L’Ucraina dopo-Maidan, tra speranze e disillusione

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

ucraina

KIEV.- I mazzi di fiori a Euromaidan si sono rinsecchiti. Nella piazza teatro della rivoluzione ucraina del 2014 che vuole portare i Paese nell’Unione Europea, un paio di sedicenti veterani chiedono dollari e euro in cambio di braccialetti con i colori nazionali.

Non lontano c’è il memoriale dei caduti, i dimostranti uccisi dalle forze di sicurezza tra il dicembre del 2013 e il febbraio dell’anno successivo. Lì i fiori rossi ornano le foto delle vittime. Qualche passante si ferma per le foto di rito. Ci sono anche i caschetti da operai, divenuti celebri nelle settimane della rivolta.

Il Paese è stretto nella morsa della crisi economica. Il Pil nel 2015 è crollato del 9,7%, mentre l’inflazione ha sfondato la soglia del 40%. Nel primo semestre del 2016 la situazione è migliorata, le stime parlano di una crescita in positivo dell’1,5%. In questo quadro soffre l’export dei principali Paesi partner: quello dell’Italia, stimano i dati del’Ice, nel 2015 ha segnato un -25%.

Le robuste riforme avviate dal governo e monitorate dal Fondo monetario internazionale hanno dato uno scossone al sistema bancario: su circa 170 istituti nel 2013 60 hanno chiuso, sono falliti o sono stati messi in liquidazione. Ma è il settore degli investimenti stranieri quello che soffre di più. Molte aziende, comprese quelle tricolori, sono uscite dal Paese.

“Troppa corruzione e vincoli che ricordano il regime sovietico”, sottolinea una fonte qualificata. L’Ucraina si caratterizza “per l’opacità e la poca trasparenza delle istituzioni, in particolare nell’ambito fiscale e giuridico, e non mancano i “comportamenti poco ortodossi” delle amministrazioni locali.

“Il sistema non tutela gli investitori”, sottolineano gli analisti. Ne fanno le spese non solo le Pmi, ma anche giganti dell’energia del calibro di Eni o Chevron. La corruzione “è ovunque”. Il conflitto nel Donbass fa da contesto a una situazione economica e sociale che viene definita “apocalittica”.

L’enorme massa di sfollati interni, oltre un milione, pone il governo di fronte a sfide crescenti. L’impegno è serrato. “Il contesto politico si è rinnovato, e si è chiuso il capitolo ‘sensibile’ della nomina del procuratore generale”, ha spiegato l’ambasciatore italiano Fabrizio Romano ai giornalisti, in un incontro a Kiev promosso dalla sede diplomatica statunitense a Roma.

Il governo americano, per bocca del suo rappresentante nella capitale ucraina, Geoffrey Pyatt, si dice “incoraggiato dai progressi” ma evidenzia che “c’è ancora molto da fare” sul piano delle riforme. Ma, nonostante i passi avanti, resta forte la sfiducia nei confronti della politica.

“Vi ringrazio per aver fatto sentire la vostra voce, altrimenti i politici non avrebbero fatto nulla”, ha detto Nadia Savchenko, rivolgendosi al “popolo” del Paese. E così la top-gun ucraina liberata da Mosca in cambio del rilascio di due agenti russi è diventata non solo il simbolo della “resistenza all’aggressione russa”, ma anche quello del malcontento popolare.

Intanto l’autunno si avvicina. Si guarda con molta preoccupazione all’ulteriore rincaro delle tariffe, in particolare energetiche, previsto a ottobre. Per alcuni potrebbe essere l’occasione per una nuova rivolta che porti a un cambiamento più incisivo. Ma altri temono il rischio che alcune cerchie politiche che godono dell’appoggio delle milizie armate possano far scivolare l’Ucraina nel caos. E spezzare il sogno riformista di Euromaidan.

(dell’inviato Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

Archivio Ultima ora