Obama fa la storia a Hiroshima, un mondo senza l’atomica

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

U.S. President Barack Obam, right, and Japanese Prime Minister Shinzo Abe shake hands after laying wreaths at Hiroshima Peace Memorial Park in Hiroshima, western, Japan, Friday, May 27, 2016. Obama on Friday became the first sitting U.S. president to visit the site of the world's first atomic bomb attack, bringing global attention both to survivors and to his unfulfilled vision of a world without nuclear weapons. Atomic Bomb Dome is seen in the background. (ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

U.S. President Barack Obam, right, and Japanese Prime Minister Shinzo Abe shake hands after laying wreaths at Hiroshima Peace Memorial Park in Hiroshima, western, Japan, Friday, May 27, 2016. Obama on Friday became the first sitting U.S. president to visit the site of the world’s first atomic bomb attack, bringing global attention both to survivors and to his unfulfilled vision of a world without nuclear weapons. Atomic Bomb Dome is seen in the background. (ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

TOKYO. – Una visita storica dopo 71 anni, un discorso intriso di propositi solenni su “un mondo senza più armi atomiche”, ma niente scuse da parte di Barack Obama, il primo presidente degli Stati Uniti in carica a recarsi in visita a Hiroshima, teatro della prima catastrofe nucleare causata dall’uomo quella maledetta mattina del 6 agosto 1945. “Dobbiamo fare il possibile per distruggere le armi nucleari, per evitare di soffrire di nuovo”, è stato l’appello lanciato dal presidente americano, visibilmente commosso. “Dobbiamo modificare il nostro stesso modo di pensare alla guerra e raccontare ai nostri figli una storia diversa. Siamo qui e cerchiamo di immaginare il momento in cui questa bomba è caduta, pensiamo a cosa hanno provato i bambini… Le voci dei caduti ci parlano”. Obama ha insistito sul “risveglio morale delle coscienze”, sottolineando la “necessità di una rivoluzione morale accanto al progresso tecnologico”. Il presidente Nobel per la pace ha parlato della brutalità della guerra, ma senza assegnare le responsabilità degli efferati crimini a nessuna delle parti: lo scopo della visita a Hiroshima era quello di riscrivere la storia senza riaprire vecchie ferite, anzi possibilmente di chiuderle, rinsaldando la cooperazione tra gli Usa e il Giappone. I due paesi che furono nemici non solo sono diventati alleati, ma “tra i migliori amici”, ha ricordato Obama. Prima di pronunciare il suo discorso davanti a un gruppo ristretto di 100 persone, tra cui i sindaci di Hiroshima e Nagasaki e 4 sopravvissuti alla bomba atomica (la generazione degli ‘hibakusha’, a cui lo stesso presidente si è riferito in più di un’occasione), accompagnato dal premier nipponico Shinzo Abe Obama ha deposto una corona di fiori davanti al Cenotafio per commemorare tutte le vittime della guerra. Al suo arrivo, aveva visitato il museo all’interno del parco dove ha sede il Memoriale della Pace. Durante i 17 minuti del suo discorso il presidente statunitense non ha presentato le scuse per i due ordigni che furono sganciati su ordine del presidente Harry Truman, e non ha commentato la visita appena compiuta al museo che contiene le foto angoscianti della catastrofe di 71 anni fa. Ma dopo il discorso, Obama si è avvicinato a uno dei sopravvissuti, il 91enne Sunao Tsuboi, parlandogli con l’aiuto di un interprete. Poi ha ascoltato le parole di Shigeaki Mori, 79 anni: con lui il momento simbolico dell’abbraccio di un presidente degli Stati Uniti con un ‘hibakusha’. Infine Obama ha compiuto un tour del parco e osservato da lontano la Cupola con lo scheletro del palazzo, l’unico resistito alla potenza devastante dell’ordigno. “La visita del presidente Obama apre un nuovo capitolo per la riconciliazione tra Giappone e Stati Uniti”, ha detto Abe, che però nei giorni scorsi ha fatto sapere di non aver in programma una visita a Pearl Harbor per ‘ricambiare’.

(di Alessandro Libri/ANSA)

Ultima ora

08:53Barcellona: ambasciatore a Madrid,3 italiani feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - 'All'ambasciata italiana in Spagna risulta finora che tre connazionali sono rimasti feriti nell'attentato a Barcellona'. Lo ha detto a '6 su Radio 1' l'ambasciatore a Madrid Stefano Sannino.

08:15Barcellona: la Rambla riaperta al pubblico

BARCELLONA - La Rambla di Barcellona, colpita a morte da un attentato terroristico ieri, e' stata riaperta al pubblico dopo essere stata completamente ripulita durante la notte. Lo ha constatato un giornalista dell'ANSA. La passeggiata che dal centro conduce al porto della città' rimane pero' chiusa al traffico delle auto. Centinaia di turisti stanno lasciando gli alberghi o gli appartamenti affittati nel centro della citta'.

08:10Barcellona: governo Catalogna, attacco Cambrils legato

BARCELLONA - L'attacco della scorsa notte nella localita' turistica di Cambrils e' legato a quello di ieri pomeriggio sulla Rambla a Barcellona. Lo ha detto il ministro regionale degli Interni della Catalogna Joaquim Forn alla radio RA C1 nelle prime ore del mattino precisando che l'attacco ''segue la stessa traccia. C'e' un collegamento''. La polizia non ha dato dettagli dell'attacco a Cambrils ma i media locali affermano che un'automobile ha investito un mezzo della polizia e la gente che si trovava nelle vicinanze.

06:37Barcellona: a Cambrils terroristi con auto su persone

BARCELLONA - I cinque sospetti terroristi uccisi dalla polizia locale spagnola nel blitz notturno a Cambrils avevano investito alcune persone con un'automobile. Lo riferisce la polizia stessa confermando anche che i cinque indossavano cinture esplosive.

05:47Venezuela: Ortega Diaz sarebbe fuggita all’estero

CARACAS - L'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz avrebbe lasciato il Venezuela per sfuggire alla persecuzione del governo chavista, che ha ordinato l'arresto di suo marito e l'ha accusata di essere responsabile della violenza durante le manifestazioni che si susseguono nel paese dallo scorso aprile e di aver cospirato per favorire un'invasione straniera. Lo hanno indicato fonti locali citate dal portale news argentino Infobae, aggiungendo che Ortega Diaz -a cui la giustizia ha sequestrato il passaporto- avrebbe raggiunto clandestinamente la Colombia o il Brasile. La notizia non e' ancora stata confermata da fonti indipendenti. Oggi il suo successore a capo della Procura, Tarek William Saab, ha accusato Ortega Diaz di essere "la responsabile intellettuale di ognuna delle vittime registrate dallo scorso primo aprile", quando la Procuratrice ha denunciato una rottura dell'ordine costituzionale a Caracas.

05:31Barcellona: a Cambrils kamikaze con cinture esplosive

BARCELLONA - Indossavano probabilmente cinture esplosive da kamikaze i sospetti terroristi, quattro dei quali uccisi e uno ferito in un'operazione della polizia locale spagnola a Cambrils, localita' turistica a 100 chilometri da Barcellona, sulla costa sud-occidentale. Lo riferisce la tv pubblica spagnola RTVE. La televisione dice che i cinque stavano tentando di portare a termine un attacco simile a quello di Barcellona. Sette persone sono rimaste ferite, due in modo grave.

05:28Venezuela: Costituente sospende immunità marito Ortega Diaz

CARACAS - L'Assemblea Costituente promossa dal presidente Nicolas Maduro ha sospeso l'immunità parlamentare di German Ferrer, deputato chavista e marito dell'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz, su richiesta del Tribunale Supremo di Giustizia. L'alta corte aveva autorizzato ieri l'arresto di Ferrer, in base all'imputazione per corruzione, estorsione, associazione a delinquere e riciclaggio presentata dal successore di Ortega Diaz alla Procura, Tarek William Saab.

Archivio Ultima ora