Regione Marche: Missione in Usa, un bilancio più che positivo

Pubblicato il 20 maggio 2016 da redazione

Il governatore della Regione Marche Luca Ceriscioli

Il governatore della Regione Marche Luca Ceriscioli

ANCONA – Una missione che ha rafforzato il legame fra Marche e Stati Uniti a beneficio del nostro sistema economico. Un bilancio più che positivo per il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, di ritorno dagli Usa.

“Durante i tre giorni intensi di appuntamenti – ha spiegato – abbiamo tessuto una fitta rete di rapporti puntando a individuare le varie opportunità che siano in grado di portare beneficio alla vita della nostra regione”.

Sulla scorta del valore del premio Urbino Press Award all’Ambasciata d’Italia a Washington DC, “trampolino di lancio” per la missione del presidente, tante le prospettive aperte per il sistema economico marchigiano, per le aziende, le università, il turismo e la cultura così tanto apprezzata dagli americani come palesemente dimostrato nel corso degli incontri con la delegazione marchigiana.

Proficuo l’appuntamento – si sottolinea dalla Regione – con il primo segretario e responsabile degli affari economici dell’Ambasciata, Andrea Cascone, con il quale sono state individuate le strategie di ingresso nel mercato statunitense per le Pmi marchigiane valutando, per quanto riguarda l’export, il trend positivo della bilancia dei pagamenti italiana con un forte surplus commerciale pari a 27 miliardi di dollari (il più alto al mondo per l’Italia).

Il primo settore è quello della meccanica con circa il 25% del valore del nostro export. Moda e agroalimentare occupano rispettivamente la terza e la quarta posizione e sono in forte crescita. L’Italia è il maggiore esportatore di vino.

I problemi maggiori sono legati alla contraffazione dei prodotti italiani: per questo ICE e MISE utilizzano un programma speciale per il made in Italy, 60 milioni, per introdurre nuovi prodotti sul mercato soprattutto mediante accordi con la grande distribuzione. Occorre quindi valutare la modalità per le aziende marchigiane di inserimento nel piano speciale, unire le forze per far fronte ai maggiori costi e rendere più forte l’offerta. Vincente per l’export è il modello Eataly.

Da queste considerazione si è dedotto che è fondamentale costruire una rete di distribuzione che consenta la vendita dei prodotti, sviluppare forme di aggregazione tra le aziende e avvalersi in forma aggregata di uffici di consulenza. Aggregazioni necessarie soprattutto per i produttori del settore agroalimentare utili ad affrontare le difficoltà legate alle certificazioni e alle restrizioni doganali sui prodotti.

Fondamentali, poi, le attività promozionali multisettore con campagne mirate di promozione del brand Marche. Al vaglio la proposta di realizzare un’attività di formazione per settori, nella stessa ambasciata in teleconferenza e indirizzata alle aziende, propedeutica alla realizzazione di progetti di export verso gli Usa.

Scenari ampi anche per il sistema universitario: nel corso dell’ incontro con l’università di Georgetown sono state ipotizzate possibilità di contatto e scambio con gli atenei marchigiani.

“Siamo pronti al prossimo passaggio che è stabilire un rapporto con i rettori”, ha detto Ceriscioli, sottolineando il lavoro svolto con l’assistenza dell’ambasciata d’Italia e in particolare con il suo ufficio per le relazioni commerciali e i contatti con i rappresentanti dello Stato del Maryland.

Un’iniziativa riguarda la National Gallery of Art, tra le istituzioni museali più importanti di Washington, dove verrà esposta per tre mesi, in concomitanza di eventi economici e dell’Urbino Press Award, un’opera marchigiana che racconti il territorio come strumento di promozione.

L’obiettivo è far capire che l’Italia, oltre alle destinazioni già note, ha qualità straordinarie in luoghi speciali ricchi di storia, arte e cultura da scoprire, come rilevato dal vincitore 2016, Mark Mazzetti, giornalista del New York Times specializzato sui temi della Sicurezza Nazionale e Intelligence, dopo aver ricevuto la nomina.

Ultima ora

13:05Mafia: 5 fermati, c’è figlio “autista” Riina

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di mafia ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fuggire. In carcere tra gli altri è finito Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore Biondino, autista e uomo di fiducia di Totò Riina. Per gli inquirenti è il nuovo "reggente" del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni. I provvedimenti sono stati eseguiti dai carabinieri. Biondino, nei mesi scorsi, aveva lasciato più volte Palermo per andare in Spagna con l'intenzione di organizzare la sua imminente latitanza. Arrestato anche Francesco Lo Iacono, altra parentela di "rango" in Cosa nostra: è il nipote del boss Francesco Lo Iacono, storico capomafia di Partitico. E' accusato dell'incendio di una concessionaria di auto. Si stava preparando a partire per Düsseldorf per darsi alla latitanza. In carcere anche Salvatore Ariolo e Ahmed Glaoui, accusati di mafia ed estorsione e Bartolomeo Mancuso, accusato di estorsione.

13:04Sci: Kristoffersen in testa slalom Kitzbuehel, Gross è 6/o

(ANSA) - KITZBUEHEL, 21 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen in 55.87 e' al comando dopo la prima manche dello slalom speciale di cdm di Kitzbuehel. Lo seguono gli austriaci Michael Matt in 55.97 e Marcel Hirscher in 56.92 Per l'Italia il migliore e' il trentino Stefano Gross con il sesto tempo in 57.57. Piu' indietro, dopo la prova dei primi trenta atleti , vi sono al momento Manfred Moelgg 17/o in 58.22 e Patrick Thaler 25/o in 56.98. Seconda manche alle 13.30.

13:03Siria: curdi negano ingresso turchi a Afrin

(ANSA) - ANKARA, 21 GEN - Le forze curde e l'Osservatorio siriano per i diritti umani negano che militari turchi siano entrati nell'enclave di Afrin, in Siria. I tentativi di Ankara di infiltrarsi sono stati respinti, ha dichiarato Mustafa Bali il portavoce delle forze democratiche siriane, la coalizione a prevalenza curda alleata degli Stati Uniti.

13:00Mafia: collabora con magistrati boss Macaluso

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - Il mafioso palermitano Sergio Macaluso, 44 anni, ha deciso di collaborare con la giustizia. Era stato arrestato nel dicembre scorso dai carabinieri nell'inchiesta denominata Talea che portò in cella 25 mafiosi tra cui Mariangela Di Trapani, moglie del boss Madonia. La donna aveva preso in mano le redini della cosca durante la detenzione al 41 bis del marito. Macaluso, che da qualche settimana riempie pagine di verbali, è ritenuto dagli inquirenti uno dei nuovi elementi di vertice del mandamento mafioso di Resuttana-San Lorenzo. Il particolare emerge dall'indagine della Dda che ha portato al fermo di cinque mafiosi, tra cui Giuseppe Biondino, il figlio dell'ex autista di Totò Riina, Salvatore Biondino.

12:49Incidente stradale:auto investe coppia, lui morto lei ferita

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 21 GEN - Un uomo è morto e la sua compagna è rimasta gravemente ferita dopo essere stati investiti da un'auto. L'incidente è avvenuto nella tarda serata di ieri a Locri, lungo la statale 106. La vittima è l'imprenditore di Siderno Pasquale Sgotto, di 43 anni, titolare di una nota azienda di vendita di mobili e cucine e di un servizio di onoranze funebri. La compagna, B.P. (44) è stata soccorsa e portata nell'ospedale di Locri dove è ricoverata in prognosi riservata. Secondo la prima ricostruzione fatta dai carabinieri della compagnia di Locri, i due, all'uscita di un cinema situato nella zona, sono stati investiti mentre attraversavano la strada. A travolgere la coppia una Mercedes classe B condotta da una persona che risiede nella Locride e che dopo l'impatto si è subita fermata chiamando i soccorsi. L'investitore è indagato per omicidio stradale. Sgotto è morto sul colpo. (ANSA).

12:48Attacco Kabul: tv, almeno 18 i morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti nell'attacco di un commando di talebani ieri all'Hotel Intercontinental di Kabul sarebbero "almeno 18". Lo riferisce la Tv Tolo. L'emittente, che prima aveva rilanciato un bilancio ufficiale di sei morti, cita ora fonti non precisate.

12:28Scontro in galleria nel bresciano, 7 feriti

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Sette persone sono rimaste ferite, di cui tre in modo grave, in un incidente che si è verificato all'alba all'interno della galleria Trentapassi a Pisogne, in provincia di Brescia. Tre le auto coinvolte in una carambola probabilmente nata a causa dell'alta velocità e per una manovra azzardata. La galleria è stata riaperta al traffico dopo alcune ore nelle quali sono stati effettuati i rilievi di polizia. Tre feriti sono, condizioni critiche, sono stati trasportati in ospedale con l'elisoccorso.

Archivio Ultima ora