Condannato per assenteismo e licenziato,si uccide sparandosi

Pubblicato il 24 maggio 2016 da ansa

(ANSA) – LAMEZIA TERME (CATANZARO), 24 MAG – Condannato per assenteismo nel dicembre scorso e poi licenziato dalla Regione Calabria, un uomo di 59 anni si è suicidato stamani a Lamezia Terme sparandosi un colpo di pistola mentre era in casa. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno accertato che l’arma era di sua proprietà. L’uomo, insieme a tre colleghi della Regione, era stato accusato di truffa ai danni dello Stato e di falso. Il gup, con un processo con rito abbreviato, nel dicembre scorso aveva condannato i quattro a pene variabili dai dieci mesi ad un anno con la sospensione della pena. I quattro erano accusati di passare il badge per far rilevare la presenza in ufficio e di assentarsi poi dal posto di lavoro.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

12:06Lazio: Lorenzin, andremo soli. Da Zingaretti scelta sinistra

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Andremo da soli". Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute, scioglie la riserva sulla corsa alle prossime regionali nel Lazio annunciando che la sua Lista Civica si presenterà da sola ai microfoni di '6 su Radio 1'. "Presenteremo alla fine della settimana la nostra lista nella regione Lazio. Il Presidente della Regione Zingaretti ha fatto una roboante dichiarazione dove diceva che la sua coalizione andava da Piero Grasso alla Lorenzin, e poi 'Leu' ha detto di no perché vuole essere in discontinuità con il governo Gentiloni e con le azioni del governo e quindi noi siamo rimasti fuori. Questa è una questione che attiene tutta al Presidente della Regione Lazio Zingaretti che ha fatto una scelta 'sinistra sinistra', tra l'altro sui temi della salute e questo sposta sicuramente a sinistra l'alleanza del Lazio e noi andremo da soli".

12:00Sfregiata con acido: giudice, Eddy voleva cancellare Gessica

(ANSA) - RIMINI, 22 GEN - Un uomo 'malvagio' che voleva cancellare l'essenza di Gessica Notaro, cioé la sua bellezza. Questo è Eddy Tavares secondo il giudice Fiorella Casadei che ha motivato la sentenza di condanna a 10 anni per il capoverdiano responsabile di aver sfregiato con l'acido la giovane modella riminese, sua ex fidanzata, il 10 gennaio 2017. "Solo la malvagità sottesa al suo agire derivata da un'autostima di sè priva di senso critico e anzi potenziata da quel forte senso di essere in grado di imporsi sull'altro con ogni altro mezzo, fino ad annullarne la volontà - scrive il giudice, come riporta la stampa locale - aveva spinto Tavares ad aggredire la ex fidanzata, totalmente inerte e indifesa fino ad attentare, con effetti irreversibili, la sua persona nella sfera più significativa, sfigurandone il volto e cancellandone per sempre i suoi tratti caratterizzanti". Il giudice parla anche di un movente "irragionevole e inaccettabile secondo i canoni del comune sentire e principi di una persona di media moralità".

11:57Roma:ßLippi “Dzeko? Si può puntare su Schick e Defrel”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "A Roma, Di Francesco è appena arrivato e, sia pure in mezzo a tanto scetticismo, ha organizzato la squadra, coinvolgendo i giocatori dal punto di vista tecnico-tattico. Non era facile, ma c'è riuscito, perché si vede che credono in quello che fanno. Vediamo adesso cosa uscirà dal mercato. Se mi vendessero Dzeko non so se mi arrabbierei. Potrebbe essere anche una cosa bella puntare tutto su Schick e Defrel". Così Marcello Lippi, parlando a Radio anch'io lo sport, su RadioRai. "Attenzione all'Inter, perché può rientrare nella corsa-scudetto dopo il mercato. La Lazio? La società ha avuto un ruolo importante e Simone Inzaghi ha fatto il resto: lui è bravo in tutto", aggiunge. "La situazione del calcio italiano? Di sicuro in seno alla Federcalcio deve starci gente che ha praticato il calcio", conclude.

11:55M5S: Di Maio, nostri punti chiari, chi vuole li condivida

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Il 4 marzo ci sono due strade: "o un voto inutile al Pd o un voto al MoVimento che vuole liberare l'Italia ostaggio di questa classe dirigente". Lo ha detto il candidato premier di M5S Luigi Di Maio a Mattino 5. Il dirigente pentastellato poi torna sulle possibili alleanze in caso il suo partito non raccolga la maggioranza necessaria a governare. E lo fa facendo un passetto in avanti: "noi siamo la prima forza politica in Italia: è chiaro che se abbiamo i numeri da soli io non mi sottraggo a fare un appello a tutte le forze politiche per vedere su quali dei nostri 20 punti illustrati a Pescara" possono convergere. "Ci dicano quali sono le loro idee e mettiamole insieme, ma io - ci tiene a ribadire - presento la mia squadra prima del voto". Di Maio ha quindi aggiunto che "il Movimento è la prima forza politica", ma è soprattutto "un segnale ai vecchi partiti: basta stare lì dentro e pensare a voi e iniziate a lavorare per chi sta fuori".

11:55Renzi, se Pd primo gruppo parlamentare avrà carte in mano

(ANSA) - FIRENZE, 22 GEN - Per Matteo Renzi "la partita sui voti non si gioca soltanto sulle coalizioni. Spero e lavoro perché il Pd sia il primo gruppo parlamentare. Se questo avverrà dopo 5 marzo il Pd avrà le carte in mano". "Questa legge elettorale è la conseguenza del no al referendum del 4 dicembre. Dopo che abbiamo perso è evidente che siamo tornati a livello della prima Repubblica", ha detto il segretario del Pd a Controradio convinto, però, che "non è una legge elettorale autolesionista per il Pd: abbiamo dovuto farla ma io non credo che la partita sia chiusa".

11:53Calcio: Milan, Gattuso “voglio fare bene per restare”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Spero di migliorare, c'è sempre da imparare e nella mia vita non ho mai fatto calcoli. Io spero di rimanere nel Milan, che è la società nella quale ho giocato per tanti anni. In questo momento la priorità è fare bene, portare il Milan nelle posizioni più alte, trovare una solidità di squadra, non è certo il futuro di Gattuso. Voglio raggiungere il massimo con questi giocatori". Così Rino Gattuso, all'indomani della vittoria di Cagliari, parlando a Radio anch'io lo sport, in onda su RadioRai. "Questa squadra ha grandissime qualità - aggiunge l'allenatore milanista - non basta però avere tecnica, oggi la 'mission' è riuscire a essere squadra. Al calcio sanno giocare. In campionato finora mi ha sorpreso la Lazio, penso stia disputando un campionato incredibile con Simone Inzaghi. Sono preoccupato di affrontarli in campionato e Coppa Italia". "Nel Milan non c'è un giocatore-simbolo, è il gruppo che si è messo a mia disposizione: devo ringraziare i ragazzi", conclude.

11:45Mafia: maxi blitz nell’agrigentino, 56 arresti

(ANSA) - PALERMO, 22 GEN - I carabinieri di Agrigento hanno arrestato 56 presunti boss e affiliati di Cosa nostra agrigentina. L'inchiesta, la più imponente mai messa a segno nel territorio, ha colpito 16 "famiglie" mafiose, anche di altre province. In carcere, tra gli altri, è finito Francesco Fragapane, 37 anni, figlio dello storico capomafia di Santa Elisabetta Salvatore, da anni ergastolano al 41 bis. Scarcerato nel 2012 dopo sei anni di prigione, Fragapane ha ricostituito il mandamento che comprende tutta l'area montana dell'agrigentino. Fragapane era poi stato riarrestato e nuovamente liberato la scorsa estate: attualmente era sorvegliato speciale. Tra gli arrestati anche il sindaco di San Biagio Platani, Santino Sabella, eletto alle ultime amministrative.

Archivio Ultima ora