Istat: lavoro incerto, giovani qualificati ma a casa di papà

Pubblicato il 20 maggio 2016 da redazione

giovani

ROMA. – Un Paese di anziani, sostanzialmente benestanti, che mantengono economicamente ma allo stesso tempo ostacolano lo sviluppo delle generazioni più giovani, alle prese con un mercato del lavoro incerto e poco redditizio e con la prospettiva di poter difficilmente raggiungere livelli sociali ed economici migliori dei loro genitori.

Nell’ultimo rapporto annuale l’Istat celebra i 90 anni di attività statistica guardando ai grandi cambiamenti di quasi un secolo di storia italiana e fornendo un’ultima fotografia di un Paese in cui i giovani, per quanto istruiti, al passo con i tempi e qualificati, sembrano schiacciati dalla loro stessa rete di protezione, la famiglia.

La generazione di transizione, quella dei millennials e forse anche la più giovane, quella che l’Istat chiama “delle reti”, costantemente connessa, sembrano aver già perso l’opportunità di salire sull’ascensore sociale che ha invece permesso a tutto il Paese di crescere nei decenni precedenti e per questo restano a casa con mamma e papà, non tanto – o non sempre – come bamboccioni ma per l’impossibilità di mantenersi.

Negli anni l’eccesso di spesa pensionistica ha avvantaggiato enormemente gli anziani, lasciando poco o niente al contrasto della povertà, facendo oggi del nostro Paese uno dei meno efficienti in Europa.

Allo stesso tempo le diseguaglianze sono aumentate: la famiglia ha fatto da paracadute a chi poteva permetterselo e da tappo a chi cercava di accedere ai gradini più alti della scala sociale, rendendo i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri.

“In Italia – ha spiegato il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva – rimane ancora forte il legame tra i redditi percepiti e il contesto socio-economico della famiglia di provenienza, legame che tende a ostacolare i processi di mobilità sociale”. E forse non è un caso che il rapporto sia stato presentato mentre prosegue la protesta dei ricercatori precari dell’Istituto.

SEMPRE DI MENO E SEMPRE PIU’ VECCHI – La popolazione italiana diminuisce e invecchia. Al 1 gennaio 2016 la stima è di 60,7 milioni di residenti (139 mila in meno sull’anno precedente) mentre gli over 64 sono 161,1 ogni 100 giovani con meno di 15 anni. Il nostro Paese è tra i più invecchiati al mondo, insieme a Giappone e Germania, e tocca il nuovo minimo storico dall’Unità d’Italia per le nascite: nel 2015 sono state 488 mila, 15 mila in meno rispetto al 2014. Per il quinto anno consecutivo diminuisce la fecondità, solo 1,35 i figli per donna. Siamo molto lontani dal periodo del baby boom (dal 1946 al 1965), quando il numero medio di figli per donna arrivò all’apice di 2,7.

GIOVANI TROPPO QUALIFICATI, 1 SU 4 HA CONTRATTI A TEMPO – Oltre un ragazzo su tre tra i 15 e i 34 anni è “sovraistruito”, troppo qualificato per il lavoro che svolge. La quota è 3 volte superiore a quella degli adulti (13%). Le professioni più frequenti nell’approccio al mercato del lavoro siano quelle di commesso, cameriere, barista, addetti personali, cuoco, parrucchiere ed estetista. Tra i giovani inoltre è più diffuso il part time, soprattutto involontario (77,5% dei part timer giovani, contro il 57,2% degli adulti), “ad indicare un’ampia disponibilità di lavoro in termini di orario che rimane insoddisfatta. Anche il lavoro temporaneo è diffuso soprattutto tra i giovani: ha un lavoro a termine un giovane su 4 contro il 4,2% di chi ha 55-64 anni.

BAMBINI NUOVI POVERI, ANZIANI STANNO MEGLIO – I minori sono i soggetti che hanno pagato il prezzo più elevato della crisi in termini di povertà e deprivazione, a dispetto delle generazioni più anziane. L’incidenza di povertà relativa per gli under18, che tra il 1997 e il 2011 aveva oscillato su valori attorno all’11-12%, ha raggiunto il 19% nel 2014. Al contrario, tra gli anziani – che nel 1997 presentavano un’incidenza di povertà di oltre 5 punti percentuali superiore a quella dei minori – si è osservato un progressivo miglioramento che è proseguito fino al 2014 quando l’incidenza tra gli anziani è di 10 punti percentuali inferiore a quella dei più giovani.

ANZIANI PIÙ SPRINT, BABY BOOMER INVECCHIANO MEGLIO – Con le loro condizioni economiche, i nuovi anziani hanno migliorato anche i loro standard di vita grazie all’aumento dei livelli di istruzione e di benessere economico, a stili di vita via via più salutari, a prevenzione e progressi in campo medico. La generazione dei baby boomer, cioè coloro che sono nati dal 1946 al 1965, arrivano alla soglia dell’età anziana in condizioni di salute decisamente migliori rispetto alle precedenti.

2,2 MLN FAMIGLIE JOBLESS, SENZA REDDITI LAVORO – Le famiglie “jobless” sono passate dal 9,4% del 2004 al 14,2% dell’anno scorso e nel Mezzogiorno raggiungono il 24,5%, quasi un nucleo su quattro. La quota scende all’8,2% al Nord e al 11,5% al Centro. Anche in questo caso i giovani sono i più penalizzati: l’incremento ha riguardato le famiglie giovani rispetto alle adulte: tra le prime l’incidenza è raddoppiata dal 6,7% al 13%, tra le seconde è passata dal 12,7% al 15,1%.

ITALIA ESCE DA CRISI PROFONDA MA CAMMINA PIANO – Il quadro dipinto è quello che emerge da una recessione “lunga e profonda, senza più termini di paragone nella storia in cui l’Istat è stato testimone in questi 90 anni”. Oggi il Paese sperimenta “un primo, importante, momento di crescita persistente anche se a bassa intensità”. Rispetto ai precedenti episodi di espansione ciclica la ripresa produttiva è infatti decisamente più fragile.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

17:15Tiro a volo: Europei,Italia 2 ori in disciplina ‘cancellata’

(ANSA) - BAKU, 23 LUG - "Purtroppo non campo solo di tiro, devo lavorare". E' il commento amaro di Marco Innocenti, argento olimpico a Rio nel Double Trap, la disciplina che da Tokyo 2020 non farà più parte del programma olimpico, soppressa per dare spazio alla gara di Fossa a coppie miste. Innocenti è appena uscito dalla pedana dove il russo Artem Nekrasov lo ha battuto per 4-3 nello spareggio che valeva l'accesso alla finale a 6 nella gara degli Europei di Baku, dopo che i due avevano concluso sul 134 pari. A 39 anni il vicecampione olimpico si dedicherà anima e corpo all'armeria di Montemurlo che porta il suo cognome. Il titolo lo vince il russo Vitaly Fokeev, argento allo slovacco Andrzeij Hubert Olejnik, bronzo all'altro russo Vasily Mosin. Per l'Italia arriva l'oro a squadre: Barillà-Di Spigno-Innocenti vincono con 415/450, 2/a la Russia (411). Medaglie arrivano dalle Lady, perché le 3 azzurre hanno riempito il podio: oro Sofia Maglio, ventenne di Nardò, argento la leccese Claudia De Luca, bronzo la padovana Monica Girotto.

16:47Dipendenti Comune Genova “furbetti”, chieste condanne per 7

(ANSA) - GENOVA, 23 LUG - La procura di Genova ha chiesto nei giorni scorsi la condanna di sette dipendenti comunali, alcuni ancora al lavoro, accusati di truffa aggravata. Le richieste vanno da un massimo di un anno e due mesi a nove mesi. La vicenda risale al 2012 quando gli agenti della polizia municipale iniziano a indagare su un gruppo di tecnici incaricati delle manutenzioni di impianti elettrici e di riscaldamento. Secondo quanto emerso, il gruppo (difeso dagli avvocati Davide Paltrinieri e Giuseppe Pugliese) andava a fare altro durante le ore di lavoro: chi a fare la spesa, chi al mare, chi se ne stava a casa. Uno di loro, a turno, teneva il badge degli altri e timbrava per tutti secondo le accuse. Il sistema era stato scoperto grazie a pedinamenti e appostamenti davanti all'ufficio in Valbisagno. Gli investigatori avevano seguito i "furbetti" documentando tutto e Palazzo Tursi aveva licenziato due dipendenti, mentre per gli altri cinque erano state comminati soltanto alcuni mesi di sospensione.

16:44Migranti: vandalismo contro centro profughi nel Piacentino

(ANSA) - PIACENZA, 23 LUG - Atto vandalico a scopo intimidatorio la scorsa notte in un centro di accoglienza per profughi in provincia di Piacenza. Quattro persone, riprese dalle telecamere di sicurezza, si sono presentate a bordo di un fuoristrada all'ingresso della struttura di accoglienza ad Albone, nel comune di Podenzano. Nello stesso comune proprio ieri pomeriggio attivisti di destra avevano dato vita a una manifestazione di protesta contro i richiedenti asilo. I vandali hanno scardinato con le mani uno dei grossi cancelli di ferro posti all'ingresso, poi sono risaliti in auto e sono fuggiti. Uno degli ospiti della struttura se n'è accorto e ha avvertito il 112. All'arrivo dei carabinieri della Compagnia di Piacenza, che stanno indagando, la vettura sospetta con i quattro uomini era già sparita facendo perdere le tracce. (ANSA).

16:29Calcio: Chiellini “Leo mi mancherà, ma in tanti importanti”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - "A livello umano mi mancherà, per il resto siamo tanti giocatori importanti e, magari, può arrivare un altro difensore che ci permetta di tirare il fiato". Reduce dall'amichevole persa contro il Barcellona negli Stati Uniti, Giorgio Chiellini non nasconde il dispiacere per l'addio di Leonardo Bonucci. "Negli ultimi sette anni ho visto più lui, insieme a Buffon e a Barzagli, di chiunque altro, famiglia compresa", ammette il difensore bianconero. Nella prima uscita stagionale, tra i bianconeri l'assenza di Bonucci si è vista tutta. E non solo per la facilità con cui nel primo tempo Neymar è andato a segno due volte. Oltre a difendere, Bonucci era infatti diventato il regista arretrato della squadra di Allegri, che ora deve affidarsi ai lanci lunghi di Buffon o agli esterni per impostare l'azione. "Eravamo cinque difensori, siamo quattro difensori di altissimo livello, con caratteristiche diverse - taglia corto Chiellini -. Quello sinceramente mi preoccupa meno".

16:05Calcio: Kolarov “Lazio il mio passato, ora è una mia rivale”

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Non posso e non voglio negare il mio passato. Però, in questo momento sono alla Roma e, come ho dato il 100% nella Lazio, adesso darò più del 100% alla Roma. La Lazio è stata una bella esperienza, però da oggi loro sono miei rivali sul campo". Si presenta così l'ex biancoceleste, Aleksandar Kolarov, da ieri nuovo rinforzo della difesa giallorossa. "Sono molto contento di essere qui - le parole del serbo - certi giocatori li conoscevo prima, gli altri invece no, ora ci sarà tutto il tempo di conoscerci meglio". Il ds Monchi, riconosce l'ex City, "è stato molto importante in questa trattativa, è stato molto chiaro con me e io molto chiaro con lui: abbiamo trovato l'accordo praticamente in due minuti". A Roma ritroverà Edin Dzeko, con cui ha giocato diversi anni a Manchester: "Io ed Edin siamo rimasti in contatto da quando lui è andato via. Ho parlato con lui della Roma e mi ma raccontato solo cose belle. Sono contento di giocarci ancora insieme. L'obiettivo è sempre quello di vincere. Darò il 100%".

16:03Ap: Alfano, ci uniremo ad altri e andremo avanti

(ANSA) - GIARDINI NAXOS (MESSINA), 23 LUG - "Difenderemo con orgoglio la storia di questi quattro anni. Ci uniremo insieme ad altri ed insieme ad altri, insieme a tutti quegli altri con cui ci siamo uniti, andremo avanti, non per il nostro bene ma per il bene di un Paese che ha bisogno di quest'area politica, di questo centro autonomo e indipendente, forte e coraggioso che noi con tutta la fatica di questi anni siamo riusciti a rappresentare e che siamo convinti di riuscire a rappresentare anche negli anni a venire". Così il leader di Ap Alfano a Giardini Naxos per la chiusura della Summer School.

16:03Ap: Alfano, in atto scontro ma non ci faremo annettere

(ANSA) - GIARDINI NAXOS (MESSINA) - "Ci attendono mesi faticosi perché tutte le aggressioni di questi mesi adesso sono arrivate all'aggressione finale perché è quella pre-elettorale. quindi nei prossimi giorni lo scontro si alzerà, ci sarà ancora maggior violenza nei nostri confronti, potremmo avere qualche altra defezione. A me di tutto questo interessa poco. Da settembre scende in campo la squadra titolare. Noi non ci piegheremo, non ci faremo sottomettere, non ci faremo annettere". Così il leader di Ap Angelino Alfano intervenendo alla Summer School a Giardini Naxos.

Archivio Ultima ora