Renzi annuncia, il G7 italiano si terrà in Sicilia

Pubblicato il 25 maggio 2016 da redazione

Renzi annuncia, il G7 italiano si terrà in Sicilia

Renzi annuncia, il G7 italiano si terrà in Sicilia

ROMA. – Lampedusa o Taormina. Quel che è certo è che il G7 del prossimo anno, a guida italiana, sarà in Sicilia. L’ufficialità è arrivata dallo stesso premier Matteo Renzi, che in realtà lavora da tempo al progetto di portare i grandi della terra dove il dramma dei migranti è più sentito e dove sono state salvate migliaia di vite. Per dare così anche respiro ad un’isola che sta pagando moltissimo in termini economici e turistici e rilanciare il sud del paese.

“Vi scrivo mentre sono in volo verso il Giappone per il G7 – è stato il messaggio di Renzi -. Molti gli argomenti che la presidenza nipponica ha messo in agenda, in attesa di passare il testimone all’Italia che organizzerà l’appuntamento nel 2017 in Sicilia”.

Il premier vorrebbe in realtà far sbarcare i leader di Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Gran Bretagna e Canada a Lampedusa, isola simbolo del dramma dei migranti. Un’ipotesi della quale aveva parlato con il sindaco Giusi Nicolini il 25 marzo scorso, durante la sua visita sull’isola.

L’idea era la stessa che ha indicato nella newsletter di oggi: “Vorrei che ci fosse posto, al tavolo dei potenti, anche e soprattutto per chi non ha voce”. I migranti, appunto. E chi ogni giorno va in loro soccorso.

La piccola isola che si affaccia sull’Africa però non avrebbe le strutture necessarie per ospitare i capi di Stato e di governo con i loro staff. E lo stesso aeroporto non sarebbe adatto: la pista non è abbastanza grande per accogliere gli aerei di stato.

Renzi non avrebbe abbandonato completamente l’idea di Lampedusa, dove si è consumata l’ennesima tragedia con lo sbarco di una bimba di nove mesi la cui mamma è morta nella traversata, ma avrebbe preparato comunque il ‘piano B’.

Un’ipotesi della quale il premier ha parlato di recente con il sindaco di Taormina, una cittadina più facilmente raggiungibile, abituata ai grandi eventi, con alberghi prestigiosi adatti ad accogliere i leader mondiali. E di indiscutibile bellezza.

In entrambi i casi gli obiettivi rimangono due: tenere alta politicamente, anche attraverso l’annuncio, l’attenzione su uno dei dossier ai quali l’Italia tiene di più proprio mentre a Bruxelles si esamina il ‘migration compact’ voluto dal premier.

E portare avanti la campagna per il mezzogiorno – è di pochi giorni fa la firma del patto per il Sud – mettendolo al centro di uno dei più importanti eventi di politica internazionale, grande occasione di rilancio economico. Considerazioni che hanno portato il premier a rinunciare alla sua Firenze, la prima delle ipotesi messe in campo per il G7.

E il sud ha risposto. Con il sindaco di Taormina Eligio Giardina: sarebbe “per noi una sfida da far tremare i polsi – ha detto – ma siamo pronti per strutture alberghiere, storia, tradizione e sicurezza”. E gli hanno fatto eco gli albergatori: “Magari! Siamo pronti per tradizione e cultura”, ha detto il presidente dell’associazione, Italo Mennella. Soddisfatto anche il presidente della Regione, Rosario Crocetta, al quale Renzi aveva già parlato dell’ipotesi. “E’ un riconoscimento – ha detto il governatore – alla centralità mediterranea della Sicilia, da sempre terra di incontro, dialogo e collaborazione con il Sud del mondo”.

Di tenore opposto alcune reazioni dalla Sardegna. L’annuncio del premier ha scatenato ad esempio le ire degli indipendentisti per l’uscita di scena definitiva di La Maddalena, candidata dall’isola per ospitare l’incontro dei grandi dopo lo smacco del G8 del 2009, trasferito all’ultimo momento a L’Aquila.

L’assessore ai Lavori Pubblici e leader del Partito dei Sardi, Paolo Maninchedda, non usa mezzi termini: “Come avevo detto a suo tempo, censurato da molti, è un dovere dei sardi diffidare delle istituzioni italiane, che ormai non hanno neanche il buon gusto di spiegare le loro ragioni in incontri istituzionali, ma le fanno sovranamente dall’aereo regio”, ha attaccato l’esponente della giunta Pigliaru.

Decisamente più soft la reazione del governatore: “Come abbiamo detto più volte, a noi interessa che il cantiere di La Maddalena sia tra i primissimi da sbloccare in Italia. Il G7 era stato presentato come un’opportunità per raggiungere l’obiettivo, ma non è certo l’unica”, ha detto Pigliaru.

(di Paola Tamborlini/ANSA)

Ultima ora

13:14Mafia: Minniti, Messina Denaro? Nessuno è imprendibile

(ANSA) - PALERMO, 23 MAG - "Matteo Messina Denaro? Nessuno è imprendibile, quando succederà sarà un bellissimo giorno per la democrazia". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, parlando nell'aula bunker dell'Ucciardone, dove è in corso la cerimonia per l'anniversario della strage di Capaci.

13:13Cei: scelta terna, Bassetti, Brambilla e Montenegro

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - I vescovi italiani hanno scelto la terna di nomi da sottoporre al Papa per la scelta del nuovo presidente della Cei: il cardinale di Perugia Gualtiero Bassetti, monsignor Francesco Giulio Brambilla, vescovo di Novara, e il cardinale Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento. Ora la parola passa al Papa al quale spetta la nomina del nuovo presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

13:05Fluorsid: Pigliaru, pronti a controlli straordinari

(ANSA) - CAGLIARI, 23 MAG - "Sulla base delle indicazioni dei sindaci, anche sulle ansie più diffuse nella popolazione, siamo pronti a procedere con controlli aggiuntivi e straordinari". Lo ha detto il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, a proposito dei temi legati alla vicenda della Fluorsid di Macchiareddu prima di prendere parte all'incontro a Palazzo Regio con il sindaco della Città Metropolitana, Massimo Zedda, gli assessori ad Ambiente, Sanità e Industria, Donatella Spano, Luigi Arru e Maria Grazia Piras, il direttore generale dell'Arpa, Alessandro Sanna, e i sindaci di Assemini, Elmas e Uta. "Si tratta di circoscrivere il fenomeno e capire dove siamo - ha spiegato il governatore - c'è una materia vigente, noi abbiamo agito dentro le linee tracciate prescritte? Questa è la prima cosa a cui dobbiamo dare una risposta, rendicontare il nostro comportamento rispetto alla materia vigente". In secondo luogo, "ciò che emerge dai controlli fatti, o diciamo e rendiamo così il più possibile trasparenti i dati che abbiamo in mano". Infine, "se la materia vigente ha dimostrato di avere delle falle, ragioniamo sulla possibilità di modificarla". Ieri a Villa Devoto il tavolo tecnico permanente voluto dallo stesso Pigliaru ha lavorato sulle istruttorie condotte da Giunta e struttura regionale sulle attività conosciute, sui sistemi di monitoraggio, di controllo e sulle autorizzazioni. Non solo: sono stati illustrati i procedimenti in corso per la bonifica dei siti industriali ricadenti nell'area Sin (Sito riconosciuto di interesse nazionale in quanto storicamente inquinato), tra cui quello oggetto dell'inchiesta in corso, mentre da parte dell'Ispra, l'ente nazionale competente che fa capo al ministero dell'Ambiente, è arrivata la conferma alla richiesta, fatta dall'assessora Spano, di effettuare un'ispezione suppletiva nelle aree della Fluorsid. (ANSA).

13:03Vino: Brunello e Vernaccia contraffatti, denunciato

(ANSA) - MONTEPULCIANO (SIENA), 23 MAG - Brunello di Montalcino, Chianti Riserva e Vernaccia di San Gimignano contraffatti. La frode, messa in piedi da un produttore di un'azienda agricola di Montepulciano (Siena), è stata scoperta dalla guardia di finanza. L'uomo è stato denunciato per contraffazione, alterazione o uso di marchi e contraffazione di indicazioni geografiche e denominazioni di origine di prodotti agroalimentari. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Siena Aldo Natalini, sono partite da una verifica fiscale a carico di un rivenditore di vino locale. Su una partita di 2.500 bottiglie era stata apposta l'etichetta con un marchio di cui i produttori non erano proprietari. Durante le indagini i militari hanno scoperto 51 mila etichette dello stesso tipo e hanno accertato l'avvenuta commercializzazione di altre 30 mila bottiglie di vino. Circa 15 mila bottiglie erano invece state prodotte e commercializzate falsamente etichettate con indicazione geografica e denominazione di origine.

12:59Omicidio Noventa: richiesta parti civili

(ANSA) - PADOVA, 23 MAG - Tre milioni e trecentomila euro a favore della famiglia Noventa, 150mila euro per l'ex marito: Sono le richieste avanzate dalle parti civili a carico dei fratelli Sorgato, Freddy e Debora, ed a Manuela Cacco, imputati nel processo con rito abbreviato per la morte di Isabella Noventa, scomparsa tra il 15 e il 16 gennaio 2016 e che si ritiene sia stata uccisa. "Abbiamo insistito sulla ricostruzione del danno enorme arrecato alla famiglia Noventa. Le richieste sono uguali per tutti e tre gli imputati, 3,3 milioni in solido, perché anche la Cacco ha dimostrato un intensità del dolo rilevante sia nell'omicidio che nello stalking" ha detto l'avvocato Gian Mario Balduin, legale della famiglia Noventa. "Il mio assistito, da marito separato, ha contenuto la richiesta risarcitoria per lasciare spazio alla famiglia. Ancora oggi abbiamo ripetuto l'appello per indicare il luogo in cui è stato sepolto il corpo" ha rilevato l'avv. Ernesto De Toni, legale dell'ex marito di Isabella Noventa Piero Gasperini. (ANSA).

12:59Siria: tv, autobomba nel centro di Homs

(ANSAmed) - BEIRUT, 23 MAG - E' di due morti e alcuni feriti il bilancio dell'attentato con autobomba avvenuto oggi a Homs, nella Siria centrale. Lo riferisce la tv di Stato siriana, che precisa che l'attacco ha preso di mira il quartiere di Zahra, non lontano dalla rotonda di Porta Palmira (Bab Tadmor). La zona è abitata dalla comunità alawita, branca dello sciismo a cui appartengono i clan al potere in Siria da mezzo secolo.

12:46Incendio portale antica chiesa Trani, scoperto responsabile

(ANSA) - TRANI, 23 MAG - E' stato individuato e denunciato dai carabinieri l'uomo che nella notte tra il 13 e il 14 maggio scorsi diede fuoco al portale di una chiesa romanica nel centro storico di Trani, la chiesa di San Giacomo. L'uomo, un 51enne che in precedenza aveva dato fuoco a cassonetti di rifiuti, aveva usato alcuni cartoni cosparsi di liquido infiammabile: è accusato di danneggiamento di un edificio destinato al culto e di interesse storico artistico. Le indagini dei carabinieri sono partite subito dopo la segnalazione delle fiamme, fatta da alcuni passanti e determinante è stata la descrizione del responsabile, un uomo in pantaloncini e bandana blu in testa. L'incendio ha annerito il portone ligneo dell'ingresso della chiesa e danneggiato alcuni mattoni dell'edificio per i quali saranno fatte valutazioni sull'entità del danno. Chiusa alle celebrazioni, ma di recente aperta al pubblico per visite guidate, San Giacomo è stata la prima cattedrale dell'arcidiocesi di Trani realizzata nel 1143 in stile romanico.

Archivio Ultima ora