G7, la priorità è la crescita. Migranti sfida globale

Pubblicato il 27 maggio 2016 da redazione

g727

ISE-SHIMA. – Il fantasma di una nuova crisi economica va scongiurato: bisogna sostenere la ripresa, con ogni mezzo – monetario, fiscale e strutturale – perché la “crescita è e resta la priorità urgente”. Il G7, preoccupato per una domanda che resta al palo e per lo spettro della Brexit (“un serio rischio”, uno “shock” che invertirebbe il trend), lancia un nuovo forte messaggio invitando i partner, senza perdere la bussola sul controllo del debito, a spingere su politiche espansive, usando la leva degli investimenti pubblici, anche in chiave occupazione.

Con un occhio ai timori di una deriva populista, rinfocolata anche dal risultato del recente voto austriaco, i leader invitano così a “politiche appropriate”, superando lo schema della sola austerity.

Parole messe nero su bianco che segnano un punto a favore dell’Italia, che della flessibilità ha fatto da tempo il suo cavallo di battaglia rinviando al mittente – Germania in prima linea – ogni richiesta di proseguire solo sul fronte del rigore.

La sola “politica monetaria” non basta, ribadisce il premier Matteo Renzi. Soddisfatto di aver incassato non solo da molti leader del G7 ma anche e soprattutto da Obama una promozione piena alla sua ricetta. E di aver visto il G7 impegnarsi a condividere anche l’emergenza migranti.

“I migranti e i rifugiati sono una sfida globale che richiede una risposta globale”, sottolineano infatti i Grandi, pronti ad “aumentare l’assistenza globale per sostenere i rifugiati, coloro che li ospitano”, e cooperare con “i partner, soprattutto quelli africani e mediorientali, e con i paesi confinanti di origine e transito”.

Facendo anche un ulteriore passo, in risposta all’appello, il G7 incoraggia poi “l’ammissione temporanea” e i ricollocamenti “per alleviare la pressione dei Paesi che ospitano il maggior numero di rifugiati”.

Musica per Renzi, che però non si sbilancia nell’ottimismo. Soddisfatto che il suo Migrant Compact abbia ricevuto anche l’appoggio del G7, il premier guarda avanti e chiede dopo “la condivisione, la concretezza”.

Ridimensionando allo stesso tempo l’emergenza con numeri – sottolinea – inferiori a quelli degli anni scorsi. Sul tavolo c’è anche la minaccia del terrorismo, con i leader determinati a tagliare i finanziamenti dei network jihadisti e a lanciare un appello a “non pagare riscatti” per non rimpinguare le casse del terrore, auspicando maggiore coordinamento nello scambio di informazioni, nella sicurezza dei voli e contro i foreign fighters.

Tra Mosca, esclusa dal formato G8 proprio per la crisi Ucraina, e Ise-Shima si gioca poi una battaglia a distanza sulle sanzioni: i leader le confermano – pronti a rinnovarle a giugno, dice il britannico Cameron – ribadendo che la linea rossa resta il rispetto gli accordi di Minsk.

La Russia bolla l’affermazione come ‘assurda’, riaprendo un fronte di tensione tra G7 e un player strategico nelle grandi crisi. Libia e Siria in primo piano, di cui i Grandi ovviamente parlano, riconfermando il pieno appoggio a Serraj e l’invito alle parti a riconoscerne la legittimità.

Sulla questione siriana viene ribadita invece l’esigenza della tenuta del cessate il fuoco, in particolare ad Aleppo. E si affrontano anche le crisi asiatiche, lanciando un monito alla Corea del Nord affinché cessino test nucleari e lanci di missili balistici.

Senza dimenticare di esprimere preoccupazioni per le tensioni nel mar della Cina, dove si invita ad una soluzione pacifica delle dispute. S

ul G7 di Ise-shima, seguito dalla storica visita di Obama a Hiroshima, cala il sipario. Il vertice tornerà a riunirsi tra un anno in Sicilia, probabilmente a Taormina, per un’edizione in cui Renzi ha in mente di imprimere un ‘segno italiano’ fatto di “sogno e concretezza”.

All’insegna della coesione, è l’auspicio del premier: “Spero che le piccole polemiche di politica interna cedano il passo a una discussione serrata e accesa sulle grandi sfide. L’Italia ha recuperato forza e credibilità e ora che prenderemo la presidenza del G7 dobbiamo fare uno sforzo unitario, tutti insieme, per rilanciare le nostre proposte”.

(dell’inviato Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora