Mattarella, migliorare le condizioni di vita nei paesi da cui i flussi hanno origine

Pubblicato il 30 maggio 2016 da redazione

Migrants after a night in the train station of Ventimiglia, on the Italian border with France, Ventimiglia (Italy), 18 June 2015. ANSA/LUCA ZENNARO

Migrants after a night in the train station of Ventimiglia, on the Italian border with France, Ventimiglia (Italy), 18 June 2015. ANSA/LUCA ZENNARO

SARAJEVO. – “Pensare di deviare i flussi di immigrazione da un Paese all’altro? Risposta singolarmente ingenua. Risolvere il problema dei migranti chiudendo frontiere e con iniziative singole? Azione effimera ed inutile”.

Mentre nel Mediterraneo le stime variano dai 600 ai mille morti in mare negli ultimi tre giorni e le storie raccontano di bimbi annegati, genitori disperati e neonati miracolosamente recuperati vivi, Sergio Mattarella continua la sua campagna di sensibilizzazione sui diritti dei migranti ed i doveri dell’Europa.

E lo ha fatto anche da Sarajevo durante un meeting dei Paesi balcanici, ben più sensibili dei Paesi del nord Europa al tema dei flussi. Quello dell’immigrazione è “un fenomeno epocale e destinato a durare nel tempo” e “atteggiamenti solitari e di chiusura sono effimeri e inefficaci. Occorrono al contrario – ha detto il presidente della Repubblica ai rappresentanti di Bosnia, Serbia, Croazia, Slovenia, Montenegro, Kosovo, Albania e Macedonia – politiche unitarie e coerenti, azioni coordinate a livello planetario nel campo della solidarietà e dell’accoglienza”.

Serve innanzitutto “lucidità” per affrontare una sfida di queste proporzioni e servono anche “politiche credibili in tema di attivazione di canali legali di migrazioni e rimpatri”. Insomma, ha spiegato Mattarella, il problema non si può tamponare con muri e barriere ma si deve aggredire con una visione etica e di lungo periodo, per esempio migliorando “le condizioni di vita nei paesi da cui i flussi hanno origine”.

La distanza dell’Europa dal problema dei flussi, tra l’altro sottolineata dalla Macedonia che ha parlato di “abbandono da parte di Bruxelles, è stata stigmatizzata anche dalla presidente della Camera, Laura Boldrini.

“E’ con amaro realismo che affermo che i flussi di rifugiati e di migranti sono divenuti un problema comune europeo soltanto quando, la scorsa estate, decine di migliaia di persone hanno cominciato a raggiungere, a piedi, il cuore del nostro continente.

Ricorderemo il 2015 come l’anno del flusso lungo la ‘rotta balcanica’”, ha ricordato la presidente della Camera nel suo intervento al vertice dei Parlamenti dell’Unione per il Mediterraneo in corso a Tangeri.

Per questo è arrivata l’ora di parlare di una sorta di “Piano Marshall” per il Mediterraneo del sud: “è il tempo che l’Europa vari un grande piano strategico che sappia coniugare visione di medio e lungo termine, risorse economiche importanti ed impegno politico.

E’ il tempo di un’piano Marshall’ per l’area euromediterranea e per l’Africa”, ha spiegato la Boldrini sottolineando che questo è un interesse anche dell’Unione europea.

Di tutt’altro avviso Matteo Salvini che parla addirittura di “genocidio di italiani”: “è’ stato raggiunto il limite, pensate che abbiamo 1 milione e 400 mila bambini sotto la soglia della povertà che tirano a campare; bisogna trovare una soluzione a casa loro perchè quella che è in corso è una immigrazione organizzata finanziata da chi sta facendo una marea di soldi.

C’è una “sostituzione etnica” in corso per portare masse di stranieri in Italia e cancellare gli italiani, è un tentativo di genocidio”, ha assicurato in Tv.

E’ solo uno sciacallo. L’unico genocidio a cui stiamo assistendo è quello di cui ogni giorno sono vittime i migranti che scappano da guerra e fame e trovano la morte in mare”, gli ha replicato Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana.

(dell’inviato Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

23:01Calcio: Borussia Dortmund vince la coppa di Germania

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Borussia Dortmund si aggiudica la coppa di Germania battendo 2-1 l'Eintracht Francoforte nella finale disputata allo stadio olimpico di Berlino. Dopo tre ko consecutivi nella partita decisiva, la squadra guidata ha Thomas Tuchel ha conquistato la quinta coppa nazionale della sua storia, ritrovando un successo che mancava dal 2012. Andato in vantaggio all'8' con Dembele, il Borussia ha subito al 29' il pareggio di Rebic, tornando poi avanti in maniera definitiva grazie ad un rigore trasformato da Aubemeyang al 22' della ripresa.

Archivio Ultima ora