L’Ucraina dopo-Maidan, tra speranze e disillusione

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

ucraina

KIEV.- I mazzi di fiori a Euromaidan si sono rinsecchiti. Nella piazza teatro della rivoluzione ucraina del 2014 che vuole portare i Paese nell’Unione Europea, un paio di sedicenti veterani chiedono dollari e euro in cambio di braccialetti con i colori nazionali.

Non lontano c’è il memoriale dei caduti, i dimostranti uccisi dalle forze di sicurezza tra il dicembre del 2013 e il febbraio dell’anno successivo. Lì i fiori rossi ornano le foto delle vittime. Qualche passante si ferma per le foto di rito. Ci sono anche i caschetti da operai, divenuti celebri nelle settimane della rivolta.

Il Paese è stretto nella morsa della crisi economica. Il Pil nel 2015 è crollato del 9,7%, mentre l’inflazione ha sfondato la soglia del 40%. Nel primo semestre del 2016 la situazione è migliorata, le stime parlano di una crescita in positivo dell’1,5%. In questo quadro soffre l’export dei principali Paesi partner: quello dell’Italia, stimano i dati del’Ice, nel 2015 ha segnato un -25%.

Le robuste riforme avviate dal governo e monitorate dal Fondo monetario internazionale hanno dato uno scossone al sistema bancario: su circa 170 istituti nel 2013 60 hanno chiuso, sono falliti o sono stati messi in liquidazione. Ma è il settore degli investimenti stranieri quello che soffre di più. Molte aziende, comprese quelle tricolori, sono uscite dal Paese.

“Troppa corruzione e vincoli che ricordano il regime sovietico”, sottolinea una fonte qualificata. L’Ucraina si caratterizza “per l’opacità e la poca trasparenza delle istituzioni, in particolare nell’ambito fiscale e giuridico, e non mancano i “comportamenti poco ortodossi” delle amministrazioni locali.

“Il sistema non tutela gli investitori”, sottolineano gli analisti. Ne fanno le spese non solo le Pmi, ma anche giganti dell’energia del calibro di Eni o Chevron. La corruzione “è ovunque”. Il conflitto nel Donbass fa da contesto a una situazione economica e sociale che viene definita “apocalittica”.

L’enorme massa di sfollati interni, oltre un milione, pone il governo di fronte a sfide crescenti. L’impegno è serrato. “Il contesto politico si è rinnovato, e si è chiuso il capitolo ‘sensibile’ della nomina del procuratore generale”, ha spiegato l’ambasciatore italiano Fabrizio Romano ai giornalisti, in un incontro a Kiev promosso dalla sede diplomatica statunitense a Roma.

Il governo americano, per bocca del suo rappresentante nella capitale ucraina, Geoffrey Pyatt, si dice “incoraggiato dai progressi” ma evidenzia che “c’è ancora molto da fare” sul piano delle riforme. Ma, nonostante i passi avanti, resta forte la sfiducia nei confronti della politica.

“Vi ringrazio per aver fatto sentire la vostra voce, altrimenti i politici non avrebbero fatto nulla”, ha detto Nadia Savchenko, rivolgendosi al “popolo” del Paese. E così la top-gun ucraina liberata da Mosca in cambio del rilascio di due agenti russi è diventata non solo il simbolo della “resistenza all’aggressione russa”, ma anche quello del malcontento popolare.

Intanto l’autunno si avvicina. Si guarda con molta preoccupazione all’ulteriore rincaro delle tariffe, in particolare energetiche, previsto a ottobre. Per alcuni potrebbe essere l’occasione per una nuova rivolta che porti a un cambiamento più incisivo. Ma altri temono il rischio che alcune cerchie politiche che godono dell’appoggio delle milizie armate possano far scivolare l’Ucraina nel caos. E spezzare il sogno riformista di Euromaidan.

(dell’inviato Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

15:32Terremoto: Zingaretti, 11 mln per sostenere economia

(ANSA) - RIETI, 29 MAR - "Siamo attenti alle richieste delle imprese, con misure concrete per scongiurare lo spopolamento produttivo in queste zone. L'obiettivo è riportare qui le produzioni. L'investimento globale sarà di 11 milioni di euro per sostenere l'economia con tre provvedimenti cumulabili". E' quanto ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, presentando il pacchetto di interventi e misure a favore delle popolazioni colpite dal sisma nel Reatino. "Come Regione - ha aggiunto - abbiamo voluto portare avanti due filoni. Una prima campagna di comunicazione che verrà promossa durante la Maratona di Roma, e una serie di campagne sui quotidiani nazionali per promuovere il territorio. Oltre a questo stiamo realizzando due guide turistiche che parleranno anche dei comuni del cratere".

15:31Calcio: Icardi, Inter con Suning può fare grandi cose

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Mi aspetto molto dall'Inter, abbiamo qualità. Possiamo arrivare a fare grandi cose. La società sta sistemando tutto, la squadra e il club. Vuole puntare in alto". E' la certezza di Mauro Icardi, attaccante dell'Inter, che oggi risponde alle domande dei tifosi sul profilo Facebook del club nerazzurro. "Il nostro team manager - spiega l'argentino - è andato in Cina e ci ha raccontato tutte le cose incredibili che Suning ha e tutti i progetti che ha per far tornare grande l'Inter". Disegni ambiziosi? "E' la prima cosa che ci hanno trasmesso - risponde Icardi - l'Inter deve tornare dove è stata. E questo dà tanta fiducia a noi giocatori. Loro cercheranno di migliorare ogni anno, con il mercato, con giocatori esperti che possano dare un contributo alla squadra".

15:27Calcio: Bisceglie denuncia gioco violento, ora ci ritiriamo

(ANSA) - BISCEGLIE (BARLETTA ANDRIA TRANI), 29 MAR - Non falli, ma gioco violento nell'ultima gara di campionato disputata, che ha avuto quale conseguenza la perforazione di un timpano per un calciatore e la frattura di un dito di una mano per un suo compagno di squadra, entrambi militanti nella formazione del Don Uva Bisceglie, che disputa il campionato di Seconda categoria. A denunciarlo in una nota è il presidente della società del Bisceglie, Silvestro Carbotti, il quale annuncia di non voler più partecipare al campionato.

15:25Migranti: Austria, controlleremo tutti treni Brennero

(ANSA) - BOLZANO, 29 MAR - L'Austria controllerà tutti i treni al Brennero nella stazione di Brennersee, dove sarà realizzato un apposito binario per non intralciare il traffico internazionale. Lo ha annunciato il governatore tirolese Günther Platter. La situazione al valico italo-austriaco per il momento "è relativamente calma grazie ai controlli già in atto e alla buona collaborazione con le autorità italiane e tedesche". In caso di necessità la barriera "può comunque essere attivata in qualsiasi momento", ha detto Platter.

15:21Calcio:legale Dominello,curva Juve mai business ‘ndrangheta

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - "Rocco Dominello non è mai stato associato alla 'ndrangheta, non ha mai avuto biglietti dalla Juventus in tale veste e non ha mai distribuito alcun utile né al padre né ad altra organizzazione criminale". Lo precisa all'ANSA l'avvocato Domenico Putrino, legale di Rocco Dominello e del padre Saverio, che nell'udienza preliminare del processo Alto Piemonte sulle infiltrazioni della criminalità organizzata al nord si è dissociato dalla 'ndrangheta. Nel corso della sua deposizione, Saverio Dominello - prosegue il legale - ha precisato che "non vi è mai stato interesse", da parte delle famiglie di Rosarno, sul business dei biglietti della Juventus e che "Agnelli non ha mai avuto contatti con la 'ndrangheta".

15:04Calcio: Juve, Pjaca, lesione a legamento crociato

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - Rientrato da Tallin con la nazionale croata, Pjaca è stato sottoposto a risonanza magnetica questa mattina nella clinica privata Santa Katarina, specializzata in Ortopedia, a Zabok, a una trentina di chilometri da Zagabria. Gli specialisti e i medici della nazionale croata hanno aggiornato lo staff medico della Juventus. Claudio Marchisio fa coraggio al compagno di squadra: "Marko, tutti noi ti siamo vicino! Forza. Tornerai alla grande per dimostrare tutto il tuo talento!".

15:02Francia: Hamon contro Valls, ‘democrazia umiliata’

(ANSA) - PARIGI, 29 MAR - "E' un duro colpo per la democrazia, la democrazia è umiliata": lo ha detto il candidato socialista alle presidenziali francesi, Benoit Hamon, in una dichiarazione solenne alla stampa a poche ore dalla scelta dell'ex premier Manuel Valls di scaricarlo e schierarsi con il candidato indipendente di En Marche!, Emmanuel Macron. "La parola data davanti al popolo va scrupolosamente rispettata", ha deplorato Hamon, che nel suo breve intervento non ha però mai nominato espressamente il nome di Valls né quello di Macron.

Archivio Ultima ora