Telegraph accusa Trump, eluse tasse per decine di milioni

Pubblicato il 25 maggio 2016 da redazione

Businessman and Republican presidential candidate Donald Trump speaks at a campaign rally at the Century Center in South Bend, Indiana, USA, 02 May 2016. EPA/TANNEN MAURY

Businessman and Republican presidential candidate Donald Trump speaks at a campaign rally at the Century Center in South Bend, Indiana, USA, 02 May 2016. EPA/TANNEN MAURY

WASHINGTON. – Arriva da Londra l’ultimo attacco a Donald Trump, quando ormai è a un passo dalla nomination repubblicana: secondo un’inchiesta del Telegraph, il re del mattone avrebbe firmato nel 2007 un investimento immobiliare ‘mascherato’ da prestito per sottrarre al fisco Usa decine di milioni di dollari.

Un’accusa pesante su un terreno insidioso, dato che finora il magnate si è rifiutato di rendere pubblica la sua dichiarazione dei redditi con il pretesto di un accertamento fiscale in corso, interrompendo una ultra quarantennale prassi di trasparenza di tutti i candidati presidenziali.

Pure Hillary è inseguita dai fantasmi del passato. Non solo le donne che accusano il suo Bill di molestie sessuali, ma anche l’Emailgate: l’ispettore generale del Dipartimento di Stato rilancia i sospetti dell’inchiesta dell’Fbi ancora in corso, criticando duramente l’ex segretario di Stato per aver usato un server privato in comunicazioni istituzionali senza aver richiesto un’autorizzazione che comunque non le sarebbe mai stata concessa.

E rivelando che nel 2011 subì il tentativo di attacco di un hacker, benché lei abbia sempre insistito che il suo server non fu mai violato.

Come Hillary, anche Trump ora rischia di finire sotto lo scacco di un processo imbarazzante: per frode fiscale, dopo quello pendente per la presunta truffa legata alla sua università.

Il Telegraph ha pubblicato una serie di documenti emersi nel corso di un’azione legale lanciata da ex dipendenti di Bayrock Group, società immobiliare partner di Trump che ha siglato con l’islandese FL Group – fallita nella crisi del 2008 – l’accordo finito sotto accusa: un investimento di 50 milioni, poi riclassificato come prestito per non pagare le tasse, almeno 20 milioni di dollari, più altri 80 sui profitti previsti. Un’operazione che ora può finire sotto la lente di ingrandimento del fisco americano.

Bayrock Group rivendica la correttezza dell’accordo mentre i legali di Trump evidenziano che in ogni caso il tycoon non avrebbe responsabilità nella transazione, siglata dalle due società. Ma, secondo il quotidiano britannico, il consenso del magnate, che aveva una quota del 15% e che firmò entrambe le versioni del contratto, era indispensabile per il ‘deal’.

Ora bisognerà vedere se la denuncia del Telegraph avrà effetti giudiziari ed elettorali su Trump, incalzato sul fronte fiscale anche da Hillary e dai democratici. Ma finora gli elettori repubblicani che gli stanno consegnando trionfalmente la nomination sull’onda di una protesta anti sistema non si sono scandalizzati per le sue precedenti bancarotte o per il fatto che si è sempre vantato di aver pagato “il meno possibile” le tasse, sfruttando ogni possibile espediente. E neppure per il suo rifiuto di mostrare la dichiarazione dei redditi.

Lui tira dritto per la sua strada, incurante anche delle proteste riapparse ai suoi comizi e degenerate in tafferugli con la polizia in New Mexico.

Pure Hillary fa spallucce alla raffica di ostacoli che ultimamente sta incontrando la sua candidatura, stretta tra due fuochi (Trump e Sanders) e minata da sondaggi preoccupanti. Ma quest’ultima tegola non ci voleva alla vigilia delle primarie in California.

La censura dell’ispettore generale del Dipartimento di Stato in un rapporto al Congresso non entra nel merito dell’inchiesta dell’Fbi ma chiama ugualmente in causa i rischi dell’uso di un server privato per comunicazioni chiaramente sensibili sulla politica estera nazionale.

Lo staff dell’ex segretario di Stato minimizza sottolineando che nello stesso rapporto si riconosce come tale prassi fosse stata usata anche da predecessori della Clinton. Ma questo non aiuta a rafforzare la sua già debole immagine di persona ‘affidabile’.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

15:21Gb: la sorpresa di Diana a William, 3 top model a casa

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Tornare a casa e trovarsi davanti a Cindy Crawford, Naomi Campbell e Christy Turlington. E' la sorpresa che la principessa Diana fece trovare ad un incredulo William, allora 13enne, che aveva in camera i poster di tutte e tre. "Le ho trovate sulle scale di ritorno da scuola", racconta il principe nel documentario di ITV, 'Diana, nostra mamma: la sua vita e la sua eredità', che sarà trasmesso domani, a vent'anni dalla scomparsa della principessa. "Sono diventato rosso in volto e non sapevo cosa dire. Credo di aver balbettato qualcosa e di essere inciampato per le scale mentre salivo. E' davvero un bel ricordo che vivrà con me per sempre", ha ricordato William.

14:41Calcio: Mourinho vuole Verratti, Psg chiede soldi e Martial

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Josè Mourinho ha messo gli occhi su Marco Verratti. Lo scrive oggi il 'Mirror', secondo cui i Red Devils avrebbero presentato un'offerta di 60 milioni di sterline (78 mln di euro)al Psg, disposto ad aprire una trattativa solo se nell'operazione venisse inserito Martial, il giovane esterno offensivo francese che piace anche all'Inter (anche in questo caso come eventuale contropartita nell'affare Perisic). A condurre la trattativa, scrive il tabloid, è il vicepresidente esecutivo dello United, Ed Woodward, che sta proseguendo nei colloqui con la dirigenza parigina. A favore del club britannico può giocare il fatto che il nuovo procuratore dell'azzurro è Mino Raiola che con lo United ha negoziato altri ricchissimi trasferimenti (Pogba, Ibrahimovic e Mkhitaryan).

14:22Inter: Spalletti, mercato? Oggi parlo con Sabatini e Ausilio

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - "Dopo l'allenamento parlerò con Walter Sabatini e Piero Ausilio, ci vedremo tutti insieme e discuteremo". Luciano Spalletti, alla vigilia della sfida contro il Lione, prima partita dell’International Champions Cup dell’Inter in Cina, annuncia il summit di mercato con i dirigenti nerazzurri. Nel mirino ci sarebbe anche Keita Baldé, eventuale sostituto di Ivan Perisic. Spalletti, però, preferirebbe poter contare ancora sull’attaccante croato: “E' un giocatore importante per me, poi bisogna chiedere a lui come sta vivendo questo interesse da parte dello United. Questo è sicuramente positivo, vuol dire che il giocatore è forte. Se l'Inter dovesse accettare un certo tipo di richiesta, andremmo a prendere un giocatore altrettanto importante”. Sabatini e Ausilio parleranno anche con Zhang Jindong e i dirigenti cinesi.

14:20Gerusalemme: Mufti contro i metal detector e altri controlli

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 LUG - Nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme Israele deve ripristinare la situazione che era in vigore fino al 14 luglio scorso, ossia prima dell'attentato in cui tre arabi israeliani hanno ucciso due agenti israeliani. Questa la posizione ribadita oggi dal Mufti di Gerusalemme, sceicco Muhammad Hussein, mentre in Israele si diffondono voci secondo cui la polizia potrebbe sostituire i metal detector installati la settimana scorsa con altri sistemi di sicurezza. "Noi non accetteremo i metal detector né alcun sistema alternativo", ha precisato il Mufti in un'intervista radio. "Tutto deve tornare a quanto era in vigore il 14 luglio. La Spianata - ha insistito - è una zona occupata e le autorità di occupazione non hanno diritto di apportarvi cambiamenti".

14:15Iraq: Wp, Isis avrebbe potuto costruire ‘bomba sporca’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'Isis in Iraq ha avuto tra le mani materiale radioattivo per costruire una 'bomba sporca', ma non lo ha fatto. Lo scrive con ampio rilievo il Washington Post. Secondo il quotidiano Usa, dopo la conquista di Mosul nel 2014, i jihadisti si trovarono di fronte ad uno dei più grandi arsenali mai caduti nelle mani di un gruppo terrorista: basi militari fornite di armi, bombe, razzi e anche carri armati. Ma l'arma più temibile a Mosul non fu mai usata. E solo ora emerge cosa avvenne. I jihadisti trovarono in un deposito dell' università irachena quantità di cobalto-60, un metallo molto radioattivo. Che, nelle loro mani, avrebbe potuto diventare l'ingrediente di base per un eventuale 'bomba sporca'. Perché lo stato islamico non sia riuscito a sfruttare l'arma in suo possesso rimane un mistero. Secondo militari Usa ed esperti nucleari, i jihadisti potrebbero essere stati frenati da problemi pratici: come smontare i rivestimenti di protezione dei macchinari senza correre il rischio di fughe radioattive.

14:05Incendi: 18 roghi attivi nel cosentino, canadair al lavoro

(ANSA) - COSENZA, 23 LUG - Sono 18 gli incendi attivi questa mattina nella provincia di Cosenza, in particolare sulla costa tirrenica e ionica. L'attenzione, hanno fatto sapere dalla centrale operativa del Comando provinciale di Cosenza dei Vigili del fuoco, al momento è concentrata su un incendio scoppiato nel comune di Domanico, piccolo paese vicino alla città bruzia, perché le fiamme sono vicine al centro abitato. Altri incendi di una certa intensità si registrano a San Demetrio Corone, Mormanno, Trebisacce e Scalea dove sono in azione sia i canadair che gli elicotteri. Al momento non sono segnalati particolari danni o disagi per i cittadini. (ANSA).

14:05Israele: Netanyahu, casa assassino sarà demolita

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 LUG - "Sarà demolita al più presto la casa dello spregevole assassino" che venerdì ha accoltellato a morte tre israeliani nella loro abitazione di Halamish, un insediamento ebraico in Cisgiordania. Lo ha anticipato oggi al governo israeliano il premier Benyamin Netanyahu. "Yosef, Haya ed Elad Solomon - ha aggiunto - sono stati uccisi da una belva umana, aizzata da odiatori di ebrei". I loro funerali sono in programma oggi.

Archivio Ultima ora