Killer catamarano:si cerca donna portoghese,e chi lo aiutava

(ANSA) – ANCONA, 21 MAG – Una misteriosa donna portoghese sui 50 anni, non ancora identificata, con cui un vecchio conoscente francese l’ha incontrato in Portogallo; un ex compagno di cella albanese che gli avrebbe procurato un passaporto falso, altri albanesi che potrebbero averlo aiutato durante la latitanza. Sono le persone di cui Filippo De Cristofaro, il killer del catamarano, si è servito o che ha frequentato negli ultimi mesi, e che la polizia sta tentando di rintracciare per completare il puzzle della lunga fuga dell’assassino della skipper Annarita Curina. Le zone d’ombra che circondano gli spostamenti dell’ex latitante sono ancora molte. ”La perquisizione della casa di campagna in cui viveva a Galamares – dice il dirigente della Mobile anconetana Virgilio Russo – si è conclusa oggi, e non ha portato nuovi elementi decisivi. L’abitazione è modesta, De Cristofaro stava lì da solo, ma non sappiamo ancora come riuscisse a pagarsi l’affitto e il resto. Sulle sue entrate ci ha senz’altro raccontato una serie di falsità”’.

Condividi: