Abusi edilizi, sigilli in noto locale Costa Smeralda

(ANSA) – OLBIA, 26 MAG – A due giorni dall’inaugurazione, i Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale, su disposizione della Procura di Tempio Pausania, hanno sequestrato parte del Phi Beach, uno dei locali più frequentati d’estate in Costa Smeralda, che sorge su un promontorio a Baia Sardinia. Il legale rappresentante della società che gestisce il locale è stato iscritto nel registro degli indagati per opere illecite, uso illecito di beni culturali e opere edili commesse in assenza di autorizzazioni edilizie e paesaggistiche. Avrebbe realizzato il ristorante The Rock, con terrazza sul mare, in totale assenza delle autorizzazioni edilizio-paesaggistiche e monumentali. I lavori abusivi hanno interessato le strutture addossate al complesso militare risalente alla Prima Guerra Mondiale “Forte Cappellini”, di proprietà demaniale che faceva parte del complesso difensivo del Nord Sardegna e da stazione di allertamento. Le indagini sugli abusi proseguono, ma non dovrebbero compromettere l’attività del Phi Beach.

Condividi: