Provea: 75% dei venezuelani vive in povertà

Pubblicato il 24 maggio 2016 da redazione

VENEZUELA--PROVEA-: Los venezolanos son más pobres y no tienen derechos sociales

VENEZUELA–PROVEA-: Los venezolanos son más pobres y no tienen derechos sociales

CARACAS – Come ormai consuetudine, anche quest’anno Provea, l’autorevole Ong che si preocupa della violazione dei diritti umani, ha reso noto il suo rapporto annuale. E, in questa occasione, ha denunciato l’incremento della povertà e le discriminazioni di cui sono vittime gli strati sociali più poveri.

– Nonostante quelli che sono al potere denuncino ripetutamente violazioni dei diritti umani ad opera di settori interni ed esterni, o del modello neo-liberale, è dimostrato che oggi sono i piú poveri le principali vittime della tendenza all’esclusione sociale promossa dalle autorità.

Dal Rapporto di Provea emerge che oggi almeno 23 milioni di venezuelani, l’equivalente al 75 per cento della popolazione, vive in povertà. Provea sostiene che se non si pone freno alla spirale inflazionaria la situazione peggiorerà.

La ong ha poi reso noto che sono state registrate 3.719 denuncie di violazioni dei diritti umani, un incremento del 40 per cento rispetto al 2014. Insomma, stando a Provea, violenza e povertà nel Paese sono in crescita preoccupante.

Ultima ora

13:03Calcio: Juve, ‘con Fiorentina punti importanti’

(ANSA) - TORINO, 21 SET - "Punti importanti". Questo il leit motiv dei calciatori della Juventus nel commentare sui social la vittoria per 1-0 con la Fiorentina. "Punti importanti grazie a Dio, avanti così" il commento di Juan Cuadrado su Twitter. Proprio da una giocata del colombiano è nato il gol di Mandzukic, che ha permesso ai bianconeri di mantenere la testa della classifica in compagnia del Napoli. "Una partita molto difficile: ringrazio Dio per un'altra grande vittoria", è il punto di vista di Asamoah. Incontenibile in campo ma ermetico su Twitter Matuidi: "Bella vittoria", si limita a scrivere il francese, che posta una sua foto mentre festeggia il gol vittoria con Mandzukic. "Con grinta e coraggio abbiamo portato a casa tre punti importanti", twitta Sturaro, impiegato come terzino da Allegri al posto di Lichtsteiner. Proprio lo svizzero, entrato a partita in corso, definisce su Twitter un "grandissimo risultato" l'1-0 contro la Fiorentina. "Adesso concentriamoci sul derby", scrive Lichtsteiner.

13:00Migranti: naufragio in Libia, ‘oltre cento dispersi’

(ANSA) - IL CAIRO, 21 SET - Un naufragio di migranti al largo della Libia con oltre cento dispersi è stato segnalato dalla Marina libica sulla base di testimonianze di sopravvissuti. Il portavoce della Marina Libica, l'ammiraglio Ayob Amr Ghasem, contattato dall'ANSA ha detto che "oltre cento migranti sono dati per dispersi" per l'affondamento di un barcone davanti alla costa ovest del Paese. La Guardia costiera di Zuara ha ricevuto "ieri" una richiesta di soccorso da parte di un barcone in difficoltà.

13:00‘Ndrangheta: 10 condanne a Brescia, 109 anni carcere

(ANSA) - BRESCIA, 21 SET - Si è chiuso con dieci condanne per complessivi 109 anni e 6 mesi e 6 assoluzioni il processo davanti al tribunale di Brescia per estorsioni, minacce, detenzione abusiva di armi, aggravati dall'associazione a delinquere di stampo mafioso, per fatti accaduti a Mantova dove nel 2015 vennero arrestate 117 persone e con l'inchiesta dell' antimafia che toccò anche l'amministrazione comunale. Fra i condannati c'è Nicolino Grande Aracri, capo cosca e boss della 'ndrangheta. Per lui la pena da scontare è di 28 anni.

12:59Catalogna: folla davanti a Palazzo Giustizia Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 21 SET - Centinaia di manifestanti hanno iniziato a concentrarsi davanti al Palazzo di Giustizia di Barcellona dove sono tuttora detenuti 10 dei 14 dirigenti della amministrazione catalana arrestati ieri nel blitz della Guardia Civil. La concentrazione di protesta 'permanente' è stata convocata dalla Assemblea Nazionale Catalana, la principale organizzazione della società civile indipendentista.

12:49Terremoto: Pro loco Castelluccio, dimenticata nostra chiesa

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 21 SET - "La chiesta di Santa Maria Assunta di Castelluccio di Norcia è stata dimenticata da tutti. A un anno dal terremoto nessuno è intervenuto per metterla in sicurezza, l'altare era stato coperto con dei teli di plastica da alcuni castellucciani nei giorni successivi al sisma": la protesta arriva da Diego Pignatelli, presidente della Pro loco del borgo. "La nostra chiesa è completamente crollata - ricorda ancora Pignatelli -, ma ci sono delle parti che andrebbero protette, soprattutto adesso che sta tornando l'inverno. Quindi auspichiamo un intervento rapido delle istituzioni per preservare quel che resta di questo edificio di culto tanto caro alla gente di qui". La chiesa si trova al centro del paese, in piena "zona rossa". (ANSA).

12:47Calcio: D.Alves invita tutti a cena dopo lite Cavani-Neymar

(ANSA) - PARIGI, 21 SET - Il laterale ex Juve Dani Alves ha invitato ieri sera a cena in un ristorante parigino tutti i compagni del Paris Saint-Germain per ricompattare lo spogliatoio dopo la lite che ha opposto Neymar a Cavani al termine della partita vinta tre giorni contro il Lione. Ne ha dato notizia L'Equipe. Dopo il "penalty-gate" - come viene ormai chiamata in Francia la rissa fra i due giocatori per chi avesse avuto diritto a tirare un calcio di rigore - è stato il terzino brasiliano a prendere l'iniziativa, anche perché in qualche modo era coinvolto nell'episodio. Era stato infatti lui ad affidare il pallone al connazionale Neymar, facendo infuriare il "Matador" Cavani. I due litiganti hanno accettato - al termine dell'allenamento di ieri - l'invito del compagno insieme a tutti gli altri giocatori e sono andati a cena al "Victoria Paris", un locale dell'elegante XVI arrondissement.

12:46Giornata europea senza morti sulle strade

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La Polizia inaugura oggi la Giornata Europea Senza Morti Sulle Strade. L'iniziativa, denominata "EDWARD" (European Day Without A Road Death), è promossa dal Network Europeo delle Polizie Stradali "TISPOL", del quale la Polizia Stradale italiana ha la Presidenza dal mese di ottobre 2016. Tutti gli Stati aderenti al network "TISPOL" si sono impegnati a far sì che il 21 settembre 2017 possa essere, in tutta Europa, una giornata caratterizzata da zero vittime sulle strade. L'iniziativa vuole aumentare la consapevolezza sul fenomeno della mortalità ed incidentalità grave sulle strade, oggi più che mai in aumento, di richiamare l'attenzione degli utenti sulla necessità di riallinearsi agli obiettivi europei relativi alla riduzione del 50% del numero di vittime entro il 2020. L'iniziativa si accompagnerà a una campagna di sensibilizzazione anche sul web. Il progetto "EDWARD" è illustrato alla pagina web: https://projectedward.eu/.

Archivio Ultima ora