Renzi, l’Italicum non si discute

Pubblicato il 28 maggio 2016 da redazione

matteo-renzi-italicum

ROMA. – “L’Italicum non si discute”. Sono le sette del mattino quando Matteo Renzi, dal Giappone, mette una pietra tombale sulle richieste della minoranza Pd. A chi, come Pier Luigi Bersani, ha chiesto di cambiare la legge elettorale per cancellare ogni tentazione della sinistra Dem di dire “no” al referendum sulla riforma costituzionale, il premier replica secco che tra i due temi “non può esserci nessun collegamento”. E bolla la discussione come un “dibattito autoreferenziale e interno della classe politica”.

Ma il confronto, che è appena alle battute iniziali, tracima sul ring delle amministrative. I renziani accusano i bersaniani di ‘sabotare’ con le loro critiche “tafazziane” i candidati sindaco del Pd. E Gianni Cuperlo rispedisce l’accusa al mittente: il giorno dopo le comunali, promette, il confronto si riaprirà sul serio.

“Capisco le ansie, ma mi sembra riduttivo” parlare del metodo di elezione dei futuri parlamentari, osserva Renzi, che nella conferenza stampa conclusiva del G7 in Giappone non può ignorare lo scontro in atto nel suo partito.

Bersani gli ha chiesto di cambiare l’Italicum e presentare subito la legge per l’elezione dei futuri senatori-consiglieri regionali. Il presidente del Consiglio gli ricorda di aver già dato la sua parola che la legge per il Senato sarà fatta dopo il via libera al referendum. Mentre sull’Italicum si mostra irremovibile: non si cambia perché “dà la certezza a chi arriva prima di governare ed elimina il rischio di inciuci permanente”.

In realtà, osservano fonti parlamentari della maggioranza Pd, non è escluso che alla legge elettorale per la Camera si debba rimettere mano dopo che sul testo si sarà pronunciata la Corte Costituzionale. Il giudizio potrebbe arrivare a ottobre (il 4, la data indicativa) e comportare alcune correzioni. Ma chiedere di discuterne ora rischia di indebolire la campagna per il sì al referendum costituzionale.

“E’ un colpo basso”, afferma Graziano Delrio. Il ministro delle Infrastrutture, spesso mediatore con la sinistra Dem, questa volta auspica anche che “non sia accettata” l’adesione di esponenti Pd ai comitati per il no. Anche se Renzi ribadisce che non espellerà nessuno: “Chi vuole votare no ha tutto il diritto di farlo…”, scandisce.

Tutte le energie del premier e dei dirigenti Pd è ora concentrato – anche su suggerimento del guru americano Jim Messina – sul tentativo di allargare il più possibile la base dei votanti al referendum, ben oltre il Pd. “I cittadini decideranno come dicono loro non come viene suggerito da un capo di un partito o l’altro”, dice il premier. E Maria Elena Boschi afferma, definitiva: “E’ l’ultima chiamata per il Paese”.

Il sì al referendum, osserva l’ex presidente Giorgio Napolitano, è un passaggio cruciale per poi “completare il percorso di riforma”. Ma l’Anpi, in dissenso con la Confederazione delle associazioni combattenti, conferma il suo “no” al referendum. Silvio Berlusconi rilancia il suo allarme per la “deriva autoritaria”. E il giurista Alessandro Pace, dal comitato per il no, denuncia la nascita di un “premierato assoluto” e la chiusura di spazi sulla stampa e in Rai.

“E’ un errore”, incalza dalla minoranza Pd Roberto Speranza, non dare ascolto alle preoccupazioni di tanti aprendo a modifiche all’Italicum. E’ stato un errore, ribadisce Massimo D’Alema, aver approvato il ddl Boschi “a stretta maggioranza”.

Le richieste della minoranza, replicano i renziani, mirano solo a indebolire il governo e il premier in vista delle comunali prima, del referendum poi. L’irritazione nella maggioranza Dem è alta dopo un’intervista al vetriolo sui temi economici di Bersani al Fatto quotidiano: “Conferma un’insana tendenza all’autogol”, attacca Andrea Marcucci.

Ma se qualcuno rischia di sabotare le comunali, replica Cuperlo, quel qualcuno è Renzi: “Avevo proposto una moratoria. Vedo che il premier fa polemica interna anche dal Giappone. Peccato. Il buon senso impone di non dividere il campo che si dovrebbe unire. Per questo nel merito del referendum tornerò dopo il voto, ma a urne chiuse su referendum e legge elettorale il dibattito va riaperto”, annuncia Cuperlo, che non scioglie ancora la riserva su come voterà e chiede di introdurre il premio alla coalizione nell’Italicum.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

22:17Turista tedesco cade da scala e muore

(ANSA) - BOLZANO, 19 GEN - Un turista tedesco di 62 anni è morto in Val Badia dopo essere caduto da una scala. L'incidente è avvenuto poco prima delle ore 18 nel rifugio Piz Sorega, a quota 2.000 metri, poco prima che gli impianti sciistici chiudessero. Vano l'intervento dei soccorritori dell'Aiut Alpin che sono giunti sul posto in elicottero. L'uomo è morto per un trauma cranico. Secondo i primi rilievi dei carabinieri, il tedesco sarebbe scivolato sulle scale interne della struttura, in quanto indossava gli scarponi da neve.

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

20:44Calcio: Inter-Rafinha e’ fatta, manca solo ufficialita’

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Rafinha sara' un giocatore dell'Inter: il club nerazzurro e il Barcellona hanno raggiunto un accordo per il centrocampista brasiliano che arrivera' a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto a 35 milioni di euro. Per Rafinha si attende solo l'ufficialita'.

Archivio Ultima ora