Jorge Lorenzo espugna il Mugello, fortino di Valentino Rossi

Pubblicato il 22 maggio 2016 da redazione

Spanish MotoGP rider Jorge Lorenzo (R) of the Movistar Yamaha  is on his way to win the Motorcycling Grand Prix of Italy at the Mugello circuit in Scarperia, central Italy, 22 May 2016.  ANSA/CLAUDIO ONORATI

Spanish MotoGP rider Jorge Lorenzo (R) of the Movistar Yamaha is on his way to win the Motorcycling Grand Prix of Italy at the Mugello circuit in Scarperia, central Italy, 22 May 2016. ANSA/CLAUDIO ONORATI

SCARPERIA (FIRENZE). – Quando sale sul podio i fischi arrivano, ma non lo sommergono. Si accendono fumogeni gialli. Jorge Lorenzo conserva il sorriso, poi esulta senza freni. Ha espugnato il Mugello, ‘fortino’ di Valentino Rossi. Ancora, per la quinta volta negli ultimi sei anni in MotoGp.

“E’ uno dei successi più belli della mia carriera, insperato ed emozionante. Qualcuno dice che so vincere solo partendo dalla pole, invece io sono arrivato tante volte primo in rimonta. E’ vero, la partenza è uno dei miei punti di forza. Perché non approfittarne?

Oggi con Marquez è stata battaglia, alla fine ero molto stanco, tenere la moto in traiettoria non era facile. Quando mi ha ripassato ho pensato di accontentarmi del 2/o posto. Poi mi sono ricordato del sorpasso che provai nel 2005, in 250, su De Angelis all’ultima chicane. Ho sfruttato la scia e quei 2-3 km all’ora in più della mia Yamaha. L’effetto sorpresa ha funzionato”.

Quanto ai fischi “i tifosi di Valentino hanno sposato la sua teoria del ‘biscotto’. Ora io e Marc siamo i nemici. Però applaudono Vinales…” punzecchia. Ammette di essere stato “fortunato” a rompere il motore della Yamaha nel warm up, mentre quello di Valentino ha ceduto in gara: “bastava un giro in meno in mattinata e poteva abbandonarmi durante la corsa”.

“Mi brucia, è un gran peccato perché ero molto veloce e potevo batterlo”. La “grandissima delusione” del ritiro è difficile da metabolizzare per Rossi. Non solo “perché la rottura del motore in gara ormai è un evento rarissimo, penso non mi succedesse da una decina d’anni”.

Ed ha rovinato “questa grande atmosfera. E’ una delusione al quadrato. Avrei voluto fare una bella gara per i tifosi”. Ma, soprattutto, “perché oggi potevo vincere. Avevo un gran passo. In gara mi sentivo bene, stavo attaccato a Lorenzo. E sentivo di poter andargli via”. La sorte ha deciso diversamente.

“E’ una battuta d’arresto che pago cara, due gare su sei senza punti pesano. Però mi resta la consapevolezza di essere competitivo e più veloce rispetto all’anno scorso. Posso attaccare e questo mi dà gusto. L’unica cosa da fare ora è aspettare Barcellona”.

Le prime verifiche sul propulsore in fumo hanno escluso problemi dovuti alla temperatura: “Secondo me è un lotto venuto male”. Marquez riassume in poche parole l’epilogo della gara: “Mi è mancata l’accelerazione, come capita dall’inizio dell’anno. Sapevo che Lorenzo aveva più velocità in uscita, ci ho provato fino in fondo, senza calcoli, più ‘Marquez style’. Spero che i tifosi si siano divertiti anche dopo il ritiro di Valentino”.

Andrea Iannone parla di “partenza disastrosa” e spiega: “ho avuto problemi con la frizione. Peccato finire terzo quando sai che puoi dare di più. Però sono contento del podio. E’ importante per recuperare fiducia”.

Ultima ora

12:23Iran: accusato spionaggio, Djalali condannato a morte

(ANSA) - TORINO, 23 OTT - Ahmadreza Djalali, il medico iraniano arrestato a Teheran lo scorso anno con l'accusa di essere una spia, è stato condannato a morte. Lo rende noto la senatrice novarese del Pd Elena Ferrara, tra le prime a mobilitarsi nei mesi scorsi a favore del ricercatore, che per quattro anni ha lavorato all'Università del Piemonte Orientale. "La notizia ci è arrivata dalla moglie - dice la senatrice - e questa mattina è stata confermata dalla Farnesina. Ridaremo vigore alla mobilitazione, non ci arrendiamo".

12:19Referendum: Salvini, lezione democrazia, vinti poteri forti

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Ieri in Lombardia e Veneto "e' stata una lezione di democrazia per tutta Europa, abbiamo scelto la via legale, pacifica e costituzionale. La stessa opportunità la offriremo da nord a sud a chi ce lo chiederà". Così il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini nella conferenza stampa in via Bellerio a Milano. "Il nostro interlocutore è il presidente del Consiglio dei Ministri. Non mi stupirei che al tavolo della trattativa ci siano Zaia, Maroni, Bonaccini. E sentivo che anche il governatore della Puglia Emiliano si era espresso in questi giorni in tal senso", spiega Salvini che sull'esito della consultazione sottolinea: ""Meglio di così non poteva andare. Abbiamo vinto sui poteri forti cinque a zero. Ora mi aspetto che il Governo dica quando intende accogliere questa richiesta che sale dal popolo".

12:19Catalogna:indipendentisti, sessione Parlamento giovedì

(ANSA) - BARCELLONA, 23 OTT - I partiti indipendentisti che hanno la maggioranza assoluta nel Parlamento catalano hanno chiesto questa mattina all'ufficio di presidenza di tenere giovedì mattina una seduta dedicata alla risposta da dare all'attivazione da parte di Madrid dell'articolo 155. L'ufficio di presidenza si riunirà di nuovo in giornata per confermare la data. Secondo i media, durante la riunione potrebbe essere proclamata la Repubblica.

12:17Tennis: classifiche, Nadal e Halep sempre al comando

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Situazione stabile nel tennis maschile che vede Rafael Nadal al comando del ranking mondiale per la decima settimana: lo spagnolo mantiene un vantaggio di poco meno di duemila punti sullo svizzero Roger Federer. Sempre terzo lo scozzese Andy Murray davanti al croato Marin Cilic ed al tedesco Alexander Zverev Fabio Fognini si conferma n.1 azzurro: il 30enne ligure è stabile al numero 27. Un passo indietro per Paolo Lorenzi, ora 41/o. Sale invece di tre gradini Thomas Fabbiano (n.72) così come Andreas Seppi(n.85). Per quanto riguarda la classifica femminile sempre al comando la romena Simona Halep, alla sua terza settimana sul trono. Fa il suo ingresso per la prima volta nella top ten la francese Kristina Mladenovic. Camila Giorgi è sempre la prima delle azzurre: la 25enne di Macerata perde una posizione e scende al n.78. Francesca Schiavone è 91/a mentre Roberta Vinci scivola al n.109. Grazie al successo nel torneo di Suzhou, in Cina, Sara Errani guadagna 35 posizioni e risale fino al numero 145.

12:13Sport: Cantone, corruzione si combatte dall’interno

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Il Coni può e deve provare da rendere sempre più obbligatori i sistemi di compliance alle società sportive, ad esempio con le norme di 'self cleaning' della legge 231 del 2001 (Responsabilità amministrativa delle società e degli enti) stimolandone l'adozione nelle società professionistiche private". Così il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, intervenendo al convegno 'La governance dello sport'. Cantone ha evidenziato che 'il piano della prevenzione della corruzione può essere utile, non è repressione ma viene fatta dall'interno (del movimento sportivo, ndr) ed è in grado di capire dove si possono annidare i rischi e come possono essere sterilizzati", suddividendo la corruzione su due piani: 'on the field', per tutti i fatti che avvengono in gara come doping e match fixing, e 'off the field', vale a dire tutto quel sistema di interessi economici che prescinde dalla competizione sportiva, come i meccanismi elettivi, le sponsorizzazioni e i rapporti con i terzi.

12:08Salvini, ieri lezione democrazia a Italia ed Europa

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Ieri in Lombardia e Veneto "è stata una lezione di democrazia per tutta Europa, abbiamo scelto la via legale, pacifica e costituzionale. La stessa opportunità la offriremo da nord a sud a chi ce lo chiederà". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, in conferenza stampa in via Bellerio.

12:04Sport: Malagò, evitare qualsiasi tipo conflitto interesse

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Occorre evitare qualsiasi tipo di conflitto di interesse, drasticamente e a tutti i livelli. Vale per chiunque lavora da noi e con noi. La nostra competenza è in linea con i dettami dell'Anac e dei valori morali di chi si occupa di sport". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, durante il suo intervento al convegno 'La governance dello sport' in corso al Salone d'Onore del Coni. "Lo sport deve dare il buon esempio - ha proseguito il capo dello sport italiano - Non perché sia un settore più importante rispetto ad altri, ma perché noi siamo un modello. I nostri atleti, i nostri tecnici, i nostri dirigenti: se noi sbagliamo, facciamo un danno enorme. Per questo dobbiamo vivere dalla mattina alla sera con un vademecum, delle regole da rispettare".

Archivio Ultima ora