Euro 2016: Italia ancora da fare, solo un lampo di Pellè

Pubblicato il 30 maggio 2016 da redazione

pelle

TA’QALI (MALTA). – Da Pellè a… Pellè. L’isola di Malta è come un talismano per l’attaccante degli azzurri che, nello stadio Nazionale, aveva segnato il primo gol azzurro (13 ottobre 2014) e ha regalato il successo all’ItalConte, una squadra ancora da fare per l’Europeo alle porte. Il gol-vittoria del centravanti ha in ogni caso spezzato un digiuno in amichevoli che perdurava dal 18 novembre 2014 (1-0 all’Albania), interrompendo un poker negativo di quattro partite senza successi, visto che l’ultimo exploit risaliva al 2-1 dell’Olimpico di Roma contro la Norvegia (13 ottobre 2015).

Nell’amichevole con vista sull’Europa, organizzata sull’isola di Malta contro la Scozia, l’Italia ha fatto vedere cose positive e altre meno. La fase realizzativa è da rivedere, perché gli azzurri faticano a trovare la via del gol e la Scozia catenacciara dell’ex trottolino Strachan ha messo ancora più a nudo la sterilità dell’attacco della squadra di Conte, che si presentava a questo appuntamento dopo durissimi allenamenti a Coverciano. Bene come al solito la difesa, con il trittico juventino sempre pronto e impermeabile.

In una partita in cui c’era molto da perdere e praticamente nulla da guadagnare, se non in termini di sicurezze, l’Italia non rischia mai e conferma un problema congenito: quello del gol. Chi lo risolverà oltre le Alpi, nell’Europeo extralarge?

Eppure, gli azzurri le occasioni le creano, contro una squadra assai modesta come quella di Strachan, che in Francia non ci sarà.

Sia pure con le gambe imballate, gli uomini a disposizione di Conte giocano su ritmi accettabili e quasi senza pause, per intensità e dinamismo. Funziona molto bene la fascia destra, dove Candreva riesce a ritagliarsi gli spazi giusti per andare alla conclusione, o per mettere il pallone al centro, dove Pellè però spesso non si fa trovare pronto.

E’ il 7′ quando gli azzurri confezionano la più ghiotta delle occasioni: Candreva, su punizione, fa partire un bolide che il portiere Marshall respinge con un mezzo miracolo sui piedi dell’accorrente Giaccherini, la cui ribattuta finisce addosso allo stesso portiere scozzese.

E’ il preludio a un match a senso unico, nel quale la Scozia fa davvero poco per impensierire Buffon, inoperoso per tutto il primo tempo. L’Italia, invece, quando riesce ad alzare il ritmo fa sfracelli, ma senza finalizzare come vorrebbe Conte.

Ci provano Bonucci (fuori) all’8, ancora Giaccherini (alto) al 23′ e l’indomabile Candreva un minuto dopo (cross che sfiora il palo). Al 29′ il digiuno sembra spezzato, dopo che De Rossi pesca in area Giaccherini, ma il centrocampista non riesce a inquadrare nuovamente la porta.

Al 36′ l’Italia dà una dimostrazione di essere squadra, orchestrando una manovra corale che parte dalla difesa e si snoda da destra verso sinistra e viene chiusa da Candreva con un’altra conclusione imprecisa. Il tempo si chiude con Florenzi che cerca la via del gol ed Eder che protesta dopo un contatto in area con un avversario.

Nella ripresa, assieme ai numerosi cambi, le occasioni diminuiscono, in compenso arriva il gol di Pellè, che sfonda con un bolide di destro e poi esplode di gioia.

L’Italia frena e la Scozia potrebbe addirittura pareggiare se Ritchie al 33′ non sfiorasse il palo, su passaggio del nuovo entrato Nasmith, con un gran tiro che aveva superato Buffon. Francamente, però, il pareggio i britannici non lo avrebbero meritato.

Il cammino che porta in Francia, per l’Italia comincia con una piccola vittoria che tuttavia dà tanta sicurezza. E martedì sarà tempo di promossi e bocciati. Chi dovrà rinunciare all’Europeo transalpino?

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

20:53Ultrà: processo appello Agnelli il 15 novembre

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - E' stato fissato per il 15 novembre prossimo l'appello per il processo sportivo al presidente Andrea Agnelli e alla Juve, per rapporti non consentiti con la tifoseria. Lo apprende l'Ansa. In primo grado Agnelli era stato condannato a un anno di inibizione, il club a 300 mila euro di multa. La corte d'appello della Figc si riunirà il 15 novembre alle 15, per esaminare i ricorsi.

20:38Champions: Qarabag-Atletico Madrid 0-0

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Buone notizie per la Roma da Baku, dove il Qarabag ha imposto lo 0-0 all'Atletico Madrid, in una partita della terza giornata del Gruppo C di Champions League. Con questo punteggio gli spagnoli salgono a 2 punti ma restano alle spalle dei giallorossi, che di punti ne hanno invece 4 e hanno già vinto in trasferta contro gli azeri. Il Qarabag, reduce dalle sconfitte con Chelsea e Roma, ottiene il suo primo punto.

20:37Chelsea-Roma: De Rossi e Florenzi fuori

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Eusebio Di Francesco rinuncia a Daniele De Rossi e Alessandro Florenzi per Chelsea-Roma, nella terza giornata della fase a gironi della Champions League. Al loro posto, il tecnico giallorosso metterà in campo Maxime Gonalons e Gerson, per un inedito 4-3-2-1. Per il Chelsea, in campo dal primo minuto, l'ex Juventus Alvaro Morata, recuperato da un infortunio.

20:26Hiv: condannato per aver trasmesso virus al compagno

(ANSA) - TEMPIO, 18 OTT - E' stato condannato a otto anni di carcere senza sospensione condizionale della pena per aver nascosto al convivente di essere sieropositivo. Un olbiese di 36 anni dovrà scontare la pena per lesioni gravi perché, non informando l'uomo che viveva con lui ed avendo rapporti sessuali non protetti, gli ha trasmesso il virus dell'Hiv. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Tempio Pausania, collegio presieduto dal magistrato Marco Contu, che ha accolto le richieste del pm Cristina Carunchio. Si tratta di una delle prime sentenze per casi di questo tipo in Italia.

20:01Papa: chi lotta per il potere non santifica nome di Dio

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 18 OTT - "Diciamo di essere cristiani, di avere un Padre, ma viviamo, non dico come animali, ma come persone che non credono né in Dio né nell'uomo, senza fede, e viviamo anche facendo del male, non nell'amore ma nell'odio, nella competizione, nelle guerre. E' santificato nei cristiani che lottano fra loro per il potere? E' santificato nella vita di quelli che assoldano un sicario per liberarsi di un nemico? E' santificato nella vita di coloro che non si curano dei propri figli? No, lì non è santificato il nome di Dio". Così Papa Francesco a don Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova, nel colloquio in onda su Tv2000 nel programma 'Padre nostro', dal 25 ottobre ogni mercoledì alle 21.00. L'anteprima è stata presentata oggi alla Filmoteca Vaticana dal prefetto per la Comunicazione, mons. Dario E. Viganò, il direttore di Tv2000, Paolo Ruffini, don Pozza e il regista Andrea Salvadore. Dall'incontro è nato anche il libro 'Padre nostro' di Papa Francesco (Rizzoli-Lev) in uscita il 23 novembre.

19:52Noemi:conferito incarico perizia psichiatrica,Lucio presente

(ANSA) - LECCE, 18 OTT - Era presente anche Lucio, questa mattina, nel Tribunale per i minorenni di Lecce al conferimento dell'incarico per la perizia psichiatrica che dovrà accertare se il diciassettenne fosse in grado di intendere e volere nel momento in cui ha ucciso Noemi Durini, la sua fidanzata 16enne. La ragazza di Specchia, scomparsa il 3 settembre scorso, fu trovata morta il 13 settembre sotto un cumulo di pietre in una campagna di Acquarica del Capo (Lecce). Il 17enne reo confesso del delitto si é presentato a sorpresa, accompagnato dagli educatori dell'Ipm di Quartuccio (Cagliari), dove attualmente é detenuto. Il giovane, accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dai utili motivi, é rimasto in silenzio per tutta l'udienza facendo rientro già in giornata in Sardegna. Il gip del Tribunale per i Minorenni Ada Colluto ha dato 80 giorni per il deposito delle consulenze. Il 3 novembre cominceranno le operazioni peritali.

19:50Calcio: Fiorentina, allenamento a porte aperte

(ANSA) - FIRENZE, 18 OTT - Dopo la lezione tattica ai giornalisti la scorsa settimana, Stefano Pioli questa mattina ha permesso loro di assistere all'allenamento all'interno del centro sportivo. Una novità assoluta considerando le precedenti gestioni, e non è finita qui. Perché in vista della gara con la Roma del 5 novembre il tecnico della Fiorentina ha intenzione di aprire l'allenamento in un giorno precedente anche ai tifosi, facendolo svolgere dentro lo stadio Franchi. Alla sessione di stamani erano presenti anche il dg Corvino, il ds Freitas e il club manager Antognoni. Il tecnico viola ha lavorato in particolare sull'intensità, con esercitazioni e una partitella finale. Il ritorno al successo contro l'Udinese ha riportato serenità nella squadra viola attesa dalla trasferta con il Benevento per la quale Pioli dovrà fare a meno degli infortunati Saponara e Gil Dias. L'obiettivo è sfruttare il calendario che vedrà la Fiorentina impegnata, oltre che in Campania, con il Torino in casa e il Crotone fuori prima della Roma.

Archivio Ultima ora