F1: Pioggia e pasticci, Hamilton vince alla roulette di Monaco

Pubblicato il 30 maggio 2016 da redazione

Mercedes driver Lewis Hamilton of Britain celebrates after winning the Formula One Grand Prix at the Monaco racetrack in Monaco, Sunday, May 29, 2016. (ANSA/AP Photo/Petr David Josek)

Mercedes driver Lewis Hamilton of Britain celebrates after winning the Formula One Grand Prix at the Monaco racetrack in Monaco, Sunday, May 29, 2016. (ANSA/AP Photo/Petr David Josek)

ROMA – Un solo cambio gomme. Nonostante la pista fradicia in partenza, umida per gran parte della gara, quasi asciutta verso la fine dei 78 giri. Alla roulette di Montecarlo, tra pioggia e pasticci (Red Bull) Lewis Hamilton gioca d’azzardo e vince puntando tutto su un unico pit stop, mentre gli altri si fermavano almeno due volte.

E proprio la seconda sosta è stata fatale a Daniel Ricciardo. L’australiano della Red Bull, partito dalla pole, aveva la gara in pugno quando è stato richiamato al box. Dove però, causa un’incomprensione sulla strategia da adottare, le gomme non erano pronte. Risultato, una gran perdita di tempo che il povero Ricciardo – furente sul secondo gradino del podio – non è più riuscito a recuperare.

Terzo l’ottimo Sergio Perez con la Force India, caparbio nel tenere dietro Sebastian Vettel e la sua Ferrari, respingendo gli attacchi che il ferrarista gli ha portato fino alle ultime curve.

Un quarto posto che ha lasciato l’amaro in bocca al tedesco, incolpatosi di aver mancato il podio, nonostante “la macchina fosse veloce”. Ancor peggio è andata a Kimi Raikkonen, fuori dai giochi già al 12/o giro, dopo aver urtato il guard-rail al Loews. Sfortuna ha voluto che l’ala anteriore si sia incastrata sotto la sospensione sinistra della Ferrari, costringendolo a parcheggiare nella via di fuga all’uscita del Tunnel.

Fine settimana da dimenticare anche per Max Vertsappen. Dopo l’errore di sabato in qualifica, la gara del vincitore del Gp di Spagna è terminata al 35/o giro, quando la sua Red Bull ha picchiato contro un muretto.

In casa Mercedes se Hamilton può finalmente gioire per aver vinto il primo Gp della stagione, Nico Rosberg è l’immagine della delusione. Il leader della classifica piloti è giunto solo settimo al termine di una corsa opaca (al 15/o giro ha dovuto pure lasciarsi superare, per ordine della scuderia, dando spazio al compagno di squadra decisamente più veloce) ed ora il vantaggio sull’inglese si è ridotto a soli 24 punti.

Dopo quasi due ore di gara intensissima, Hamilton può gioire, accogliendo sul traguardo l’abbraccio della squadra ed i complimenti di Justin Bieber, fan d’eccezione. Il campione del mondo ha guidato la sua Mercedes gommata full wet per 31 giri (i primi 7 dietro la safety car causa la pioggia intensa), anche mentre l’asfalto delle strade di Monaco si andava asciugando. Quindi è passato alle ultra soft (mescola Pirelli all’esordio) continuando ad essere velocissimo.

Ricciardo ha tentato un ultimo, disperato, assalto. Alla fine si è arreso. “State zitti, non c’è nulla che possiate dirmi per migliorare la situazione” ha sibilato nella radio, al team che gli faceva i complimenti.

“La strada è ancora lunga, mancano tante gare alla fine e per ora non penso al Mondiale – ha assicurato Hamilton – Grazie a Dio, oggi è andato tutto come speravo. Devo ringraziare il team che mi ha messo a disposizione una grande macchina”.

Si è assunto colpe forse non solo sue Vettel, amareggiato per il mancato terzo posto: “Oggi è stata colpa mia, avrei dovuto rendere possibile il podio, se non di più, perché la macchina era veloce. Il primo pit stop è stato fantastico e devo ringraziare i ragazzi per avermi consentito di superare Rosberg”.

I problemi sono nati altrove: “Quando ero dietro Massa sulle intermedie, lui aveva le rain. La pista era ancora molto scivolosa e avrei dovuto creare io le condizioni per il sorpasso. A volte le corse sono lunghissime, Montecarlo è durata 78 giri, ma in questo caso erano sono 5 quelli che contavano e lì ho perso il podio.

Se fossi riuscito a superare Massa la mia gara avrebbe preso un’altra piega: non sarei rimasto attardato a lottare con Alonso, Hulkenberg e Rosberg, ma avrei potuto impostare la strategia migliore e decidere quando era il momento di passare alle slick invece che farlo per forza in quel momento”.

Ultima ora

17:07Ciclismo: Valverde vince ultima tappa e giro Catalogna

(ANSA) - BARCELLONA, 26 MAR - Lo spagnolo Alejandro Valverde ha vinto per la seconda volta in carriera il giro della Catalogna, quest'anno giunto alla 97/a edizione. Il portacolori della Movistar si è imposto anche nell'ultima tappa, di 139 chilometri, precedendo allo sprint il colombiano Jarlinson Pantano e il francese Arthur Vichot. Nella classifica generale finale, Valverde ha preceduto altri due spagnoli: Alberto Contador secondo a 1'03'' e Marc Soler terzo a 1'16''.

17:02Bus in fiamme a Roma, nessun ferito

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Incendio all'alba su un bus della linea 506 che percorreva via Tuscolana, a Roma, verso Vermicino. Le fiamme si sono propagate nella parte posteriore del bus, nessun ferito e nessun intossicato. Il bus andato a fuoco oggi è il sesto in 5 mesi. L'ultimo solo cinque giorni fa a Ciampino quando alle 8.30 del mattino, un autobus è stato completamente distrutto dalle fiamme. L'autista, in quell'occasione, ha fatto scendere i passeggeri in tempo ma il rogo ha danneggiato anche un semaforo e alcune centraline vicine.

16:59Russia: Navalni incriminato, ‘violata legge proteste’

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - Alexei Navalni è stato incriminato per aver violato l'articolo 20.2 del codice amministrativo russo che regola le procedure per organizzare manifestazioni e cortei. Lo ha detto un portavoce della polizia di Mosca alla Tass. In base alla suddetta violazione, precisa la Tass, Navalni rischia "una multa, lavori obbligatori o l'arresto", ma sempre per violazione amministrativa.

16:55Messico: detenuti scavano tunnel, maxi evasione da carcere

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un gruppo di detenuti è riuscito a evadere da un carcere in Messico scavando un tunnel sotto le mura di cinta del carcere. Sedici evasi su 29 sono ancora alla macchia. Dopo la scoperta del tunnel, nella prigione è scattata una rivolta. Tre detenuti sono stati pugnalati a morte. Lo riferisce Cnn.

16:50Attacco Londra:Johnson contro Google,’disgustosi siti jihad’

(ANSA) - LONDRA, 26 MAR - I ministri britannici se la prendono con Google e i giganti di internet dopo l'attacco di Londra. A guidare l''offensiva' è il capo del Foreign Office, Boris Johnson, che in una intervista sul Sunday Times si dice "furioso" e definisce "disgustoso" il fatto che non venga fatto nulla per rimuovere i siti jihadisti. "Devono smetterla di fare soldi sfruttando materiale che incita alla violenza", ha affermato riferendosi ai colossi del web. Sotto accusa sono finiti in particolare la propaganda diffusa dai gruppi terroristici e la serie di manuali per organizzare 'in casa' degli attentati. Alla sua condanna si è unito il ministro degli Interni, Amber Rudd, che in modo più pacato ha detto che il problema deve essere affrontato al più presto e che questa settimana incontrerà i vertici dei gruppi per cercare di trovare una soluzione.

16:47Attacco Londra: media, ‘Masood aveva combattuto in Bosnia’

(ANSA) - BELGRADO, 26 MAR - Khalid Masood, l'autore dell'attacco terroristico di mercoledì scorso a Londra, aveva combattuto nella guerra di Bosnia (1992-1995) tra le file della formazione 'El mudjahid'. A riferirlo è il quotidiano belgradese Blic, che afferma di essere in possesso di una lista di 1.774 combattenti di 'El mudjahid', nella quale figura anche il nome di Masood. Secondo il giornale Khalid Masood, ucciso nell'attacco sul ponte di Westminster, sarebbe arrivato in Bosnia il primo maggio 1993 ripartendo il 25 dicembre 1995.

16:45Tiro a volo:fuoriclasse Usa Rhode vince skeet donne Acapulco

(ANSA) - ACAPULCO (MESSICO), 26 MAR - L'americana Kimberly Rhode, fuoriclasse del tiro a volo, non finisce di stupire a 21 anni dall'oro olimpico vinto, quando era appena sedicenne, ai Giochi del Centenario del 1996. Ora ha aggiunto al suo sconfinato palmares anche l'oro della gara di Skeet femminile della seconda 'tappa' della Coppa del Mondo, in corso ad Acapulco. La statunitense è sul podio olimpico dal 1996 con l'oro ad Atlanta, il bronzo a Sydney 2000 e l'oro ad Atene 2004 nel Double Trap e poi con l'argento di Pechino 2008, l'oro di Londra 2012 e il bronzo di Rio 2016 nello Skeet. Oggi è entrata in finale con il punteggio di 70/75 e si è poi guadagnata la vetta del podio con 54/60 davanti alla connazionale Catlin Connor, argento con 53 e alla cinese Yi Cao, bronzo con 41.. Buona la prestazione dell'azzurra Chiara Costa. La romana è entra in finale con 69/75 e +5 nello spareggio che l'ha vista impegnata con altre tre tiratrici per conquistare due posti nella serie decisiva. Alla fine si è piazzata al quinto posto.

Archivio Ultima ora