L’Ucraina dopo-Maidan, tra speranze e disillusione

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

ucraina

KIEV.- I mazzi di fiori a Euromaidan si sono rinsecchiti. Nella piazza teatro della rivoluzione ucraina del 2014 che vuole portare i Paese nell’Unione Europea, un paio di sedicenti veterani chiedono dollari e euro in cambio di braccialetti con i colori nazionali.

Non lontano c’è il memoriale dei caduti, i dimostranti uccisi dalle forze di sicurezza tra il dicembre del 2013 e il febbraio dell’anno successivo. Lì i fiori rossi ornano le foto delle vittime. Qualche passante si ferma per le foto di rito. Ci sono anche i caschetti da operai, divenuti celebri nelle settimane della rivolta.

Il Paese è stretto nella morsa della crisi economica. Il Pil nel 2015 è crollato del 9,7%, mentre l’inflazione ha sfondato la soglia del 40%. Nel primo semestre del 2016 la situazione è migliorata, le stime parlano di una crescita in positivo dell’1,5%. In questo quadro soffre l’export dei principali Paesi partner: quello dell’Italia, stimano i dati del’Ice, nel 2015 ha segnato un -25%.

Le robuste riforme avviate dal governo e monitorate dal Fondo monetario internazionale hanno dato uno scossone al sistema bancario: su circa 170 istituti nel 2013 60 hanno chiuso, sono falliti o sono stati messi in liquidazione. Ma è il settore degli investimenti stranieri quello che soffre di più. Molte aziende, comprese quelle tricolori, sono uscite dal Paese.

“Troppa corruzione e vincoli che ricordano il regime sovietico”, sottolinea una fonte qualificata. L’Ucraina si caratterizza “per l’opacità e la poca trasparenza delle istituzioni, in particolare nell’ambito fiscale e giuridico, e non mancano i “comportamenti poco ortodossi” delle amministrazioni locali.

“Il sistema non tutela gli investitori”, sottolineano gli analisti. Ne fanno le spese non solo le Pmi, ma anche giganti dell’energia del calibro di Eni o Chevron. La corruzione “è ovunque”. Il conflitto nel Donbass fa da contesto a una situazione economica e sociale che viene definita “apocalittica”.

L’enorme massa di sfollati interni, oltre un milione, pone il governo di fronte a sfide crescenti. L’impegno è serrato. “Il contesto politico si è rinnovato, e si è chiuso il capitolo ‘sensibile’ della nomina del procuratore generale”, ha spiegato l’ambasciatore italiano Fabrizio Romano ai giornalisti, in un incontro a Kiev promosso dalla sede diplomatica statunitense a Roma.

Il governo americano, per bocca del suo rappresentante nella capitale ucraina, Geoffrey Pyatt, si dice “incoraggiato dai progressi” ma evidenzia che “c’è ancora molto da fare” sul piano delle riforme. Ma, nonostante i passi avanti, resta forte la sfiducia nei confronti della politica.

“Vi ringrazio per aver fatto sentire la vostra voce, altrimenti i politici non avrebbero fatto nulla”, ha detto Nadia Savchenko, rivolgendosi al “popolo” del Paese. E così la top-gun ucraina liberata da Mosca in cambio del rilascio di due agenti russi è diventata non solo il simbolo della “resistenza all’aggressione russa”, ma anche quello del malcontento popolare.

Intanto l’autunno si avvicina. Si guarda con molta preoccupazione all’ulteriore rincaro delle tariffe, in particolare energetiche, previsto a ottobre. Per alcuni potrebbe essere l’occasione per una nuova rivolta che porti a un cambiamento più incisivo. Ma altri temono il rischio che alcune cerchie politiche che godono dell’appoggio delle milizie armate possano far scivolare l’Ucraina nel caos. E spezzare il sogno riformista di Euromaidan.

(dell’inviato Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

13:48Tennis: Roland Garros, Schiavone subito fuori

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Francesca Schiavone esce al primo turno del Roland Garros, torneo che la vide trionfare nel 2010 e giocare un'altra finale l'anno dopo. La 36enne milanese, che ha annunciato il ritiro a fine stagione, si è arresa sul campo Philippe Chatrier per 6-2 6-4 alla campionessa in carica dello Slam parigino, la spagnola Garbine Muguruza (numero 5 del ranking mondiale e quarta testa di serie del torneo). Sempre oggi esordio per Sara Errani, impegnata contro la giapponese Misaki Doi mentre in campo maschile toccherà a Fabio Fognini, Andreas Seppi, Simone Bolelli e Stefano Napolitano. Fognini, testa di serie n.28, incontra lo statunitense Frances Tiafoe, Seppi se la deve vedere con il colombiano Santiago Giraldo proveniente dalle qualificazioni mentre Bolelli e Napolitano, anche loro qualificati, affrontano rispettivamente il francese Nicolas Mahut e il tedesco Mikhail Zverev, testa di serie n.32.

13:46Camorra: emergenza a Napoli, convocato Comitato Ordine

(ANSA) - NAPOLI, 29 MAG - La recrudescenza criminale a Napoli e in provincia sarà al centro di una riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica convocato dal prefetto Carmela Pagano per mercoledì prossimo. Nel Napoletano infatti, si torna a sparare e gli agguati hanno provocato sei morti in due giorni. Le ultime due vittime, sabato scorso, di una criminalità sempre più agguerrita sono stati Carlo Nappello, di 44 anni, incensurato, e suo nipote, Carlo Nappello, di 23.

13:16Calcio: Montella, Donnarumma? Ho la sua firma…

(ANSA) - SANTA MARGHERITA DI PULA (CAGLIARI), 29 MAG - Vincenzo Montella sta provando in ogni modo a convincere Gianluigi Donnarumma a siglare il rinnovo di contratto, anche con un espediente spiritoso. "L'altro giorno gli ho fatto fare una firma su un foglio bianco, quindi potrei fregarlo come meglio credo, e forse non sarei il primo..." ha scherzato l'allenatore rossonero, che partecipa assieme all'ad Marco Fassone al workshop del Milan con gli sponsor, ospitato dal Forte Village di Santa Margherita di Pula (Cagliari). Se il rinnovo di Donnarumma andrà in porto, chissà che per il portiere non si profili una carriera con un'unica maglia, come ha fatto Totti con la Roma fino all'epilogo di ieri. "Il saluto all' Olimpico è stato un evento veramente emozionante, dopo una storia d'amore di 25 anni: per me vale più di tante coppe - ha notato Montella - Chi se la sente, ha la capacità, la fortuna e riesce a coltivare questo amore nella sua carriera, rinunciando a tante squadre, a coppe o altro, ha un grande privilegio".

13:14Gentiloni, al via investimenti per 47 mld in 15 anni

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Oggi diamo il via libera ad un grande piano di investimenti pubblici per infrastrutture e altre opere pari a 47 miliardi per i prossimi 15 anni: siamo tutti consapevoli che gli investimenti sono decisivi per dare ossigeno alla ripresa". Così il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, a Palazzo Chigi, firmando il decreto presidenziale di ripartizione dei fondi di investimento.

13:11Morte in rogo: due indagati per omicidio plurimo

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Ci sono due indagati per il rogo del camper in cui sono morte tre sorelle il 10 maggio scorso nel parcheggio di un centro commerciale a Centocelle, quartiere di Roma. Si tratta di due uomini, anche loro di origine rom come le vittime, da oggi iscritti nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio plurimo, tentato omicidio e porto di oggetti incendiari. La pista seguita da inquirenti ed investigatori è quella di una vendetta. Sono stati identificati grazie ad alcune testimonianze e le immagini delle telecamere di sicurezza.

13:07Calcio: amichevole a Merano, c’è anche Zidane

(ANSA) - BOLZANO, 29 MAG - Sabato 10 giugno, alle ore 18, è in programma al campo sportivo Combi di Merano un evento sportivo speciale. Sul rettangolo si confronteranno infatti - in una partita di calcio amichevole e a scopo benefico - la rappresentativa italiana dei magistrati e quella dei parlamentari, ma a rinforzare le rispettive compagini ci saranno campioni del pallone di fama internazionale. Fra questi anche Zinédine Zidane, campione del mondo con la Francia nel 1998 e ora allenatore del Real Madrid. Il ricavato verrà devoluto a favore di Amatrice, il paese in provincia di Rieti gravemente danneggiato dal sisma del 2016.

13:07Calcio: Malagò, ultimatum Pallotta? Una libera scelta

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "L'ultimatum di Pallotta per la costruzione dello stadio? E' una sua libera scelta, a prescindere dalla scadenza del 2020 non si può pensare di fare bene l'azionista di una società senza avere una casa di proprietà dove sviluppare l'attività". Giovanni Malagò commenta così le parole del presidente della Roma, che ieri ha posto la data del 2020 come limite per la realizzazione dell'impianto di proprietà del club giallorosso. "Pallotta è un soggetto privato che ha investito nella società - ha aggiunto il presidente del Coni a margine di un evento allo stadio Olimpico di Roma - non è il primo né l'ultimo che lo farà nel nostro Paese, ne sono arrivati tanti altri anche di Paesi diversi. La Roma è una società con finalità commerciali ed è chiaro che lui vuole remunerare il suo investimento o al limite farne degli altri e migliorare lo stato dell'arte. Mi sembra indispensabile che questo avvenga". "Se sono ottimista? Sì, ma certo è tutto molto complicato in queste cose".

Archivio Ultima ora