Il meglio della nostra cinematografia nel “Festival del Cine Italiano 2016”

Pubblicato il 25 maggio 2016 da redazione

festival

CARACAS.- Torniamo anche quest’anno, piacevolmente, all’incontro con il “Cinema Italiano”.
L’Ambasciata d’Italia, l’Istituto Italiano di Cultura di Caracas, il “Trasnocho Cultural”, “Blancica” e “Circuito Gran Cine” ci danno il “Benvenuto” in occasione del “Festival del Cine Italiano 2016”.

Nel corso della Conferenza Stampa che ha avuto luogo presso il “Trasnocho Cultural” (“Paseo Las Mercedes”) la Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura, dott.ssa Erica Berra, ha tenuto a sottolineare come, da ben dodici anni a questa parte, il Festival rappresenta un ulteriore importante vincolo artistico tra l’Italia e il Venezuela.

La dott.ssa Berra, ringraziando quindi Josè Pisano, personalità della cultura italo venezuelana, ha precisato, inoltre, quanto si deve all'”Ambasciatore della Cultura Italiana in Venezuela”, dott. Mignano, che ha saputo propiziare al massimo tali importanti iniziative.

Il Dott. Mignano, a sua volta, ha puntualizzato come il Festival assume quest’anno un significato particolare mentre sono in atto le celebrazioni in occasione dei settanta anni della nascita della Repubblica Italiana.

Cinecittà ieri ed oggi. Immagini, ricordi e storia intessuta di personaggi famosi, artisti ineguagliabili che hanno saputo forgiare l’indelebile percorso del Cinema italiano, dall’inizio del fascismo a quel mondo magico di Cinecittà, storia veritiera del nostro popolo.

Grazie a questa importante iniziativa che riunisce attraverso la magia dello schermo, il meglio della nostra cultura, potremo quindi godere dell’opportunità d’assitere a stupende Opere d’Arte Cinematografica, nel cuore della capitale venezuelana.

(Anna Maria Tiziano/Voce)

Ultima ora

22:38Calcio: Zaza show, tripletta in 8′ al Malaga

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Tre gol in otto minuti di Simone Zaza al Malaga. Uno vero e proprio show dell'attaccante italiano del Valencia che si merita la copertina nel sonante 5-0 inflitto dalla squadra di Marcelino agli andalusi, ultimi in classifica a zero punti dopo cinque partite. Il Valencia era già in vantaggio per 1-0 al 45' del primo anticipo della quinta giornata di Liga per una rete di Mina, ma Zaza ha dato la svolta all'incontro: il n.9 ha segnato al 10', al 15' e al 18' della ripresa, prima in spaccata, poi di testa e quindi di sinistro, portando a quattro il suo bottino stagionale. Al 41' è arrivato poi il 5-0 firmato da Rodrigo. Il Valencia sale provvisoriamente al terzo posto, con nove punti.

22:13Calcio: diluvio a Terni, rinviata Ternana-Brescia

(ANSA) - TERNANA, 19 SET - Gara sospesa e poi rinviata per pioggia allo stadio 'Libero Liberati' di Terni dove si stavano sfidando Ternana e Brescia. La gara, ferma sullo 0-0 è stata sospesa al 20' minuto di gioco a causa di un violentissimo nubifragio. Le due squadre sono state rimandate nello spogliatoio e intorno alle 21.10 c'è stato un sopralluogo da parte del direttore di gara, Daniele Martinelli, per verificare lo stato del terreno di gioco. Alle 21.18 a causa del perdurare della pioggia il delegato di Lega, con le due squadre d'accordo, ha deciso per il rinvio a data da destinarsi. La gara riprenderà dal minuto 20 con le due squadre sullo 0-0.

21:15Forte terremoto nel Messico centrale

(ANSA) - CITTÀ DEL MESSICO, 19 set - Un forte terremoto di magnitudo 7.1 è stato registrato nel Messico centrale. Lo riferisce l'Usgs americano. L'epicentro è nella regione di Puebla, a 10 km di profondità. L'ente geofisico nazionale ha fissato la stima preliminare a 6.8. La scossa è stata avvertita anche a Città del Messico, dove molte persone sono scese in strada.

21:15Bus Catalogna: Orlando a collega spagnolo, chiarezza

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha scritto al suo omologo spagnolo, il ministro Rafael Català Polo, esprimendo "il rammarico delle famiglie delle vittime dell'incidente stradale in cui hanno perso la vita le studentesse Erasmus italiane e auspicando che ci sia ancora la possibilità di chiarire quali siano state le cause e le circostanze dell'incidente".

20:42Consip: Musti, ‘in che pasticcio ci hanno messo?’

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Ma in che pasticcio ci sono andati a mettere?". Così il procuratore di Modena Lucia Musti - secondo quanto riporta il verbale della sua audizione al Csm dello scorso 17 luglio - si rivolge al procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, dopo che nel luglio del 2015 sul Fatto Quotidiano compare l'intercettazione della telefonata tra Matteo Renzi ed il generale della Gdf, Michele Adinolfi. L'intercettazione faceva parte dell'informativa dell'inchiesta Cpl Concordia che il pm di Napoli, Henry John Woodcock, aveva trasmesso alla collega di Modena.

20:39Calcio: a Prato l’ultimo saluto a Bersellini

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Parenti, amici, e tanti campioni del calcio si sono riuniti questo pomeriggio al Duomo di Prato per i funerali di Eugenio Bersellini, l'indimenticato allenatore morto domenica scorsa a 81 anni. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, Giuseppe Bergomi, Evaristo Beccalossi, Alessandro Altobelli e Gabriele Oriali, giocatori dell'Inter con cui il tecnico tra il '77 e l'82 vinse uno scudetto e due Coppe Italia. Bersellini viveva da qualche anno a Prato insieme ad una delle figlie.

20:38Terrorismo: processo Meriem, sentiti primi testimoni

(ANSA) - VENEZIA, 19 SET - E' un processo senza imputata ma soprattutto senza la certezza che sia ancora viva, quello nei confronti di Meriem Rehailly, la studentessa residente nel padovano e fuggita in Siria nel 2015 per combattere con il califfato, che ha registrato oggi al Tribunale a Venezia la seconda udienza. Tra problemi di traduzione e la certezza di familiari e difesa, rappresentata dall'avv. Andrea Niero, che la ragazza sia morta, come avrebbe riferito un'altra simpatizzante dell'Isis, si sono ricostruiti alcuni passaggi della sua fuga. Prima quello che la vede impreparata - come ha raccontato chi le ha venduto i biglietti - tanto da chiedere un tagliando di sola andata per la Turchia, senza sapere che serviva anche quello di ritorno. Dall'altra i militari dei Ros che, rispondendo anche alla Pm Francesca Crupi, hanno ricostruito come la ragazzini si fosse documentata con un 'manuale' del terrorista sul web. Poi è stata la volta del padre di origini marocchine il quale ha ribadito come la figlia sia stata plagiata.

Archivio Ultima ora