Migranti: nuovo naufragio al largo della Libia, oltre 20 morti

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

A handout picture released by the European Union Naval Force - Mediterranean (Eunavformed) on 26 May 2016 shows people in stress on their overturned boat in Canal of Sicily off the Libyan coast, 25 May 2016. The Italian navy said it had recovered five bodies from the overturned migrant ship. Over 550 migrants on board were rescued safely.  EPA/EUNAVFOR MED OHQ

A handout picture released by the European Union Naval Force – Mediterranean (Eunavformed) on 26 May 2016 shows people in stress on their overturned boat in Canal of Sicily off the Libyan coast, 25 May 2016. The Italian navy said it had recovered five bodies from the overturned migrant ship. Over 550 migrants on board were rescued safely. EPA/EUNAVFOR MED OHQ

PALERMO. – E’ una conta inarrestabile, quotidiana. Solo ieri a largo della Libia oltre 20 migranti hanno perso la vita durante la traversata in mare verso l’Italia. L’ennesimo naufragio con un barcone che si è rovesciato a 35 miglia dalle spiagge del Paese nordafricano da cui, ogni giorno, partono in centinaia.

L’altro giorno un peschereccio era affondato nel canale di Sicilia. Cinque le salme recuperate ma i superstiti parlano di un centinaio di dispersi. A dare l’allarme ieri è stato un velivolo di Eunavformed, la missione Ue che sull’account Twitter ha pubblicato una foto in cui si vedono il “legno” semiaffondato ed una cinquantina di persone aggrappate all’imbarcazione mentre chiedono aiuto all’aereo che li sta sorvolando.

Immediatamente sullo specchio d’acqua teatro della tragedia sono arrivate le motovedette della Guardia costiera e una nave spagnola della missione europea. Un centinaio le persone finora tratte in salvo, ma secondo fonti di Eunavformed i morti sarebbero almeno “20-30”. Tra i salvati anche un bambino di 5 anni, in stato di ipotermia, che è stato trasportato prima a Lampedusa e poi nell’ospedale di Palermo. I genitori avrebbero entrambi perso la vita nel naufragio.

La notizia di questa nuova tragedia è arrivata poco prima che a Porto Empedocle attraccasse la nave “Bettica” della Marina militare con a bordo, secondo quanto rende noto la Capitaneria di porto, 540 migranti, tra cui 48 donne e 51 bambini e i 5 cadaveri.

Nell’affondamento del peschereccio una coppia avrebbe perso il figlio di sei anni, affogato. Sulla nave anche quattro feriti che sono stati portati all’ospedale di Agrigento, mentre i migranti sbarcati sono stati trasferiti nella tensostruttura allestita dalla Prefettura e verranno smistati nei centri di accoglienza.

Maxi sbarco anche a Messina che ha accolto 493 profughi provenienti dall’Africa Sub-Sahariana, salvati dalla nave inglese Enterprise. Solo ieri sono oltre 4.000 le persone soccorse in mare. La centrale operativa della Guardia Costiera ha coordinato una ventina di operazioni.

Nella zona, tra le 30 e le 40 miglia a nord della Libia, hanno operato mezzi della Guardia Costiera, della Marina Militare, di Frontex e di Eunavformed, di Medici senza frontiere, rimorchiatori d’altura e mercantili.

Un impegno riconosciuto dal presidente della Camera Laura Boldrini. “Voglio esprimere la gratitudine più grande, mia e dell’intera Camera dei deputati, agli uomini e alle donne della Marina Militare e della Guardia Costiera per la straordinaria operazione compiuta ieri al largo delle coste libiche e per le difficili attività di salvataggio in corso proprio in queste ore”, ha detto.

“La foto dei naufraghi che scivolano giù dal barcone sovraccarico che si sta rovesciando – osserva riferendosi ai drammatici scatti dell’altro giorno – è una di quelle immagini che rimarrà nella storia di questi nostri anni duri, come fu lo scatto che ritraeva gli uomini abbarbicati in acqua ad una gabbia per tonni. Il naufragio di ieri avrebbe potuto essere un’altra tragedia di proporzioni epocali”.

E anche il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha voluto ringraziare la Marina per il soccorso prestato ai naufraghi. “E’ stata un’operazione epica perché salvare tante vite in mare vuole dire un’organizzazione incredibile”, ha detto parlando dal ponte della nave Bergamini a Porto Empedocle.

Mentre il leader della Lega Matteo Salvini accende la polemica: “altri morti nel Mediterraneo, urge un blocco navale che impedisca le partenze. Il Governo Renzi è complice di una strage”.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

19:40Strage profughi in Nigeria, bombardati da un jet militare

(ANSA) - MAIDUGURI, 17 GEN - Un jet militare nigeriano ha bombardato per errore un campo profughi provocando più di 100 morti. Lo riferiscono fonti ufficiali della Nigeria. Il caccia dell'aeronautica era in missione contro postazioni degli integralisti islamici Boko Haram nell'area nord-orientale Rann, vicino al confine con il Camerun. Il generale Lucky Irabor, responsabile dell'operazione anti Boko Haram, ha detto che è imprecisato il numero dei morti e dei feriti, tra i quali vi sono operatori umanitari e nigeriani che lavorano come medici per Medici senza Frontiere e per il Comitato internazionale della Croce Rossa. Anche due soldati sono stati feriti. Il generale ha detto di aver ordinato la missione basandosi su informazioni relative ad un raggruppamento di Boko Haram proprio in un'area con quelle coordinate. E ha detto che è presto per sapere se si è trattato di un errore tattico o geografico. In ogni caso, ha sottolineato, l'aereo non ha volutamente preso di mira i civili e sulla vicenda è stata aperta un'inchiesta.

19:39Citroen torna al Rally con la C3 WRC

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il momento tanto atteso per i fan del WRC è arrivato: il Campionato del Mondo Rally 2017 si appresta a debuttare sulle strade mitiche di Montecarlo. In questa occasione la Citroën C3 WRC, progettata secondo i criteri del nuovo regolamento Fia, farà il suo esordio nelle competizioni. Alla gara è prevista la partecipazione di due auto, affidate a Kris Meeke/Paul Nagle e Stéphane Lefebvre/Gabin Moreau. Il 19 gennaio, quando la prima delle due C3 WRC prenderà il via dalla pedana del Rally di Monte Carlo, per Citroën sarà non solo l'inizio di una nuova sfida sportiva, ma anche il ritorno ad una specialità agonistica che costituisce una parte importante della sua storia. Le sue prime importanti vittorie sono degli anni Cinquanta e poi negli anni Ottanta, alla Visa 1000 Pistes e alla BX 4TC, perché il rally entri a far parte del patrimonio genetico del Marchio. Tappa fondamentale è il 1989 quando il reparto corse assume il nome di Citroën Sport e affronta la sua prima grande sfida: vincere la Parigi-Dakar.

19:38Sci: Cdm, anche Ligety si ritira, niente Mondiali

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 17 GEN - Anche lo statunitense Ted Ligety, campione del mondo in carica di slalom gigante, ha annunciato il ritiro anticipato dalle competizioni di questa stagione e pertanto, come il norvegese Aksel Svindal, non partecipera' ai prossimi Mondiali di St. Moritz. Ligety si era infortunato ad un ginocchio la scorsa stagione. In questa era tornato a gareggiare a Soelden ottenendo un quinto posto come miglior risultato. Poi aveva lamentato problemi alla schiena ed ora e' stato nuovamente operato. L'americano e' l'unico atleta ad avere vinto il titolo mondiale di gigante per tre volte consecutivamente nel 2011, 2013 e 2015.

19:26Francia: tenta di dare schiaffo a Valls, fermato

(ANSA) - PARIGI, 17 GEN - Un uomo ha cercato di dare uno schiaffo Manuel Valls a Lambelle, in Bretagna, nel nord-ovest della Francia. L'ex primo ministro, impegnato nella campagna per le primarie della sinistra insieme con il ministro della Difesa Jean-Yves Drian, era uscito dagli uffici del Comune e stava salutando alcuni simpatizzanti, quando un uomo di circa 20 anni, secondo la tv Bfm, ha tentato di schiaffeggiarlo. L'uomo è stato fermato dal servizio d'ordine e Valls, che al suo arrivo era stato contestato, ha continuato la sua visita senza difficoltà. Valls non è nuovo a questo tipo di attacchi: a dicembre a Strasburgo un uomo gli ha gettato un sacco di farina sulla testa.

19:23Bimbi per confezionare droga e spacciare,42 arresti a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 17 GEN - Due bambini di 8 e 10 anni usati per confezionare droga e per spacciare; tassisti che acquistavano cocaina, marijuana e hashish da rivendere ai clienti; stese e i boss che mangiavano, senza pagare, in un noto ristorante della città il cui titolare pagava il pizzo. É quanto emerso dalle indagini che hanno portato i carabinieri di Napoli ad arrestare 42 persone, tra cui 17 donne, ritenute affiliate al clan Elia, attivo nel cuore della città, tra il "Pallonetto di Santa Lucia", piazza del Plebiscito e via Partenope. Una microcamera ha anche filmato una "stesa", lo scorso 3 luglio, dove sei giovani in sella a tre scooter, nel dedalo di vicoli del Pallonetto, hanno sparato colpi di pistola in aria a scopo intimidatorio. Il procuratore di Napoli Giovanni Colangelo, in conferenza stampa, ha sottolineato che quei bimbi "vivono in un ambiente in cui il crimine è normalità". "É chiaro - ha aggiunto - che riterranno normale l'attività illecita. Un circolo vizioso da spezzare", ha concluso Colangelo.

19:21Meningite: morta a 5 anni, otto i medici indagati

(ANSA) - BRESCIA, 17 GEN - Salgono a otto i medici degli Spedali civili di Brescia indagati dalla Procura di Brescia per la morte di Malika, la bambina di 5 anni stroncata una settimana fa dalla meningite. Al medico del Pronto Soccorso che la sera del 7 gennaio firmò le dimissioni della bambina prescrivendo antibiotici, sono stati aggiunti i colleghi del reparto di anestesia e rianimazione pediatrica che hanno tenuto in cura la bambina di origini pakistane fino al giorno del decesso.

19:15Giochi: Fava, 49 clan mafiosi li controllano

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "L'azzardo è terreno fertile per le mafie, che riciclano nel gioco d'azzardo con grande fantasia criminale. Un dossier di Libera parla di 49 clan che controllano metodicamente il traffico del gioco lecito e illecito".Lo ha detto il deputato di Sinistra Italiana Claudio Fava, vicepresidente della Commissione parlamentare Antimafia, nel dare il voto favorevole del gruppo alla Relazione sulle infiltrazioni mafiose e criminali nel gioco lecito ed illecito. "Il nostro sistema è complessivamente adeguato - ha detto Fava - ma servono alcuni correttivi: abbiamo bisogno di requisiti più efficaci per la concessione delle licenze sul gioco pubblico e occorre adeguare le sanzioni penali per mettere in condizione magistrati e polizia ad avere tempi di prescrizione più lunghi".

Archivio Ultima ora