Obama fa la storia a Hiroshima, un mondo senza l’atomica

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

U.S. President Barack Obam, right, and Japanese Prime Minister Shinzo Abe shake hands after laying wreaths at Hiroshima Peace Memorial Park in Hiroshima, western, Japan, Friday, May 27, 2016. Obama on Friday became the first sitting U.S. president to visit the site of the world's first atomic bomb attack, bringing global attention both to survivors and to his unfulfilled vision of a world without nuclear weapons. Atomic Bomb Dome is seen in the background. (ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

U.S. President Barack Obam, right, and Japanese Prime Minister Shinzo Abe shake hands after laying wreaths at Hiroshima Peace Memorial Park in Hiroshima, western, Japan, Friday, May 27, 2016. Obama on Friday became the first sitting U.S. president to visit the site of the world’s first atomic bomb attack, bringing global attention both to survivors and to his unfulfilled vision of a world without nuclear weapons. Atomic Bomb Dome is seen in the background. (ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

TOKYO. – Una visita storica dopo 71 anni, un discorso intriso di propositi solenni su “un mondo senza più armi atomiche”, ma niente scuse da parte di Barack Obama, il primo presidente degli Stati Uniti in carica a recarsi in visita a Hiroshima, teatro della prima catastrofe nucleare causata dall’uomo quella maledetta mattina del 6 agosto 1945. “Dobbiamo fare il possibile per distruggere le armi nucleari, per evitare di soffrire di nuovo”, è stato l’appello lanciato dal presidente americano, visibilmente commosso. “Dobbiamo modificare il nostro stesso modo di pensare alla guerra e raccontare ai nostri figli una storia diversa. Siamo qui e cerchiamo di immaginare il momento in cui questa bomba è caduta, pensiamo a cosa hanno provato i bambini… Le voci dei caduti ci parlano”. Obama ha insistito sul “risveglio morale delle coscienze”, sottolineando la “necessità di una rivoluzione morale accanto al progresso tecnologico”. Il presidente Nobel per la pace ha parlato della brutalità della guerra, ma senza assegnare le responsabilità degli efferati crimini a nessuna delle parti: lo scopo della visita a Hiroshima era quello di riscrivere la storia senza riaprire vecchie ferite, anzi possibilmente di chiuderle, rinsaldando la cooperazione tra gli Usa e il Giappone. I due paesi che furono nemici non solo sono diventati alleati, ma “tra i migliori amici”, ha ricordato Obama. Prima di pronunciare il suo discorso davanti a un gruppo ristretto di 100 persone, tra cui i sindaci di Hiroshima e Nagasaki e 4 sopravvissuti alla bomba atomica (la generazione degli ‘hibakusha’, a cui lo stesso presidente si è riferito in più di un’occasione), accompagnato dal premier nipponico Shinzo Abe Obama ha deposto una corona di fiori davanti al Cenotafio per commemorare tutte le vittime della guerra. Al suo arrivo, aveva visitato il museo all’interno del parco dove ha sede il Memoriale della Pace. Durante i 17 minuti del suo discorso il presidente statunitense non ha presentato le scuse per i due ordigni che furono sganciati su ordine del presidente Harry Truman, e non ha commentato la visita appena compiuta al museo che contiene le foto angoscianti della catastrofe di 71 anni fa. Ma dopo il discorso, Obama si è avvicinato a uno dei sopravvissuti, il 91enne Sunao Tsuboi, parlandogli con l’aiuto di un interprete. Poi ha ascoltato le parole di Shigeaki Mori, 79 anni: con lui il momento simbolico dell’abbraccio di un presidente degli Stati Uniti con un ‘hibakusha’. Infine Obama ha compiuto un tour del parco e osservato da lontano la Cupola con lo scheletro del palazzo, l’unico resistito alla potenza devastante dell’ordigno. “La visita del presidente Obama apre un nuovo capitolo per la riconciliazione tra Giappone e Stati Uniti”, ha detto Abe, che però nei giorni scorsi ha fatto sapere di non aver in programma una visita a Pearl Harbor per ‘ricambiare’.

(di Alessandro Libri/ANSA)

Ultima ora

05:03Sparatoria San Diego, killer si e’ arreso dopo 8 ore

NEW YORK - E' di due morti e due feriti gravi il bilancio della sparatoria avvenuta in un complesso abitativo di National City, nei sobborghi di San Diego, in California. I poliziotti hanno catturato il killer che per 8 ore ha resistito barricato in un appartamento: sarebbe ferito.

03:55Filippine: assedio a Marawi, oggi tregua per fine Ramadan

MANILA - L'esercito filippino osservera' oggi una tregua di otto ore nella sua offensiva terrestre e navale contro i militati islamici affiliati all'Isis della citta' meridionale di Marawi, per consentire agli abitanti, molti dei quali residenti lungo le vie dei combattimenti, di celebrare la fine del Ramadan. Il portavoce dell'esercito, generale Restituto Padilla, ha detto che ''la pausa umanitaria'' negli attacchi militari comincera' alle 6 del mattino locali ma verra' revocata immediatamente se i militanti apriranno il fuoco o minacceranno le truppe o i civili.

01:13Attore Domenico Diele investe e uccide una donna in scooter

(ANSA) - SALERNO, 25 GIU - E' l'attore Domenico Diele l'uomo di 32 anni che la notte scorsa ha investito e ucciso una 48enne nei pressi dell'uscita autostradale di Montecorvino Pugliano, nel Salernitano. L'attore, senese di origini, ma trapiantato da tempo a Roma, si trovava in zona per le riprese del film 'Una vita spericolata' del regista Marco Ponti. Volto emergente del cinema e della fiction, ha recitato in diverse pellicole, tra cui 'Acab', e in numerose serie di successo della tv, come 'Don Matteo' e '1992'.Sembra che Diele stesse tornando da una festa che si era tenuta a Matera quando con la sua auto, intorno alle 2 del mattino, ha urtato lo scooter su cui viaggiava la 48 enne Ilaria Dilillo che è morta praticamente sul colpo a causa delle ferite riportate. Gli agenti della Polizia stradale di Eboli hanno arrestato il 32enne con l'accusa di omicidio stradale aggravato. L'udienza di convalida della misura è prevista per lunedì.

00:59Italia rovente, a Ferrara percepiti 49 gradi

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Chi ha potuto ha cercato refrigerio al mare. Ma non sempre chi si è rifugiato sulle spiagge è riuscito ad evitare l'afa, che ieri ha attanagliato gran parte dell'Italia, con temperature da capogiro, non solo nelle città. Complice l'elevata umidità, il caldo avvertito è stato largamente superiore ai gradi segnati dal termometro, con 10-12 tacche in più rispetto alle cifre reali. E i numeri sono stati da record: come a Ferrara, dove la temperatura percepita ha raggiunto all'ora di pranzo i 49 gradi, a fronte degli effettivi 37. E a Termoli, in Molise, dove il calore sentito è arrivato a 46 gradi, anche se la colonnina di mercurio si era fermata a 30. E pure a Capo Frasca, in Sardegna, con 37 gradi reali, ma la sensazione che ce ne fossero 44. Roventi anche le città che sono state segnalate dal Ministero della Salute con il bollino rosso. A Bologna la temperatura avvertita è stata di 42 gradi, a fronte dei 35 effettivi; 40 a Torino, Brescia e Bolzano.

23:42Europei U.21: Bernardeschi, che cuore questa Italia

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - "L'emozione è tanta, io quando indosso questa maglia provo sempre qualcosa di speciale e particolare. Fare un gol così importante è veramente bellissimo". E' un Federico Bernardeschi felice quello che commenta il successo dell'under 21 azzurra sulla Germania, arrivato per il suo gol al 30'. "Credo ci sia da fare tanti complimenti a questa squadra - dice ancora il talento azzurro -: con il cuore si va avanti, e non c'è niente da fare e non ci si smentisce mai. Ma ce lo meritavamo, e abbiamo avuto anche un pizzico di fortuna, visto che la Danimarca ha vinto. La nostra è stata una grande partita". Poi parla della sua rete. "Ho capito subito che avrei potuto fare gol - dice -. Ho tirato di sinistro perché sono più sicuro". Sottolinea poi che "questa squadra è un gruppo unito e lo ripeterò sempre: siamo così. Ma sappiamo di non aver fatto ancora niente. Ora c'è la Spagna, che è la squadra che ha impressionato di più in questo Europeo. Ma se questa Italia gioca con il cuore è dura per tutti".

23:39Calcio: Di Biagio, ora pensiamo a fare miracolo con Spagna

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - "Le critiche nei miei confronti? oggi abbiamo vinto, e non ci saranno. Comunque ci stanno, fanno parte del nostro lavoro. In questo caso bisogna capire dove migliorare". Questo il commento del ct dell'Under 21 Gigi Di Biagio dopo il successo sulla Germania che è valso l'accesso alle semifinali. "Oggi abbiamo fatto una buonissima gara contro un'avversaria forte - dice -. Il nostro obiettivo era di di vincere 1-0 e poi vedere cosa poteva succedere, e così è stato. Ora c'è da migliorare e arrivare in fondo, quindi ora subito con la testa alle semifinale". La mossa vincente è stata quella del 'falso nueve', con il trio Chiesa-Bernardeschi-Berardi che non ha dato punti di riferimento agli avversari. "La mossa è riuscita perchè abbiamo vinto - sorride Di Biagio -, altrimenti stavamo qui a parlare di scelta sbagliata. Abbiamo giocato bene perché abbiamo alzato il ritmo". Adesso c'è la semifinale di martedì a Cracovia contro la Spagna. "Cercheremo di fare il miracolo - dice Di Biagio - ma ora pensiamo a recuperare".

23:38Europei U.21: Italia-Germania 1-0

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Serviva l'impresa e gli Azzurrini l'hanno compiuta battendo 1-0 la quotatissima Germania. Un successo che permette alla formazione del tecnico Gigi Di Biagio di accedere alla semifinale dell'Europeo Under 21, in Polonia, dove martedì prossimo affronterà l'altrettanto temibile Spagna, che ha chiuso a punteggio pieno il proprio girone. Sul passaggio del turno ha influito e non poco la vittoria della Danimarca, che ha battuto 4-2 la Repubblica ceca, permettendo anche alla Germania di avanzare. In semifinale i tedeschi affronteranno l'Inghilterra. A Cracovia il gol partita l'ha siglato Bernardeschi al 30' del primo tempo. Unica nota negativa le ammonizioni di Berardi e Conti che, diffidati, sono stati ammoniti. Salteranno l'impegno con la Spagna.

Archivio Ultima ora