Si accende la campagna elettorale per i Comuni

Pubblicato il 30 maggio 2016 da redazione

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi a Trieste per la firma di un protocollo d'intesa tra Presidenza del Consiglio dei ministri, Ministero dei Beni culturali, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune e Autorità portuale per la valorizzazione delle aree già facenti parte del compendio del Porto Vecchio di Trieste, Trieste, 28 maggio 2016. ANSA/TIBERIO BARCHIELLI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi a Trieste per la firma di un protocollo d’intesa tra Presidenza del Consiglio dei ministri, Ministero dei Beni culturali, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune e Autorità portuale per la valorizzazione delle aree già facenti parte del compendio del Porto Vecchio di Trieste, Trieste, 28 maggio 2016. ANSA/TIBERIO BARCHIELLI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

ROMA. – Con un duro attacco alla sinistra che “gode a perdere” e ai pentastellati che sono eterodiretti da “mail anonime”, Matteo Renzi surriscalda l’ultima settimana di campagna elettorale. Il premier è a Torino e poi Varese, domani sarà a Milano, mercoledì Roma, venerdì Bologna, Rimini e Ravenna. Perché, ricorda il “veterano” Piero Fassino, “il 20% degli elettori decide se e come votare in questa settimana”. Sembrano perciò abbassarsi – anche se l’atmosfera è tesissima – anche i toni dello scontro interno al Pd sul referendum costituzionale.

Perché domenica si vota e intanto gli avversari non stanno a guardare. E se Silvio Berlusconi suona la carica da Milano per provare a far vincere Stefano Parisi, il M5S incalza a Roma. Renzi non si stanca di insistere “sull’incredibile valore che avrà il referendum di ottobre, anche per la credibilità del Paese all’estero”. Ma a sei giorni dal voto, il premier scende sul ring delle comunali.

E al fianco di Fassino lancia la volata finale. “Gli juventini vadano dai granata, i granata vadano dagli juventini”, è la provocazione che lancia ai Dem torinesi, perché non si risparmino nella “propaganda”. “Fuori da noi c’è l’elenco delle sfighe. Gli altri cercano di gufare perché l’Italia non ce la faccia. Noi la stiamo portando fuori dalla palude, gli altri sperano nell’autodistruzione del Paese”, è l’invito di Renzi.

Ma le opposizioni replicano attaccando sul bonus degli 80 euro: oltre un milione di italiani, denunciano Fi, Fdi e Sel, hanno dovuto restituirlo. Ma il governo precisa che il numero è più limitato e la restituzione riguarda solo chi, a conti fatti, ha superato il reddito previsto per aver diritto al bonus.

Intanto da Torino il premier attacca a muso duro la sinistra extra-dem che, con la candidatura di Airaudo, ostacola la vittoria di Fassino al primo turno: “Se i compagni Airaudo e Landini avessero avuto ragione oggi la Fiat Chrysler non sarebbe più a Torino. Abbiamo avuto ragione noi a rifiutare la cultura del no. C’è una parte della sinistra che gode nel perdere e lamentarsi e una sinistra che invece prova a vincere”.

L’altro fronte di attacco è al M5s, che conduce nei sondaggi a Roma. Il Pd incalza sull’annuncio degli assessori (uno “a termine”) anticipato da Luigi Di Maio e ufficializzato da Virginia Raggi. “Mandano mail anonime a dirti ciò che devi fare e ciò che non devi, a indicare gli assessori. Più che pentastellati sembrano un pentapartito”, ha buon gioco ad attaccare Renzi, negli stessi minuti in cui da Parma il sindaco M5s Federico Pizzarotti, sospeso dal Movimento, denuncia il “limbo insopportabile” e “paradossale” in cui è tenuto.

Ma Alessandro Di Battista rivendica la ‘diversità’ grillina dal ‘sistema’ che “butta fango ogni giorno”. Il deputato sostiene che proprio “la violenza inaudita degli attacchi contro M5S dovrebbe convincere gli italiani a darci una possibilità”. E fa un esempio: “Se Grillo non viene a Piazza del Popolo il 3 dicono che ‘ha mollato Raggi’, se verrà diranno che è eterodiretta”.

Da Milano, intanto, Berlusconi scommette sulla vittoria di Stefano Parisi come primo passo per la sconfitta della sinistra anche al referendum costituzionale. “Se io avessi fatto un decimo di quanto fa Renzi sarebbe venuta la rivoluzione”, lamenta tornando a denunciare il “regime”. Se a ottobre vincesse il ‘no’, si è a più riprese detto convinto Berlusconi, si aprirebbe la strada di un governo di unità nazionale.

Ma Stefano Fassina, candidato di SI, bolla l’ipotesi come “fantapolitica”. Sul referendum si abbassano per un giorno i toni nel Pd. Anche perché Renzi, pur rivendicando la “rottamazione” di chi prima di lui ha portato alla “palude”, assicura che il Pd “non butta fuori chi dissente”.

Proprio un tentativo di mettere alla porta la sinistra del partito è stato denunciato da Gianni Cuperlo: a questo si arriverà se non “c’è ascolto e dialogo”. Ma sia il vicesegretario Lorenzo Guerini, che rassicura sul punto dolente della legge elettorale per il Senato, sia il presidente Matteo Orfini, secondo il quale nessuno deve andarsene, provano a svelenire i toni: “Basta litigare, siamo in campagna elettorale”, dice Orfini.

E la minoranza, replica Roberto Speranza, è in prima linea: “I nodi politici ci sono, sono tanti e sono molto seri, ma ne discuteremo soltanto dopo”.

(di Serenella Mattera)

Ultima ora

16:48Francia: primarie gauche,solo 400.000 a urne a metà giornata

(ANSA) - PARIGI, 22 GEN - Confermati a metà giornata i timori di bassa affluenza alle urne nelle primarie della sinistra: soltanto 400.000 elettori si sono recati alle urne, hanno annunciato i due responsabili della consultazione, premettendo che i calcoli sono stati fatti "sul 63% dei seggi" e notando che "fa un freddo più che polare". Lo scorso novembre, nelle primarie della destra, alla stessa ora avevano votato in 1,1 milioni. E nel 2011, alle precedenti primarie della gauche, a recarsi alle urne erano stati 745.000 elettori a metà giornata. (ANSA).

16:47Terremoto: Grandi rischi, diga su faglia riattivata

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Nella zona di Campotosto c'è il secondo bacino più grande d'Europa con tre dighe, una delle quali su una faglia che si è parzialmente riattivata e ci possono essere movimenti importanti di suolo che cascano nel lago, per dirla semplice è 'l'effetto Vajont'". Lo ha detto al Tg3 Sergio Bertolucci, presidente della Commissione Grandi Rischi, aggiungendo che "se si avverte un aumento del rischio, bisogna immediatamente renderlo trasparente alle autorità e alla popolazione".

16:32Calcio: Ausilio stoppa voci Messi, “Basta illudere tifosi”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Moratti ha detto che Suning sta preparando un grande colpo? Trovare giocatori migliori di quelli che abbiamo non è facile, ma faremo il possibile per costruire un'Inter sempre più competitiva": così il ds dell'Inter, Piero Ausilio che però a 'Premium' stoppa ogni indiscrezione relativa a Leo Messi: "Non parlerei di lui, sarebbe un continuo illudere i tifosi: è vero che la proprietà è solida e ha grandi possibilità e ambizioni, ma ci sono dei parametri imposti dalla Uefa cui dobbiamo sempre tenere conto. Altri arrivi a fine gennaio? Noi pensiamo di avere una squadra a posto: sappiamo dove bisogna migliorare, ma non è possibile farlo nel mercato di gennaio. Quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto con Gagliardini. Quindi in entrata nessuna sorpresa, mentre faremo qualcosa in uscita". (ANSA)

16:30Israele: Rivlin invita Trump a Gerusalemme

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha invitato ufficialmente Donald Trump in Israele e a Gerusalemme. In una lettera inviata al neo capo della Casa Bianca, Rivlin si è congratulato a nome degli israeliani con Trump sottolineando che "l'alleanza tra Israele e Usa non è solo basata sull'amicizia, ma è anche incardinata in valori comuni e un lungo attaccamento alla libertà e alla democrazia: pietre fondanti delle nostre due società".

16:28Calcio: Allegri “Juventus ha vinto con rabbia e qualità”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "C'è stata responsabilità da parte di tutti, ma oltre alla fame e alla rabbia, la squadra ha anche giocato bene tecnicamente". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri dopo il 2-0 sulla Lazio. "Fame e qualità sono entrambe componenti fondamentali per vincere - spiega il tecnico a Premium - specialmente in Champions dove vogliamo fare bene. Il modulo? Mercoledì mattina mi sono svegliato e ho deciso di cambiare. Ho scelto così perché venivamo da una partita non bella a Firenze e oggi c'era la partita giusta per un esperimento del genere. Abbiamo regalato qualche ripartenza alla Lazio e da questo punto di vista bisogna migliorare: se vogliamo fare il salto per vincere il campionato e provarci in Champions, dovremo essere un pochino più spregiudicati. Le critiche nei miei confronti? Non sono mai esagerate, a volte sono giuste e a volte no. Ogni annata, nel calcio, è una storia a sé: non è che prendi i giocatori, li butti dentro e va tutto bene. Ci vuole tempo per assorbire i cambi".

16:25Rigopiano: 24 dispersi,anche senegalese

(ANSA) - PESCARA, 22 GEN - Sale a 24 il numero dei dispersi della tragedia dell'Hotel Rigopiano. All'interno della struttura c'era anche un immigrato senegalese Faye Dame in possesso di un permesso di soggiorno ed era regolarmente assunto. Lo hanno appurato gli investigatori, che confermano anche come l'immigrato fosse nella struttura al momento della tragedia: la sua presenza é stata confermata anche dal direttore dell'hotel Bruno Di Tommaso agli inquirenti.

16:21Pd: Emiliano, se apre Congresso possibile che mi candidi

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Se qualcuno si prende la briga di aprire il Congresso è possibile che mi candido. Di certo non starò a guardare". Lo afferma il governatore della Puglia Michele Emiliano, ospite di 'Faccia a Faccia', in onda questa sera su La7. Emiliano spiega, inoltre, come anche da segretario del partito terminerebbe il suo mandato da governatore. Cosa ho imparato da segretario regionale? "Che da solo non si va da nessuno parte, mi auguro che questo sia compreso da tutto il Pd".

Archivio Ultima ora