Pelé: un film per rivivere l’emozione di un giocatore indimenticabile

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

MILANO – La storia è quella di un ragazzo che non aveva niente ma è stato capace di cambiare tutto. È arrivato nelle sale cinematografiche italiane il mito di Pelè, in un film biografico che ripercorre i primi anni di vita di “O’ Rey”.

107 minuti di pure emozioni per raccontare una parte di vita dell’unico giocatore capace di vincere tre Mondiali e segnare due gol in una finale di Coppa del Mondo.

A presentarlo a Milano è arrivato direttamente il protagonista in un pomeriggio dalle grandi emozioni per giornalisti navigati ma anche per i più giovani.

pele-verticale

– Pelé, questo film ha rappresentato davvero la sua vita?
– Sì, sono molto felice e ringrazio chi è stato con me durante il lavoro. Quando ho cominciato a leggere la sceneggiatura mi sono reso conto dove stava davvero la differenza.

– Una parte importante di questo film la “recita” la Ginga intesa come trionfo del talento sulla tecnica. Ma oggi quanta Ginga è rimasta nel calcio moderno?
– Difficile dirlo abbiamo tanti bravi calciatori anche se per il tipo di gioco che c’è adesso non è facile tirar fuori le migliori capacità individuali. E’ una cosa molto personale, è spettacolo, è come pagare un biglietto allo stadio per vedere non solo la partita.

– Dei giocatori di oggi chi ha dentro questa Ginga?
– Mi piace molto Messi, il suo stile lo rende differente rispetto a Cristiano Ronaldo per fare un esempio. Molto bravi anche Neymar e lo stesso Cristiano Ronaldo.

– L’epilogo del film è la finale del 1958 vinta dal Brasile che ha rappresentato il riscatto di un popolo. Quella partita è stata la più importante della sua storia?
– Direi di sì, se il riferimento è alla parte iniziale della mia carriera. Tenendo conto di tutto, la gara simbolo della mia vita è stata invece la finale del 1970 in Messico perché allora ero un giocatore d’esperienza, cosciente di quanto stava accadendo.

Pelé con il giornalista Emilio Buttaro

Pelé con il giornalista Emilio Buttaro

– Come ha vissuto la disfatta del Brasile nell’ultimo Mondiale?
– E’ stato un disastro. Nessuno ci avrebbe scommesso su qualcosa di così folle contro la Germania, mentre l’altra partita persa con la Colombia non ha fatto tanto clamore.

– In effetti la gara con la Germania ha sorpreso tutti…
– Impossibile spiegare. Avevo 9 anni quando ho visto mio padre piangere per la prima volta. È stato dopo il Maracanazo. Due anni fa, quando siamo stati umiliati dalla Germania per 7-1, ero con mio figlio a Rio a vedere la partita e lui mi ha visto quasi piangere. Le due Coppe del Mondo che abbiamo giocato in Brasile le abbiamo perse e non c’è spiegazione per una cosa del genere.

pele-orizzontale

– Lei ha segnato quasi 1.300 gol, qual è stato il più bello?
– Quello col Santos nello stadio del Clube Atletico Juventus.

– E il più importante?
– Il millesimo! Un rigore! Ma in quell’occasione ho davvero fatto tremare il Maracanà.

– Qual è il messaggio che vuole dare il film “Pelé”?
– Dire ai ragazzi più in difficoltà che possono riuscire nella vita, insomma che ce la possono fare malgrado tutto.

(di Emilio Buttaro/Voce)
(Foto di Franco Buttaro)

Ultima ora

18:20Pallavolo: Di Gennaro, no a eccessiva tensione

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Ai campionati europei di pallavolo femminile, la cui fase finale si gioca a Baku, si avvicina il quarto di finale per la nazionale italiana che tra due giorni affronterà la vincente dello spareggio tra Olanda e Croazia, in programma stasera. Le buone notizie arrivano da Lucia Bosetti e Monica De Gennaro: la prima è sulla via del pieno recupero, mentre la seconda dopo alcuni giorni di stop per un problema alla schiena ha ripreso ad allenarsi con la palla. Per la Di Gennaro si tratterà del terzo quarto di finale consecutivo agli Europei: "Questo tipo di gare da dentro o fuori è sicuramente differente da quelle della fase a gironi. Non bisogna viverla, però, con troppa tensione e scendere in campo concentrate al massimo sin dal fischio iniziale. Noi tutte vogliamo mostrare la nostra miglior pallavolo e solo allora, se le avversarie ci saranno superiori, potremo dire di non aver rimpianti".

18:12“Ricovero non serve”, parenti tentano di aggredire medico

(ANSA) - CERIGNOLA (FOGGIA), 26 SET - I famigliari di un'anziana 92enne per la quale la dottoressa del Pronto soccorso dell'ospedale 'Tatarella' di Cerignola non aveva ritenuto necessario il ricovero hanno minacciato e tentato di aggredire fisicamente il medico e un infermiere che era accorso in suo aiuto. L'intervento di due ausiliari e di una guardia giurata ha evitato il peggio. Lo rende noto il dg della Asl di Foggia, Vito Piazzolla, esprimendo "vicinanza e solidarietà" al personale aggredito e assicurando che ribadirà al prefetto di Foggia la richiesta di istituire in ospedale un presidio fisso di polizia. Dalla relazione redatta dal personale di turno al momento dell'aggressione è emerso che una donna 92enne, dimessa il giorno precedente dopo nove giorni di ricovero, è arrivata al Pronto soccorso in ambulanza. Dopo averla visitata, il medico in servizio, che già conosceva il quadro clinico, non ha ritenuto necessario il ricovero e i parenti dell'anziana hanno minacciato e tentato di aggredire medico e infermiere.

18:08Rifugiati:iridati sincro su note Lampedusa,Minniti li premia

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Il 29 e 30 settembre si svolgerà al Circolo Canottieri Aniene una gara, di tennis e di paddle, tra due squadre capitanate dai grandi campioni Nicola Pietrangeli e da Adriano Panatta e composte da personaggi noti del giornalismo e dello spettacolo, che hanno accettato di sfidarsi per raccogliere fondi a favore del Consiglio italiano per i rifugiati per l'assistenza ai minori non accompagnati e alle vittime di violenza e tortura. Partecipano all'evento i più importanti circoli di tennis della capitale e sarà posta in palio la "CIRcoli storici's CUP". Al termine de "La Sfida" il 30 settembre, sempre al Circolo canottieri Aniene, verrà consegnato dal Ministro dell'Interno Marco Minniti, alla presenza del Presidente del Coni, Giovanni Malagò, un riconoscimento speciale del CIR-Rifugiati ai due atleti (Manila Flamini e Giorgio Minisini, entrambi appartenenti alle Fiamme Oro) vincitori della medaglia d'oro nei mondiali del nuoto sincronizzato a Budapest con una toccante coreografia intitolata "Lampedusa".

18:06G7: giornalisti stranieri assenti, annullata cena di gala

(ANSA) - TORINO, 26 SET - L'Unione Industriale di Torino ha annullato la cena di gala in programma questa sera per illustrare le eccellenze del territorio alla stampa estera al seguito del G7. "L'assenza dei rappresentanti della stampa straniera ci costringe, nostro malgrado, a cancellare l'evento", scrive Dario Gallina, presidente degli industriali torinesi, scusandosi per il breve preavviso. La decisione rischia di sollevare altre polemiche, dopo quelle della scorsa settimana sull'esclusione di Torino dagli appuntamenti del vertice, per molti una occasione mancata di promozione del territorio. Nel comunicare l'annullamento della cena, che era stata organizzata presso il Circolo Soci dell'Unione Industriale di Torino, il presidente Gallina esprime l'auspicio "di trovare una futura occasione per promuovere a livello internazionale la nostra città e le nostre imprese". (ANSA).

18:04Calcio: Vigorito, il campionato del Benevento inizia ora

(ANSA) - BENEVENTO, 26 SET - "Ricominciamo da zero". Il presidente del Benevento Calcio, Oreste Vigorito, prova a risollevare l'umore della piazza dopo il disastroso avvio di campionato, con zero punti in sei incontri. Nel corso di una trasmissione sportiva in onda sulla sua emittente televisiva, "Ottochannel", il patron giustifica la pessima partenza: "Dobbiamo essere tutti uniti perché possiamo risollevarci. Purtroppo la squadra che ha in mente l'allenatore Baroni non è mai scesa in campo, a causa di infortuni e altro. Subito dopo la fine del mercato ben sette calciatori sono stati convocati in nazionale. Adesso dobbiamo azzerare le sei partite e siccome molti calciatori non hanno una giusta preparazione perché sono arrivati in ritardo devono fare un'attività di lavoro come se il campionato iniziasse adesso", ha concluso il presidente del Benevento. Intanto lo stadio beneventano registra il primo sold out della stagione per l'incontro di domenica prossima contro l'Inter.

18:03G7: comandante Arma Tullio Del Sette in visita a Torino

(ANSA) - TORINO, 26 SET - Il Comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, accompagnato dal generale di divisione Mariano Mossa, ha incontrato oggi a Torino i reparti impegnati al G7 di Industria, Scienza e Lavoro. Il Comandante ha anche visitato la compagnia di Venaria, città che ospita il summit, la compagnia di Rivoli e le stazioni di Vinovo e di Orbassano. (ANSA).

18:02Somalo torturatore: pm di Milano chiede l’ergastolo

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Osman Matammud "è un sadico, uno che si diverte a torturare e a uccidere. E' un ragazzo di 22 anni che ha 'sbroccato' e si è fatto prendere dal delirio di onnipotenza ad avere nelle sue mani la vita di centinaia di persone". E' un passaggio della requisitoria del pm Marcello Tatangelo, che questo pomeriggio, nel processo davanti alla Corte d'Assise di Milano, ha chiesto che il giovane di origine somala, fermato nel settembre scorso, venga condannato alla pena dell'ergastolo per avere torturato, stuprato e ucciso decine di migranti nel campo di Bani Whalid in Libia. Il pm ha sottolineato che le 17 presunte vittime sentite nel processo (una decina in sede di incidente probatorio, le altre in aula) parlano "tutte di violenze terribili, molto peggiori di quelle che sarebbero state necessarie per mantenere l'ordine nel campo e per impedire alle persone sequestrate di fuggire".

Archivio Ultima ora