Renzi, l’Italicum non si discute

Pubblicato il 28 maggio 2016 da redazione

matteo-renzi-italicum

ROMA. – “L’Italicum non si discute”. Sono le sette del mattino quando Matteo Renzi, dal Giappone, mette una pietra tombale sulle richieste della minoranza Pd. A chi, come Pier Luigi Bersani, ha chiesto di cambiare la legge elettorale per cancellare ogni tentazione della sinistra Dem di dire “no” al referendum sulla riforma costituzionale, il premier replica secco che tra i due temi “non può esserci nessun collegamento”. E bolla la discussione come un “dibattito autoreferenziale e interno della classe politica”.

Ma il confronto, che è appena alle battute iniziali, tracima sul ring delle amministrative. I renziani accusano i bersaniani di ‘sabotare’ con le loro critiche “tafazziane” i candidati sindaco del Pd. E Gianni Cuperlo rispedisce l’accusa al mittente: il giorno dopo le comunali, promette, il confronto si riaprirà sul serio.

“Capisco le ansie, ma mi sembra riduttivo” parlare del metodo di elezione dei futuri parlamentari, osserva Renzi, che nella conferenza stampa conclusiva del G7 in Giappone non può ignorare lo scontro in atto nel suo partito.

Bersani gli ha chiesto di cambiare l’Italicum e presentare subito la legge per l’elezione dei futuri senatori-consiglieri regionali. Il presidente del Consiglio gli ricorda di aver già dato la sua parola che la legge per il Senato sarà fatta dopo il via libera al referendum. Mentre sull’Italicum si mostra irremovibile: non si cambia perché “dà la certezza a chi arriva prima di governare ed elimina il rischio di inciuci permanente”.

In realtà, osservano fonti parlamentari della maggioranza Pd, non è escluso che alla legge elettorale per la Camera si debba rimettere mano dopo che sul testo si sarà pronunciata la Corte Costituzionale. Il giudizio potrebbe arrivare a ottobre (il 4, la data indicativa) e comportare alcune correzioni. Ma chiedere di discuterne ora rischia di indebolire la campagna per il sì al referendum costituzionale.

“E’ un colpo basso”, afferma Graziano Delrio. Il ministro delle Infrastrutture, spesso mediatore con la sinistra Dem, questa volta auspica anche che “non sia accettata” l’adesione di esponenti Pd ai comitati per il no. Anche se Renzi ribadisce che non espellerà nessuno: “Chi vuole votare no ha tutto il diritto di farlo…”, scandisce.

Tutte le energie del premier e dei dirigenti Pd è ora concentrato – anche su suggerimento del guru americano Jim Messina – sul tentativo di allargare il più possibile la base dei votanti al referendum, ben oltre il Pd. “I cittadini decideranno come dicono loro non come viene suggerito da un capo di un partito o l’altro”, dice il premier. E Maria Elena Boschi afferma, definitiva: “E’ l’ultima chiamata per il Paese”.

Il sì al referendum, osserva l’ex presidente Giorgio Napolitano, è un passaggio cruciale per poi “completare il percorso di riforma”. Ma l’Anpi, in dissenso con la Confederazione delle associazioni combattenti, conferma il suo “no” al referendum. Silvio Berlusconi rilancia il suo allarme per la “deriva autoritaria”. E il giurista Alessandro Pace, dal comitato per il no, denuncia la nascita di un “premierato assoluto” e la chiusura di spazi sulla stampa e in Rai.

“E’ un errore”, incalza dalla minoranza Pd Roberto Speranza, non dare ascolto alle preoccupazioni di tanti aprendo a modifiche all’Italicum. E’ stato un errore, ribadisce Massimo D’Alema, aver approvato il ddl Boschi “a stretta maggioranza”.

Le richieste della minoranza, replicano i renziani, mirano solo a indebolire il governo e il premier in vista delle comunali prima, del referendum poi. L’irritazione nella maggioranza Dem è alta dopo un’intervista al vetriolo sui temi economici di Bersani al Fatto quotidiano: “Conferma un’insana tendenza all’autogol”, attacca Andrea Marcucci.

Ma se qualcuno rischia di sabotare le comunali, replica Cuperlo, quel qualcuno è Renzi: “Avevo proposto una moratoria. Vedo che il premier fa polemica interna anche dal Giappone. Peccato. Il buon senso impone di non dividere il campo che si dovrebbe unire. Per questo nel merito del referendum tornerò dopo il voto, ma a urne chiuse su referendum e legge elettorale il dibattito va riaperto”, annuncia Cuperlo, che non scioglie ancora la riserva su come voterà e chiede di introdurre il premio alla coalizione nell’Italicum.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

22:34Appalti truccati a Pistoia: condannati i 16 imputati

(ANSA) - PISTOIA, 20 GEN - E' caduta per tutti l'accusa dell'associazione per delinquere e questo ha comportato pene più lievi di quelle richieste per i 16 imputati, tra imprenditori, dirigenti pubblici e politici, a processo per gli appalti truccati a Pistoia. Tra le condanne decise oggi, quella più alta riguarda Marcello Evangelisti (ex dirigente dell'ufficio lavori pubblici del Comune di Pistoia), 6 anni e 9 mesi di reclusione.

22:30Coniugi uccisi in casa, ipotesi omicidio-suicidio

(ANSA) - ALESSANDRIA, 20 GEN - I cadaveri di due anziane persone, marito e moglie, sono stati trovati all'interno del loro appartamento a Valenza, in provincia di Alessandria. A dare l'allarme sarebbe stato il figlio della coppia. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri si tratterebbe di un caso di omicidio-suicidio: l'uomo avrebbe sparato alla moglie e poi avrebbe rivolto l'arma contro se stesso. Inutili i soccorsi del 118. Il cadavere della donna, secondo le prime informazioni, era riverso a terra in cucina. Quello dell'uomo, invece, sarebbe stato trovato nella vasca da bagno con la pistola sulla pancia. Sempre secondo le prime informazioni, sembra che l'uomo fosse malato.(ANSA).

22:12Calcio: Gerrard torna al Liverpool, si occuperà dei giovani

(ANSA) - LIVERPOOL, 20 GEN - Steven Gerrard torna al Liverpool. Da febbraio si prenderà cura del settore giovanile ed il club ha fatto sapere che avrà un "ruolo ad ampio raggio nella fase di sviluppo professionale dei giovani giocatori". Gerrard, 36 anni, ha collezionato 710 presenze con la maglia dei Reds ed è uno dei più grandi giocatori nella storia della squadra. Dopo un periodo di 18 mesi nella Major League Soccer con i Los Angeles Galaxy, il nuovo incarico segna il rientro nella società dove ha trascorso 17 anni come professionista. L'ex capitano del Liverpool e dell'Inghilterra, che si è ritirato dal calcio nel mese di novembre, ha commentato: "E' il completamento di un cerchio".

22:09Terremoto: Gentiloni, stanzieremo altri miliardi

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Oggi abbiamo fatto l'urgentissimo" con lo stanziamento di 30 milioni per "le richieste pervenute in questi due giorni, soprattutto per la pulizia delle strade. E' chiaro che servirà ben altro. Quattro miliardi sono stati già stanziati: serviranno altri miliardi per l'emergenza e la ricostruzione". Lo dice il premier Paolo Gentiloni in un'intervista al Tg1.

21:52Calcio: Ruediger “quest’anno la Roma deve vincere qualcosa”

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "La squadra la pensa come il nostro allenatore che in testa ha solo una cosa: la vittoria". Antonio Ruediger evidenzia il modo in cui il tecnico toscano, Luciano Spalletti, allenamento dopo allenamento, è riuscito a inculcare nei suoi uomini l'obiettivo da raggiungere: "In campo urla sempre, vuole il massimo, sempre di più, e credo che questo sia l'approccio corretto". "Io voglio vincere qualche trofeo quest'anno - ribadisce il difensore tedesco - perché credo che ne abbiamo la possibilità. La Roma quest'anno deve vincere qualcosa, siamo in una forma straordinaria e spero che arriveremo a giocarci tutto nella gara di ritorno all'Olimpico con la Juventus. Prima però ci sono ancora tante altre partite da giocare, la stagione è davvero lunga e dobbiamo concentrarci al meglio su ogni partita, senza parlare. Per noi il mese di febbraio sarà decisivo".

21:27Cile: ondata caldo, emergenza incendi

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 20 GEN - Il Cile brucia, con più di un centinaio di incendi nella sua vallata centrale che fanno alzare colonne nere di fumo e aumentano l'ondata di caldo che ha colpito il paese, con temperature che potrebbero raggiungere livelli senza precedenti. La crescita esponenziale degli incendi di foreste - sono stati poco più di 4 mila nel biennio 2009-10 e hanno superato gli 8 mila nel biennio 2014-15 - conferma, secondo gli ambientalisti, che il Cile è uno dei 10 paesi che soffre maggiormente gli effetti del riscaldamento globale. A questo si deve aggiungere - segnala la Corporazione nazionale forestale (Conaf) - che gli incendi aumentano non solo per numero ma soprattutto per estensione: nel biennio 2015-16 c'è stato un aumento del 16% dei casi, ma la loro superficie è cresciuta di oltre il 1.000%. Greenpeace Cile ha avvertito in un comunicato che sono necessari "coraggio e volontà politica" per "fermate questo disastro ambientale che è ormai diventata una vera e propria emergenza nazionale".

21:16Bagnasco, gente sisma senta tutto Paese accanto

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 20 GEN - "La gente reagisce e non cede, deve sentire tutto il Paese accanto": lo ha detto il presidente della Cei cardinale Angelo Bagnasco rispondendo all'ANSA a margine di convegno per i cento anni dello scoutismo cattolico che si svolge ad Assisi. Riferendosi così alla situazione dopo il recente terremoto. "Siamo tutti molto vicini alle popolazioni del centro Italia - ha affermato Bagnasco -, il Paese si sta stringendo sempre di più a loro con la Chiesa e le comunità cristiane per prime e fin dall'inizio, cercando di fare ancora di più di quello che si sta facendo". "Certo che però - ha sottolineato ancora il presidente della Cei - si è di fronte all'imprevedibile e all'imprevisto. Il sisma è una morsa che ci lascia tutti addolorati e quasi impotenti ma questo non deve assolutamente sfiduciare".

Archivio Ultima ora