Mondo

Tags | , ,

La lobby delle armi sta con Trump. Duello con Hillary

Pubblicato il 22 maggio 2016 da redazione

US President Bill Clinton (R) and First Lady Hillary Rodham Clinton (L) talk prior to the arrival of the Czech President Vaclav Havel to the official State Dinner at the White House in Washington, DC, 16 September.  Clinton and Havel had a joint press conference earlier and Havel is expected to depart Washington 18 September.                  (ELECTRONIC IMAGE)  EPA/AFP/STEPHEN JAFFE

US President Bill Clinton (R) and First Lady Hillary Rodham Clinton (L) talk prior to the arrival of the Czech President Vaclav Havel to the official State Dinner at the White House in Washington, DC, 16 September. Clinton and Havel had a joint press conference earlier and Havel is expected to depart Washington 18 September. (ELECTRONIC IMAGE) EPA/AFP/STEPHEN JAFFE

WASHINGTON. – Tra Donald Trump e Hillary Clinton si accende anche il duello sulle armi, una delle questioni che più divide l’America. Ieri il candidato repubblicano, che in passato si era pronunciato per il bando delle armi automatiche, ha incassato l’endorsement della National Rifle Association (Nra), promettendo al popolo delle armi di proteggerlo e di eliminare anche le ‘gun free zone’, quegli spazi pubblici in cui è vietato portare pistole o fucili: scuole, chiese, uffici, e alcune aree delle basi militari. E ha bollato la rivale come “la candidata presidenziale più anti armi e anti secondo emendamento”, quello che garantisce l’autodifesa.

Hillary gli ha risposto presentandosi in Florida con la madre di Trayvon Martin, il teenager nero disarmato ucciso nel 2012 da un vicino che ha venduto all’asta la pistola del delitto per 100 mila dollari, ed altri genitori che hanno perso i figli in violenze legate alle armi da fuoco.

“Non possiamo permetterci 33mila morti l’anno”, ha twittato, precisando di sostenere il secondo emendamento ma di essere a favore delle misure di buon senso che rendano più severi i controlli sulla vendita e sul possesso di armi, come disposto recentemente da Barack Obama.

Un provvedimento, quest’ultimo, che invece Trump ha promesso di voler abolire, insieme a tutti gli altri emessi dal presidente americano, “in meno di un’ora appena arrivato alla Casa Bianca”.

Per Trump è stata una vera e propria standing ovation alla convention della Nra, dove ha cavalcato alla grande il sentiment della platea, che è quello dell’America profonda, ricambiato da un tifo da stadio.

“Hillary vuole togliervi le pistole. Vuole che la gente non si difenda, vuole abolire il secondo emendamento della nostra costituzione e vuole liberare pericolosi criminali. Noi non lo permetteremo, gli americani hanno il diritto di difendersi al 100%”, ha promesso.

Ma quasi ogni giorno gli Usa registrano morti, feriti o incidenti legati alle armi facili, come quella usata l’altro giorno vicino alla Casa Bianca da un uomo che è stato poi neutralizzato dal secret service.

Come sull’aborto e sui transgender, è un Paese spaccato in due quello rappresentato da Hillary e Trump in questa campagna elettorale: da una parte i cari di tante vittime innocenti, come Trayvon Martin, diventato icona del movimento ‘Black Lives Matter’, che combatte le violenze – soprattutto della polizia – contro le minoranze.

Dall’altra l’America riunita alla convention della Nra, che parla di “migliaia di patrioti in sala” e vanta di avere di 5 milioni di membri nell’associazione e decine di milioni di sostenitori delle armi in tutto il Paese.

“Mandiamo Hillary in pensione”, era lo slogan, mentre uno dei leader storici della Nra, Wayne LaPierre, invitava a far indossare alla Clinton “una tuta arancione”, come quella dei detenuti di Guantanamo.

Ultima ora

20:53Ultrà: processo appello Agnelli il 15 novembre

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - E' stato fissato per il 15 novembre prossimo l'appello per il processo sportivo al presidente Andrea Agnelli e alla Juve, per rapporti non consentiti con la tifoseria. Lo apprende l'Ansa. In primo grado Agnelli era stato condannato a un anno di inibizione, il club a 300 mila euro di multa. La corte d'appello della Figc si riunirà il 15 novembre alle 15, per esaminare i ricorsi.

20:38Champions: Qarabag-Atletico Madrid 0-0

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Buone notizie per la Roma da Baku, dove il Qarabag ha imposto lo 0-0 all'Atletico Madrid, in una partita della terza giornata del Gruppo C di Champions League. Con questo punteggio gli spagnoli salgono a 2 punti ma restano alle spalle dei giallorossi, che di punti ne hanno invece 4 e hanno già vinto in trasferta contro gli azeri. Il Qarabag, reduce dalle sconfitte con Chelsea e Roma, ottiene il suo primo punto.

20:37Chelsea-Roma: De Rossi e Florenzi fuori

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Eusebio Di Francesco rinuncia a Daniele De Rossi e Alessandro Florenzi per Chelsea-Roma, nella terza giornata della fase a gironi della Champions League. Al loro posto, il tecnico giallorosso metterà in campo Maxime Gonalons e Gerson, per un inedito 4-3-2-1. Per il Chelsea, in campo dal primo minuto, l'ex Juventus Alvaro Morata, recuperato da un infortunio.

20:26Hiv: condannato per aver trasmesso virus al compagno

(ANSA) - TEMPIO, 18 OTT - E' stato condannato a otto anni di carcere senza sospensione condizionale della pena per aver nascosto al convivente di essere sieropositivo. Un olbiese di 36 anni dovrà scontare la pena per lesioni gravi perché, non informando l'uomo che viveva con lui ed avendo rapporti sessuali non protetti, gli ha trasmesso il virus dell'Hiv. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Tempio Pausania, collegio presieduto dal magistrato Marco Contu, che ha accolto le richieste del pm Cristina Carunchio. Si tratta di una delle prime sentenze per casi di questo tipo in Italia.

20:01Papa: chi lotta per il potere non santifica nome di Dio

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 18 OTT - "Diciamo di essere cristiani, di avere un Padre, ma viviamo, non dico come animali, ma come persone che non credono né in Dio né nell'uomo, senza fede, e viviamo anche facendo del male, non nell'amore ma nell'odio, nella competizione, nelle guerre. E' santificato nei cristiani che lottano fra loro per il potere? E' santificato nella vita di quelli che assoldano un sicario per liberarsi di un nemico? E' santificato nella vita di coloro che non si curano dei propri figli? No, lì non è santificato il nome di Dio". Così Papa Francesco a don Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova, nel colloquio in onda su Tv2000 nel programma 'Padre nostro', dal 25 ottobre ogni mercoledì alle 21.00. L'anteprima è stata presentata oggi alla Filmoteca Vaticana dal prefetto per la Comunicazione, mons. Dario E. Viganò, il direttore di Tv2000, Paolo Ruffini, don Pozza e il regista Andrea Salvadore. Dall'incontro è nato anche il libro 'Padre nostro' di Papa Francesco (Rizzoli-Lev) in uscita il 23 novembre.

19:52Noemi:conferito incarico perizia psichiatrica,Lucio presente

(ANSA) - LECCE, 18 OTT - Era presente anche Lucio, questa mattina, nel Tribunale per i minorenni di Lecce al conferimento dell'incarico per la perizia psichiatrica che dovrà accertare se il diciassettenne fosse in grado di intendere e volere nel momento in cui ha ucciso Noemi Durini, la sua fidanzata 16enne. La ragazza di Specchia, scomparsa il 3 settembre scorso, fu trovata morta il 13 settembre sotto un cumulo di pietre in una campagna di Acquarica del Capo (Lecce). Il 17enne reo confesso del delitto si é presentato a sorpresa, accompagnato dagli educatori dell'Ipm di Quartuccio (Cagliari), dove attualmente é detenuto. Il giovane, accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dai utili motivi, é rimasto in silenzio per tutta l'udienza facendo rientro già in giornata in Sardegna. Il gip del Tribunale per i Minorenni Ada Colluto ha dato 80 giorni per il deposito delle consulenze. Il 3 novembre cominceranno le operazioni peritali.

19:50Calcio: Fiorentina, allenamento a porte aperte

(ANSA) - FIRENZE, 18 OTT - Dopo la lezione tattica ai giornalisti la scorsa settimana, Stefano Pioli questa mattina ha permesso loro di assistere all'allenamento all'interno del centro sportivo. Una novità assoluta considerando le precedenti gestioni, e non è finita qui. Perché in vista della gara con la Roma del 5 novembre il tecnico della Fiorentina ha intenzione di aprire l'allenamento in un giorno precedente anche ai tifosi, facendolo svolgere dentro lo stadio Franchi. Alla sessione di stamani erano presenti anche il dg Corvino, il ds Freitas e il club manager Antognoni. Il tecnico viola ha lavorato in particolare sull'intensità, con esercitazioni e una partitella finale. Il ritorno al successo contro l'Udinese ha riportato serenità nella squadra viola attesa dalla trasferta con il Benevento per la quale Pioli dovrà fare a meno degli infortunati Saponara e Gil Dias. L'obiettivo è sfruttare il calendario che vedrà la Fiorentina impegnata, oltre che in Campania, con il Torino in casa e il Crotone fuori prima della Roma.

Archivio Ultima ora