data del 1493”.

Diverso il formato dei fogli, postuma e grossolana la rilegatura, addirittura una “stampa eseguita con fotocopiatrice” con aggiunte a matita e a penna.

La pista punta subito al mercato americano. I carabinieri collaborano con i colleghi dell’Hsi, il servizio di investigazione Usa. E si scopre che l’incunabolo di Firenze, esemplare che risale all’editio princeps, valutato 1 milione di euro, è stato venduto all’asta a New York nel 1992 e acquistato da un privato per 400 mila dollari.

Dopodiché, probabilmente grazie ad un lascito testamentario, il documento è arrivato alla Biblioteca del Congresso americano, che, una volta appurata la provenienza illecita, l’ha restituito.

Ora si cerca la copia romana. E resta la curiosità di capire di più su tempi e modi. Il direttore della Riccardiana è convinto che ladri e falsari non abbiano agito nella sala manoscritti della sua biblioteca: “Lo escludo nel modo più assoluto”, si accalora il funzionario. Che ricorda per il documento un’unica trasferta di oltre sessant’anni fa, quando il volume venne inviato a Roma, proprio alla Nazionale, dal 28 luglio 1950 al 5 aprile del ’51.

Il fattaccio potrebbe essere avvenuto lì? Nessuno si sbilancia, tanto meno gli investigatori. Tant’è, la storia misteriosa della lettera di Colombo perduta e ritrovata, conclude Franceschini, “dimostra ancora di più che bisogna tenere alto il livello di attenzione”. E che l’impegno, in anni di terrorismo su scala mondiale, “deve essere condiviso tra Paesi”. “Il valore sta crescendo, ci sono mercati nuovi”, avverte.

Il pensiero va alle immagini shock di Ninive distrutta dalle ruspe dell’Isis: “Lì, a telecamere spente, il patrimonio viene venduto per finanziare il terrorismo”.

(di Silvia Lambertucci/ANSA)

Ultima ora

16:58Macron a Juncker, ‘su Ue non farò mai dichiarazioni vuote’

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Nel loro primo incontro, il presidente francese, Emmanuel Macron, e della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, hanno discusso soprattutto di Europa sociale e di direttiva sui lavoratori distaccati. "Non troverete mai da parte mia grandi dichiarazioni che non portano da nessuna parte", ha detto Macron, spiegando di preferire un "approccio pragmatico". "L'attuale situazione dei lavoratori distaccati affievolisce il sentimento europeo", è quello che "ci ha portato alla Brexit", ha detto. Tra i francesi è molto sentito il problema dei lavoratori che vengono pagati con stipendi e contributi dei Paesi di origine dell'azienda, e poi distaccati in Francia. Le stesse aziende francesi spesso lo fanno per risparmiare sul costo di manodopera. "Quando non si capisce più il funzionamento dell'Ue ci si allontana", ha detto Macron. Juncker si è detto piacevolmente sorpreso dal "primo presidente che mi parla di Europa sociale come primo tema", e ha chiarito che "in Europa non c'è spazio per il dumping sociale.

16:49Comuni: Imperia, sindaco firma ordinanza anticlochard

(ANSA) - IMPERIA, 25 MAG - Il sindaco di Imperia Carlo Capacci, ha firmato l'ordinanza che vieta la dimora e il bivacco sul suolo pubblico della città, sostanzialmente una ordinanza anticlochard. Il provvedimento ha valenza su tutto il territorio comunale e in particolare nelle intersezioni stradali e vicino a queste, nelle vie e nelle piazze del centro abitato come individuato dall'apposita delibera di Giunta, in mercati e fiere e all'ingresso di cimiteri, ospedali e luoghi di culto e in corrispondenza di servizi commerciali o pubblici e scuole. "Vengono vietate le suddette attività mediante l'utilizzo di minori, anziani, disabili e lo sfruttamento di animali di affezione - è scritto nel documento -. Le forze dell'ordine e la polizia municipale sono incaricate della vigilanza e le violazioni alle disposizioni della presente ordinanza saranno puniti con sanzione amministrativa di un importo da 100 a 300 euro". "Se tutti mantenessimo un comportamento civile, non sarebbe necessario applicare norme di questo genere - commenta il sindaco -. Purtroppo l'uso improprio del suolo pubblico ha influito sulla qualità della vita dei cittadini di Imperia, qualità che secondo statistiche ufficiali si trovava in netto miglioramento. Per questo si è resa necessaria l'ordinanza: è doveroso da parte dell'Amministrazione garantire ai cittadini e ai visitatori la giusta sicurezza".(ANSA).

16:46‘Ndrangheta: faida Platì, carabinieri eseguono cinque fermi

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - I carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno fermato cinque persone accusate di una serie di omicidi avvenuti tra la fine degli anni '90 ed i primi anni duemila nell'ambito della cosiddetta "faida di Platì" che contrappose all'epoca le famiglie Marando e Trimboli. I fermi sono stati fatti in esecuzione di provvedimenti emessi dalla Dda di Reggio Calabria. Le persone fermate sono Rosario Barbaro, di 77 anni, Saverio Trimboli (43), Rosario Marando (49), Bruno Polito (45) e Domenico Trimboli (36). Le indagini che hanno portato ai fermi sono partite dalla scomparsa nel 2002 di Pasquale Marando. I carabinieri hanno accertato che Marando fu ucciso ed il suo cadavere fatto sparire ad opera di esponenti della famiglia Trimboli con l'autorizzazione di Rosario Barbaro, capo del "locale" di Platì, intenzionato a ridimensionare i Marando, che insidiavano la sua leadership sul territorio. La faida finì dopo l'intervento della struttura sovraordinata del "Crimine".

16:45Brasile: Temer revoca decreto uso esercito a Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 MAG - Passo indietro del presidente del Brasile, Michel Temer, che ieri aveva deciso di mobilitare le forze armate per difendere gli edifici pubblici a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate nella capitale federale: il decreto con il quale veniva autorizzato l'uso dell'esercito - rende noto Agencia Brasil - è stato revocato oggi dal capo di Stato, dopo le roventi critiche ricevute sia dall'opposizione che dalla maggioranza per la polemica scelta, che ha fatto subito pensare ai tempi della dittatura militare (1964-1985).

16:34Erdogan lascia incontro Tusk-Juncker scuro in volto

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato ricevuto all'Europa Building dal presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, e dal presidente della Commissione, Jean Claude Juncker. Al termine dell'incontro, sullo sfondo delle tensioni tra Ue e Turchia, non è stata fatta alcuna dichiarazione, ma il turco ha lasciato l'edificio scuro in volto. Il portavoce della Commissione Margaritis Schinas ha scritto su Twitter che "Ue e Turchia devono lavorare insieme e lo faranno". Ieri Erdogan aveva chiesto all'Ue di prendere una decisione sull'adesione della Turchia all'Ue, che non va trattata come un "mendicante" tenuto sulla porta. Prima di partire per Bruxelles aveva affermato che "l'Ue aspetta che sia la Turchia a ritirarsi". Nell'accordo con la Ue sui migranti è prevista la liberalizzazione dei visti, che è tenuta bloccata perché Amkara non rispetta 7 dei 'benchmark' richiesti dall'Ue, e l'apertura di nuovi capitoli negoziali, che si è allontanata dopo la repressione seguita al fallito golpe luglio.

16:27Calcio: Gattuso, non è passo indietro

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - In attesa di firmare il contratto che lo porterà sulla panchina della Primavera del Milan, Gennaro Gattuso parla già con entusiasmo dell'esperienza che gli permetterà di tornare a lavorare in un posto che considera casa sua: "La proposta di allenare la Primavera è arrivata tre settimane fa. Secondo me è la scelta giusta, nessun passo indietro: torno in una società gloriosa che vuole essere di nuovo grande. Allenerò i giovani: spero di trasmettere il senso di appartenenza e farli migliorare. Ascolterò i consigli di Montella: è un tecnico preparatissimo, c'è solo da imparare".

16:26Gentiloni, a G7 Taormina non sarà confronto semplice

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - "A Taormina ci sarà un confronto su temi che interessano tutta l'umanità, come i cambiamenti climatici, i commerci, le migrazioni, i rapporti con l'Africa. Non sarà un confronto semplice, ma l'Italia, che ospita il vertice, cercherà di renderlo un confronto utile e capace di far convergere le posizioni": lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni arrivando al vertice Nato a Bruxelles. Gantiloni ha quindi detto che "l'Italia è impegnatissima in Iraq", dove ha la seconda forza militare dopo quella americana, "ma è importante sottolineare che l'impostazione non è solo militare, ma anche politica, coinvolgendo tutte le forze possibili per trovare soluzioni" a sfide come quella del terrorismo. "Il terrorismo si vince sul piano militare ma anche sul paino della cultura", come l'Italia sostiene da sempre, ha detto Gentiloni, che ha sottolineato come a questo fine sia utile l'"unità fra le due sponde dell'Atlantico".

Archivio Ultima ora