Il Papa è contro un’Europa settaria e etnicista

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

papa lesbo

ROMA. – E’ uno sguardo da “migrante europeo” quello con cui guarda all’Europa il primo papa latinoamericano della storia della Chiesa. Lo afferma il direttore di Civiltà cattolica, Antonio Spadaro, in un articolo che prende le mosse dal conferimento a papa Bergoglio, lo scorso 9 maggio, del Premio Carlo Magno.

Nell’articolo, di cui è stata fornita l’anticipazione e che si intitola “Lo sguardo di Magellano”, Spadaro rileva come papa Francesco, ricevendo il premio, abbia “parlato da europeo migrante, inquadrando l’Europa non come uno spazio da difendere, ma come un processo da implementare in un mondo complesso, innanzitutto un processo di inclusione, che il Papa ha descritto sognando un ‘nuovo umanesimo europeo'”.

Analizzando anche i viaggi europei di papa Francesco, sempre incentrati sulle periferie, da Lampedusa a Tirana, a Lesbo, e i discorsi a Strasburgo davanti al Parlamento europeo e al Consiglio europeo, Spadaro ricorda quanto il Papa ha detto nella intervista a La Carcova News, rivista di una “villa miseria” argentina: “quando parlo di periferia, parlo di confini. Normalmente noi ci muoviamo in spazi che in un modo o nell’altro controlliamo. Questo è il centro. Nella misura in cui ci allontaniamo da centro, scopriamo più cose”.

“Un esempio: l’Europa vista da Madrid nel XVI secolo – ancora citazione da Bergoglio – era una cosa, però quando Magellano arriva alla fine del continente americano, guarda all’Europa dal nuovo punto raggiunto e capisce un’altra cosa”.

La rivista romana dei gesuiti, le cui bozze vengono riviste dalla segreteria di Stato vaticana, sottolinea quindi che Francesco vuole continuare ad avere lo sguardo di Magellano: “vuole conoscere l’Europa partendo da Roma e circumnavigando il continente a partire dal sud, proseguendo ad est e poi, lo farà ad ottobre, spingendosi nel profondo nord, in Svezia”.

Finora, rileva l’articolo, “non c’è stata alcuna puntata ad ovest, verso l’Occidente”. Il Papa quindi è in cerca dell'”anima europea, non solo il centro, ma il cuore, pulsante e vivo”. E l’Europa “non può essere compresa in termini di pochi centri polari, perché le tensioni sono molteplici e molteplici i poli, culturali, religiosi e politici”.

Multipolarità e geopolitica europea non deterministica, rimarca Spadaro. Ripercorrendo le citazioni di Bergoglio da Schuman, De Gasperi e Adenauer, l’articolo considera l’Europa non come uno spazio da proteggere, ma come “una costruzione creativa che avviene nel tempo e richiede uno sforzo paziente e responsabile” e rilegge attraverso questa griglia le parole del Papa su integrazione, dialogo e generazione.

Spadaro segnala poi come la citazione fatta dal Papa il 9 maggio, dal gesuita Eirch Przywara, postuli “implicitamente la fine dell’era del cristianesimo costantiniano e carolingio. Il suo scopo – commenta Spadaro a proposito della citazione papale dal maestro di Hans Urs von Balthasar – è far uscire il cristianesimo dalle secche del settarismo, e la Chiesa ha al suo interno al momento tentazioni settarie ed esclusive, e dall’etnicismo colonialista.

“L’apporto del cristianesimo a una cultura è quello di Cristo con la lavanda dei piedi”, ha detto papa Francesco, che, sottolinea Spadaro, “in quel gesto scopre le vere e profonde radici cristiane dell’Europa”.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora