Scontro Pd sull’Italicum, l’ombra del congresso sul referendum

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

Letta e Renzi, passaggio delle consegne

Letta e Renzi, passaggio delle consegne

ROMA. – All’ombra delle comunali, in vista del voto spartiacque del referendum costituzionale, si respira già aria di congresso dentro il Partito democratico. Tanto che l’ex premier Enrico Letta, accreditato nei ‘rumors’ interni come sfidante in grado di compattare il fronte anti-Renzi, interviene a frenare: “Non voglio farmi trascinare nelle vicende congressuali”.

La minoranza non ha alcun intento di sabotare o “alzare asticelle”, assicura intanto Pier Luigi Bersani: lavora per evitare che la battaglia referendaria porti “una drammatica spaccatura nel campo democratico”. La richiesta – di Bersani come di Letta – è ricompattare il Pd aprendo a modifiche all’Italicum.

Ma la risposta è un secco “no”: “Non ci sono le condizioni”, dice il vicesegretario Lorenzo Guerini. Matteo Renzi, impegnato nel G7 in Giappone, incassa l’orientamento di Confindustria verso il sì al referendum. E gli giungono ‘buone notizie’, dopo le polemiche dei giorni scorsi, anche dal fronte dei partigiani.

Perché la Confederazione delle Associazioni Combattentistiche e Partigiane, a cui aderisce anche l’Anpi, chiede che sia “lasciata alla libera e serena coscienza di ciascuno la scelta di cosa votare”. L’Anpi resta schierata sul ‘no’, la Confederazione decide di partecipare al dibattito senza prendere posizione. Mentre il fronte del Family day mantiene la “promessa” fatta al premier al momento dell’inviso via libera alle unioni civili: glielo farà scontare fondando sabato il “Comitato famiglie per il No al Referendum”.

Ma è soprattutto alla minoranza interna al suo partito che Renzi si rivolge dal Giappone: “C’è un tempo per i reciproci scontri e un tempo per aiutare il Paese a crescere”, sottolinea, ricordando i “risultati positivi” raggiunti anche grazie alle riforme. Tra l’altro, il premier prova a smontare una delle critiche più ricorrenti alla sua riforma, che è quella – spiega Gustavo Zagrebelsky, illustre sostenitore del “No” – di uno “svuotamento della democrazia a vantaggio delle oligarchie”.

“La riforma – spiega Renzi – non dà alcun potere in più a presidente del Consiglio e governo, men che meno di sciogliere le camere: aumenta i poteri dell’opposizione e dei cittadini”. Ma l’argomento non convince la minoranza Pd. Gianni Cuperlo, che è stato ricevuto dal presidente Sergio Mattarella, ribadisce l’invito a non usare il referendum come una “sciabola per dividere il Paese”.

E Pier Luigi Bersani ribadisce tre richieste per “evitare una drammatica spaccatura”: abbandonare i “toni aggressivi e divisivi”, presentare fin d’ora una legge elettorale per l’elezione diretta dei futuri senatori e dare la disponibilità a “rivedere l’Italicum”. Ma sull’ultimo punto arriva il no unanime dei vicesegretari Lorenzo Guerini e Debora Serracchiani.

“E’ sbagliato ricominciare d’accapo”, dice anche il presidente Matteo Orfini. E Dario Franceschini scuote la testa di fronte alle critiche della minoranza Dem e alla possibilità che alcuni possano smarcarsi e votare no: “Mi fa tanta tristezza chi dopo aver chiesto per anni la riforma, per ragioni personali e di lotta politica, è diventato contraro”.

La convinzione dei renziani è che la minoranza Pd, pur schierandosi formalmente per il ‘sì’ al referendum, miri a condurre una campagna mascherata per il ‘no’, con continui attacchi e critiche. Un’operazione di ‘sabotaggio’ che (puntando a brandire anche un eventuale risultato negativo alle comunali) guarderebbe al congresso del 2017.

In questa chiave viene considerato “plausibile”, in ambienti della maggioranza Pd, lo schema che vedrebbe Roberto Speranza candidato alla segreteria in ticket con Enrico Letta per la premiership. Ma da un lato la sinistra Dem, dall’altro l’ex premier respingono questa lettura.

Impegnato in Asia nella sua veste di rettore della facoltà parigina di Sciences Po, Letta ribadisce di essere concentrato sul suo “impegno internazionale” e non voler essere “trascinato” nelle dinamiche congressuali.

L’ex premier conferma l’allarme per il rischio che il referendum diventi “una corrida” e, pur avendo già annunciato il suo sì alla riforma, resta convinto che sia necessario cambiare l’Italicum. Ma questo non vuol dire, spiegano i suoi, scendere nella ‘contesa’ politica tutta interna al Pd: l’ex premier si sta ritagliando per il futuro un profilo più istituzionale e internazionale.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

10:24Afghanistan: arrestati in Kandahar 16 talebani

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - La polizia afghana ha arrestato nelle ultime ore nella provincia meridionale di Kandahar 16 talebani, appartenenti a "tre gruppi terroristici" responsabili di attacchi coordinati e dell'uccisione di membri delle forze di sicurezza afghane. Lo ha reso noto il Dipartimento nazionale per la sicurezza (Nds, servizi). Gli arresti, ha precisato una fonte del Nds, sono avvenuti nell'ambito di specifiche operazioni realizzate nei distretti di Arghandab, Shahwali Kot e Daman. "questi gruppi terroristici - ha aggiunto la fonte - operavano sotto il comando dei Mullah Sayed Muhammad, Raz Muhammad e Mirza, che sono stati arrestati insieme ai loro uomini". Dopo il recente cruento attacco alla guesthouse del governatore di Kandahar in cui sono morte 12 persone, fra cui cinque diplomatici degli Emirati arabi uniti, la polizia ha intensificato le operazioni miranti a localizzare i talebani operanti nella provincia.

10:16India:scontro a fuoco in Arunachal Pradesh, uccisi 2 soldati

(ANSA) - NEW DELHI, 22 GEN - Due soldati del Corpo dei Fucilieri dell'Assam sono morti oggi in uno scontro a fuoco con un commando di militanti del Consiglio nazionale socialista del Nagaland (Nscn-k) nello stato nord-orientale indiano di Arunachal Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. L'incidente, precisa l'agenzia, è avvenuto nell'area di Jairampur del distretto di Changlang, confinante con lo Stato di Assam quando i militanti, che si battono per uno Stato indipendente cristiano per la popolazione di etnìa Naga del nord-est indiano e di Myanmar, hanno attaccato i fucilieri che perlustravano il territorio.

09:56Trump: primo briefing Casa Bianca dura 5 minuti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, tiene il suo primo briefing. E dura poco più di cinque minuti, durante i quali attacca la stampa e non prende domande, dopo essersi fatto attendere per più di un'ora. Il briefing, già inconsueto di sabato, era stato infatti inizialmente convocato per le 16.30 ore locali, le 22.30 italiane, ma Spicer si è presentato con oltre un'ora di ritardo.

09:45Trump: ex direttore Brennan, vergognoso comportamento a Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - L'ex direttore della Cia, John Brennan, ha detto che il presidente Donald Trump ''dovrebbe vergognarsi'' per il suo comportamento al quartier generale della Cia. Lo ha rivelato Nick Shapiro, ex braccio destro di Brennan. Shapiro dice che Brennan ''e' profondamente rattristato e arrabbiato per la deprecabile dimostrazione di autoglorificazione di Trump di fronte al Muro della memoria degli eroi dell'agenzia''. Parlando agli ufficiali della Cia di fronte al memoriale per gli agenti caduti, Trump aveva bacchettato i giornalisti per la copertura riservata alla cerimonia dell'Inaugurazione e aveva contestato che il numero delle persone presenti era piu' grande di quello riferito dai media.

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

Archivio Ultima ora