Mondo

Tags | , ,

La lobby delle armi sta con Trump. Duello con Hillary

Pubblicato il 22 maggio 2016 da redazione

US President Bill Clinton (R) and First Lady Hillary Rodham Clinton (L) talk prior to the arrival of the Czech President Vaclav Havel to the official State Dinner at the White House in Washington, DC, 16 September.  Clinton and Havel had a joint press conference earlier and Havel is expected to depart Washington 18 September.                  (ELECTRONIC IMAGE)  EPA/AFP/STEPHEN JAFFE

US President Bill Clinton (R) and First Lady Hillary Rodham Clinton (L) talk prior to the arrival of the Czech President Vaclav Havel to the official State Dinner at the White House in Washington, DC, 16 September. Clinton and Havel had a joint press conference earlier and Havel is expected to depart Washington 18 September. (ELECTRONIC IMAGE) EPA/AFP/STEPHEN JAFFE

WASHINGTON. – Tra Donald Trump e Hillary Clinton si accende anche il duello sulle armi, una delle questioni che più divide l’America. Ieri il candidato repubblicano, che in passato si era pronunciato per il bando delle armi automatiche, ha incassato l’endorsement della National Rifle Association (Nra), promettendo al popolo delle armi di proteggerlo e di eliminare anche le ‘gun free zone’, quegli spazi pubblici in cui è vietato portare pistole o fucili: scuole, chiese, uffici, e alcune aree delle basi militari. E ha bollato la rivale come “la candidata presidenziale più anti armi e anti secondo emendamento”, quello che garantisce l’autodifesa.

Hillary gli ha risposto presentandosi in Florida con la madre di Trayvon Martin, il teenager nero disarmato ucciso nel 2012 da un vicino che ha venduto all’asta la pistola del delitto per 100 mila dollari, ed altri genitori che hanno perso i figli in violenze legate alle armi da fuoco.

“Non possiamo permetterci 33mila morti l’anno”, ha twittato, precisando di sostenere il secondo emendamento ma di essere a favore delle misure di buon senso che rendano più severi i controlli sulla vendita e sul possesso di armi, come disposto recentemente da Barack Obama.

Un provvedimento, quest’ultimo, che invece Trump ha promesso di voler abolire, insieme a tutti gli altri emessi dal presidente americano, “in meno di un’ora appena arrivato alla Casa Bianca”.

Per Trump è stata una vera e propria standing ovation alla convention della Nra, dove ha cavalcato alla grande il sentiment della platea, che è quello dell’America profonda, ricambiato da un tifo da stadio.

“Hillary vuole togliervi le pistole. Vuole che la gente non si difenda, vuole abolire il secondo emendamento della nostra costituzione e vuole liberare pericolosi criminali. Noi non lo permetteremo, gli americani hanno il diritto di difendersi al 100%”, ha promesso.

Ma quasi ogni giorno gli Usa registrano morti, feriti o incidenti legati alle armi facili, come quella usata l’altro giorno vicino alla Casa Bianca da un uomo che è stato poi neutralizzato dal secret service.

Come sull’aborto e sui transgender, è un Paese spaccato in due quello rappresentato da Hillary e Trump in questa campagna elettorale: da una parte i cari di tante vittime innocenti, come Trayvon Martin, diventato icona del movimento ‘Black Lives Matter’, che combatte le violenze – soprattutto della polizia – contro le minoranze.

Dall’altra l’America riunita alla convention della Nra, che parla di “migliaia di patrioti in sala” e vanta di avere di 5 milioni di membri nell’associazione e decine di milioni di sostenitori delle armi in tutto il Paese.

“Mandiamo Hillary in pensione”, era lo slogan, mentre uno dei leader storici della Nra, Wayne LaPierre, invitava a far indossare alla Clinton “una tuta arancione”, come quella dei detenuti di Guantanamo.

Ultima ora

11:04Banda del ‘padre della sposa’, contestate altre 5 rapine

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - Nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per 'il padre della sposa' Vincenzo Cinquegranelli, il rapinatore di 55 anni arrestato nei mesi scorsi perché aveva finanziato il matrimonio della figlia con una rapina in banca. I carabinieri del Comando provinciale di Torino, che hanno condotto le indagini, lo accusano di altre cinque rapine ai danni di altrettanti istituti di credito della provincia di Torino. Analoghi provvedimenti sono stati notificati ai cinque complici. L'uomo, considerato dai militari dell'Arma la mente della banda che da Napoli si spostava a Torino per mettere a segno i colpi, era stato arrestato a poche ore dal fatidico sì della figlia. Sempre uguale il modus operandi: individuato l'obiettivo, entravano in banca utilizzando placche simili a quelle delle forze dell'ordine; poi, coltello alla mano, sequestravano i presenti e attendevano l'apertura della cassaforte. Il bottino delle rapine, secondo l'Arma, ammonta ad oltre 300 mila euro.(ANSA).

11:02Afghanistan: crolla tetto campo rifugiati

(ANSA) - KABUL, 23 GEN - Sei persone, quattro donne e due bambini, sono morte in Afghanistan quando il tetto della loro casa in un accampamento per rifugiati è crollato mentre dormivano. Lo ha reso noto oggi il governo della provincia orientale afghana di Nangarhar. Il portavoce del governo provinciale, Ataullah Khogyani, ha indicato che l'incidente in cui altri quattro membri della famiglia sono rimasti feriti, è avvenuto la notte scorsa nell'accampamento denominato Sheikh Mistari nel distretto di Surkh Rod. Negli ultimi mesi si sono intensificati i rientri dal Pakistan dei rifugiati afghani che vi si erano trasferiti all'epoca dell'invasione sovietica. Il governo di Kabul e le organizzazioni umanitarie cercano di offrire ai rifugiati che rientrano assistenza, ma spesso essi vengono alloggiati in case fatiscenti, come quella di cui oggi è crollato il tetto.

10:56Maltempo:allerta valanghe Marche ma per ora solo smottamenti

(ANSA) - ANCONA, 23 GEN - Continua a essere attentamente monitorato nelle Marche il rischio di valanghe o slavine ma al momento, fa sapere la Protezione civile, ci sono solo piccoli fronti che si staccano lungo le scarpate e bisogna fare molta attenzione alla viabilità. Per quanto riguarda le dighe, erano già state 'attenzionate' a seguito del terremoto dal Servizio del ministero delle Infrastrutture che ha competenza in materia e dagli enti gestori. I livelli degli invasi erano già stati abbassati per le verifiche sismiche e si sono mantenuti bassi. Continuano intanto, soprattutto nell'Ascolano, gli interventi di vigili del fuoco, carabinieri forestali, esercito e soccorso alpino per prestare soccorso a famiglie e persone rimaste isolate a causa della neve nelle frazioni, che peraltro sono state tutte raggiunte. Diverse strade, però, devono essere ancora liberate. Continui gli interventi per togliere la neve dai tetti ed evitare crolli.

10:46Maltempo: identificato anziano morto nel Palermitano

(ANSA) - PALERMO, 23 GEN - E' Giovanni Mazzara, 67 anni, un pensionato di Campofranco (Cl), l'anziano morto ieri dopo essere stato travolto dal torrente Morello nella zona di Castronovo di Sicilia. La vittima è stata identificata dopo alcune ore dall'incidente avvenuto ieri al chilometro 15 della statale 189 Palermo-Agrigento. A causa delle forti piogge un'ondata di acqua e fango ha investito l'Audi Q5 sulla quale il pensionato viaggiava insieme ad altre tre persone che sono riuscite a mettersi in salvo. Giovanni Mazzara è stato invece trascinato e ritrovato dopo un'ora sommerso dall'acqua e dal fango. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i vigili del fuoco, i sanitari del 118 e gli uomini della Polstrada che hanno partecipato alle ricerche. Il medico legale dopo l'ispezione sul corpo del pensionato, che era sposato, ha confermato la causa della morte per annegamento. La statale è stata riaperta alle 2 di notte. Sull'incidente indaga la Procura di Termini Imerese.

10:01Kuwait: perdita in giacimento petrolio, stato d’emergenza

(ANSA) - KUWAIT CITY, 23 GEN - L'ente del petrolio kuwaitiano ha dichiarato lo stato d'emergenza a causa di una perdita presso un giacimento nel sud ovest. Lo comunica l'ente in una nota ufficiale precisando che non sono fuoriusciti gas tossici ma senza fornire dettagli su quanti barili di petrolio siano andati perduti. La Kuwait Oil Co. non da' il nome del campo, secondo l'agenzia ufficiale Kuna si tratta di quello di Al Maqwa. Il Kuwait è uno dei maggiori produttori di petrolio con un totale di 2,7 milioni di barili di greggio al giorno ed è il sesto paese al mondo per riserve. E' già la terza volta in pochi mesi che nei giacimenti del paese si verificano delle perdite: lo scorso agosto fu la volta del campo di Ahmadi, mentre a febbraio un incendio scoppiò in seguito a una fuoriuscita di petrolio.

09:58Tunisia: riaperto il valico di Ras Jedir verso la Libia

(ANSAmed) - TUNISI, 23 GEN - Da ieri pomeriggio è tornato ad essere operativo al 100% il valico di frontiera tra Tunisia e Libia di Ras Jedir, dopo l'accordo raggiunto tra autorità tunisine e libiche la scorsa settimana. Lo ha confermato ai media locali il governatore della delegazione tunisina di Médenine, Tahar Matmati, che ha sottolineato tuttavia come la situazione sia da tenere sotto osservazione. Il valico era stato al centro di manifestazioni indette dai commercianti della regione di Ben Guerdane, ultima città tunisina prima della frontiera con la Libia, che ne chiedevano la riapertura permanente dopo alcuni blocchi da parte libica dovuti a questioni di tasse doganali. L'intera regione di Ben Guerdane vive principalmente di scambi commerciali con la Libia.

09:48Siria: oggi iniziano i negoziati di Astana

(ANSA) - MOSCA, 23 GEN - Iniziano oggi i colloqui di Astana sulla crisi siriana, a cui partecipano rappresentanti del governo di Damasco e di 15 gruppi dell'opposizione. Ieri, alla vigilia dell'incontro, esperti di Russia, Turchia e Iran, hanno discusso della situazione per oltre cinque ore. L'inviato speciale dell'Onu per la Siria Staffan de Mistura ha incontrato ieri una delegazione russa e stamane una del governo siriano. Gli Stati Uniti sono rappresentati dall'ambasciatore in Kazakistan, George Krol. L'inizio di nuove trattative sulla Siria a Ginevra sotto l'egida dell'Onu è previsto per l'8 febbraio.

Archivio Ultima ora