Giro d’Italia: impresa Trentin, rimonta e beffa Moser nel finale

Pubblicato il 26 maggio 2016 da redazione

Italian rider Matteo Trentin of Etixx Quick Step team celebrates on the podium after winning the 18th stage of the Giro d'Italia 2016 cycling race, from Muggio' to Pinerolo over 240 km, Italy, 26 May 2016. ANSA/LUCA ZENNARO

Italian rider Matteo Trentin of Etixx Quick Step team celebrates on the podium after winning the 18th stage of the Giro d’Italia 2016 cycling race, from Muggio’ to Pinerolo over 240 km, Italy, 26 May 2016. ANSA/LUCA ZENNARO

PINEROLO (TORINO). – In attesa del responso del Colle dell’Agnello, che dirà se questo può essere ancora il Giro di Vincenzo Nibali, la diciottesima tappa parla italiano con un podio tutto tricolore. A Pinerolo vince Matteo Trentin, ed è un piccolo capolavoro di tattica e furbizia quello del corridore dell’Etixx, due vittorie al Tour nel suo palmares. Ma anche una beffa per Moreno Moser che già pregustava un trionfo che era a un passo e che invece sfuma tra i rimpianti.

Per l’Italia è il quinto successo in un Giro fino ad oggi non molto generoso con le ruote azzurre. In classifica generale tutto immutato con Kruijswijk che mantiene le distanze sui suoi più diretti rivali per la maglia rosa Chaves, Valverde e Nibali. Difficile stabilire il limite tra i meriti di Trentin – comunque tanti – e le responsabilità di Moser, non da meno.

Il corridore di Borgo Valsugana stravolge un finale già scritto e tutto da raccontare. Sul Pramartino, la salita che introduce a Pinerolo, Moser e Brambilla scavano un solco tra sè e gli altri superstiti di una fuga partita dopo soli sette chilometri.

I due si giocano la vittoria finale ingaggiando un duello che parte già a due chilometri dal traguardo, sulla salita in pavè dei Principi d’Acaja. Trentin, staccato di una quindicina di secondi, non sembra in condizione di rientrare ma ci prova e si butta a tutta in discesa. Sa di poter contare sul compagno di squadra alla Etixx Brambilla che non da’ cambi.

Inoltre Moser, essendosi liberato dell’auricolare, non è informato del ritorno di Trentin. Nè si volta per controllare la situazione. Morale, a 250 metri dall’arrivo, con Moser e Brambilla che hanno rallentato in vista dello sprint finale, dalle retrovie sbuca Trentin che sorpassa tutti in tromba e coglie un successo insperato quanto meritato.

“Ho aspettato fino all’ultimo perché sapevo che Moreno è forte in volata – spiega Trentin alla fine – per fortuna non mi ha visto ed è andata bene”.

“Non mi sono accorto del suo arrivo – conferma Moser – perché non avevo l’auricolare”.

“Moser ha giocato troppo e non si è mai girato”, infierisce Brambilla, decisivo nell’imboscata tesa all’uomo della Cannondale.

Il gruppo con tutti i migliori arriva staccato di oltre 13 minuti. Per Kruijswijk una giornata tranquilla in attesa del Colle dell’Agnello (Cima Coppi del Giro, 21 chilometri di salita con una pendenza media del 6,8% e punte del 15%) rappresenterà uno degli ultimi ostacoli tra lui e la vittoria finale.

Dopo le difficoltà dei giorni scorsi anche Nibali è atteso alla prova: “Non voglio deludere i miei tifosi, ma domani dipende dalla gambe”. Intanto ‘Lo Squalo’ ha avuto notizie confortanti dagli esami cinici cui si è sottoposto in mattinata.

Si tratta di un quadro ancora parziale ma quanto basta per far tornare il buon umore al campione dell’Astana che è tornato a scherzare durante la seduta di massaggi.

Domani arrivo a Risoul, in Francia; ma non tutta la carovana varcherà Oltralpe. C’è un personaggio, il lupo Wolfie, la mascotte della corsa, che rimarrà in Italia perché non gradito dagli allevatori francesi che su di lui hanno imposto il veto.

(dell’inviato Armando Petretta/ANSA)

Ultima ora

09:54Merkel, errore ritenere isolazionismo soluzione problemi

(ANSA) - BERLINO, 29 GIU - "Ritenere di risolvere i problemi e le sfide di oggi con l'isolazionismo è un grave errore". Lo ha detto Angela Merkel intervenendo al Bundestag in vista del G20 della settimana prossima, a poche ore dall'incontro con i leader europei del summit, fra cui Paolo Gentiloni. "Il cambiamento climatico è una sfida esistenziale per il mondo", ha poi aggiunto ricordando che dall'accordo di Parigi non si "torna indietro e non è negoziabile".

09:34Mafia: voto di scambio,arrestato ex sindaco di Niscemi

(ANSA) - CALTANISSETTA, 29 GIU - C'è anche l'ex sindaco di Niscemi, Francesco La Rosa, tra i nove arrestati dell'inchiesta della Dda della Procura di Caltanissetta per voto di scambio mafioso. Per lui, un ex consigliere comunale della sua lista e due esponenti del suo entourage sono stati disposti gli arresti domiciliari. Ad appoggiarlo sarebbero stati il boss di Niscemi, Giancarlo Giugno, e di Gela, Alessandro Barberi. Al centro delle indagini un presunto patto stretto tra il candidato e la mafia per le elezioni amministrative del 2012.

09:13Israele: approvata richiesta Olmert per libertà anticipata

(ANSAmed) - TEL AVIV, 29 GIU - E' stata accolta la richiesta dell'ex premier Ehud Olmert (Kadima) di ottenere la libertà anticipata, avendo espiato due terzi della pena di 27 mesi di detenzione dopo la condanna per corruzione. Lo riferiscono i media locali secondo cui Olmert, che e' detenuto nel carcere di Ramle (Tel Aviv), tornera' libero il 2 luglio, se nel frattempo la magistratura non decidera' di ricorrere in appello.

09:02Pakistan: autobotte in fiamme, bilancio morti sale a 171

(ANSA) - ISLAMABAD, 29 GIU - Con la morte di altre quattro persone gravemente ustionate, le vittime in Pakistan per l'incendio e l'esplosione di un'autobotte con 40.000 litri di carburante il 25 giugno scorso lungo l'autostrada fra Karachi e Lahore sono salite a 171. Lo riferisce oggi GEO Tv. Queste ultime persone decedute, indica l'emittente, erano ricoverate nell'ospedale di Multan ed avevano una età fra i 12 ed i 22 anni. Ieri, si è inoltre appreso, era morto anche l'autista del pesante veicolo, rovesciatosi per l'esplosione di un pneumatico. Poco prima dell'incendio e dell'esplosione, che ha generato una palla di fuoco, centinaia di persone erano accorse con ogni tipo di recipiente per raccogliere la benzina che fuoriusciva dall'autobotte.

08:22Venezuela: Corte Suprema congela beni Procuratrice Ortega

(ANSA) - CARACAS, 29 GIU - Il Tribunale Supremo di Giustizia (Tsg) venezuelano ha congelato oggi i beni personali della Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz, e le ha proibito di uscire dal Paese, in vista di una udienza fissata per il prossimo 4 luglio nella quale dovrà rispondere delle accuse che le sono state rivolte dal deputato chavista Pedro Carreno. La denuncia di Carreno, che aveva chiesto precedentemente al Tsg di nominare una giunta medica per valutare la salute mentale della Procuratrice Generale, si basa sulle dichiarazioni che Ortega Diaz ha fatto riguardo all'elezione di magistrati dell'alta corte da parte della maggioranza chavista in Parlamento, nel dicembre del 2015. Ortega Diaz ha detto che non ha mai firmato i documenti che hanno permesso questa elezione in extremis - due settimane dopo la dura sconfitta del governo nelle elezioni politiche - ma Carreno sostiene che mente, e che esistono prove che lo dimostrano.

07:32‘Ndrangheta: arresti tra Piemonte, Lombardia e Calabria

(ANSA) - TORINO, 29 GIU - Undici ordinanza di custodia cautelare in carcere sono state eseguite dai carabinieri nei confronti di altrettante persone ritenute affiliate alla 'Ndrangheta. Associazione a delinquere di stampo mafioso, tentato omicidio, usura, estorsione, rapina, danneggiamento, incendio, detenzione illegale di armi e munizioni i reati contestati nei loro confronti a vario titolo. L'operazione, condotta dai militari della Stazione di Chivasso (Torino) nelle province di Torino, Varese, Reggio Calabria, Cosenza e Vercelli, in collaborazione con i reparti competenti per territorio. Sequestrati beni immobili, società e attività commerciali, polizze vita, conti correnti, autovetture di grossa cilindrata, cassette di sicurezza, gioielli e orologi di lusso, e contanti.(ANSA).

04:11Pedofilia, incriminato cardinale Pell

(ANSA) - SYDNEY, 29 GIU - Preceduta da indiscrezioni di stampa, è stata confermata dalla polizia australiana dello Stato di Victoria l'incriminazione del cardinale George Pell, attualmente prefetto degli Affari economici del Vaticano. I fatti contestati risalirebbero agli anni '70, quasi 50 anni fa, quando Pell era un semplice sacerdote a Ballarat, sua città natale. Le notifiche di reato sono state consegnate questa mattina dalla polizia ai rappresentanti legali di Pell a Melbourne e presentate al tribunale davanti al quale il prelato è chiamato a comparire il 18 luglio. Pell ha sempre respinto le accuse e non si è mai sottratto agli interrogatori. La sua volontà di collaborare sarà nuovamente messa alla prova in questa occasione, visto che l'Australia ha accordi di estradizione con l' Italia ma non con il Vaticano.

Archivio Ultima ora