Antonello Tolve a Caracas disserterà sull’arte e la critica italiana

Pubblicato il 20 maggio 2016 da redazione

L'ambasciatore Silvio Mignano

L’ambasciatore Silvio Mignano

CARACAS – Tanta politica. E’ sempre stato così. Ma mai prima d’ora la politica aveva occupato tutti gli spazi, anche quelli che dovrebbero essere riservati alla cultura. Ed allora, l’intellettualità venezuelana, che, come sempre,è avida di cultura, accoglie con grande entusiasmole attività organizzate dalla nostra Ambasciata e dal nostro Istituto Italiano di Cultura.

Le conferenze del curatore Antonello Tolve, prima nel Centro Cultural Chacao (domenica 22 maggio alle ore 10:00) e poi nel nostro Istituto Italiano di Cultura (giovedì 24 maggio alle ore 17:00) non sono certo l’eccezione.

– L’idea – spiega l’Ambasciatore Silvio Mignano – è stata proposta dallo stesso Antonello Tolve, uno dei giovani curatori italiani più apprezzati; una personalità di spicco che, a livello internazionale, lavora con i più importanti musei di arte contemporanea del mondo. Il suo progetto ci è sembrato assai importante poiché si articola su due anni.

Il nostro Ambasciatore chiarisce che si tratta di una mostra che sarà realizzata il prossimo anno. E spiega:
– Non ci limiteremo unicamente a invitare un determinato numero di artisti italiani, che rappresentano le diverse generazioni dal dopoguerra ad oggi, probabilmente un 50enne, un 40enne e un giovane, ma è nostra intenzione promuovere un interscambio con un numero ancora da definire di artisti venezuelani, affinché possano avviare un dialogo che trascenda il limite di tempo e spazio di una mostra. Per realizzare il progetto, il curatore non ha pensato di rivolgersi a noi che conosciamo la “rete” culturale locale ma che non siamo tecnici del settore. Ha deciso di venire personalmente. Devo dire che ci è sembrato molto serio da parte sua.

Antonello Tolve

Antonello Tolve

Quindi Tolve vuole un approccio profondo con la realtà venezuelana, desidera conoscere e capire in prima persona le espressioni di arte contemporanea “per superare la barriera tra il Venezuela e l’Europa, frutto della poca conoscenza che, a volte, si ha delle espressioni artistiche e culturali del Paese”.

E, infatti, a prescindere dalle attività delle istituzioni ufficiali, la cui attenzione è distratta da altre priorità, in Venezuela esiste un sottobosco di artisti giovani e meno giovani e di persone amanti della cultura che sovente sfugge ad occhi poco allenati ma non a quello di chi ha fatto dell’attività culturale una sua ragione di vita.

– Il Venezuela – ci dice l’Ambasciatore Mignano, poeta e scrittore prestato alla diplomazia e, comunque, uomo di una profonda formazione umanistica – ha una sua storia di arte contemporanea. Negli anni ’50 e ’60 è stata di altissimo livello. E questo lo sanno tutti. Non dimentichiamo la sua influenza nell’arte cinetica ma anche in tanti altri aspetti dell’architettura e dell’arte figurativa. Poi è sceso un cono d’ombra su ciò che si fa nel Paese. Tolve pensa, con umiltà: “Vengo, prendo contatti, studio, capisco la realtà e anche cosa, al suo interno, può essere utile far dialogare con quella italiana”.

L’ambasciatore è convinto che il prossimo anno, l’attività espositiva che si organizzerà con il curatore sarà di grande successo. Non sarà un confronto tra due realtà diverse ma l’avvio di un colloquio proficuo tra esse.

– Durante la sua permanenza in Venezuela, il cui obiettivo principale sarà quello di immergersi nella realtà locale per comprenderla, Tolve darà anche alcune conferenze…

– Sì, in effetti – ci dice subito l’Ambasciatore Mignano -. Dato che comunque aveva deciso di venire in Venezuela, abbiamo proposto che il suo lavoro non si limitasse alla preparazione dell’evento ma che offrisse qualcosa di più. Tolve – prosegue il diplomatico – ha accolto con entusiasmo la nostra idea. Abbiamo pensato di realizzare due conferenze. Una, chissà, un po’ più tecnica, ma non per questo di minor interesse per il grande pubblico, nel Centro Culturale di Chacao, e l’altra nel nostro Istituto Italiano di Cultura.

La prima, illustra l’Ambasciatore, “verterà sul rapporto tra la critica artistica e il lavoro del curatore” e l’altra, corredata da diapositive, sull’arte italiana dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi. Le due conferenze sono ovviamente in italiano ma sarà disponibile la traduzione simultanea con cuffie individuali. Per questo, l’Ambasciatore raccomanda di non dimenticare un documento d’identità senza il quale la cuffia non sarà consegnata.

– Altre attività?

– Certamente queste due grandi conferenze, già in calendario – precisa -. Poi, probabilmente, lunedì ce ne sarà una terza con artisti e curatori venezuelani negli spazi de “Los Galpones”. Cercheremo di darne opportuna notizia attraverso la rete, non appena sarà confermata. Anche in questo caso, l’accesso sarà libero, non vi saranno limitazioni. Naturalmente, saremo presenti anche in programmi radio e di televisione

Ultima ora

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

Archivio Ultima ora