Mondo

Tags | , ,

La lobby delle armi sta con Trump. Duello con Hillary

Pubblicato il 22 maggio 2016 da redazione

US President Bill Clinton (R) and First Lady Hillary Rodham Clinton (L) talk prior to the arrival of the Czech President Vaclav Havel to the official State Dinner at the White House in Washington, DC, 16 September.  Clinton and Havel had a joint press conference earlier and Havel is expected to depart Washington 18 September.                  (ELECTRONIC IMAGE)  EPA/AFP/STEPHEN JAFFE

US President Bill Clinton (R) and First Lady Hillary Rodham Clinton (L) talk prior to the arrival of the Czech President Vaclav Havel to the official State Dinner at the White House in Washington, DC, 16 September. Clinton and Havel had a joint press conference earlier and Havel is expected to depart Washington 18 September. (ELECTRONIC IMAGE) EPA/AFP/STEPHEN JAFFE

WASHINGTON. – Tra Donald Trump e Hillary Clinton si accende anche il duello sulle armi, una delle questioni che più divide l’America. Ieri il candidato repubblicano, che in passato si era pronunciato per il bando delle armi automatiche, ha incassato l’endorsement della National Rifle Association (Nra), promettendo al popolo delle armi di proteggerlo e di eliminare anche le ‘gun free zone’, quegli spazi pubblici in cui è vietato portare pistole o fucili: scuole, chiese, uffici, e alcune aree delle basi militari. E ha bollato la rivale come “la candidata presidenziale più anti armi e anti secondo emendamento”, quello che garantisce l’autodifesa.

Hillary gli ha risposto presentandosi in Florida con la madre di Trayvon Martin, il teenager nero disarmato ucciso nel 2012 da un vicino che ha venduto all’asta la pistola del delitto per 100 mila dollari, ed altri genitori che hanno perso i figli in violenze legate alle armi da fuoco.

“Non possiamo permetterci 33mila morti l’anno”, ha twittato, precisando di sostenere il secondo emendamento ma di essere a favore delle misure di buon senso che rendano più severi i controlli sulla vendita e sul possesso di armi, come disposto recentemente da Barack Obama.

Un provvedimento, quest’ultimo, che invece Trump ha promesso di voler abolire, insieme a tutti gli altri emessi dal presidente americano, “in meno di un’ora appena arrivato alla Casa Bianca”.

Per Trump è stata una vera e propria standing ovation alla convention della Nra, dove ha cavalcato alla grande il sentiment della platea, che è quello dell’America profonda, ricambiato da un tifo da stadio.

“Hillary vuole togliervi le pistole. Vuole che la gente non si difenda, vuole abolire il secondo emendamento della nostra costituzione e vuole liberare pericolosi criminali. Noi non lo permetteremo, gli americani hanno il diritto di difendersi al 100%”, ha promesso.

Ma quasi ogni giorno gli Usa registrano morti, feriti o incidenti legati alle armi facili, come quella usata l’altro giorno vicino alla Casa Bianca da un uomo che è stato poi neutralizzato dal secret service.

Come sull’aborto e sui transgender, è un Paese spaccato in due quello rappresentato da Hillary e Trump in questa campagna elettorale: da una parte i cari di tante vittime innocenti, come Trayvon Martin, diventato icona del movimento ‘Black Lives Matter’, che combatte le violenze – soprattutto della polizia – contro le minoranze.

Dall’altra l’America riunita alla convention della Nra, che parla di “migliaia di patrioti in sala” e vanta di avere di 5 milioni di membri nell’associazione e decine di milioni di sostenitori delle armi in tutto il Paese.

“Mandiamo Hillary in pensione”, era lo slogan, mentre uno dei leader storici della Nra, Wayne LaPierre, invitava a far indossare alla Clinton “una tuta arancione”, come quella dei detenuti di Guantanamo.

Ultima ora

11:46Lombardia: Gori, Fontana non ha capito senso Costituzione

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - "Che un avvocato non capisca il senso con cui la parola razza è citato in Costituzione mi sembra un problema". Lo ha detto il candidato governatore della Lombardia per il centrosinistra Giorgio Gori a Radio Capital, commentando le parole dell'avversario Attilio Fontana che per spiegare la sua espressione sulla 'razza bianca' si è rifatto alla Costituzione. Alla domanda se Fontana debba ritirarsi dalla corsa, Gori ha risposto "No, non lo penso affatto, non sta a me dirlo. Penso che se il lapsus c'è stato è stato lapsus freudiano, cioè ha detto quello che pensa". Ma quella frase porterà più voti a Fontana? "Credo che questo sia servito a compattare una parte della sua base politica. Questa mattina Vittorio Feltri ha scritto 'con quell'uscita Fontana ha già vinto'. Io invece credo che sia la minoranza. La Lombardia è una non è una regione di razzisti. Poi probabilmente c'è qualcuno che lo è e voterà Fontana".

11:37Netanyahu, ambasciata Usa a Gerusalemme entro un anno

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 GEN - Benyamin Netanyahu ha definito "una buona cosa" la decisione Usa di tagliare i fondi all'Unrwa (l'agenzia Onu per i profughi palestinesi) e si è detto fiducioso che Trump sposterà l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme "molto più velocemente di quanto si pensi, probabilmente entro un anno". La mossa Usa - ha detto in viaggio in India ai media israeliani - "è la prima volta di una sfida all'Unrwa, dopo 70 anni. Un'agenzia che perpetua la narrativa palestinese e la cancellazione del sionismo... E' una buona cosa che si siano mossi in avanti e che abbiano sfidato questa istituzione". Per quanto riguarda l'ambasciata, Netanyahu ha sottolineato che "si muoverà molto più velocemente di quanto si pensi, un anno da oggi". (ANSAmed).

11:31Ciclismo: Vuelta di San Juan, i convocati di Cassani

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Dal 21 al 28 gennaio, in Argentina, è in programma la 36/a Vuelta di San Juan. Per questa gara a tappe, il coordinatore delle squadre nazionali, Davide Cassani, su indicazione del ct Marino Amadori, ha convocato i seguenti corridori: Mattia Bais, Federico Burchio, Filippo Calderaro, Leonardo Fedrigo, Filippo Rocchetti, Attilio Viviani. Alla corsa argentina parteciperanno 26 team, sette dei quali fanno parte del World tour, cinque sono Uci Professional, sette Continental, oltre ad altrettante rappresentative nazionali. Al via anche Vincenzo Nibali.

11:27Maltempo: Livorno, vento forte,interrotti collegamenti isole

(ANSA) - LIVORNO, 17 GEN - Interrotti i collegamenti con le isole minori a causa del forte vento di Libeccio che sferza la costa Livornese, e numerosi interventi dei vigili del fuoco in città e all'isola D'Elba. A causa del forte vento in nottata lo Star Kinn, un cargo porta cellulosa ormeggiato all'alto fondale ha rotto gli ormeggi danneggiando nell'urto la banchina e lo scafo. La punta massima registrata a Livorno è stata di 65 nodi, circa 120 km/h alle 6.10 di stamani. Sospeso anche il collegamento con Capraia e alle 5.00, come confermano dalla capitaneria di Portoferraio, sono stati interrotti i collegamenti dei traghetti anche con l'isola d'Elba. Gli interventi dei vigili del fuoco al momento sono concentrati nel centro di Livorno, anche con disagi alla circolazione per la chiusura al traffico di un tratto del viale Italia, e sull'Isola d'Elba.

11:21Uccisa in parco Milano, c’è video e foto sospetto assassino

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Le telecamere hanno filmato il sospetto assassino di Marilena Negri, la donna di 67 anni uccisa con una coltellata al collo all'interno del parco Villa Litta di Milano la mattina del 23 novembre scorso. Quella che sembrava solo un'ipotesi è ora confermata dalla decisione della Squadra mobile di diffondere il video e la foto che immortalano il killer. Un tentativo degli investigatori e della procura per accelerare le indagini con la speranza che qualcuno lo riconosca. Sarà fornita, inoltre, la foto della collanina strappata alla donna e che, secondo la ricostruzione, avrebbe spinto l'uomo ad aggredirla. L'autopsia sulla Negri ha decretato che l'assassino ha colpito una sola volta e di punta la carotide ma il medico legale si è riservato di spiegare nella relazione (da consegnerà entro 60 giorni) se la morte è avvenuta per dissanguamento, per soffocamento (il sangue avrebbe riempito i polmoni della vedova) o per infarto.

11:16Maltempo:pioggia e forti raffiche vento, disagi a Catanzaro

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Forti raffiche di vento e pioggia a tratti intensa stanno creando numerosi disagi a Catanzaro e in provincia. Tante le richieste di intervento giunte già dalla tarda serata di ieri alla sala operativa del comando provinciale dei vigili del fuoco del capoluogo. In particolare le squadre sono impegnate per alberi abbattuti e finiti su auto in sosta, rimozione di ostacoli, cartelloni e pannelli pubblicitari divelti. Due squadre sono impegnate per la messa in sicurezza di alcune lamiere divelte sulla facciata del teatro Politeama. Sono segnalate anche delle mareggiate sulle coste. Precipitazioni si registrano un po' in tutta la regione anche se al momento, fa sapere la Protezione civile regionale, non si registrano criticità.(ANSA).

10:56Tennis: Australia, Seppi passa al terzo turno

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Passa al terzo turno Andreas Seppi agli Australian Open. Il 33enne altoatesino, numero 76 della classifica mondiale e fresco reduce dal successo nel challenger di Canberra, ha superato oggi in tre set il giapponese Yoshihito Nishioka, con il punteggio di 6-1 6-3 6-4 in poco meno di due ore di gioco. Un match sempre dominato in cui Andreas ha sempre tenuto a distanza il 22enne rivale, numero 168 del ranking. Nel terzo parziale Seppi ha annullato una pericolosa palla break sul 4-4, quindi sul 5-4 ha strappato il servizio al rivale chiudendo la pratica. Una buona notizia anche in chiave Davis visto che Nishioka potrebbe essere avversario dell'Italia nella sfida con il Giappone in programma nel primo week end di febbraio a Morioka.

Archivio Ultima ora