Istat: lavoro incerto, giovani qualificati ma a casa di papà

Pubblicato il 20 maggio 2016 da redazione

giovani

ROMA. – Un Paese di anziani, sostanzialmente benestanti, che mantengono economicamente ma allo stesso tempo ostacolano lo sviluppo delle generazioni più giovani, alle prese con un mercato del lavoro incerto e poco redditizio e con la prospettiva di poter difficilmente raggiungere livelli sociali ed economici migliori dei loro genitori.

Nell’ultimo rapporto annuale l’Istat celebra i 90 anni di attività statistica guardando ai grandi cambiamenti di quasi un secolo di storia italiana e fornendo un’ultima fotografia di un Paese in cui i giovani, per quanto istruiti, al passo con i tempi e qualificati, sembrano schiacciati dalla loro stessa rete di protezione, la famiglia.

La generazione di transizione, quella dei millennials e forse anche la più giovane, quella che l’Istat chiama “delle reti”, costantemente connessa, sembrano aver già perso l’opportunità di salire sull’ascensore sociale che ha invece permesso a tutto il Paese di crescere nei decenni precedenti e per questo restano a casa con mamma e papà, non tanto – o non sempre – come bamboccioni ma per l’impossibilità di mantenersi.

Negli anni l’eccesso di spesa pensionistica ha avvantaggiato enormemente gli anziani, lasciando poco o niente al contrasto della povertà, facendo oggi del nostro Paese uno dei meno efficienti in Europa.

Allo stesso tempo le diseguaglianze sono aumentate: la famiglia ha fatto da paracadute a chi poteva permetterselo e da tappo a chi cercava di accedere ai gradini più alti della scala sociale, rendendo i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri.

“In Italia – ha spiegato il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva – rimane ancora forte il legame tra i redditi percepiti e il contesto socio-economico della famiglia di provenienza, legame che tende a ostacolare i processi di mobilità sociale”. E forse non è un caso che il rapporto sia stato presentato mentre prosegue la protesta dei ricercatori precari dell’Istituto.

SEMPRE DI MENO E SEMPRE PIU’ VECCHI – La popolazione italiana diminuisce e invecchia. Al 1 gennaio 2016 la stima è di 60,7 milioni di residenti (139 mila in meno sull’anno precedente) mentre gli over 64 sono 161,1 ogni 100 giovani con meno di 15 anni. Il nostro Paese è tra i più invecchiati al mondo, insieme a Giappone e Germania, e tocca il nuovo minimo storico dall’Unità d’Italia per le nascite: nel 2015 sono state 488 mila, 15 mila in meno rispetto al 2014. Per il quinto anno consecutivo diminuisce la fecondità, solo 1,35 i figli per donna. Siamo molto lontani dal periodo del baby boom (dal 1946 al 1965), quando il numero medio di figli per donna arrivò all’apice di 2,7.

GIOVANI TROPPO QUALIFICATI, 1 SU 4 HA CONTRATTI A TEMPO – Oltre un ragazzo su tre tra i 15 e i 34 anni è “sovraistruito”, troppo qualificato per il lavoro che svolge. La quota è 3 volte superiore a quella degli adulti (13%). Le professioni più frequenti nell’approccio al mercato del lavoro siano quelle di commesso, cameriere, barista, addetti personali, cuoco, parrucchiere ed estetista. Tra i giovani inoltre è più diffuso il part time, soprattutto involontario (77,5% dei part timer giovani, contro il 57,2% degli adulti), “ad indicare un’ampia disponibilità di lavoro in termini di orario che rimane insoddisfatta. Anche il lavoro temporaneo è diffuso soprattutto tra i giovani: ha un lavoro a termine un giovane su 4 contro il 4,2% di chi ha 55-64 anni.

BAMBINI NUOVI POVERI, ANZIANI STANNO MEGLIO – I minori sono i soggetti che hanno pagato il prezzo più elevato della crisi in termini di povertà e deprivazione, a dispetto delle generazioni più anziane. L’incidenza di povertà relativa per gli under18, che tra il 1997 e il 2011 aveva oscillato su valori attorno all’11-12%, ha raggiunto il 19% nel 2014. Al contrario, tra gli anziani – che nel 1997 presentavano un’incidenza di povertà di oltre 5 punti percentuali superiore a quella dei minori – si è osservato un progressivo miglioramento che è proseguito fino al 2014 quando l’incidenza tra gli anziani è di 10 punti percentuali inferiore a quella dei più giovani.

ANZIANI PIÙ SPRINT, BABY BOOMER INVECCHIANO MEGLIO – Con le loro condizioni economiche, i nuovi anziani hanno migliorato anche i loro standard di vita grazie all’aumento dei livelli di istruzione e di benessere economico, a stili di vita via via più salutari, a prevenzione e progressi in campo medico. La generazione dei baby boomer, cioè coloro che sono nati dal 1946 al 1965, arrivano alla soglia dell’età anziana in condizioni di salute decisamente migliori rispetto alle precedenti.

2,2 MLN FAMIGLIE JOBLESS, SENZA REDDITI LAVORO – Le famiglie “jobless” sono passate dal 9,4% del 2004 al 14,2% dell’anno scorso e nel Mezzogiorno raggiungono il 24,5%, quasi un nucleo su quattro. La quota scende all’8,2% al Nord e al 11,5% al Centro. Anche in questo caso i giovani sono i più penalizzati: l’incremento ha riguardato le famiglie giovani rispetto alle adulte: tra le prime l’incidenza è raddoppiata dal 6,7% al 13%, tra le seconde è passata dal 12,7% al 15,1%.

ITALIA ESCE DA CRISI PROFONDA MA CAMMINA PIANO – Il quadro dipinto è quello che emerge da una recessione “lunga e profonda, senza più termini di paragone nella storia in cui l’Istat è stato testimone in questi 90 anni”. Oggi il Paese sperimenta “un primo, importante, momento di crescita persistente anche se a bassa intensità”. Rispetto ai precedenti episodi di espansione ciclica la ripresa produttiva è infatti decisamente più fragile.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

10:00Usa: Alabama, giustiziato detenuto sfuggito al boia 7 volte

(ANSA) - MONTGOMERY (ALABAMA), 26 MAG - Era stato soprannominato 'Houdini' perché per ben sette volte era riuscito ad evitare il boia con vari appigli legali. Ma dopo l'ennesimo rinvio, per lui ieri sera non c'è stato più nulla da fare. Il detenuto Tommy Arthur, 75 anni, è stato giustiziato in un carcere nel sudest dell'Alabama, in Usa, con un'iniezione letale dopo essere stato condannato per un omicidio avvenuto nel 1982. La vittima, Troy Wicker, fu ammazzata a colpi di pistola mentre dormiva nella cittadina di Muscle Shoals. All'epoca, la moglie disse di essere stata violentata da un afroamericano che poi ammazzò il marito. Dopo confessò dicendo di aver pianificato con Arthur l'uccisione del consorte e l'uomo si presentò a casa loro con una parrucca stile afro per compiere il delitto. La donna lo pagò con 10mila dollari. Tra il 2001 e il 2016 sono state fissate sette condanne a morte, tutte rinviate dopo i vari appelli degli avvocati. Fino a ieri sera.

09:58‘Ndrangheta: confiscata villa a esponente e sicario cosca

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 26 MAG - La Guardia di finanza del gruppo di Lamezia Terme ha eseguito un provvedimento di confisca di una villa appartenente ad un esponente di rilievo, indicato anche come sicario, di una cosca locale della 'ndrangheta. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Catanzaro su richiesta della Procura distrettuale antimafia del capoluogo. Le indagini dei finanzieri hanno consentito di mettere completamente in luce la pericolosità sociale del soggetto, la sua appartenenza alla cosca, tra le più agguerrite del lametino, e il compimento di gravi reati. La villa ubicata a Lamezia Terme, nella disponibilità del soggetto anche se intestata ad un congiunto, è valutata circa 300 mila euro, valore ritenuto sproporzionato ed ingiustificato rispetto ai redditi effettivamente dichiarati.(ANSA).

09:58Migranti: in 465 su nave arrivata nel porto di Taranto

(ANSA) - TARANTO, 26 MAG - Sono in corso all'hotspot di Taranto le procedure di identificazione dei 465 migranti sbarcati questa mattina al molo san Cataldo del porto mercantile dalla nave general cargo ship 'Sds Green'. I migranti sono stati salvati mercoledì scorso nel golfo della Sirte, al largo della Libia. La nave, assistita da un'agenzia del Gruppo Campostano, li ha presi in consegna da due unità Search and Rescue Vessels (ricerca e soccorso): 252 dalla Echo H87 e 213 dalla Iuventa. Una parte dei migranti, dopo l'identificazione, sarà subito smistata verso altre località a bordo di bus privati. Si tratta del secondo sbarco a Taranto nel giro di pochi giorni. Altri 952 erano giunti la notte tra il 21 e il 22 maggio scorsi a bordo del pattugliatore "Diciotti" della Guardia Costiera. (ANSA).

09:58Basket: Nba, James supera Jordan, record punti playoff

(ANSA) - BOSTON, 26 MAG - LeBron James spodesta Michael Jordan dalla testa della classifica dei migliori marcatori di sempre dei playoff Nba. La 'stella' dei Cleveland Cavaliers ha messo a segno una 'bomba' da tre punti nel terzo quarto di gara-5 nella finale Est a Boston contro i Celtics raggiungendo i 29 punti nella partita e i 5.989 complessivi nella sua carriera della fase finale del torneo. L'asso dei Chicago Bulls aveva messo a referto 5.987 in 179 gare dei playoff dal 1985 al 2003. Quello di stasera e' invece il 212/o match di James nella fase decisiva della stagione.

09:55Giro: si sale ancora da San Candido a Piancacallo, 191 km

(ANSA) - SAN CANDIDO (BOLZANO), 26 MAG - Il Giro d'Italia continua a procedere con il naso all'insù, oggi 19/a tappa, da San Candido (Bolzano) a Piancavallo (Pordenone), per un totale di 191 km. E grande spazio per gli ultimi attacchi alla vetta della classifica generale, sempre dominata da Tom Dumoulin. La tappa, classificata come di 'alta montagna', presenta ampi tratti pianeggianti nella parte finale, prima dell'ultima salita. I corridori, tuttavia, saranno subito chiamati a superare il Gpm del Passo di Monte Croce Comelico (dopo 13,9 km, a 1.696 di quota) e la Cima Sappada (1.242 metri, dopo 47,3 km), su strade mediamente ampie e in buono stato, prima della lunga discesa fino a Tolmezzo. Il secondo Gpm di giornata (2/a Categoria) arriverà dopo 104,7 km, a quota 955 metri. Il percorso diventerà pianeggiante fino ad Aviano. L'ultima salita che porterà all'arrivo di Piancavallo (1.290 metri) misura 15,4 km, e una pendenza media del 7,3%, con un picco del 14%.

09:46Basket: Nba, Golden State-Cavs finale per 3/o anno di fila

(ANSA) - BOSTON, 26 MAG - Per il terzo anno consecutivo e' Golden State Warriors contro Cleveland Cavaliers la finale dei playoff Nba che assegnera' l'anello dei vincitori. Grazie ai 35 punti di LeBron James, che gli danno il primo posto nella classifica 'all time' dei marcatori dei playoff, i Cavaliers hanno battuto i Celtics a Boston in gara-5 per 135-102 chiudendo sul 4-1 la serie di finale della Eastern Conference e potranno cosi' provare a difendere il titolo conquistato nel 2016. Kyrie Irving ha messo a segno 24 punti e Kevin Love 15, in una partita senza storia, con Cleveland avanti anche di 39 punti. Per Lebron James, in particolare, sara' la settima finale Nba consecutiva, dopo le quattro con Miami (due vinte e due perse) e quelle degli ultimi due anni con i Cavaliers contro i Golden State (persa nel 2015 e vinta lo scorso anno).

09:45Sequestro reperti archeologici in Veneto, quattro denunce

(ANSA) VENEZIA, 26 MAG - Una quarantina di reperti archeologici risalenti al III e IV secolo a.C., di cui 12 falsi ma posti in vendita come autentici, sono stati recuperati in varie province del Veneto dai carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale di Venezia. Quattro persone, residenti tra le province di Venezia Verona e Treviso, sono state denunciate per ricettazione, impossessamento di beni culturali e contraffazione. Il valore dei reperti è di un milione di euro.

Archivio Ultima ora