Disastro Egyptair senza verità, mistero sulle scatole nere

Pubblicato il 22 maggio 2016 da redazione

A screen grab taken from a handout video obtained from the Egyptian Defence Ministry on 20 May 2016 shows Egyptian Navy engaged in search operations for missing EgyptAir flight MS804 at sea off the Egyptian coast, north of Alexandria, Egypt, 19 May 2016. EPA/EGYPTIAN DEFENCE MINISTRY

A screen grab taken from a handout video obtained from the Egyptian Defence Ministry on 20 May 2016 shows Egyptian Navy engaged in search operations for missing EgyptAir flight MS804 at sea off the Egyptian coast, north of Alexandria, Egypt, 19 May 2016. EPA/EGYPTIAN DEFENCE MINISTRY

IL CAIRO. – C’era del fumo a bordo dell’Airbus 320 dell’Egyptair inabissatosi giovedì scorso a nord di Alessandria d’Egitto dopo aver compiuto inspiegabili virate: è una delle poche certezze sul disastro aereo del volo Ms804 decollato da Parigi e mai arrivato al Cairo, anche se questo dettaglio per ora non basta a spiegare la morte delle 66 persone a bordo, né ad escludere o ad accreditare l’ipotesi terrorismo. Servono almeno le scatole nere, per ora introvabili nelle profondità di quel punto del Mediterraneo.

In questo quadro, il ministro degli Esteri francese Jean-Marc Ayrault ha ribadito che “tutte le ipotesi vengono prese in considerazione” e “non si propende” per nessuna pista in particolare. L’agenzia francese per le indagini sugli incidenti aerei, dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, ha confermato che fumo è stato rilevato da sensori in diverse parti dell’aereo pochi minuti prima che l’aereo scomparisse dai radar, ma non ha voluto giungere a conclusioni.

Mentre la Cbs News, citando fonti non meglio precisate, si è spinta ad affermare che il fumo proveniva da uno dei motori. Del resto il generale Leonardo Tricarico, ex capo di stato maggiore dell’Aeronautica ed esperto pilota, ha detto all’Ansa che – a parte “un’esplosione a bordo” – essenzialmente due fattori possono spiegare il fumo: “Un’avaria dell’impianto elettrico o del motore”, ma in entrambi i casi “non si tratta di problemi tali da determinare, da soli, il precipitare così repentino di un aeroplano”.

Molto potrebbero dire le due scatole nere (in realtà di colore arancione) con le registrazioni delle voci della cabina di pilotaggio e i parametri tecnici fondamentali del volo. Fonti governative egiziane citate ancora dalla tv americana Cbs si erano sbilanciate a dire che erano state individuate, ma Egyptair in serata ha smentito ufficialmente sottolineando che le ricerche si svolgono su una superficie ampia (“supera le 40 miglia nautiche”) e il mare in quel punto è “molto profondo”: c’è quindi “bisogno di tempo e sforzi per captare i segnali emessi dalla scatola nera”, anche se vengono impiegati “apparecchiature sofisticate di diversi paesi” impegnati nelle ricerche.

L’ipotesi terrorismo, che resta in piedi come le altre, continua a mancare di una rivendicazione, anche se per tutta la giornata sul web sono circolate voci di un imminente annuncio dell’Isis su un tema non precisato (lo Stato islamico comunque aveva fatto passare solo poche ore prima di rivendicare la bomba sul charter russo esploso sul Sinai in ottobre).

Resta il fatto che i piloti del volo Ms804 non hanno lanciato Sos: una circostanza che un generale e pilota dell’Aviazione egiziana, Abdel Hakim Shalaby, ha spiegato con un’esplosione e non un guasto tecnico.

Per contro, con l’analisi dei video dei sistemi di sorveglianza dell’aeroporto parigino di Roissy Charles-de-Gaulle da cui è decollato l’Egyptair, “non sono state individuate falle, né persone sospette”, ha riferito Le Monde. Nella ridda di ipotesi e controdeduzioni, di tragicamente concreto vi sono i rottami ed effetti personali di passeggeri affiorati in mare.

Prime immagini diffuse dalle forze armate egiziane mostrano lamiere contorte, pezzi di sedile, un giubbotto di salvataggio giallo ma soprattutto una scarpa da ginnastica e una borsetta da donna bianche, uno scialle blu, pezzi di vestiti e anche una borsa di tessuto sul rosa: la farfalla che ci è ricamata sopra suggerisce che serviva a uno dei due “neonati”, segnalati da Egyptair fra le vittime.

Mentre la Cnn ha diffuso un primo, breve audio della conversazione tra il pilota e un controllore di volo. La conversazione sembra di routine ma non è precisato a quale fase del volo risalga.

(di Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

22:36Coppa del Re: Montella batte il ‘cholo’ e respira

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Vincenzo Montella respira. Dopo i due ko in Liga, contro il Betis e l'Alaves, il suo Siviglia si riscatta nell'andata dei quarti di Coppa del Re, vincendo sul campo dell'Atletico Madrid. Finisce 2-1 per gli andalusi che pure erano andato sotto 1-0 grazie a Diego Costa (73'). Il vantaggio dei padroni di casa è durato appena 7', co, pareggio raggiunto grazie all'autogol di Moya (80'). Quando l'epilogo sembrava scontato ci ha pensato Joaquin Correa a far sorridere l'ex tecnico del Milan piombando su un pallone vagante in area e trafiggere il portiere madrileno. Nell'altro quarto di finale disputato sempre alle 19 vittoria del valencia sull'Alaves per 2-1. Anche qui vittoria in rimonta: ha aperto le marcature Sobrino (66'), poi il parrggio di Guedes (73') e il gol vittoria di Rodrigo all'82'. Il ritorno di entrambe le partite è in programma martedì 23 gennaio.

22:23Donna uccisa in Calabria: omicida condannato a 30 anni

(ANSA) - CROTONE , 17 GEN - Salvatore Fuscaldo, il bracciante 50enne di Cirò Marina, reo confesso dell'omicidio di Antonella Lettieri, la commessa di 42 anni uccisa l'8 marzo dello scorso a Cirò Marina, è stato condannato a 30 anni di reclusione dal gup di Crotone che ha accolto la richiesta avanzata dal pm Alfredo Manca a conclusione della requisitoria nel processo celebrato con il rito abbreviato. Il rappresentante della pubblica accusa ha ripercorso le tappe della vicenda, elencando le prove raccolte dal giorno dell'omicidio fino alla richiesta di rinvio a giudizio con l'accusa di omicidio aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà. Antonella Lettieri venne uccisa nella sua abitazione con almeno una ventina di colpi alla testa sferrati con un tubo di ferro ed undici coltellate al corpo. L'indagine è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Cirò Marina, con l'ausilio del Ris di Messina. L'uomo, vicino di casa della vittima, fu fermato il 16 marzo ed il 21 aprile confessò di essere l'autore dell'omicidio.(ANSA).

22:13Inchiesta Girgenti acque, 73 indagati per vari reati

(ANSA) - AGRIGENTO, 17 GEN - Sono stati notificati, dalla Procura di Agrigento, 73 avvisi di proroga delle indagini nell'ambito di un'inchiesta che ipotizza un'associazione a delinquere legata anche ad assunzioni a "Girgenti Acque", società che gestisce il servizio idrico e fognario in molti Comuni dell'Agrigentino. Agli indagati vengono contestati l' associazione per delinquere, truffa, corruzione, riciclaggio e inquinamento ambientale. Fra gli indagati anche il prefetto di Agrigento Nicola Diomede e Angelo Alfano, padre del ministro degli Esteri Angelino.

22:10Germania: Schulz,ampio sostegno da Spd Baviera su coalizione

(ANSA) - BERLINO, 17 GEN - La missione bavarese di Martin Schulz, in vista del voto di domenica sulla Grosse Koalition, restituisce il sorriso al leader dei socialdemocratici, che oggi ha trovato nella sezione locale del partito "ampio sostegno", come ha detto comparendo alla fine davanti alla stampa. Se da un lato Angela Merkel ha auspicato che l'Spd decida di procedere alle consultazioni, la cancelliera ha anche chiarito che i risultati dei colloqui esplorativi, "nei suoi punti cruciali, non potrà essere sottoposto a nuove trattative". Un principio che Schulz sembra accettare, ma l'ex presidente del Parlamento Ue ha anche affermato che le consultazioni saranno il momento in cui quei risultati "potranno essere approfonditi e precisati". Nei giorni scorsi lo scontro sulla possibile nuova Grosse Koalition nella partito si è inasprito, con l'offensiva lanciata dai giovani dello Juso e diversi direttivi regionali che hanno votato contro, come quello di Berlino.

22:07Nigeria: doppio attentato kamikaze con 12 morti

(ANSA) - MAIDUGURI (NIGERIA), 17 GEN - In un doppio attentato kamikaze compiuto in un mercato in Nigeria 12 persone sono morte e 48 altre sono rimaste ferite. L'attentato è avvenuto a Maiduguri, capitale dello Stato federale del Borno dove è attivo il gruppo terrorista islamico Boko Haram. Una prima persona si è fatta esplodere all'interno del mercato mentre una seconda è rimasta fuori, uccidendo solo se stesso, ha riferito un commerciante. L'attentatore che si è fatto esplodere nel mercato era un donna, mentre il secondo era un uomo, ha precisato il capo delle operazioni di soccorso dell'Agenzia di Stato di gestione delle emergenze, Bello Dambatta. I Boko Haram sono un'organizzazione terroristica jihadista sunnita diffusa nel nord della Nigeria e alleatasi nel 2015 con l'Isis. Dal 2009 ha ucciso circa 20 mila persone in Nigeria e Paesi confinanti innescando una crisi umanitaria da 2,3 milioni di sfollati e profughi.

22:06Polonia: migliaia contro stretta aborto

(ANSA) - VARSAVIA, 17 GEN - Migliaia di donne polacche sono scese in piazza a Varsavia e in altre 60 città polacche contro un nuovo tentativo di introdurre ulteriori restrizioni sull'aborto, già fortemente limitato dalle leggi polacche. Le marce sono state promosse in risposta a una decisione del parlamento, che la scorsa settimana ha accolto una nuova proposta di legge che vieta alle donne di abortire in caso di malattia del feto scoperta con le analisi prenatali. La misura è sostenuta fortemente dall'episcopato cattolico.

22:00India: petroliera in fiamme al largo del Gujarat

(ANSA) - NEW DELHI, 17 GEN - Un incendio è scoppiato oggi pomeriggio a bordo della petroliera indiana MT Genessa che era all'ancora a 15 miglia nautiche al largo del porto di Deendayal nel distretto di Kutch dello Stato nord-occidentale di Gujarat. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti, precisando che non si segnalano vittime. Un portavoce della Guardia costiera ha DETto che tutti i 26 membri dell'equipaggio sono stati tratti in salvo, che due hanno ustioni importanti, e che nei serbatoi della nave vi sono 30.000 tonnellate di gasolio. La stessa fonte ha detto che le fiamme si sono sprigionate nella zona delle cabine dell'equipaggio e che sul posto sono in corso le operazioni di spegnimento dell'incendio, con l'ausilio di unità navali e di un aereo. Sono inoltre intervenute unità specializzate nella lotta all'inquinamento che per una eventuale fuoriuscita di carburante.

Archivio Ultima ora