Calcio: l’Aston Villa diventa cinese, passa al Recon Group

(ANSA) – ROMA, 19 MAG – L’Aston Villa chiude il decennio americano di Randy Lerner e apre il capitolo della proprietà cinese di Tony Jiantong Xia, a capo del Recon Group, che ha interessi in società anche quotate in Borsa e un totale di 35.000 dipendenti in 75 Paesi. Il sito del club, appena retrocesso dalla Premier League dopo una stagione disastrosa, ha ufficializzato l’operazione sottoposta al via libera delle Autorità del calcio inglese e fornisce una presentazione del 40enne Tony Xia, mentre Roberto Di Matteo è indicato dai media come manager. Xia ha rilevato il club attraverso la divisione Sport e Turismo, una delle sei attività strategiche del gruppo, al prezzo stimato di 60-70 milioni di sterline (circa 100 milioni di euro). La mossa del fondatore di Recon è l’ultima compiuta da investitori cinesi in club europei: lo scorso anno una cordata ha sborsato 400 milioni di dollari per il 13% del Manchester City, in scia alla visita del presidente Xi Jinping, promotore di un grande progetto per fare del calcio lo sport nazionale.

Condividi: