Fiducia consumatori in calo, cresce per le imprese

Pubblicato il 28 maggio 2016 da redazione

consumi

ROMA. – Imprese un po’ più fiduciose, famiglie più scettiche. I dati Istat sulla fiducia mostrano a maggio un nuovo calo per i consumatori, con l’indice che passa a 112,7 punti dai 114,1 precedenti, e un’ulteriore crescita per le aziende, a 103,4 da 102,7 per l’indice composito Iesi.

Succede così che, mentre l’ottimismo delle famiglie tocca i livelli più bassi da agosto dello scorso anno, quello delle imprese è ai massimi dall’inizio del 2016. Questo risultato è influenzato, in parte, dalle modalità di calcolo dell’indice Iesi che prevedono una standardizzazione dei dati maggiore rispetto a quelli dei vari indici settoriali. Questi risultano, infatti, tutti in calo dalla manifattura alle costruzioni, dai servizi di mercato al commercio al dettaglio.

Per i consumatori migliora la componente personale della fiducia, mentre diminuiscono quella economica, quella futura e quella corrente. Al tempo stesso peggiorano i giudizi e le attese sulla situazione economica del Paese così come le aspettative sulla disoccupazione.

Quanto alle imprese, nella manifattura sono in ribasso i giudizi sugli ordini e stabili le attese sulla produzione. Nelle costruzioni migliorano i giudizi sugli ordini e i piani di costruzione e peggiorano le attese sull’occupazione. Nei servizi sono in espansione le attese sugli ordini ma in calo i giudizi sugli ordini e le attese sull’andamento dell’economia. E nel commercio, infine, peggiorano le attese sulle vendite future e rimangono stabili i giudizi su quelle correnti.

Prospettive non semplici per l’economia emergono anche dall’indice Eurocoin della Banca d’Italia, che fornisce in tempo reale una stima del quadro congiunturale nell’area dell’euro e a maggio cala per il quarto mese consecutivo fino a 0,26 punti dagli 0,28 punti di aprile. Questo dato, spiega via Nazionale, si caratterizza per le sue buone proprietà anticipatrici del tasso di crescita del Pil trimestrale al netto delle componenti erratiche e di breve periodo.

Ultima ora

13:57Juncker,Ue ha bisogno di un governo tedesco forte

(ANSA) - BRUXELLES, 25 SET - Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker ha telefonato alla cancelliera Angela Merkel e le ha scritto una lettera di congratulazioni in cui ha "ribadito la convinzione che l'Ue ha bisogno più che mai di un governo tedesco forte per ridare forma a un continente forte", e crede che "i negoziati per la formazione del governo contribuiranno a questo". Lo ha affermato un portavoce, che ha aggiunto che Juncker ha anche parlato al telefono con il leader della Spd ed ex presidente dell'Europarlamento.

13:55Napoli: Milik, lesione complessa, operazione riuscita

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Il Professor Mariani ha completato a Villa Stuart l'intervento al ginocchio destro di Arek Milik. Non si è trattato di una lesione isolata ma complessa, e l'intervento è perfettamente riuscito". Lo fa sapere il Napoli suo suo sito. "Il ginocchio è stato rinforzato e l'attaccante azzurro tornerà in tempi simili a quelli dello scorso infortunio".

13:54Terremoto: scossa a largo Ancona magnitudo 2.6

(ANSA) - ANCONA, 25 SET - E' stata di magnitudo 2.6 la scossa di terremoto avvenuta in mare, al largo di Ancona alle ore 12:59, e distintamente avvertita dalla popolazione. Lo rende noto l'Ingv. Il sisma, avvenuto a una profondità di 10 km, è stato preceduto da un boato. Al momento non sono segnalati danni, solo molta paura per la popolazione.

13:52Russia: fermata coppia cannibali

(ANSA) - MOSCA, 25 SET - Un uomo e una donna sono stati arrestati dalla polizia nella regione di Krasnodar, in Russia, con il sospetto di aver rapito, ucciso e divorato fino a 30 persone. Lo riportano i media russi. Al momento le forze dell'ordine sono riusciti a identificare 'solo' sette vittime. La coppia - stando a Mir24 - ha ammesso che le parti umane rinvenute nel frigorifero del loro appartamento erano destinate a un "consumo successivo". La coppia potrebbe aver cominciato nel 1999.

13:45Escort uccisa in albergo, condanna a 30 anni

(ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - Condanna a trent'anni, come chiesto dal Pm Antonello Gustapane. E' la sentenza di condanna pronunciata a Bologna dal Gup Francesca Zavaglia a carico di Claudio Villani, 56enne ferrarese processato in abbreviato per l'omicidio di Barbara Fontana, escort uccisa con 38 colpi di cacciavite e tre di coltello in una camera d'albergo di San Pietro in Casale, nel Bolognese, nella notte tra il 4 e il 5 agosto 2016. Il giudice ha anche disposto l'interdizione dai pubblici uffici e tre anni di libertà vigilata a pena espiata. La perizia psichiatrica conferita nella scorsa udienza ha dichiarato l'imputato pienamente in grado di intendere e di volere. Provvisionali da 30mila euro ciascuno sono state stabilite per le parti civili, il padre, la madre e il marito di Fontana, difesi dagli avvocati Assunta Acri e Valerio Borghesani e di cinquemila euro per l'Unione donne italiane, rappresentata dall'avvocato Rossella Mariuz. La Procura esprime "soddisfazione" per l'esito del giudizio. (ANSA).

13:43Iraq: Erdogan, esercito turco pronto a passi necessari

(ANSA) - ISTANBUL, 25 SET - L'esercito turco è schierato al confine con il nord Iraq, pronto a intraprendere i "passi necessari" a seguito del referendum consultivo sull'indipendenza del Kurdistan iracheno. Lo ha detto il presidente Recep Tayyip Erdogan. Da una settimana, sono in corso esercitazioni militari alla frontiera delle forze armate di Ankara. "Potremmo entrare (in Iraq) improvvisamente di notte - ha minacciato Erdogan -. Come abbiamo liberato Jarablus, al-Rai e al-Bab da Daesh (l'Isis) in Siria, se ce ne sarà bisogno non ci tireremo indietro dal compiere passi simili in Iraq". Il leader di Ankara ha anche ipotizzato un embargo al commercio petrolifero del Kurdistan iracheno. "Vedremo a chi lo venderanno, la Turchia controlla la valvola", ha detto, riferendosi all'oleodotto che collega Kirkuk al terminale turco di Ceyhan, sul Mediterraneo.

13:43Fassina, problema Germania non sono migranti ma “mini jobs”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Le elezioni tedesche smascherano la favola della "Germania Felix". La sofferenza economica e sociale è ampia anche nel Paese leader della UE, sebbene meno che nella periferia dell'Unione. Non è l'immigrazione la variabile che spiega il risultato di AfD. La AfD accresce i suoi consensi in misura maggiore nei lander orientali dove l'immigrazione è più bassa. È la precarietà e la povertà del lavoro, nascosta dalle statistiche della disoccupazione, la spiegazione principale: è la svalutazione del lavoro, praticata intensamente dalla Germania a partire dalle "riforme Hartz" di Schroeder, e imposta a tutto il continente attraverso la moneta unica". Così in una nota Stefano Fassina, deputato di SI. "Larghe fasce di popolo vengono attratte in modo preoccupante dalle sirene di Afd perché la Spd è stata ed è corresponsabile della rotta liberista dei Trattati UE e dell'euro che fa gli interessi delle imprese esportatrici e delle relative aristocrazie operaie, ma lascia ai mini-Jobs milioni di persone".

Archivio Ultima ora