Cadono le frontiere europee del mercato digitale

Pubblicato il 25 maggio 2016 da redazione

Una donna al computer. NSA/FRANCO SILVI

Una donna al computer. NSA/FRANCO SILVI

BRUXELLES. – Dopo il roaming, cadono le frontiere Ue anche per lo shopping online, dai pacchetti vacanze a Eurodisney ai vestiti, e più nessuno potrà vedersi rifiutato il suo acquisto perché la carta di credito o il Paese di residenza non coincidono con quello d’acquisto.

La rivoluzione, però, resta a metà: musica, app, ebook, giochi e anche film o serie tv, per ora restano fuori sotto la pressione delle lobby, soprattutto musicali. Ma una clausola di revisione nei prossimi anni e la riforma del copyright a settembre lasciano almeno la porta aperta.

Cambiano le regole anche per le piattaforme online di video on-demand come Netflix o iTunes: obbligo di tutela dei film europei anche per loro, con una quota minima del 20%, e più tutele per i minori, come per le tv, che ora potranno spalmare il 20% della pubblicità consentita sull’intera giornata aumentandola nel ‘prime time’.

Più trasparenza anche sulle tariffe dei corrieri, ma senza fissare prezzi massimi.

E’ il multi-pacchetto presentato dalla Commissione Ue con cui intende dare una svolta alla creazione del mercato unico digitale europeo, spingendo l’e-commerce, rivedendo l’ormai soprassata direttiva sui servizi audiovisivi e fissando un approccio di regolamentazione per problemi per le piattaforme online, da Youtube a eBay.

Delusione, però, tranne per editori e mondo della musica, per la poca ambizione denunciata da consumatori ed europarlamentari sul geoblocking, e malcelata dallo stesso vicepresidente della Commissione Ue responsabile del dossier Andrus Ansip.

“Questa è una proposta di compromesso, non è la più ambiziosa”, ha ammesso l’ex premier estone riconoscendo un annacquamento delle intenzioni iniziali, “ma vogliamo raggiungere scopi concreti”. “Non sono però le società americane ma quelle europee che vogliono mantenere il mercato frammentato”, ha denunciato, facendo presente il pressing in particolare di Impala, l’associazione delle etichette musicali indipendenti.

Musica, app, giochi ed ebook erano infatti inclusi nella prima bozza sostenuta da Ansip, anche se a partire dal 2020. Ora resta il 2018 per servizi come i cloud, e subito appena entreranno in vigore le nuove norme, per le merci materiali e i servizi forniti localmente come auto in affitto, hotel o biglietti per parchi o eventi.

Dovrà essere possibile, quindi, acquistare una borsa in Italia anche se si vive in Belgio o approfittare delle offerte auto su Avis Francia anche se ci si collega al sito dall’Italia. Il rerouting sarà vietato.

Cambiamenti in vista anche per Netflix, iTunes e le altre piattaforme di video on demand: d’ora in poi, in tutti Paesi Ue, dovranno proporre almeno per il 20% del loro catalogo produzioni tv o cinematografiche ‘made in Europe’, e sarà lecito per gli stati membri chiedere una compensazione in denaro per realizzare opere audiovisive nazionali. La loro media sui 28 è già per entrambi, tra l’altro, al 21%.

Per l’Italia, di fatto, non cambierà nulla, in quanto la legislazione nazionale già prevede una quota del 20% e un contributo finanziario del 5% al fondo per l’audiovisivo.

Secondo Netflix, le misure Ue “non serviranno a raggiungere” lo scopo di aumentare le produzioni targate Europa. Contentino alle tv tradizionali: cade il limite dei 12 minuti di pubblicità all’ora, perché il 20% sarà calcolato sull’arco orario 7-23, ma con il limite di un’interruzione pubblicitaria ogni 20 minuti per film, serie tv e telegiornali.

In attesa di potere, un giorno, comprare musica, film o ebook online in un Paese diverso dal proprio con un semplice click.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora