Euro 2016: Italia ancora da fare, solo un lampo di Pellè

Pubblicato il 30 maggio 2016 da redazione

pelle

TA’QALI (MALTA). – Da Pellè a… Pellè. L’isola di Malta è come un talismano per l’attaccante degli azzurri che, nello stadio Nazionale, aveva segnato il primo gol azzurro (13 ottobre 2014) e ha regalato il successo all’ItalConte, una squadra ancora da fare per l’Europeo alle porte. Il gol-vittoria del centravanti ha in ogni caso spezzato un digiuno in amichevoli che perdurava dal 18 novembre 2014 (1-0 all’Albania), interrompendo un poker negativo di quattro partite senza successi, visto che l’ultimo exploit risaliva al 2-1 dell’Olimpico di Roma contro la Norvegia (13 ottobre 2015).

Nell’amichevole con vista sull’Europa, organizzata sull’isola di Malta contro la Scozia, l’Italia ha fatto vedere cose positive e altre meno. La fase realizzativa è da rivedere, perché gli azzurri faticano a trovare la via del gol e la Scozia catenacciara dell’ex trottolino Strachan ha messo ancora più a nudo la sterilità dell’attacco della squadra di Conte, che si presentava a questo appuntamento dopo durissimi allenamenti a Coverciano. Bene come al solito la difesa, con il trittico juventino sempre pronto e impermeabile.

In una partita in cui c’era molto da perdere e praticamente nulla da guadagnare, se non in termini di sicurezze, l’Italia non rischia mai e conferma un problema congenito: quello del gol. Chi lo risolverà oltre le Alpi, nell’Europeo extralarge?

Eppure, gli azzurri le occasioni le creano, contro una squadra assai modesta come quella di Strachan, che in Francia non ci sarà.

Sia pure con le gambe imballate, gli uomini a disposizione di Conte giocano su ritmi accettabili e quasi senza pause, per intensità e dinamismo. Funziona molto bene la fascia destra, dove Candreva riesce a ritagliarsi gli spazi giusti per andare alla conclusione, o per mettere il pallone al centro, dove Pellè però spesso non si fa trovare pronto.

E’ il 7′ quando gli azzurri confezionano la più ghiotta delle occasioni: Candreva, su punizione, fa partire un bolide che il portiere Marshall respinge con un mezzo miracolo sui piedi dell’accorrente Giaccherini, la cui ribattuta finisce addosso allo stesso portiere scozzese.

E’ il preludio a un match a senso unico, nel quale la Scozia fa davvero poco per impensierire Buffon, inoperoso per tutto il primo tempo. L’Italia, invece, quando riesce ad alzare il ritmo fa sfracelli, ma senza finalizzare come vorrebbe Conte.

Ci provano Bonucci (fuori) all’8, ancora Giaccherini (alto) al 23′ e l’indomabile Candreva un minuto dopo (cross che sfiora il palo). Al 29′ il digiuno sembra spezzato, dopo che De Rossi pesca in area Giaccherini, ma il centrocampista non riesce a inquadrare nuovamente la porta.

Al 36′ l’Italia dà una dimostrazione di essere squadra, orchestrando una manovra corale che parte dalla difesa e si snoda da destra verso sinistra e viene chiusa da Candreva con un’altra conclusione imprecisa. Il tempo si chiude con Florenzi che cerca la via del gol ed Eder che protesta dopo un contatto in area con un avversario.

Nella ripresa, assieme ai numerosi cambi, le occasioni diminuiscono, in compenso arriva il gol di Pellè, che sfonda con un bolide di destro e poi esplode di gioia.

L’Italia frena e la Scozia potrebbe addirittura pareggiare se Ritchie al 33′ non sfiorasse il palo, su passaggio del nuovo entrato Nasmith, con un gran tiro che aveva superato Buffon. Francamente, però, il pareggio i britannici non lo avrebbero meritato.

Il cammino che porta in Francia, per l’Italia comincia con una piccola vittoria che tuttavia dà tanta sicurezza. E martedì sarà tempo di promossi e bocciati. Chi dovrà rinunciare all’Europeo transalpino?

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

01:14Calcio: Liverpool battuto dall’ultima in classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Una settimana dopo aver inflitto al Manchester City, dominatore della Premier League, la sua prima sconfitta in campionato, il Liverpool è riuscito nell'impresa di andare a perdere (1-0) sul campo dello Swansea, ultima in classifica, nel posticipo del 24/o turno. Si è così interrotta la striscia di 18 risultati utili consecutivi della formazione allenata da mister Jurgen Klopp, tra tutte le competizioni. La rete di Alfie Mawson, al 40', ha siglato uno dei risultati più inattesi della stagione e lasciato il Liverpool in quarta posizione, a -3 dal Chelsea.

00:50Calcio: Allegri, l’importante era restare in scia al Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "L'importante era vincere. Alla fine c'è stata un po' di ansia perché ci mancavano un po' le gambe. Abbiamo alle spalle sei giorni di lavoro importante ed i ragazzi l'hanno sentito. Potevamo chiudere la partita già nel primo tempo ed ancora con un paio di occasioni nella ripresa. Non ci siamo riusciti e quindi complimenti al Genoa". Massimiliano Allegri sa che la Juventus non ha giocato una partita entusiasmante, ma si prende i 3 punti grazie all'1-0, rete di Douglas Costa. "E' importante che la squadra vinca anche se Higuain non segna" ha commentato. Lotta scudetto riservata a Napoli e Juventus? "Il campionato è ancora lungo tutti quelli che ci stanno dietro possono ancora rientrare - ammette Allegri - Ora davanti (di un punto, ndr) abbiamo il Napoli e quindi era importante restargli in scia".

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

22:21Calcio: Verona, presidente conferma la panchina a Pecchia

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - Niente cambi sulla panchina del Verona. Fabio Pecchia resta in sella, e guiderà la squadra gialloblù anche nel prossimo impegno di campionato, in trasferta al Franchi, contro la Fiorentina. Lo ha deciso il presidente del club, Maurizio Setti. La squadra andrà intanto in ritiro. "Al termine di una giornata di riflessioni e confronti - spiega il Verona in una nota - il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, ha deciso che la squadra andrà in ritiro fino a data da destinarsi. Il gruppo, in vista del match contro la Fiorentina, si allenerà ad Imola agli ordini di Fabio Pecchia e del suo staff, con il primo allenamento in programma per mercoledì 24 gennaio". La proprietà comunica inoltre di aver indetto il silenzio stampa, esteso "a tutti i propri tesserati".

Archivio Ultima ora