Mondo

Tags | , ,

La lobby delle armi sta con Trump. Duello con Hillary

Pubblicato il 22 maggio 2016 da redazione

US President Bill Clinton (R) and First Lady Hillary Rodham Clinton (L) talk prior to the arrival of the Czech President Vaclav Havel to the official State Dinner at the White House in Washington, DC, 16 September.  Clinton and Havel had a joint press conference earlier and Havel is expected to depart Washington 18 September.                  (ELECTRONIC IMAGE)  EPA/AFP/STEPHEN JAFFE

US President Bill Clinton (R) and First Lady Hillary Rodham Clinton (L) talk prior to the arrival of the Czech President Vaclav Havel to the official State Dinner at the White House in Washington, DC, 16 September. Clinton and Havel had a joint press conference earlier and Havel is expected to depart Washington 18 September. (ELECTRONIC IMAGE) EPA/AFP/STEPHEN JAFFE

WASHINGTON. – Tra Donald Trump e Hillary Clinton si accende anche il duello sulle armi, una delle questioni che più divide l’America. Ieri il candidato repubblicano, che in passato si era pronunciato per il bando delle armi automatiche, ha incassato l’endorsement della National Rifle Association (Nra), promettendo al popolo delle armi di proteggerlo e di eliminare anche le ‘gun free zone’, quegli spazi pubblici in cui è vietato portare pistole o fucili: scuole, chiese, uffici, e alcune aree delle basi militari. E ha bollato la rivale come “la candidata presidenziale più anti armi e anti secondo emendamento”, quello che garantisce l’autodifesa.

Hillary gli ha risposto presentandosi in Florida con la madre di Trayvon Martin, il teenager nero disarmato ucciso nel 2012 da un vicino che ha venduto all’asta la pistola del delitto per 100 mila dollari, ed altri genitori che hanno perso i figli in violenze legate alle armi da fuoco.

“Non possiamo permetterci 33mila morti l’anno”, ha twittato, precisando di sostenere il secondo emendamento ma di essere a favore delle misure di buon senso che rendano più severi i controlli sulla vendita e sul possesso di armi, come disposto recentemente da Barack Obama.

Un provvedimento, quest’ultimo, che invece Trump ha promesso di voler abolire, insieme a tutti gli altri emessi dal presidente americano, “in meno di un’ora appena arrivato alla Casa Bianca”.

Per Trump è stata una vera e propria standing ovation alla convention della Nra, dove ha cavalcato alla grande il sentiment della platea, che è quello dell’America profonda, ricambiato da un tifo da stadio.

“Hillary vuole togliervi le pistole. Vuole che la gente non si difenda, vuole abolire il secondo emendamento della nostra costituzione e vuole liberare pericolosi criminali. Noi non lo permetteremo, gli americani hanno il diritto di difendersi al 100%”, ha promesso.

Ma quasi ogni giorno gli Usa registrano morti, feriti o incidenti legati alle armi facili, come quella usata l’altro giorno vicino alla Casa Bianca da un uomo che è stato poi neutralizzato dal secret service.

Come sull’aborto e sui transgender, è un Paese spaccato in due quello rappresentato da Hillary e Trump in questa campagna elettorale: da una parte i cari di tante vittime innocenti, come Trayvon Martin, diventato icona del movimento ‘Black Lives Matter’, che combatte le violenze – soprattutto della polizia – contro le minoranze.

Dall’altra l’America riunita alla convention della Nra, che parla di “migliaia di patrioti in sala” e vanta di avere di 5 milioni di membri nell’associazione e decine di milioni di sostenitori delle armi in tutto il Paese.

“Mandiamo Hillary in pensione”, era lo slogan, mentre uno dei leader storici della Nra, Wayne LaPierre, invitava a far indossare alla Clinton “una tuta arancione”, come quella dei detenuti di Guantanamo.

Ultima ora

10:23Aggredito sacerdote Reggio Calabria, è grave

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 24 MAG - Un sacerdote, don Giorgio Costantino, è stato aggredito e malmenato da alcune giovani non identificati, nella notte a Reggio Calabria. Don Giorgio, parroco della Madonna del Divino Soccorso, sarebbe stato malmenato dal gruppo di giovani che aveva richiamato dopo che questi si erano introdotti in un locale della parrocchia forzando il cancello d'ingresso. Attualmente il sacerdote che è stato soccorso e trasportato in ospedale si trova ricoverato in prognosi riservata. Ha riportato un ematoma alla testa e dovrebbe essere, in queste ore, sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire agli autori dell'aggressione.(ANSA).

09:40Migranti sfruttati, arrestati coniugi del Bangladesh

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAG - Una coppia di coniugi del Bangladesh, titolari di una impresa agricola nel veneziano, sono stati arrestati dai carabinieri in esecuzione di un ordine di custodia cautelare per riduzione in schiavitù di connazionali costretti a lavorare per oltre 12 ore al giorno nei campi senza mai un giorno si riposo e senza alcuna retribuzione. I due sono accusati anche di minaccia aggravata nei confronti dei lavoratori e favoreggiamento della permanenza in Italia di persone senza permesso.

09:31Card. Bagnasco, grande onore per me aver servito la Cei

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "E' stato per me un grande onore e una grande grazia poter servire, come meglio ho saputo, la nostra Conferenza che ha il dono di un legame unico con il Vescovo di Roma, il Papa. Insieme abbiamo servito le nostre Chiese e il nostro amato Paese. Come sempre, ci affidiamo alla Vergine Maria, la grande Madre di Dio e della Chiesa". Lo ha detto il Card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente uscente della Cei, al termine dell'omelia della messa di conclusione dell'assemblea generale dei vescovi italiani, ultimo atto prima della nomina da parte di Papa Francesco del nuovo presidente. "E grazie per l'esempio, la parola saggia, l'amore alla Chiesa, che in questi dieci anni ho sempre visto in tutti e in ciascuno", ha aggiunto Bagnasco. E' attesa nelle prossime ore la nomina del nuovo presidente Cei da parte del Papa dopo la terna dei candidati: il cardinale di Perugia Gualtiero Bassetti, mons. Francesco Giulio Brambilla, vescovo di Novara e il cardinale Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento.

09:28Clan e affari, arrestati Cesaro, fratelli deputato FI

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAG - Gli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro, fratelli del deputato di Fi Luigi Cesaro, sono stati arrestati stamane dai carabinieri del Ros con altre tre persone, in esecuzione di un'ordinanza di custodia della Dda di Napoli. L'inchiesta è relativa alle infiltrazioni del clan Polverino negli investimenti da 40 milioni di euro per il piano di insediamento produttivo del Comune di Marano (Napoli).

09:16Filippine: gruppo filoIsis attacca chiesa

(ANSA) - MANILA, 24 MAG - Il gruppo terroristico filippino ispirato all'Isis, Maute, ha preso in ostaggio un prete, il personale di una chiesa e alcuni fedeli a Marawi City dopo aver dato fuoco alla cattedrale della città nel sud del Paese. Lo ha detto oggi il vescovo Edwin dela Peña, secondo quanto riporta il giornale online Philstar Global. L'arcivescovo Socrates Villegas, presidente della conferenza episcopale cattolica delle Filippine, ha detto che uomini armati hanno fatto irruzione nella cattedrale ed hanno preso in ostaggio il reverendo Chito Suganob e oltre 10 persone tra fedeli e personale della chiesa. Secondo Villegas il gruppo armato ha minacciato di uccidere gli ostaggi "se le forze governative scatenate contro di loro non vengono richiamate". Ieri il presidente Rodrigo Duterte ha imposto la legge marziale sull'isola di Mindanao dopo i violenti scontri a Marawi, dove almeno 15 uomini armati del gruppo Maute hanno impegnato l'esercito in una vera e propria battaglia.

09:10Manchester: due polacchi tra le vittime

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - I due cittadini polacchi che risultavano tra i dispersi nell'attacco alla Manchester Arena sono morti. Lo ha reso noto il ministero degli esteri di Varsavia secondo quanto riferisce l'Independent.

09:06Trump dal Papa: presidente Usa in Vaticano

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Il presidente Usa Donald Trump è giunto in Vaticano per l'udienza di papa Francesco. Il corteo presidenziale, proveniente da Villa Taverna, è entrato in Vaticano dalla porta laterale del Perugino per dirigersi al Cortile di San Damaso. Da lì la delegazione è entrata nel Palazzo Apostolico vaticano. Al suo arrivo, Trump, accompagnato dalla moglie Melania, è stato accolto da monsignor Georg Gaenswein, prefetto della Casa Pontificia. Trump è in abito scuro e cravatta regimental, la signora Melania in abito scuro. Al momento dell'incontro, Trump e il Papa si sono scambiati una cordiale stretta di mano e alcune parole di saluto.

Archivio Ultima ora