Mattarella, pace e libertà non si ottengono con le barriere

Pubblicato il 25 maggio 2016 da redazione

mattarella

ASIAGO (VICENZA). – Il progresso e le conquiste civili possono essere mantenute dall’Europa solo garantendo la pace, “non alzando le barriere”, e anteponendo “gli ideali alla ricerca, effimera, del consenso ad ogni costo”. Perchè il rischio è quello di chiudersi “nei recinti di malintesi interessi nazionali”.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sceglie la giornata della sua visita ad Asiago, in occasione delle commemorazioni del centenario della Grande Guerra, per lanciare un monito ai Governi a non disperdere l’eredità più preziosa avuta in dote dall’Europa dopo il disastro di due immani conflitti.

“Sono state le intese, le alleanze non aggressive, le unioni sovranazionali – scandisce il Capo dello Stato – e non le chiusure e le barriere a garantire al nostro Paese e agli altri la libertà e il benessere”.

Poi getta lo sguardo verso i boschi e i prati di queste montagne che hanno visto 230mila morti (150mila gli italiani), e sottolinea che “raccogliere il grido silenzioso che sale dai tanti cimiteri militari sparsi sull’Altopiano di Asiago, significa rispettare il sangue versato dai caduti su entrambi i fronti di guerra e le sofferenze, gli affanni e i patimenti di quanti rimasero in vita in un ambiente distrutto”.

Parole meditate e pesanti quelle di Mattarella, per ricordare i cent’anni dell’avvio di un conflitto che tra queste valli chiamò al sacrificio decine di migliaia di giovani soldati italiani provenienti da ogni dove, compresa la sua Sicilia.

Il Capo dello Stato ha ricevuto subito, al suo arrivo all’aeroporto asiaghese, il primo abbraccio alla comunità locale (“presidente si ricordi del lavoro per i giovani” grida qualcuno). E’ stata la prima tappa di un viaggio tanto breve quanto intenso nel significato.

Dopo aver deposto una corona d’alloro al Sacrario militare del Leiten, che custodisce 55mila mila resti di soldati, italiani e austroungarici, Mattarella, accompagnato dal ministro della Difesa Roberta Pinotti e dal presidente del Veneto Luca Zaia, ha incontrato il popolo di queste terre le cui ferite sono tutt’altro che rimarginate.

La Grande Guerra spazzò via il 95% delle case dell’Altopiano. “La guerra, ogni guerra – ha sottolineato Mattarella, dal palco di Piazza Carli -, è un moltiplicatore di lutti e sofferenze. E’ stata la pace e non la guerra ad assicurare stabilità e progresso, è stato il dialogo non lo scontro a permettere le grandi conquiste civili ed economiche di questi 70 anni”.

Poi il monito del Capo dello Stato ai Governi e alle classi dirigenti del vecchio continente, per “anteporre ideali e visione alla ricerca, effimera, del consenso a ogni costo, ottenuto a volte con grossolane semplificazioni e con demagogia”.

“Il momento, per l’Europa e per il mondo intero – ha ammonito il presidente – non è facile. C’è il rischio concreto che forze disgregatrici, minacce terroristiche, crisi economiche, flussi migratori, facciano fare pericolosi balzi all’indietro”.

Concetti che prima aveva espresso il ministro Pinotti: “l’Europa è stata pensata e scelta per superare le guerre, non possiamo tornare indietro. Oggi tutto è cambiato rispetto alla Prima Guerra mondiale, ma proprio per questo sarebbe drammaticamente ironico se proprio tra Italia e Austria, un secolo dopo gli eventi che oggi ricordiamo, si concretizzassero nuovi tipi di fratture, si materializzassero sinistri simboli, nuovi e antichi, come muri e barriere a promuovere differenze”.

“L’anniversario della Grande Guerra – ha detto da parte sua il presidente del Veneto, Luca Zaia – non poteva non avere una tappa come questa. Un profondo ricordo di uno scenario cruento. E’ giusto rendere onore alle migliaia di militari deceduti su entrambi i fronti, ma anche ai civili e ai sopravvissuti che hanno patito la tragedia del conflitto”.

Infine Mattarella è salito in elicottero fino alla cima del Monte Lozze, a duemila metri di quota, per rendere omaggio con una corona di fiori ai caduti di questo caposaldo e ai 28mila morti dell’Ortigara, il “Calvario degli Alpini”.

(dell’inviato Vincenzo Beni/ANSA)

Ultima ora

00:24Atletica: Tamberi ha problemi, venerdì 27 consulto medico

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Su richiesta di Gianmarco Tamberi e del padre allenatore Marco, il medico della Fidal Andrea Billi ha disposto un consulto per definire la natura dei problemi alla caviglia di stacco (operata nel luglio scorso) ancora avvertiti dall'azzurro. Il consulto si terrà venerdì 27 gennaio a Roma, presso l'Istituto di Medicina dello sport, alla presenza degli specialisti in chirurgia artroscopica della caviglia Francesco Allegra, Francesco Lioi, e Raul Zini, oltre che del Direttore dell'Istituto, prof. Antonio Spataro. Tamberi, che ha affrontato un primo periodo di preparazione in Sudafrica, a Stellebosch, a cavallo dei mesi di dicembre e gennaio, è rientrato in Italia da una settimana. L'obiettivo del campione del mondo indoor dell'alto, grande assente dell'Olimpiade di Rio de Janeiro a causa dell'infortunio patito al meeting Diamond League di Montecarlo del 15 luglio scorso, è quello di rientrare alle gare nel corso della stagione estiva. "Ma potrei tornare di nuovo in sala operatoria", commentato l'azzurro.

00:21Calcio: Coppa Africa, Marocco-Togo 3-1

(ANSA) - LIBREVILLE, 20 GEN - Il Marocco ha battuto il Togo per 3-1 in una partita del gruppo C della Coppa d'Africa. Togolesi in vantaggio al 5' pt con Dossevi, poi le reti dei marocchini di capitan Benatia con Bouhaddouz (15' pt) Saiss (21' pt) ed En Nesyri (27' st). Quest'ultimo era entrato al 15' st al posto del napoletano El Kaddouri. Questa del Marocco è una vittoria molto importante, visto che riapre il discorso qualificazione: ora la nazionale del ct Renard se la giocherà contro la Costa d'Avorio. Il Togo, invece, è praticamente fuori dal torneo continentale.

23:01Rigopiano:estratti vivi ultimi 3 bambini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Tra gli ultimi tre bambini estratti vivi dalle macerie dell'hotel Rigopiano c'é anche Ludovica Parete, figlia del cuoco, Giampiero, sopravvissuto fin dal primo momento alla tragedia e che aveva dato l'allarme del crollo dell'albergo. Questa mattina erano stati estratti vivi la moglie di Parete Adriana e l'altro figlio, Gianfilippo: la famiglia si è così ricomposta. Ci sono ancora superstiti sotto le macerie dell'hotel Rigopiano spazzato via da una slavina. Tre bambini, su quattro salvati, sono stati estratti vivi dai vigili del Fuoco nel tardo pomeriggio dopo oltre 40 ore. L'ultimo salvato è Edoardo Di Carlo, che era nell'albergo con i genitori Sebastiano e Nadia (finora dispersi).

22:53Sci: Miller ipotizza ancora un ritorno alle competizioni

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 20 GEN - Bode Miller continua ancora a giocare con l'ipotesi di un suo ritorno alle competizioni, magari nella prossima stagione e comunque con ai piedi i suoi nuovi sci di marca Bomber nella cui produzione - in Italia - ha investito parecchio. "Ma se non dovessi tornare a gareggiare - ha spiegato a Kitzbuehel il campione americano di 39 anni, assente dopo un infortunio nella passata stagione ai Mondiali di Beaver Creek - non ci saranno annunci, semplicemente non tornerò". Per gareggiare con la nuova marca di sci, Bode deve comunque aspettare la fine del 2017, quando scadra' il suo contratto che lo vincola alla Head.

22:34Appalti truccati a Pistoia: condannati i 16 imputati

(ANSA) - PISTOIA, 20 GEN - E' caduta per tutti l'accusa dell'associazione per delinquere e questo ha comportato pene più lievi di quelle richieste per i 16 imputati, tra imprenditori, dirigenti pubblici e politici, a processo per gli appalti truccati a Pistoia. Tra le condanne decise oggi, quella più alta riguarda Marcello Evangelisti (ex dirigente dell'ufficio lavori pubblici del Comune di Pistoia), 6 anni e 9 mesi di reclusione.

22:30Coniugi uccisi in casa, ipotesi omicidio-suicidio

(ANSA) - ALESSANDRIA, 20 GEN - I cadaveri di due anziane persone, marito e moglie, sono stati trovati all'interno del loro appartamento a Valenza, in provincia di Alessandria. A dare l'allarme sarebbe stato il figlio della coppia. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri si tratterebbe di un caso di omicidio-suicidio: l'uomo avrebbe sparato alla moglie e poi avrebbe rivolto l'arma contro se stesso. Inutili i soccorsi del 118. Il cadavere della donna, secondo le prime informazioni, era riverso a terra in cucina. Quello dell'uomo, invece, sarebbe stato trovato nella vasca da bagno con la pistola sulla pancia. Sempre secondo le prime informazioni, sembra che l'uomo fosse malato.(ANSA).

22:12Calcio: Gerrard torna al Liverpool, si occuperà dei giovani

(ANSA) - LIVERPOOL, 20 GEN - Steven Gerrard torna al Liverpool. Da febbraio si prenderà cura del settore giovanile ed il club ha fatto sapere che avrà un "ruolo ad ampio raggio nella fase di sviluppo professionale dei giovani giocatori". Gerrard, 36 anni, ha collezionato 710 presenze con la maglia dei Reds ed è uno dei più grandi giocatori nella storia della squadra. Dopo un periodo di 18 mesi nella Major League Soccer con i Los Angeles Galaxy, il nuovo incarico segna il rientro nella società dove ha trascorso 17 anni come professionista. L'ex capitano del Liverpool e dell'Inghilterra, che si è ritirato dal calcio nel mese di novembre, ha commentato: "E' il completamento di un cerchio".

Archivio Ultima ora