Renzi, l’Italicum non si discute

Pubblicato il 28 maggio 2016 da redazione

matteo-renzi-italicum

ROMA. – “L’Italicum non si discute”. Sono le sette del mattino quando Matteo Renzi, dal Giappone, mette una pietra tombale sulle richieste della minoranza Pd. A chi, come Pier Luigi Bersani, ha chiesto di cambiare la legge elettorale per cancellare ogni tentazione della sinistra Dem di dire “no” al referendum sulla riforma costituzionale, il premier replica secco che tra i due temi “non può esserci nessun collegamento”. E bolla la discussione come un “dibattito autoreferenziale e interno della classe politica”.

Ma il confronto, che è appena alle battute iniziali, tracima sul ring delle amministrative. I renziani accusano i bersaniani di ‘sabotare’ con le loro critiche “tafazziane” i candidati sindaco del Pd. E Gianni Cuperlo rispedisce l’accusa al mittente: il giorno dopo le comunali, promette, il confronto si riaprirà sul serio.

“Capisco le ansie, ma mi sembra riduttivo” parlare del metodo di elezione dei futuri parlamentari, osserva Renzi, che nella conferenza stampa conclusiva del G7 in Giappone non può ignorare lo scontro in atto nel suo partito.

Bersani gli ha chiesto di cambiare l’Italicum e presentare subito la legge per l’elezione dei futuri senatori-consiglieri regionali. Il presidente del Consiglio gli ricorda di aver già dato la sua parola che la legge per il Senato sarà fatta dopo il via libera al referendum. Mentre sull’Italicum si mostra irremovibile: non si cambia perché “dà la certezza a chi arriva prima di governare ed elimina il rischio di inciuci permanente”.

In realtà, osservano fonti parlamentari della maggioranza Pd, non è escluso che alla legge elettorale per la Camera si debba rimettere mano dopo che sul testo si sarà pronunciata la Corte Costituzionale. Il giudizio potrebbe arrivare a ottobre (il 4, la data indicativa) e comportare alcune correzioni. Ma chiedere di discuterne ora rischia di indebolire la campagna per il sì al referendum costituzionale.

“E’ un colpo basso”, afferma Graziano Delrio. Il ministro delle Infrastrutture, spesso mediatore con la sinistra Dem, questa volta auspica anche che “non sia accettata” l’adesione di esponenti Pd ai comitati per il no. Anche se Renzi ribadisce che non espellerà nessuno: “Chi vuole votare no ha tutto il diritto di farlo…”, scandisce.

Tutte le energie del premier e dei dirigenti Pd è ora concentrato – anche su suggerimento del guru americano Jim Messina – sul tentativo di allargare il più possibile la base dei votanti al referendum, ben oltre il Pd. “I cittadini decideranno come dicono loro non come viene suggerito da un capo di un partito o l’altro”, dice il premier. E Maria Elena Boschi afferma, definitiva: “E’ l’ultima chiamata per il Paese”.

Il sì al referendum, osserva l’ex presidente Giorgio Napolitano, è un passaggio cruciale per poi “completare il percorso di riforma”. Ma l’Anpi, in dissenso con la Confederazione delle associazioni combattenti, conferma il suo “no” al referendum. Silvio Berlusconi rilancia il suo allarme per la “deriva autoritaria”. E il giurista Alessandro Pace, dal comitato per il no, denuncia la nascita di un “premierato assoluto” e la chiusura di spazi sulla stampa e in Rai.

“E’ un errore”, incalza dalla minoranza Pd Roberto Speranza, non dare ascolto alle preoccupazioni di tanti aprendo a modifiche all’Italicum. E’ stato un errore, ribadisce Massimo D’Alema, aver approvato il ddl Boschi “a stretta maggioranza”.

Le richieste della minoranza, replicano i renziani, mirano solo a indebolire il governo e il premier in vista delle comunali prima, del referendum poi. L’irritazione nella maggioranza Dem è alta dopo un’intervista al vetriolo sui temi economici di Bersani al Fatto quotidiano: “Conferma un’insana tendenza all’autogol”, attacca Andrea Marcucci.

Ma se qualcuno rischia di sabotare le comunali, replica Cuperlo, quel qualcuno è Renzi: “Avevo proposto una moratoria. Vedo che il premier fa polemica interna anche dal Giappone. Peccato. Il buon senso impone di non dividere il campo che si dovrebbe unire. Per questo nel merito del referendum tornerò dopo il voto, ma a urne chiuse su referendum e legge elettorale il dibattito va riaperto”, annuncia Cuperlo, che non scioglie ancora la riserva su come voterà e chiede di introdurre il premio alla coalizione nell’Italicum.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

10:58Pugilato: Mondiale welter Ibf, Spence detronizza Brooks

(ANSA) - SHEFFIELD (GRAN BRETAGNA), 28 MAG - L'imbattuto americano Errol "The Truth" Spence Jr. (22 incontri tutti vinti, 19 prima del limite) ha conquistato il titolo mondiale versione Ibf dei pesi welter battendo per Ko a 1'47''del'11/a ripresa il britannico Kell "The Special One" Brook (36-2, 25 KO) nel match disputato ieri notte sul ring allestito nel Bramall Football Ground di Sheffield, davanti a 27mila spettatori. Per Brook, con l'occhio sinistro completamente chiuso dopo la fine del match, è stata la seconda sconfitta consecutiva dopo quella subìta contro il campione del mondo dei medi Gennadi Golovkin quando il britannico ha tentato d'impossessarsi del titolo della categoria superiore.

10:42Migranti: a Napoli la nave di Msf con 1500 persone

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAG - E' arrivata nel porto di Napoli e sono iniziate le operazioni di sbarco dei 1449 immigrati che si trovavano a bordo della nave ong 'Vos Prudence' di Medici Senza Frontiere. La nave è stata fatta ormeggiare al molo Carmine e sono state predisposte tutte le attività logistiche per effettuare lo sbarco. Ancora non è stata resa nota la destinazione dei migranti raccolti da Msf e da motovedette della Guardia Costiera da ben dodici diversi barconi in appena 10 ore. Alle 21 di ieri, dopo l'allarme lanciato sull'assenza di generi di prima necessità a causa del sovraffollamento era stata fatta approdare a Palermo per essere prima di ieri sera,attorno alle 21, dopo l'allarme lanciato dai responsabili di Msf sull'assenza di generi di prima necessità a causa del sovraffollamento della nave - la capienza è di 600 persone - era stata fatta approdare a Palermo per essere rifornita di beni di prima necessità. A bordo 140 donne, 45 bambini, uno dei quali di appena una settimana e due cadaveri recuperati da un gommone.

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

Archivio Ultima ora