Pelé: un film per rivivere l’emozione di un giocatore indimenticabile

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

MILANO – La storia è quella di un ragazzo che non aveva niente ma è stato capace di cambiare tutto. È arrivato nelle sale cinematografiche italiane il mito di Pelè, in un film biografico che ripercorre i primi anni di vita di “O’ Rey”.

107 minuti di pure emozioni per raccontare una parte di vita dell’unico giocatore capace di vincere tre Mondiali e segnare due gol in una finale di Coppa del Mondo.

A presentarlo a Milano è arrivato direttamente il protagonista in un pomeriggio dalle grandi emozioni per giornalisti navigati ma anche per i più giovani.

pele-verticale

– Pelé, questo film ha rappresentato davvero la sua vita?
– Sì, sono molto felice e ringrazio chi è stato con me durante il lavoro. Quando ho cominciato a leggere la sceneggiatura mi sono reso conto dove stava davvero la differenza.

– Una parte importante di questo film la “recita” la Ginga intesa come trionfo del talento sulla tecnica. Ma oggi quanta Ginga è rimasta nel calcio moderno?
– Difficile dirlo abbiamo tanti bravi calciatori anche se per il tipo di gioco che c’è adesso non è facile tirar fuori le migliori capacità individuali. E’ una cosa molto personale, è spettacolo, è come pagare un biglietto allo stadio per vedere non solo la partita.

– Dei giocatori di oggi chi ha dentro questa Ginga?
– Mi piace molto Messi, il suo stile lo rende differente rispetto a Cristiano Ronaldo per fare un esempio. Molto bravi anche Neymar e lo stesso Cristiano Ronaldo.

– L’epilogo del film è la finale del 1958 vinta dal Brasile che ha rappresentato il riscatto di un popolo. Quella partita è stata la più importante della sua storia?
– Direi di sì, se il riferimento è alla parte iniziale della mia carriera. Tenendo conto di tutto, la gara simbolo della mia vita è stata invece la finale del 1970 in Messico perché allora ero un giocatore d’esperienza, cosciente di quanto stava accadendo.

Pelé con il giornalista Emilio Buttaro

Pelé con il giornalista Emilio Buttaro

– Come ha vissuto la disfatta del Brasile nell’ultimo Mondiale?
– E’ stato un disastro. Nessuno ci avrebbe scommesso su qualcosa di così folle contro la Germania, mentre l’altra partita persa con la Colombia non ha fatto tanto clamore.

– In effetti la gara con la Germania ha sorpreso tutti…
– Impossibile spiegare. Avevo 9 anni quando ho visto mio padre piangere per la prima volta. È stato dopo il Maracanazo. Due anni fa, quando siamo stati umiliati dalla Germania per 7-1, ero con mio figlio a Rio a vedere la partita e lui mi ha visto quasi piangere. Le due Coppe del Mondo che abbiamo giocato in Brasile le abbiamo perse e non c’è spiegazione per una cosa del genere.

pele-orizzontale

– Lei ha segnato quasi 1.300 gol, qual è stato il più bello?
– Quello col Santos nello stadio del Clube Atletico Juventus.

– E il più importante?
– Il millesimo! Un rigore! Ma in quell’occasione ho davvero fatto tremare il Maracanà.

– Qual è il messaggio che vuole dare il film “Pelé”?
– Dire ai ragazzi più in difficoltà che possono riuscire nella vita, insomma che ce la possono fare malgrado tutto.

(di Emilio Buttaro/Voce)
(Foto di Franco Buttaro)

Ultima ora

00:35Basket: l’ex Melli condanna l’EA7, Bamberg passa a Milano

(ANSA) - MILANO, 23 MAR - Nicolò Melli applaudito e poi giustiziere dell'EA7 Milano in Eurolega (76-84). L'ala italiana del Brose Bamberg, protagonista con l'Olimpia dello scudetto 2014, prima viene omaggiato con un video emozionale proiettato sul cubo del Forum che si chiude con la scritta "Nick uno di noi" e accolto con un standing ovation da parte di tutto il pubblico, poi sale in cattedra e abbatte come una furia la sua ex squadra che ancora lo rimpiange. I numeri non dicono tutto (9 punti e 8 rimbalzi), ma è enciclopedica, seppur viziata da un'infrazione di passi, la gestione del possesso che porta alla decisiva tripla di Causeur (72-80 al 39'), migliore in campo con 17 punti e 8 rimbalzi. Per Milano si tratta della settima sconfitta consecutiva in Eurolega, la ventunesima complessiva: a due turni dal termine lo spettro dell'ultimo posto aleggia sinistro al Forum.

00:34Argentina: ex presidente Kirchner a processo

(ANSA) - BUENOS AIRES, 23 MAR - Un magistrato argentino ha deciso che l'ex presidente Cristina Fernandez de Kirchen sarà processata per amministrazione fraudolenta, dopo essere stata accusata di aver ordinato vendite di futures sul dollaro a prezzi più bassi di quelli del mercato negli ultimi mesi del suo mandato, causando così perdite per poco meno di 10 milioni di dollari allo Stato. Il giudice Claudio Bonadio ha emesso un'ordinanza in base alla quale Kirchner dovrà essere processata insieme al suo ex ministro dell'Economia, Axel Kicillof, l'ex presidente della Banca Centrale, Alejandro Vanoli e altri dirigenti della sua ultima amministrazione. E' la prima volta che l'ex presidente deve affrontare un processo giudiziario, ma Kirchner è anche sotto indagine in altre inchieste, riguardanti tra l'altro l'aumento del suo patrimonio famigliare durante i suoi anni al governo e le presunte tangenti pagate da imprenditori vicini alla sua famiglia per aggiudicarsi contratti ed appalti di opere pubbliche.

00:32Colloqui esplorativi a quattro per nuovo governo in Olanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - Il partito conservatore Vvd del premier olandese Mark Rutte e altre tre formazioni politiche (cristiani democratici, i socialdemocratici D66 e i verdi dei GroenLinks) hanno raggiunto un'intesa per avviare dei colloqui per la formazione del nuovo governo. Colloqui solo esplorativi, per ora, con il premier Rutte che sottolinea: "Le differenze politiche tra questi partiti sono significative". "Terremo dei colloqui per vedere se queste divergenze possono essere superate", spiega il leader di GroenLinks, Jesse Klaver, ribattezzato il 'Trudeau olandese' dalla stampa.

00:31Calcio: 2-1 alla Polonia, buon test europei per Italia U21

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Buon test in vista degli europei per l'Italia Under 21. Gli azzurrini di Gigi Di Biagio hanno battuto a Cracovia la Polonia 2-1 (1-1), nella penultima amichevole prima del torneo continentale in programma a giugno. Italia in vantaggio al 30' con Pellegrini, i polacchi pareggiano al 43' con Kownacki. In avvio di ripresa, al 5', è Benassi a riportare in vantaggio gli azzurrini. Per l'Italia anche un calcio di rigore (Di Francesco atterrato da Kedziora), ma Cerri dal dischetto prende il palo. A Cracovia ha esordito da titolare Federico Chiesa, che ha giocato un tempo. "Abbiamo fatto risultato e prestazione - dice soddisfatto Gigi Di Biagio - in tanti si sono messi in mostra e molti li ho trovati in ottime condizioni. Sono molto contento di questi ragazzi. Chiesa era programmato che giocasse un tempo, ho preferito preservarlo e sostituirlo, nonostante avesse fatto molto bene". L'Under 21 torna in campo lunedì a Roma nell'amichevole con la Spagna.

00:02Attacco al Shabaab, ’17 soldati somali uccisi’

(ANSA) - MOGADISCIO, 23 MAR - E' di almeno 17 soldati somali uccisi e 22 feriti il bilancio di un attacco organizzato dai fondamentalisti islamici al Shabaab nel sudovest del Paese. Lo ha reso noto il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, precisando che il gruppo terrorista, legato ad al Qaida, ha rivendicato l'attacco su Facebook. Gli estremisti hanno anche aggiunto di avere bombardato una base dell'Unione africana (Ua) nella notte di ieri nella città di Barawe. Il governo di Mogadiscio ha confermato l'assalto precisando che è stato respinto con un bilancio di due persone.

23:59Attacco Londra: morto uno dei feriti gravi

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - E' morto uno dei feriti dell'attacco a Londra. Lo ha riferito la polizia. Si tratta di un uomo di 75 anni che era rimasto ferito sul ponte di Westminster. Salgono così a cinque, compreso l'attentatore, le vittime.

23:31Francia: Fillon accusa Hollande, ‘voglio inchiesta’

(ANSA) - PARIGI, 23 MAR - "Accuso il presidente della Repubblica": Francois Fillon, candidato della destra alle presidenziali, non usa più mezzi termini e, in diretta al talk show "L'Emission politique" di France 2, ha puntato il dito contro il presidente Francois Hollande, secondo lui all'origine dei suoi guai giudiziari. "C'è un libro di cui ho letto le bozze - ha detto - che spiega come Hollande fa arrivare le intercettazioni nel suo ufficio, come riesca ad essere al corrente di tutto, pedinamenti compresi". Fillon, denunciando "uno scandalo di stato", ha detto di volere "l'apertura di un'inchiesta". Poi ha affermato di aver "sbagliato" ad accettare gli abiti regalati dal suo "amico" Robert Bourgi, ed ha aggiunto di averli "restituiti". Ho "fatto un errore" su quei tre abiti di lusso di un valore di 13.000 euro, che gli furono regalati da "un vecchissimo amico, di oltre 20 anni", il noto avvocato Robert Bourgi.

Archivio Ultima ora