Si accende la campagna elettorale per i Comuni

Pubblicato il 30 maggio 2016 da redazione

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi a Trieste per la firma di un protocollo d'intesa tra Presidenza del Consiglio dei ministri, Ministero dei Beni culturali, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune e Autorità portuale per la valorizzazione delle aree già facenti parte del compendio del Porto Vecchio di Trieste, Trieste, 28 maggio 2016. ANSA/TIBERIO BARCHIELLI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi a Trieste per la firma di un protocollo d’intesa tra Presidenza del Consiglio dei ministri, Ministero dei Beni culturali, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune e Autorità portuale per la valorizzazione delle aree già facenti parte del compendio del Porto Vecchio di Trieste, Trieste, 28 maggio 2016. ANSA/TIBERIO BARCHIELLI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

ROMA. – Con un duro attacco alla sinistra che “gode a perdere” e ai pentastellati che sono eterodiretti da “mail anonime”, Matteo Renzi surriscalda l’ultima settimana di campagna elettorale. Il premier è a Torino e poi Varese, domani sarà a Milano, mercoledì Roma, venerdì Bologna, Rimini e Ravenna. Perché, ricorda il “veterano” Piero Fassino, “il 20% degli elettori decide se e come votare in questa settimana”. Sembrano perciò abbassarsi – anche se l’atmosfera è tesissima – anche i toni dello scontro interno al Pd sul referendum costituzionale.

Perché domenica si vota e intanto gli avversari non stanno a guardare. E se Silvio Berlusconi suona la carica da Milano per provare a far vincere Stefano Parisi, il M5S incalza a Roma. Renzi non si stanca di insistere “sull’incredibile valore che avrà il referendum di ottobre, anche per la credibilità del Paese all’estero”. Ma a sei giorni dal voto, il premier scende sul ring delle comunali.

E al fianco di Fassino lancia la volata finale. “Gli juventini vadano dai granata, i granata vadano dagli juventini”, è la provocazione che lancia ai Dem torinesi, perché non si risparmino nella “propaganda”. “Fuori da noi c’è l’elenco delle sfighe. Gli altri cercano di gufare perché l’Italia non ce la faccia. Noi la stiamo portando fuori dalla palude, gli altri sperano nell’autodistruzione del Paese”, è l’invito di Renzi.

Ma le opposizioni replicano attaccando sul bonus degli 80 euro: oltre un milione di italiani, denunciano Fi, Fdi e Sel, hanno dovuto restituirlo. Ma il governo precisa che il numero è più limitato e la restituzione riguarda solo chi, a conti fatti, ha superato il reddito previsto per aver diritto al bonus.

Intanto da Torino il premier attacca a muso duro la sinistra extra-dem che, con la candidatura di Airaudo, ostacola la vittoria di Fassino al primo turno: “Se i compagni Airaudo e Landini avessero avuto ragione oggi la Fiat Chrysler non sarebbe più a Torino. Abbiamo avuto ragione noi a rifiutare la cultura del no. C’è una parte della sinistra che gode nel perdere e lamentarsi e una sinistra che invece prova a vincere”.

L’altro fronte di attacco è al M5s, che conduce nei sondaggi a Roma. Il Pd incalza sull’annuncio degli assessori (uno “a termine”) anticipato da Luigi Di Maio e ufficializzato da Virginia Raggi. “Mandano mail anonime a dirti ciò che devi fare e ciò che non devi, a indicare gli assessori. Più che pentastellati sembrano un pentapartito”, ha buon gioco ad attaccare Renzi, negli stessi minuti in cui da Parma il sindaco M5s Federico Pizzarotti, sospeso dal Movimento, denuncia il “limbo insopportabile” e “paradossale” in cui è tenuto.

Ma Alessandro Di Battista rivendica la ‘diversità’ grillina dal ‘sistema’ che “butta fango ogni giorno”. Il deputato sostiene che proprio “la violenza inaudita degli attacchi contro M5S dovrebbe convincere gli italiani a darci una possibilità”. E fa un esempio: “Se Grillo non viene a Piazza del Popolo il 3 dicono che ‘ha mollato Raggi’, se verrà diranno che è eterodiretta”.

Da Milano, intanto, Berlusconi scommette sulla vittoria di Stefano Parisi come primo passo per la sconfitta della sinistra anche al referendum costituzionale. “Se io avessi fatto un decimo di quanto fa Renzi sarebbe venuta la rivoluzione”, lamenta tornando a denunciare il “regime”. Se a ottobre vincesse il ‘no’, si è a più riprese detto convinto Berlusconi, si aprirebbe la strada di un governo di unità nazionale.

Ma Stefano Fassina, candidato di SI, bolla l’ipotesi come “fantapolitica”. Sul referendum si abbassano per un giorno i toni nel Pd. Anche perché Renzi, pur rivendicando la “rottamazione” di chi prima di lui ha portato alla “palude”, assicura che il Pd “non butta fuori chi dissente”.

Proprio un tentativo di mettere alla porta la sinistra del partito è stato denunciato da Gianni Cuperlo: a questo si arriverà se non “c’è ascolto e dialogo”. Ma sia il vicesegretario Lorenzo Guerini, che rassicura sul punto dolente della legge elettorale per il Senato, sia il presidente Matteo Orfini, secondo il quale nessuno deve andarsene, provano a svelenire i toni: “Basta litigare, siamo in campagna elettorale”, dice Orfini.

E la minoranza, replica Roberto Speranza, è in prima linea: “I nodi politici ci sono, sono tanti e sono molto seri, ma ne discuteremo soltanto dopo”.

(di Serenella Mattera)

Ultima ora

15:53Calcio: Prandelli ancora un flop, via anche dall’Al Nasr

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - E' finita con un divorzio consensuale l'esperienza di Cesare Prandelli al club calcistico di Dubai Al Nasr, dove era giunto lo scorso maggio. L'annuncio è stato dato dalla stessa società all'indomani dell'eliminazione della squadra negli ottavi di finale della Presidents Cup ad opera del Dibba Al Fujairah. La panchina è stata affidata al serbo Ivan Jovanovic, che torna al club emiratino dopo un'esperienza di tre anni tra il 2013 e il 2013. Prandelli, 60 anni, era reduce da esperienze non brillanti al Galatasaray, che lo ha esonerato dopo pochi mesi nell'autunno 2014, e al Valencia, che l'allenatore ha lasciato a fine dicembre 2016 dimettendosi dopo tre mesi di gestione.

15:47Adozione per figlio coppia aggressioni con acido

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - La Cassazione ha confermato l'adottabilità del bambino nato dalla relazione tra Martina Levato e Alexander Boettcher, i due giovani responsabili delle aggressioni all'acido messe a segno a Milano. La Suprema Corte ha respinto anche i ricorsi dei nonni del bambino che si proponevano come adottanti. Martina Levato nel ricorso in Cassazione aveva chiesto di dichiarare illegittima la sentenza con cui la Corte d'Appello di Milano, lo scorso marzo, ha confermato l'adottabilità del piccolo. Nel ricorso i legali scrivevano che a "nessun figlio minore", nemmeno nel caso di Annamaria Franzoni, "è stato riservato il trattamento (discriminatorio e privativo del diritto alla propria identità personale e familiare)" applicato al bimbo partorito nell'agosto 2015 da Martina Levato, l'ex studentessa bocconiana condannata a 20 anni per le aggressioni con l'acido. La difesa della Levato ha fatto sapere che ricorrerà alla Corte europea dei diritti dell'Uomo (Cedu).

15:31Maroni, Bongiorno? Io e Bossi combattevamo Andreotti

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - "Giulia Bongiorno dice: 'Questa Lega nazionale l'avrebbe approvata anche Andreotti'. È davvero cambiato il mondo: io e Bossi quelli come Andreotti li abbiamo sempre combattuti". Lo ha scritto Roberto Maroni commentando su Twitter le parole della neo-candidata della Lega, Giulia Bongiorno.

15:20Figc: Malagò, Club Italia a Buffon? Perchè no

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Buffon al Club Italia? Mettere un giocatore in quel ruolo sarebbe una cosa logica". Lo ha dichiarato il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commentando l'ipotesi di affidare il Club Italia a Buffon. "Gigi è una persona alla quale farei fare tutto - ha aggiunto il numero uno dello sport italiano parlando della sfida elettorale tra Sibilia, Tommasi e Gravina a margine di un convegno organizzato da Figc e Ussi all'Acqua Acetosa - ma bisogna capire cosa ha deciso di fare da grande. Il 29 gennaio ci saranno le elezioni della Figc: Buffon ha manifestato certe intenzioni per fine stagione, ma c'è anche la possibilità che continui a giocare, una cosa che mi augurerei da suo tifoso personale". "Al momento io osservo attentamente - ha concluso Malagò - sono uno spettatore molto interessato. Chi farà bottino pieno? Mi sembra un parolone, perché per fare bottino pieno servono numeri e consensi importanti, che tra l'altro sarebbero indispensabili in un momento come questo".

15:19C.destra: Udc-Nci, vicini a accordo con alleati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Siamo vicini all'accordo risolvendo positivamente i nodi tra Udc-Noi con l'Italia e gli altri membri della coalizione del centrodestra. Siamo in dirittura d'arrivo". Così in una nota congiunta il presidente Lorenzo Cesa e il capo della formazione politica Raffaele Fitto.

15:13Antagonista denunciò autista Salvini, giudice archivia

(ANSA) - BOLOGNA, 19 GEN - L'8 novembre 2014 l'autista di Matteo Salvini non poteva comportarsi diversamente, a tutela della sua incolumità e delle persone a bordo: quando partì con l'auto, agì per legittima difesa. E' un passaggio del giudice di pace Cristina Piazza che ha archiviato il fascicolo per lesioni nato dalla denuncia di Loris Narda, antagonista del collettivo Hobo che quel giorno contestò il leader della Lega, salendo sul cofano della vettura, all'ingresso di un campo nomadi alla periferia di Bologna. Per l'assalto alla macchina, a cui fu spaccato il lunotto, Narda e altri furono denunciati. Il giudice, accogliendo la richiesta di archiviazione del pm Valter Giovannini, sottolinea che la ricostruzione dei fatti della Procura si è basata su elementi oggettivi, la visione dei filmati, "che non lasciano spazi a interpretazioni diverse". Quando partì "era in essere un'aggressione organizzata" e l'autista, quando si accorse dei manifestanti sull'auto, "non poteva conoscere quale epilogo potesse avere quell'aggressione". (ANSA).

15:07Gentiloni, ruolo cooperazione chiave anche contro terrorismo

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire un contesto migliore di futuro anche per quello che riguarda i disagi sociali, i rischi connessi al terrorismo, le cause profonde dei grandi flussi migratori". Lo ha affermato il presidente del Consiglio in occasione della terza riunione del Comitato Interministeriale per la Cooperazione allo Sviluppo (presenti tra gli altri i ministri Alfano, Galletti, Poletti) che si è tenuta oggi a Palazzo Chigi sottolineando la propria soddisfazione per i "risultati raggiunti dopo l'approvazione della legge del 2014 che ha ristrutturato il nostro sistema della cooperazione". "Non si può avere un ruolo di grande paese in politica estera e di grande player economico nella nostra regione se contemporaneamente non abbiamo la sinergia tra questo lavoro sulla cooperazione e la dimensione politica ed economica della nostra attività".

Archivio Ultima ora