I 30 anni di Berlusconi al Milan: calcio show, trofei e potere

Pubblicato il 28 maggio 2016 da redazione

milan1

MILANO. – Una squadra-azienda, campagne acquisti faraoniche, il “bel giuoco” per costruire successi e vendere spettacolo: ovvero, 30 anni di Milan targati Sivio Berlusconi, quelli che lui stesso ha oggi archiviato con una ammissione, ‘è ora di passare la mano’.

Così il ‘presidente più vincente della storia del calcio’, come ama definirsi lui stesso, ha rivoluzionato il calcio da quando il 20 febbraio 1986 rilevò da Giussy Farina la società sull’orlo dal fallimento.

All’epoca si parlò di ingerenze politiche, di scippo all’immobiliarista Giuseppe Cabassi o al petroliere Dino Armani che avrebbe offerto più dei 15 miliardi di lire di Berlusconi. Un salvataggio, “una questione di cuore” ha sempre detto il Cavaliere (negando un interesse precedente per l’Inter) che in 30 anni ha speso per il Milan oltre un miliardo di euro e vinto 28 trofei, segnando un ‘pre’ e un ‘post’ nel calcio italiano, come aveva fatto con la tv e come avrebbe fatto con la politica.

Introduce l’idea del calcio come spettacolo. Al primo raduno atterra assieme alla squadra in elicottero all’Arena con la Cavalcata delle Valchirie, chiede maglie rinforzate come nel football per intimorire gli avversari, si accontenta di quelle acriliche, con colori più televisivi.

Sul palco del teatro Manzoni diventa presidente il 24 marzo ’86, accantona l’icona rossonera Gianni Rivera, fa ristrutturare la sede di via Turati, organizza il club come le sue aziende pubblicitarie e tv, con una divisione marketing, novità per la Serie A.

Vincere divertendo è la missione. “Dobbiamo diventare il club più titolato al mondo” annuncia nell’estate ’87 in una convention al castello di Pomerio. Gli scettici si ricrederanno. Non mancheranno momenti drammatici, la notte di Marsiglia, la finale di Istanbul, fino a Calciopoli.

milan

Fra quelli gloriosi, il primo scudetto in rimonta sul Napoli nell’88, l’Intercontinentale a Tokyo nel 1989, la coppa campioni vinta col Barcellona nel ’94 mentre il primo Governo Berlusconi ottiene la fiducia o la finale di Champions con la Juventus nel 2003.

Per il Cavaliere, l’allenatore è prima di tutto un motivatore. Pensa subito al coach della Milano del basket, Dan Peterson. Sceglie Arrigo Sacchi (1987-91), che aveva eliminato il Milan dalla coppa Italia con una squadra di Serie B, il Parma.

Anche grazie gli olandesi Gullit, Rijkaard e Van Basten, l’intuizione paga, come la promozione dalla polisportiva Mediolanum (progetto archiviato dopo 5 anni) alla panchina di un altro homo novus, Fabio Capello, fra il ’91 e il ’96, mentre il calcio sbarca sulle reti Mediaset e il patron scende in campo in politica affidando il club a Ramaccioni, Braida e soprattutto all’ad Galliani.

Fra tv, potere e calcio i confini si sfumano. Da Palazzo Chigi ‘silura’ il ct azzurro Zoff nel 2000 e nel 2001 licenzia dal Milan Zaccheroni che nel ’98 ottiene lo scudetto al primo anno ma sfida il dogma della difesa a tre e diventa il terzo dei 4 esonerati nei primi 15 anni dell’era berlusconiana (dopo Liedholm e Tabarez, prima di Terim). Quattro difensori, una mezza punta e due punte, ordina il presidente.

Ancelotti (2001-09) vince tutto col 4-3-2-1 e se ne va quando Berlusconi gli dà le colpe del campionato perso. Dopo un anno lascia anche Leonardo, per “incompatibilità” col n.1 rossonero, che rivendica i “17 passaggi consecutivi” della sua Edilnord, suggerisce formazioni e rifila battute al vetriolo.

Allegri è l’ultimo a raccogliere titoli (scudetto 2011 e Supercoppa italiana 2012) e il primo dei tre esonerati dal 2014, oltre agli esordienti Seedorf e Inzaghi. Con Mihajlovic il feeling non è nato, si vedrà. Ma non è più il Milan delle spese folli (i 64 mld di lire per Lentini nel ’92 o i 31 mln di euro per Nesta nel 2002), dei capitani storici Baresi e Maldini, e dei palloni d’oro, da Van Basten a Weah, da Papin a Baggio, da Shevchenko a Ronaldinho, acquisto sbandierato dal leader di Forza Italia prima delle elezioni del 2008.

milan2

L’ultimo pallone d’oro rossonero è Kakà, la sua cessione nel 2009 segna la svolta: fin li’ Berlusconi ripiana sempre, poi diventa impossibile resistere alle tentazioni. Così partono Ibrahimovic e Thiago Silva, mentre in società iniziano frizioni fra Barbara Berlusconi e Adriano Galliani.

Il presidente, 80 anni a settembre, nel 2013 nomina anche la figlia ad e vicepresidente, nasce il Milan a due teste, che non può più dipendere da Fininvest. Barbara realizza Casa Milan e punta sullo stadio di proprietà ma il padre stoppa il progetto, mentre si cercano soci, soprattutto a Oriente. La trattativa con Bee Taechaubol non decolla, ora c’è quella con i cinesi ancora in corso.

Ma la decisione è definitiva: dopo 30 anni, basta Milan.

(di Paolo Cappelleri/ANSA)

Ultima ora

19:04Tap: da Consiglio Stato via libera realizzazione gasdotto

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Il Consiglio di Stato ha dato il via libera alla realizzazione del Tap, il gasdotto dell'Adriatico, respingendo gli appelli proposti contro la sentenza del Tar dalla Regione Puglia e dal Comune di Melendugno. Il Consiglio di Stato ha ritenuto che la valutazione di impatto ambientale resa dalla Commissione VIA avesse approfonditamente vagliato tutte le problematiche naturalistiche e anche la scelta dell'approdo nella porzione di costa compresa tra San Foca e Torre Specchia Ruggeri (all'interno del Comune di Melendugno) fosse stata preceduta da una completa analisi delle possibili alternative. Inoltre è stato escluso che l'opera dovesse essere assoggettata alla cosiddetta "Direttiva Seveso" ed è stato riconosciuto l'avvenuto rispetto del principio di leale collaborazione tra Poteri dello Stato nella procedura di superamento del dissenso espresso dalla Regione alla realizzazione dell'opera.

19:04Autonomia: Zaia, non perso speranza referendum prima estate

(ANSA) - VENEZIA, 27 MAR - "Se è vero che è ormai sfumata l'ipotesi di un "Election day" noi non abbiamo comunque perso la speranza di fare il referendum sull'autonomia prima possibile. Magari anche prima della pausa estiva". A dirlo il governatore del Veneto, Luca Zaia, alla luce di quanto dichiarato dal presidente della Lombardia, Roberto Maroni, riguardo all' indisponibilità del governo a un "Election day" con le amministrative di giugno. "Se ciò non sarà possibile - sottolinea Zaia - dovremo necessariamente collocarci tra ottobre e novembre, ma nulla è ancora definito".

18:59Attacco Londra: Masood non legato all’Isis o Al Qaida

(ANSA) - LONDRA, 27 MAR - Scotland Yard ribadisce che l'attentatore di Londra Khalid Masood non era legato all'Isis o ad Al Qaida. Per la polizia di Londra inoltre, non è stato radicalizzato quando nel 2003 si trovava in carcere ma aveva un generico "interesse per la jihad".

18:46Spara e uccide padre, domani udienza per figlio 16enne

(ANSA) - PADOVA, 27 MAR - E' in programma domani l'udienza di convalida del fermo per omicidio volontario del 16enne che venerdì scorso nella sua abitazione di Selvazzano (Padova) ha fatto fuoco con un fucile contro il padre, Enrico Boggian, 52 anni, uccidendolo. Il giovane inizialmente aveva raccontato di essere tornato a casa e di averlo trovato privo di vita, ma dopo 16 ore di interrogatorio era crollato ammettendo di aver fatto fuoco contro il padre. Ai carabinieri ha raccontato però di essere andato a prendere il fucile custodito poco lontano, a casa dei nonni, "per fare uno scherzo", ovvero per spaventare il padre che stava riposando sulla poltrona della taverna. Il nonno del ragazzo è stato denunciato per omessa custodia dell'arma.

18:45Falso cieco condannato a 5 anni, guidava anche il trattore

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - Cieco per l'Inps, ma vedente per ospedali e ambulatori Asl dove andava per i controlli medici, così per un decennio ha continuato a percepire due assegni, uno per la cecità, l'altro come invalido civile anche per il diabete e l'obesità. Il tribunale di Firenze ha condannato un 70enne a 5 anni per reati di falso e truffa. Nelle indagini della tenenza della Gdf di Borgo San Lorenzo coordinate dal pm Paolo Barlucchi venne pure filmato mentre guidava con perizia un trattore a Vicchio, reato poi depenalizzato, e coglieva ciliegie. Il condannato 'giocava' su una reale 'retinopatia proliferante, poi curata con successo in modo risolutivo già dal 2001. Tuttavia alle commissioni mediche dell'Inps sosteneva di non essere in grado di vedere e veniva classificato come cieco. Condannato a sei mesi per falsa attestazione un parente, che talvolta lo accompagnava.

18:35Uccide figli e si suicida, forse motivi economici

(ANSA) - TRENTO, 27 MAR - Ci sarebbero difficoltà economiche alla base del gesto di Gabriele Sorrentino, l'uomo di 45 anni che a Trento ha ucciso due dei suoi tre figli - la terza era in gita scolastica - e poi si è tolto la vita lanciandosi da una roccia. L'uomo, hanno spiegato gli inquirenti, svolgeva delle attività finanziarie, lavorava in casa ed era normalmente in casa con i figli quando la moglie non c'era. I rapporti con la moglie erano ottimi. La donna avrebbe riferito che questa mattina la coppia avrebbe dovuto firmare il rogito per l'acquisto di un appartamento. Lei ad un certo punto sarebbe uscita ed avrebbe lasciato il marito a casa con i due figli; quando è rientrata, ha scoperto che i due bimbi erano stati uccisi. L'auto di Sorrentino è stata ritrovata dalle forze dell'ordine nel parcheggio di un albergo a Sardagna, una località sulla collina che sovrasta Trento; all'interno della vettura, un costoso suv, sul sedile posteriore erano fissati i seggiolini per i piccoli.

18:22Juve: Allegri twitta, complimenti a Sarri

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - ''Sinceri complimenti all'amico Maurizio per la Panchina d'oro, risultato che premia il lavoro quotidiano sul campo!''. Questo il tweet che Massimiliano Allegri ha postato per rallegrarsi con Sarri fresco vincitore del riconoscimento assegnato oggi dai colleghi a Coverciano. Il tecnico della Juventus, che ha vinto questo premio negli ultimi due anni, è stato battuto per tre voti (25 a 22) dal collega del Napoli. I due si affronteranno al San Paolo domenica prossima per il campionato e mercoledì 5 aprile per la semifinale di ritorno di Coppa Italia.

Archivio Ultima ora