La crisi del Venezuela entra nella campagna elettorale in Spagna

Rivera junto a los dirigentes opositores venezolanos Henry Ramos Allup y Lilian Tintori.
Rivera junto a los dirigentes opositores venezolanos Henry Ramos Allup y Lilian Tintori.
Rivera junto a los dirigentes opositores venezolanos Henry Ramos Allup y Lilian Tintori.

MADRID. – La drammatica crisi in Venezuela entra con prepotenza nella campagna per le elezioni del 26 giugno in Spagna e diventa un tema centrale e scatena dure polemiche, soprattutto fra le due formazioni emergenti: Ciudadanos e Podemos.

La tensione a Caracas fra regime bolivariano del presidente Nicolás Maduro e opposizione democratica e la detenzione di diversi oppositori suscitano preoccupazione a Madrid. Anche per la presenza nel paese di 200 mila spagnoli e di numerose imprese iberiche.

Il premier Mariano Rajoy ha convocato sulla crisi venezuelana una riunione del Consiglio di Sicurezza Nazionale. Maduro nelle ultime settimane ha più volte attaccato il governo e la stampa spagnoli, accusati di ingerenza.

Madrid ha richiamato per consultazioni l’ambasciatore Antonio Perez- Hernandez, che però negli ultimi giorni è stato rimandato a Caracas per garantire la tutela dei cittadini e degli interessi spagnoli.
La polemica interna cresce in particolare sui legami politici e finanziari che Podemos avrebbe con il regime. Secondo documenti pubblicati dalla stampa conservatrice, Caracas avrebbe versato 4 milioni di euro a una fondazione vicina al partito di Pablo Iglesias.

L’assemblea venezuelana, ora controllata dall’opposizione, ha chiesto che i leader di Podemos si spieghino sul denaro pubblico ricevuto da Maduro e dal suo predecessore Hugo Chávez. Iglesias ha respinto la richiesta, precisando che già 5 volte i tribunali spagnoli hanno bocciato denunce per presunto finanziamento illecito di Podemos.

Da Caracas lo ha attaccato il leader di Ciudadanos, Albert Rivera, accusato da Iglesias di “fare campagna elettorale” in Venezuela. “Noi siamo qui per autare i venezuelani – ha attaccato Rivera – Podemos viene a prendere soldi”.

Condividi: