Rondón: “Referendo puede hacerse el 30 de octubre”

Pubblicato il 25 maggio 2016 da redazione

Luis Emilio Rondón rector del CNE

Luis Emilio Rondón rector del CNE

CARACAS- La realización del referéndum revocatorio es el tema de discusión de los rectores del Consejo Nacional Electoral quienes el día de ayer dieron sus puntos de apreciación complicando aún más la diatriba política.

Según el rector principal del Consejo Nacional Electoral (CNE), Luis Emilio Rondón durante una entrevista en el programa Vladimir a la 1 que se trasmite por Globovisión, indicó que el referendo revocatorio se puede realizar “perfectamente” para el 30 de octubre.

En este sentido, aseguró que no existe ningún aspecto jurídico que impida realizar este proceso en 2016. “30 días son más que suficientes para la realización per se del referendo (…). No estoy de acuerdo que se paralice el proceso, perfectamente el día de hoy podríamos haber constatado las firmas”.

Rondón citó ejemplos como la elección presidencial que debió ser convocada con celeridad tras la muerte del presidente Hugo Chávez. “La elección fue convocada en un lapso de 30 días”, dijo al tiempo que instó a sus pares a actuar de acuerdo a la Constitución.

“Cualquier señalamiento (…) sobre la imposibilidad de la realización del proceso electoral lo considero una temeridad y un desconocimiento de la norma”.

El rector señaló que existe una diferencia de criterios entre los rectores sobre la invalidación de una planilla cuando tiene firma de una persona que votó en otro estado.

D’Amelio: 21.560 planillas están incompletas

Tania D’Amelio, rectora principal del CNE, informó a través de su cuenta Twitter que de la revisión de 200.197 planillas consignadas por la Mesa de la Unidad Democrática (MUD), un total de 21.560 están incompletas. Señaló que el número de planillas especificadas corresponde a la revisión de las 80 de las cajas consignadas por la MUD ante el CNE.

D’Amelio aseveró que es necesario que la MUD hable con la verdad a sus seguidores para mantener la paz en Venezuela.

Al respecto de estas declaraciones de la rectora D`Amelio, el rector explicó que es una opinión personal, “seguramente se refiere a planillas incompletas pero no invalidada”.
“El único motivo para invalidar una firma es que el ciudadano no acuda al proceso de validación o participación”.

En este sentido, acotó que las fallas en el marcaje de las huellas no invalidan las planillas entregadas por la Mesa de la Unidad Democrática (MUD) para solicitar la activación del referendo revocatorio.

“El proceso del referéndum se divide en tres etapas: la de promoción que requiere 1% de las firmas, la de participación que necesita 20% de participación de los electores y la de votación”. En relación a la planilla que mostró el alcalde del municipio Libertador, Jorge Rodríguez, Rondón explicó que no era posible que ningún actor político tuviera en posesión dicho escrutinio, debido a que ni siquiera el poder electoral había abierto las cajas.

Asimismo, aseguró que los lapsos, tiempos y ejecución del proceso de referendo revocatorio corresponde exclusivamente al Poder Electoral, “cualquier otra opinión de los actores políticos es improcedente”.

Oblitas: “No hay fecha”

Entre tanto la rectora del ente comicial, Sandra Oblitas informó que “estamos en la primera etapa para la promoción de una eventual activación del revocatorio de mandato” por parte de un grupo de ciudadanos representados por la Mesa de la Unidad Democrática. “No tenemos la precisión de saber en qué fecha sería la eventual recolección del 20% de las manifestaciones de voluntad” de los inscritos en el registro electoral”.

“Los voceros políticos tienen el derecho de hacer su juego político y de decir una cosa y otra, el CNE ha llevado adelante cada uno de los pasos, una primera solicitud para llevar adelante la condición de promotor que hace la MUD recaudó una cantidad de manifestaciones de voluntad que es del 1% que están siendo validadas, verificadas dentro de los parámetros que el CNE tiene para ello”, dijo Oblitas sobre las declaraciones de voceros del Partido Socialista Unido de Venezuela (Psuv), que alegan que este año no habrá referendo revocatorio del mandato del presidente Nicolás Maduro.

La rectora considera que “sería disminuir al CNE decir que no está en capacidad, nosotros estamos en capacidad de llevar todos los procesos”. Así lo declaró en entrevista para Unión Radio. Oblitas aseguró que los empleados del CNE solicitaron un amparo, pues se han sentido amenazados por las manifestaciones que intentan llegar a la sede del Poder Electoral, por ello el Tribunal Supremo de Justicia (TSJ) dictó una sentencia que prohíbe las manifestaciones en las inmediaciones del CNE. Hay que poner distancias entre las manifestaciones pacíficas y otro tipo de manifestaciones, dijo.

Explicó que en el marco del principio de celeridad, “dentro de los 30 días ha iniciado el proceso de verificación, validación en las mesas establecidas, dando oportunidad de avanzar con las subsanaciones que debe hacer el solicitante o las entregas adicionales y verificar lo que se ha entregado”.

También informó que el ente rector del Poder Electoral ha levantado 18 actas “de cada fase que se ha realizado desde que llegaron las manifestaciones de voluntad” estás han sido suscritas por los testigos de los actores políticos.

Ultima ora

14:47Bus ungherese:polizia,non si sa autista morto o ferito

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - "Non sappiamo ancora se l'autista è morto o ferito": Girolamo Lacquaniti, dirigente della polizia stradale di Verona, ha risposto così alla domanda sul conducente del pullman ungherese che si è schiantato in A4 e ha preso fuoco, con un bilancio di 16 vittime. A rendere difficile una possibile certezza sull'autista alla guida - a bordo ce n'erano due e pare si dessero il cambio ogni tre ore - il fatto che ci sono ancora vittime da identificare e ci sono due feriti gravi ricoverati all'ospedale Borgo Trento a Verona ancora senza nome.

14:44Maltempo: nel Cagliaritano dopo bufera ora conta dei danni

(ANSA) - CAGLIARI, 22 GEN - Si lavora ancora a Cagliari e in tutta la provincia per ripulire le strade e in alcuni casi riaprirle, dopo l'ondata di maltempo con forti raffiche di vento, anche a 100 chilometri orari e la pioggia che ieri hanno messo in ginocchio tutto il cagliaritano. Sono oltre 200 gli interventi portati a termine o in fase di completamento da parte dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Cagliari. Alberi e rami caduti su strade o dentro giardini, cornicioni, pali, cartelloni pubblicitari finiti sulle auto. Una vera e propria emergenza, con danni ingenti ancora da quantificare. Attualmente in città sono ancora chiuse una parte di via Dante, in pieno centro, e via Fra Ignazio a causa della caduta di alcuni alberi. Problemi e disagi anche in via Copernico, via della Pineta, via Stoccolma e via Costantinopoli. Al lavoro gli agenti della polizia locale e gli uomini del verde pubblico. Si cerca di intervenire al più presto anche vicino ad alcuni edifici scolastici. Rami caduti e detriti potrebbero infatti mettere a rischio l'apertura delle scuole domani. Difficilissima ancora la situazione al Poetto, ieri sommerso dalla mareggiata. Le strade sono ancora allagate e le pompe di sollevamento dell'acqua non stanno funzionando al meglio, visto che il mare le ha sommerse. Ancora chiusa anche la Statale 195 dal chilometro 3 al chilometro 11 da Cagliari verso Capoterra. La mareggiata di ieri ha trasportato sull'asfalto sabbia, alghe e detriti, "mangiando" in alcuni punti il guardrail. Si lavora anche a Capoterra dove la tromba d'aria di ieri ha causato molti danni, così come nel Sulcis Iglesiesente, dove ci sono state mareggiate e pericolose cadute di alberi e rami.(ANSA).

14:4127 bimbi intossicati monossido in festa in sala parrocchia

(ANSA) - FIRENZE, 22 GEN - 27 bambini intossicati da monossido di carbonio durante una festa di compleanno. E' accaduto ieri sera a Sant'Andrea a Pigli, frazione del comune di Arezzo. I bambini, tutti tra i dieci e gli undici anni tranne uno di appena un anno e mezzo, si trovavano in una sala parrocchiale della locale chiesa dove si stava tenendo la festa di compleanno di uno di loro, riscaldata da stufe a gas. Nessuno dei bimbi sarebbe in pericolo di vita. 23 su 27 sono stati ricoverati ad Arezzo e a Firenze. Gli altri non hanno avuto bisogno di ricovero perché i sintomi erano lievissimi. Secondo una prima ricostruzione, improvvisamente due undicenni e il piccolo di un anno e mezzo hanno avvertito nausea e mal di testa perdendo per un attimo conoscenza. I genitori hanno chiamato subito il 118. All'ospedale di Arezzo si sono resi conto che la concentrazione di monossido di carbonio nell'emoglobina era alta e li hanno trasferiti immediatamente all'ospedale fiorentino di Careggi per essere curati in camera iperbarica.

14:39Calcio: Prandelli, ho detto no a un’offerta dalla Cina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - L'ex ct azzurro Cesare Prandelli ha rifiutato una proposta per allenare in Cina, sarebbe "come staccare definitivamente". L'ha detto lo stesso tecnico che all'ipotesi di un suo ritorno sulla panchina della Fiorentina è netto: "ho sempre detto che non me ne sarei mai andato, non aggiungo altro perché non voglio che si inneschino polemiche". Dalle cose viste in campionato, Prandelli promuove i suoi colleghi Sarri e Montella, e rispetto al tecnico del Napoli afferma che "è uno scandalo che un allenatore così bravo sia arrivato così tardi nel grande calcio. Devo fargli i complimenti, perché è sempre riuscito a migliorare squadre già forti prima del suo arrivo". Di Montella dice che "è un un innovativo: sa trasmettere le sue idee e ora il Milan è una delle squadre che quest'anno ha subìto i più positivi miglioramenti".

14:16Calcio: Prandelli, a Valencia mi sono sentito umiliato

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "A Valencia mi sono sentito umiliato, perciò me ne sono andato". Così l'ex ct azzurro Cesare Prandelli torna sul suo addio alla panchina del Valencia dopo pochi mesi dal suo arrivo. "Quando sono mancati i presupposti per lavorare con trasparenza, ha detto Prandelli, mi sono sentito umiliato: mi hanno chiesto di fare l'allenatore e il dirigente, senza darmene la reale possibilità. Avevamo concordato che la priorità era l'acquisto di Zaza, con cui era tutto chiuso, e non ho potuto accettare il fatto che il presidente, dopo 20 giorni in cui eravamo d'accordo, mi fosse venuto a chiedere se volevamo un centrocampista. Come a voler ricominciare da zero. Mi sono sentito umiliato e ho preferito rescindere un contratto di un 18 mesi: con questi soldi risparmiati magari ora possono fare mercato, visto che hanno problemi di fair play finanziario. Poi Zaza, dopo la mia rescissione, è arrivato lo stesso: penso che abbia le possibilità per fare bene".

14:14Calcio: Juve, Marotta “nessun timore sul rinnovo di Dybala”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Rinnovo di Dybala colpo di mercato? No, perché non c'era alcun timore sul suo rinnovo: ha un contratto lungo, volevamo solo adeguarlo ai livelli dei giocatori della sua caratura". Giuseppe Marotta chiarisce così circa il futuro in bianconero dell'argentino. "Sul mercato abbiamo ultimamente agito per alzare la qualità - ha aggiunto Marotta - anche se forse ammetto che si sia persa un po' di solidità: stiamo cercando la quadratura in un settore, quello del centrocampo, dove comunque non è facile assorbire in poco tempo la partenza di tre giocatori come Pirlo, Vidal e Pogba".

14:03Maltempo: nubifragio nel Nuorese ma allarme dighe rientrato

(ANSA) - NUORO, 22 GEN - E' stata una notte di emergenza e duro lavoro per la Protezione civile nel Nuorese e in Ogliastra dove, dopo la nevicata eccezionale, è arrivato un violento nubifragio, accompagnato dal forte vento, che ha provocato frane, caduta di alberi, esondazioni di torrenti e allagamenti. Nella tarda serata sono state chiuse sette strade provinciali, questa mattina poi quasi tutte riaperte ad eccezione della provinciale Oliena-Dorgali e della Fonni-Desulo, ancora chiusa dopo Monte Spada. In queste ultime due strade, l'unità di crisi della Prefettura di Nuoro sta provvedendo alla messa in sicurezza: a Oliena, all'altezza del Ponte di Oloè - dove nell'alluvione del 2013 era morto il poliziotto Luca Tanzi - e sulla Desulo-Fonni dove si sono riversate diverse frane. Riaperte invece le strade di accesso ad Orgosolo, Oliena, Dorgali, Mamoiada. Allagamenti anche in Ogliastra a causa dell'esondazione del rio Flumineddu che ha causato la chiusura di diverse strade, stamattina riaperte. E' rientrato anche il pericolo dell'ondata di piena per le dighe, in particolare la diga Maccheronis a Torpè, e i fiumi Cedrino nella bassa Baronia e Flumendosa in Ogliastra. Al lavoro per tutta la notte anche il Comitato Operativo, presieduto dall'assessore della Difesa dell'Ambiente Donatella Spano e composto dal direttore regionale della Protezione civile Graziano Nudda, dal Comandante del Corpo forestale e di Vigilanza ambientale Gavino Diana e dal direttore generale di Forestas Antonio Casula. "Abbiamo lavorato tutta la notte insieme ai sindaci dei paesi interessati per l'eventuale evacuazione delle abitazioni in caso di necessità - ha detto il viceprefetto Vincenzo D'Angelo che ha coordinato gli interventi dell'Unità di crisi - ma non c'è stato bisogno. Il livello di sicurezza è stato di poco superato ed è intervenuto subito il sistema di scarico. La situazione del tempo è migliorata e possiamo ormai dire che siamo fuori dall'emergenza. Raccomandiamo tuttavia la massima prudenza per chi si mette in auto: le strade non sono state liberate del tutto dai detriti per cui è meglio procedere con cautela". (ANSA).

Archivio Ultima ora