I 30 anni di Berlusconi al Milan: calcio show, trofei e potere

Pubblicato il 28 maggio 2016 da redazione

milan1

MILANO. – Una squadra-azienda, campagne acquisti faraoniche, il “bel giuoco” per costruire successi e vendere spettacolo: ovvero, 30 anni di Milan targati Sivio Berlusconi, quelli che lui stesso ha oggi archiviato con una ammissione, ‘è ora di passare la mano’.

Così il ‘presidente più vincente della storia del calcio’, come ama definirsi lui stesso, ha rivoluzionato il calcio da quando il 20 febbraio 1986 rilevò da Giussy Farina la società sull’orlo dal fallimento.

All’epoca si parlò di ingerenze politiche, di scippo all’immobiliarista Giuseppe Cabassi o al petroliere Dino Armani che avrebbe offerto più dei 15 miliardi di lire di Berlusconi. Un salvataggio, “una questione di cuore” ha sempre detto il Cavaliere (negando un interesse precedente per l’Inter) che in 30 anni ha speso per il Milan oltre un miliardo di euro e vinto 28 trofei, segnando un ‘pre’ e un ‘post’ nel calcio italiano, come aveva fatto con la tv e come avrebbe fatto con la politica.

Introduce l’idea del calcio come spettacolo. Al primo raduno atterra assieme alla squadra in elicottero all’Arena con la Cavalcata delle Valchirie, chiede maglie rinforzate come nel football per intimorire gli avversari, si accontenta di quelle acriliche, con colori più televisivi.

Sul palco del teatro Manzoni diventa presidente il 24 marzo ’86, accantona l’icona rossonera Gianni Rivera, fa ristrutturare la sede di via Turati, organizza il club come le sue aziende pubblicitarie e tv, con una divisione marketing, novità per la Serie A.

Vincere divertendo è la missione. “Dobbiamo diventare il club più titolato al mondo” annuncia nell’estate ’87 in una convention al castello di Pomerio. Gli scettici si ricrederanno. Non mancheranno momenti drammatici, la notte di Marsiglia, la finale di Istanbul, fino a Calciopoli.

milan

Fra quelli gloriosi, il primo scudetto in rimonta sul Napoli nell’88, l’Intercontinentale a Tokyo nel 1989, la coppa campioni vinta col Barcellona nel ’94 mentre il primo Governo Berlusconi ottiene la fiducia o la finale di Champions con la Juventus nel 2003.

Per il Cavaliere, l’allenatore è prima di tutto un motivatore. Pensa subito al coach della Milano del basket, Dan Peterson. Sceglie Arrigo Sacchi (1987-91), che aveva eliminato il Milan dalla coppa Italia con una squadra di Serie B, il Parma.

Anche grazie gli olandesi Gullit, Rijkaard e Van Basten, l’intuizione paga, come la promozione dalla polisportiva Mediolanum (progetto archiviato dopo 5 anni) alla panchina di un altro homo novus, Fabio Capello, fra il ’91 e il ’96, mentre il calcio sbarca sulle reti Mediaset e il patron scende in campo in politica affidando il club a Ramaccioni, Braida e soprattutto all’ad Galliani.

Fra tv, potere e calcio i confini si sfumano. Da Palazzo Chigi ‘silura’ il ct azzurro Zoff nel 2000 e nel 2001 licenzia dal Milan Zaccheroni che nel ’98 ottiene lo scudetto al primo anno ma sfida il dogma della difesa a tre e diventa il terzo dei 4 esonerati nei primi 15 anni dell’era berlusconiana (dopo Liedholm e Tabarez, prima di Terim). Quattro difensori, una mezza punta e due punte, ordina il presidente.

Ancelotti (2001-09) vince tutto col 4-3-2-1 e se ne va quando Berlusconi gli dà le colpe del campionato perso. Dopo un anno lascia anche Leonardo, per “incompatibilità” col n.1 rossonero, che rivendica i “17 passaggi consecutivi” della sua Edilnord, suggerisce formazioni e rifila battute al vetriolo.

Allegri è l’ultimo a raccogliere titoli (scudetto 2011 e Supercoppa italiana 2012) e il primo dei tre esonerati dal 2014, oltre agli esordienti Seedorf e Inzaghi. Con Mihajlovic il feeling non è nato, si vedrà. Ma non è più il Milan delle spese folli (i 64 mld di lire per Lentini nel ’92 o i 31 mln di euro per Nesta nel 2002), dei capitani storici Baresi e Maldini, e dei palloni d’oro, da Van Basten a Weah, da Papin a Baggio, da Shevchenko a Ronaldinho, acquisto sbandierato dal leader di Forza Italia prima delle elezioni del 2008.

milan2

L’ultimo pallone d’oro rossonero è Kakà, la sua cessione nel 2009 segna la svolta: fin li’ Berlusconi ripiana sempre, poi diventa impossibile resistere alle tentazioni. Così partono Ibrahimovic e Thiago Silva, mentre in società iniziano frizioni fra Barbara Berlusconi e Adriano Galliani.

Il presidente, 80 anni a settembre, nel 2013 nomina anche la figlia ad e vicepresidente, nasce il Milan a due teste, che non può più dipendere da Fininvest. Barbara realizza Casa Milan e punta sullo stadio di proprietà ma il padre stoppa il progetto, mentre si cercano soci, soprattutto a Oriente. La trattativa con Bee Taechaubol non decolla, ora c’è quella con i cinesi ancora in corso.

Ma la decisione è definitiva: dopo 30 anni, basta Milan.

(di Paolo Cappelleri/ANSA)

Ultima ora

13:4444 i lobbysti iscritti a registro della Camera

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Nel nuovo Registro dei portatori di interessi, cioè i lobbisti, accreditati alla Camera dei deputati hanno ottenuto l'iscrizione 44 soggetti, di cui 35 persone giuridiche e 9 persone fisiche. Lo ha riferito la vicepresidente della Camera Marina Sereni, nel corso di un seminario svoltosi a Montecitorio e organizzato dall'Associazione Stampa Parlamentare (Asp). Il Registro è stato istituito da due mesi in attuazione del Regolamento sulle attività di lobbing che la Camera si è dotata nel 2016. Oltre ai soggetti che hanno ottenuto l'iscrizione al Registro, ha spiegato Sereni, vanno aggiunte 59 persone giuridiche e 11 persone fisiche che hanno presentato domanda e sono in attesa di risposta, cosa che arriverà dopo la verifica dei requisiti previsti dal Regolamento.

13:43Voto Gb: sondaggio, continua risalita Labour su Tory

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - Continua la risalita nei sondaggi del Labour che sta riducendo il distacco coi Conservatori in vista delle elezioni dell'8 giugno. Secondo la rivelazione di Survation per Itv, i Tories restano il primo partito col 43% dei consensi ma i Laburisti li inseguono al 37%, in crescita di ben tre punti rispetto alla settimana precedente. Fra gli altri partiti, i libdem sono all'8% mentre l'Ukip al 4%. Il sondaggio riflette le difficoltà della premier e leader conservatrice Theresa May che sono emerse anche nel corso del dibattito televisivo a distanza di ieri sera col capo dell'opposizione Jeremy Corbyn. May mentre rispondeva alle domande che le venivano poste è stata interrotta diverse volte dai mormorii del pubblico e talvolta da risolini di sarcasmo.

13:41Calcio: Musacchio, pronto a dare il massimo

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - "Darò il massimo per questa squadra, in ogni allenamento e in ogni partita". Mateo Musacchio inizia la sua nuova avventura calcistica con una promessa di dedizione al Milan, che lo ha acquistato per circa 18 milioni di euro dal Villarreal, portando a termine un'operazione tentata anche un anno fa dalla vecchia dirigenza rossonera. "La trattativa è iniziata l'estate scorsa ed è durata parecchi mesi, ora sono qui e sono molto felice", ha detto a Milan Tv il difensore centrale argentino, che possiede il passaporto italiano. "Il Milan ha una grande storia, ha vinto tanti titoli, so cosa significa indossare questa maglia e darò sempre il massimo", ha garantito Musacchio, pronto ad affrontare con il Milan l'Europa League, che ha giocato nelle ultime 3 stagioni con il Villarreal, arrivando in semifinale nel 2015-16. "E' una competizione importante, è bello giocarla perché ci sono grandi squadre, come si è visto negli ultimi anni - ha spiegato l'argentino -.Voglio decisamente fare bella figura in Europa League".

13:39Bangladesh: ciclone Mora, cinque morti e 20 feriti

(ANSA) - DACCA, 30 AMG - E' di cinque morti ed una ventina di feriti il primo bilancio del passaggio oggi sul Bangladesh del ciclone Mora. Lo riferisce il quotidiano The Daily Star di Dacca. Queste prime vittime, hanno segnalato le autorità locali, sono state provocate nei distretti di Chittagong e Cox's Bazar dalla caduta di alberi sulle case e da un infarto. In una conferenza stampa, il Dipartimento di meteorologia del Bangladesh ha reso noto che il ciclone, che sta perdendo forza trasformandosi in una depressione tropicale, si dirige verso Tripura ed altre località del nord-est bengalese.

13:39Terremoto: primo ok dal Pe su ricostruzione con 95% fondi Ue

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAG - La commissione sviluppo regionale del Parlamento europeo ha approvato all'unanimità l'accordo provvisorio raggiunto lo scorso 24 maggio tra Eurocamera e Consiglio che prevede il cofinanziamento per la ricostruzione sino al 95% dei territori del Centro Italia distrutti dal terremoto. Lo rende noto la delegazione 5 stelle del Parlamento europeo sottolineando che "si tratta di circa 1 miliardo di euro". "Abbiamo votato a favore - spiega l'eurodeputata Rosa D'Amato, membro della commissione sviluppo regionale - ma è un chiaro compromesso al ribasso e un perfetto esempio di come non funzionano le istituzioni europee. Il risultato è una solidarietà solo di facciata". La proposta del Movimento 5 Stelle era il cofinanziamento al 100% e senza nessun tetto ma alcuni Stati dell'Ue avevano spinto per introdurre una quota di cofinanziamento nazionale.

13:36Danimarca: Sirenetta di Copenaghen dipinta di rosso

(ANSA) - COPENAGHEN, 30 MAG - La Sirenetta di Copenaghen, che dal 1913 dà il benvenuto nel porto della capitale danese, e' stata dipinta di rosso da sconosciuti in quello che potrebbe essere - secondo i media locali - un gesto di protesta contro l'annuale strage delle balene pilota nel Paese. Di fronte alla statua, realizzata dallo scultore Edvard Eriksen in onore dello scrittore e poeta danese Hans Christian Andersen, la polizia ha trovato la scritta in inglese la 'Danimarca difenda le balene delle isole Faeröer'. Il messaggio sarebbe riferito alla caccia alle balene pilota nelle acque delle isole dell'Atlantico del Nord durante i mesi estivi da parte degli abitanti delle Faeröer, una pratica iniziata alla fine del 16mo secolo che ogni anno costa la vita a circa 800 balene.

13:31Calcio: Zidane, Dybala pericolo n.1

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Le finali di Champions non hanno favorite: la cosa più difficile è arrivare fino in fondo, poi le possibilità di alzare la Coppa sono 50 e 50": lo ha detto Zinedine Zidane, nella conferenza del media day Real per la finale di Champions. "Dybala pericolo numero uno? Si', direi che e' lui - ha aggiunto il tecnico dei madridisti - ma anche gli altri sono forti, penso a Higuain, Alves...La Juve è una squadra tosta, ma noi cercheremo di farle male. La gente può dire quel che vuole, su Bale e Isco io non mi faccio condizionare", aggiunge Zidane. "Bale dovrebbe dirmi che vuole giocare questa finale dopo l'infortunio? No, lui non deve dirmi nulla - ha risposto il tecnico merengue alle insistenti domande dei media spagnoli - I due sono pronti, e io decidero'. Ma d'altra parte hanno fatto sedici partite insieme quest'anno, chi lo dice che sono in ballottaggio per una maglia?...".

Archivio Ultima ora