Mattarella, pace e libertà non si ottengono con le barriere

Pubblicato il 25 maggio 2016 da redazione

mattarella

ASIAGO (VICENZA). – Il progresso e le conquiste civili possono essere mantenute dall’Europa solo garantendo la pace, “non alzando le barriere”, e anteponendo “gli ideali alla ricerca, effimera, del consenso ad ogni costo”. Perchè il rischio è quello di chiudersi “nei recinti di malintesi interessi nazionali”.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sceglie la giornata della sua visita ad Asiago, in occasione delle commemorazioni del centenario della Grande Guerra, per lanciare un monito ai Governi a non disperdere l’eredità più preziosa avuta in dote dall’Europa dopo il disastro di due immani conflitti.

“Sono state le intese, le alleanze non aggressive, le unioni sovranazionali – scandisce il Capo dello Stato – e non le chiusure e le barriere a garantire al nostro Paese e agli altri la libertà e il benessere”.

Poi getta lo sguardo verso i boschi e i prati di queste montagne che hanno visto 230mila morti (150mila gli italiani), e sottolinea che “raccogliere il grido silenzioso che sale dai tanti cimiteri militari sparsi sull’Altopiano di Asiago, significa rispettare il sangue versato dai caduti su entrambi i fronti di guerra e le sofferenze, gli affanni e i patimenti di quanti rimasero in vita in un ambiente distrutto”.

Parole meditate e pesanti quelle di Mattarella, per ricordare i cent’anni dell’avvio di un conflitto che tra queste valli chiamò al sacrificio decine di migliaia di giovani soldati italiani provenienti da ogni dove, compresa la sua Sicilia.

Il Capo dello Stato ha ricevuto subito, al suo arrivo all’aeroporto asiaghese, il primo abbraccio alla comunità locale (“presidente si ricordi del lavoro per i giovani” grida qualcuno). E’ stata la prima tappa di un viaggio tanto breve quanto intenso nel significato.

Dopo aver deposto una corona d’alloro al Sacrario militare del Leiten, che custodisce 55mila mila resti di soldati, italiani e austroungarici, Mattarella, accompagnato dal ministro della Difesa Roberta Pinotti e dal presidente del Veneto Luca Zaia, ha incontrato il popolo di queste terre le cui ferite sono tutt’altro che rimarginate.

La Grande Guerra spazzò via il 95% delle case dell’Altopiano. “La guerra, ogni guerra – ha sottolineato Mattarella, dal palco di Piazza Carli -, è un moltiplicatore di lutti e sofferenze. E’ stata la pace e non la guerra ad assicurare stabilità e progresso, è stato il dialogo non lo scontro a permettere le grandi conquiste civili ed economiche di questi 70 anni”.

Poi il monito del Capo dello Stato ai Governi e alle classi dirigenti del vecchio continente, per “anteporre ideali e visione alla ricerca, effimera, del consenso a ogni costo, ottenuto a volte con grossolane semplificazioni e con demagogia”.

“Il momento, per l’Europa e per il mondo intero – ha ammonito il presidente – non è facile. C’è il rischio concreto che forze disgregatrici, minacce terroristiche, crisi economiche, flussi migratori, facciano fare pericolosi balzi all’indietro”.

Concetti che prima aveva espresso il ministro Pinotti: “l’Europa è stata pensata e scelta per superare le guerre, non possiamo tornare indietro. Oggi tutto è cambiato rispetto alla Prima Guerra mondiale, ma proprio per questo sarebbe drammaticamente ironico se proprio tra Italia e Austria, un secolo dopo gli eventi che oggi ricordiamo, si concretizzassero nuovi tipi di fratture, si materializzassero sinistri simboli, nuovi e antichi, come muri e barriere a promuovere differenze”.

“L’anniversario della Grande Guerra – ha detto da parte sua il presidente del Veneto, Luca Zaia – non poteva non avere una tappa come questa. Un profondo ricordo di uno scenario cruento. E’ giusto rendere onore alle migliaia di militari deceduti su entrambi i fronti, ma anche ai civili e ai sopravvissuti che hanno patito la tragedia del conflitto”.

Infine Mattarella è salito in elicottero fino alla cima del Monte Lozze, a duemila metri di quota, per rendere omaggio con una corona di fiori ai caduti di questo caposaldo e ai 28mila morti dell’Ortigara, il “Calvario degli Alpini”.

(dell’inviato Vincenzo Beni/ANSA)

Ultima ora

17:13Vigilante ferì ladro dopo furto, rischia posto lavoro

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - Rischia di perdere il lavoro solo per avere fatto il suo lavoro. E' la paradossale vicenda di un addetto alla vigilanza di Genova, Yohann Sgambellone, condannato a una multa di 200 euro per avere ferito in modo lieve un ladro che lo aveva trattenuto per garantire la fuga alle due complici dopo un furto in un negozio di Genova. Sgambellone, difeso dall'avvocato Giuseppe Maria Gallo, si è ritrovato a processo insieme al ladro e alle sue due complici: loro sono stati condannati per quel colpo, lui per avere ferito uno dei tre che lo aveva bloccato. La guardia ha sempre sostenuto di essersi divincolato e di averlo così ferito involontariamente. Per i giudici non fu legittima difesa, ma vere e proprie lesioni anche se colpose. La condanna potrebbe portare la Prefettura a sospendere la sua licenza. "Faremo ricorso per impugnare la sentenza - ha commentato il legale del vigilante - perché ci sono gli estremi della legittima difesa".

17:12Sfregiata con acido: giudice ammette registrazione

(ANSA) - RIMINI, 24 LUG - Sarà una registrazione audio a chiarire i rapporti tra Gessica Notaro e Edson ("Eddy") Tavares, l'ex fidanzato della riminese, originario di Capo Verde, che il 10 gennaio l'ha sfregiata gettandole acido in faccia. Oggi il giudice, su richiesta dell'avvocato Andrea Tura che difende il capoverdiano, ha ammesso il file come prova che sarà quindi ascoltato la prossima udienza, il 7 settembre quando si concluderà l'istruttoria. Tavares, 29 anni, detenuto per l'aggressione con l'acido, deve rispondere di stalking nei confronti di Gessica. In aula oggi alcuni testimoni della difesa, tra cui un paio di amanti di Tavares che hanno raccontato come non fosse mai stato violento prima e come non fosse particolarmente scosso della fine della relazione con la riminese. La registrazione secondo la difesa di Tavares potrebbe mostrare come i rapporti tra i due ragazzi fossero distesi e intimi anche dopo che Gessica aveva sporto denuncia verso l'ex. Oggi i due ex fidanzati erano entrambi in aula.

17:10Vento riaccende rogo nell’ex zoo di Torino

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Il forte vento, che dal primo pomeriggio imperversa su Torino, ha riattizzato i tizzoni del rogo, che è divampato, a partire da ieri in tarda serata, nell'ex zoo della città. Nel parco Michelotti, in corso Cadore, lungo il fiume Po, le fiamme nella notte hanno distrutto la Casa della Giraffa. Due squadre di pompieri hanno lavorato per ore in modo da circoscrivere l'incendio. Oggi pomeriggio le raffiche di vento hanno però riacceso alcuni focolai e i vigili del fuoco, con carro fiamma e autobotte, intorno alle 15 sono tornati sul posto per spegnerli completamente. Indagini sono in corso per accertare le cause dell'incendio. Non si esclude l'origine dolosa.(ANSA).

16:47Migranti:Minniti,Ue e Africa devono lavorare insieme

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Sul tema dell'immigrazione "Europa e Africa hanno il dovere di lavorare insieme". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, nel suo intervento alla seconda riunione del gruppo di contatto Africa-Europa, in corso a Tunisi. "Abbiamo a che fare - ha sottolineato - con un fenomeno epocale che ci ha accompagnato in passato e molto probabilmente ci accompagnerà anche nel futuro. Esso può essere affrontato in maniera utile e definitiva soltanto attraverso una grande cooperazione tra Europa e Africa". Su questi temi, ha aggiunto, "non c'è un'unica soluzione miracolosa, c'è invece l'idea di mettere in campo un progetto strategico sapendo che nessun Paese può farcela da solo e che nessun Paese può essere lasciato solo. Chi ha orecchie per intendere, intenda". Il ministro ha invitato quindi l'Europa ad affrontare il tema della rotta sud e del Mediterraneo centrale facendo "lo stesso sforzo fatto per la Turchia".

16:47Calcio: Iago Falque ‘Torino club importante, faremo bene”

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - "Abbiamo le qualità per poter migliorare quanto fatto lo scorso anno". Punta in alto Iago Falque, attaccante spagnolo del Torino a caccia di un posto in Europa League. "La scorsa è stata una stagione positiva e speriamo che la prossima lo sia ancora di più, sia a livello personale che di squadra", è l'obiettivo dell'attaccante intervistato nel ritiro di Bormio. "Il Torino è una squadra importante, per questo sono felicissimo di essere qui - aggiunge al sito internet del club granata -. Il bilancio del ritiro? Positivo, la squadra sta rispondendo bene, è importante mettere allenamenti nelle gambe. Obiettivi? Dobbiamo pensare solo a noi stessi, possiamo fare delle belle cose, ma sempre mantenendo equilibrio". Tra i sogni c'è anche la nazionale spagnola. "É difficile perché ci sono tanti calciatori forti - conclude -, io devo solo continuare a far bene e poi si vedrà".

16:36Pallanuoto: Mondiali, Setterosa ko ai quarti

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Niente zona medaglia per la nazionale di pallanuoto femminile ai Mondiali di Budapest. Il Setterosa è stato sconfitto nei quarti di finale per 9-8 dalla Russia. Ora le azzurre del ct Fabio Conti torneranno in acqua per i piazzamenti dal quinto all'ottavo posto.

16:31Calcio: City, via Kolarov ed ecco Mendy dal Monaco

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - È rimasto poco più di 24 ore, il Manchester City, scoperto sulla fascia sinistra dopo la cessione di Aleksandar Kolarov alla Roma (e in precedenza anche di Gael Clichy): oggi, infatti, il club inglese ha annunciato l'ingaggio di Benjamin Mendy dal Monaco. Il 23enne terzino francese, che nella scorsa stagione è stato tra i protagonisti dell'eliminazione del City dalla Champions League in semifinale, ha firmato un contratto di cinque anni. Secondo "L'Equipe", al club del Principato che un anno fa lo aveva preso dal Marsiglia per 15 milioni di euro, ne andranno ora 57,5. Il quotidiano sportivo francese sottolinea che mai un terzino sinistro era stato pagato tanto nella storia del calcio. Fresco d'esordio in Nazionale (da marzo ha già totalizzato 4 presenze), Mendy ritroverà nella rosa a disposizione di Pep Guardiola l'ex compagno di squadra nel Monaco Bernardo Silva, il centrocampista portoghese ufficializzato qualche settimana fa, anche lui con un quinquennale.

Archivio Ultima ora