Istat: lavoro incerto, giovani qualificati ma a casa di papà

Pubblicato il 20 maggio 2016 da redazione

giovani

ROMA. – Un Paese di anziani, sostanzialmente benestanti, che mantengono economicamente ma allo stesso tempo ostacolano lo sviluppo delle generazioni più giovani, alle prese con un mercato del lavoro incerto e poco redditizio e con la prospettiva di poter difficilmente raggiungere livelli sociali ed economici migliori dei loro genitori.

Nell’ultimo rapporto annuale l’Istat celebra i 90 anni di attività statistica guardando ai grandi cambiamenti di quasi un secolo di storia italiana e fornendo un’ultima fotografia di un Paese in cui i giovani, per quanto istruiti, al passo con i tempi e qualificati, sembrano schiacciati dalla loro stessa rete di protezione, la famiglia.

La generazione di transizione, quella dei millennials e forse anche la più giovane, quella che l’Istat chiama “delle reti”, costantemente connessa, sembrano aver già perso l’opportunità di salire sull’ascensore sociale che ha invece permesso a tutto il Paese di crescere nei decenni precedenti e per questo restano a casa con mamma e papà, non tanto – o non sempre – come bamboccioni ma per l’impossibilità di mantenersi.

Negli anni l’eccesso di spesa pensionistica ha avvantaggiato enormemente gli anziani, lasciando poco o niente al contrasto della povertà, facendo oggi del nostro Paese uno dei meno efficienti in Europa.

Allo stesso tempo le diseguaglianze sono aumentate: la famiglia ha fatto da paracadute a chi poteva permetterselo e da tappo a chi cercava di accedere ai gradini più alti della scala sociale, rendendo i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri.

“In Italia – ha spiegato il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva – rimane ancora forte il legame tra i redditi percepiti e il contesto socio-economico della famiglia di provenienza, legame che tende a ostacolare i processi di mobilità sociale”. E forse non è un caso che il rapporto sia stato presentato mentre prosegue la protesta dei ricercatori precari dell’Istituto.

SEMPRE DI MENO E SEMPRE PIU’ VECCHI – La popolazione italiana diminuisce e invecchia. Al 1 gennaio 2016 la stima è di 60,7 milioni di residenti (139 mila in meno sull’anno precedente) mentre gli over 64 sono 161,1 ogni 100 giovani con meno di 15 anni. Il nostro Paese è tra i più invecchiati al mondo, insieme a Giappone e Germania, e tocca il nuovo minimo storico dall’Unità d’Italia per le nascite: nel 2015 sono state 488 mila, 15 mila in meno rispetto al 2014. Per il quinto anno consecutivo diminuisce la fecondità, solo 1,35 i figli per donna. Siamo molto lontani dal periodo del baby boom (dal 1946 al 1965), quando il numero medio di figli per donna arrivò all’apice di 2,7.

GIOVANI TROPPO QUALIFICATI, 1 SU 4 HA CONTRATTI A TEMPO – Oltre un ragazzo su tre tra i 15 e i 34 anni è “sovraistruito”, troppo qualificato per il lavoro che svolge. La quota è 3 volte superiore a quella degli adulti (13%). Le professioni più frequenti nell’approccio al mercato del lavoro siano quelle di commesso, cameriere, barista, addetti personali, cuoco, parrucchiere ed estetista. Tra i giovani inoltre è più diffuso il part time, soprattutto involontario (77,5% dei part timer giovani, contro il 57,2% degli adulti), “ad indicare un’ampia disponibilità di lavoro in termini di orario che rimane insoddisfatta. Anche il lavoro temporaneo è diffuso soprattutto tra i giovani: ha un lavoro a termine un giovane su 4 contro il 4,2% di chi ha 55-64 anni.

BAMBINI NUOVI POVERI, ANZIANI STANNO MEGLIO – I minori sono i soggetti che hanno pagato il prezzo più elevato della crisi in termini di povertà e deprivazione, a dispetto delle generazioni più anziane. L’incidenza di povertà relativa per gli under18, che tra il 1997 e il 2011 aveva oscillato su valori attorno all’11-12%, ha raggiunto il 19% nel 2014. Al contrario, tra gli anziani – che nel 1997 presentavano un’incidenza di povertà di oltre 5 punti percentuali superiore a quella dei minori – si è osservato un progressivo miglioramento che è proseguito fino al 2014 quando l’incidenza tra gli anziani è di 10 punti percentuali inferiore a quella dei più giovani.

ANZIANI PIÙ SPRINT, BABY BOOMER INVECCHIANO MEGLIO – Con le loro condizioni economiche, i nuovi anziani hanno migliorato anche i loro standard di vita grazie all’aumento dei livelli di istruzione e di benessere economico, a stili di vita via via più salutari, a prevenzione e progressi in campo medico. La generazione dei baby boomer, cioè coloro che sono nati dal 1946 al 1965, arrivano alla soglia dell’età anziana in condizioni di salute decisamente migliori rispetto alle precedenti.

2,2 MLN FAMIGLIE JOBLESS, SENZA REDDITI LAVORO – Le famiglie “jobless” sono passate dal 9,4% del 2004 al 14,2% dell’anno scorso e nel Mezzogiorno raggiungono il 24,5%, quasi un nucleo su quattro. La quota scende all’8,2% al Nord e al 11,5% al Centro. Anche in questo caso i giovani sono i più penalizzati: l’incremento ha riguardato le famiglie giovani rispetto alle adulte: tra le prime l’incidenza è raddoppiata dal 6,7% al 13%, tra le seconde è passata dal 12,7% al 15,1%.

ITALIA ESCE DA CRISI PROFONDA MA CAMMINA PIANO – Il quadro dipinto è quello che emerge da una recessione “lunga e profonda, senza più termini di paragone nella storia in cui l’Istat è stato testimone in questi 90 anni”. Oggi il Paese sperimenta “un primo, importante, momento di crescita persistente anche se a bassa intensità”. Rispetto ai precedenti episodi di espansione ciclica la ripresa produttiva è infatti decisamente più fragile.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

22:36Coppa del Re: Montella batte il ‘cholo’ e respira

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Vincenzo Montella respira. Dopo i due ko in Liga, contro il Betis e l'Alaves, il suo Siviglia si riscatta nell'andata dei quarti di Coppa del Re, vincendo sul campo dell'Atletico Madrid. Finisce 2-1 per gli andalusi che pure erano andato sotto 1-0 grazie a Diego Costa (73'). Il vantaggio dei padroni di casa è durato appena 7', co, pareggio raggiunto grazie all'autogol di Moya (80'). Quando l'epilogo sembrava scontato ci ha pensato Joaquin Correa a far sorridere l'ex tecnico del Milan piombando su un pallone vagante in area e trafiggere il portiere madrileno. Nell'altro quarto di finale disputato sempre alle 19 vittoria del valencia sull'Alaves per 2-1. Anche qui vittoria in rimonta: ha aperto le marcature Sobrino (66'), poi il parrggio di Guedes (73') e il gol vittoria di Rodrigo all'82'. Il ritorno di entrambe le partite è in programma martedì 23 gennaio.

22:23Donna uccisa in Calabria: omicida condannato a 30 anni

(ANSA) - CROTONE , 17 GEN - Salvatore Fuscaldo, il bracciante 50enne di Cirò Marina, reo confesso dell'omicidio di Antonella Lettieri, la commessa di 42 anni uccisa l'8 marzo dello scorso a Cirò Marina, è stato condannato a 30 anni di reclusione dal gup di Crotone che ha accolto la richiesta avanzata dal pm Alfredo Manca a conclusione della requisitoria nel processo celebrato con il rito abbreviato. Il rappresentante della pubblica accusa ha ripercorso le tappe della vicenda, elencando le prove raccolte dal giorno dell'omicidio fino alla richiesta di rinvio a giudizio con l'accusa di omicidio aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà. Antonella Lettieri venne uccisa nella sua abitazione con almeno una ventina di colpi alla testa sferrati con un tubo di ferro ed undici coltellate al corpo. L'indagine è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Cirò Marina, con l'ausilio del Ris di Messina. L'uomo, vicino di casa della vittima, fu fermato il 16 marzo ed il 21 aprile confessò di essere l'autore dell'omicidio.(ANSA).

22:13Inchiesta Girgenti acque, 73 indagati per vari reati

(ANSA) - AGRIGENTO, 17 GEN - Sono stati notificati, dalla Procura di Agrigento, 73 avvisi di proroga delle indagini nell'ambito di un'inchiesta che ipotizza un'associazione a delinquere legata anche ad assunzioni a "Girgenti Acque", società che gestisce il servizio idrico e fognario in molti Comuni dell'Agrigentino. Agli indagati vengono contestati l' associazione per delinquere, truffa, corruzione, riciclaggio e inquinamento ambientale. Fra gli indagati anche il prefetto di Agrigento Nicola Diomede e Angelo Alfano, padre del ministro degli Esteri Angelino.

22:10Germania: Schulz,ampio sostegno da Spd Baviera su coalizione

(ANSA) - BERLINO, 17 GEN - La missione bavarese di Martin Schulz, in vista del voto di domenica sulla Grosse Koalition, restituisce il sorriso al leader dei socialdemocratici, che oggi ha trovato nella sezione locale del partito "ampio sostegno", come ha detto comparendo alla fine davanti alla stampa. Se da un lato Angela Merkel ha auspicato che l'Spd decida di procedere alle consultazioni, la cancelliera ha anche chiarito che i risultati dei colloqui esplorativi, "nei suoi punti cruciali, non potrà essere sottoposto a nuove trattative". Un principio che Schulz sembra accettare, ma l'ex presidente del Parlamento Ue ha anche affermato che le consultazioni saranno il momento in cui quei risultati "potranno essere approfonditi e precisati". Nei giorni scorsi lo scontro sulla possibile nuova Grosse Koalition nella partito si è inasprito, con l'offensiva lanciata dai giovani dello Juso e diversi direttivi regionali che hanno votato contro, come quello di Berlino.

22:07Nigeria: doppio attentato kamikaze con 12 morti

(ANSA) - MAIDUGURI (NIGERIA), 17 GEN - In un doppio attentato kamikaze compiuto in un mercato in Nigeria 12 persone sono morte e 48 altre sono rimaste ferite. L'attentato è avvenuto a Maiduguri, capitale dello Stato federale del Borno dove è attivo il gruppo terrorista islamico Boko Haram. Una prima persona si è fatta esplodere all'interno del mercato mentre una seconda è rimasta fuori, uccidendo solo se stesso, ha riferito un commerciante. L'attentatore che si è fatto esplodere nel mercato era un donna, mentre il secondo era un uomo, ha precisato il capo delle operazioni di soccorso dell'Agenzia di Stato di gestione delle emergenze, Bello Dambatta. I Boko Haram sono un'organizzazione terroristica jihadista sunnita diffusa nel nord della Nigeria e alleatasi nel 2015 con l'Isis. Dal 2009 ha ucciso circa 20 mila persone in Nigeria e Paesi confinanti innescando una crisi umanitaria da 2,3 milioni di sfollati e profughi.

22:06Polonia: migliaia contro stretta aborto

(ANSA) - VARSAVIA, 17 GEN - Migliaia di donne polacche sono scese in piazza a Varsavia e in altre 60 città polacche contro un nuovo tentativo di introdurre ulteriori restrizioni sull'aborto, già fortemente limitato dalle leggi polacche. Le marce sono state promosse in risposta a una decisione del parlamento, che la scorsa settimana ha accolto una nuova proposta di legge che vieta alle donne di abortire in caso di malattia del feto scoperta con le analisi prenatali. La misura è sostenuta fortemente dall'episcopato cattolico.

22:00India: petroliera in fiamme al largo del Gujarat

(ANSA) - NEW DELHI, 17 GEN - Un incendio è scoppiato oggi pomeriggio a bordo della petroliera indiana MT Genessa che era all'ancora a 15 miglia nautiche al largo del porto di Deendayal nel distretto di Kutch dello Stato nord-occidentale di Gujarat. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti, precisando che non si segnalano vittime. Un portavoce della Guardia costiera ha DETto che tutti i 26 membri dell'equipaggio sono stati tratti in salvo, che due hanno ustioni importanti, e che nei serbatoi della nave vi sono 30.000 tonnellate di gasolio. La stessa fonte ha detto che le fiamme si sono sprigionate nella zona delle cabine dell'equipaggio e che sul posto sono in corso le operazioni di spegnimento dell'incendio, con l'ausilio di unità navali e di un aereo. Sono inoltre intervenute unità specializzate nella lotta all'inquinamento che per una eventuale fuoriuscita di carburante.

Archivio Ultima ora