USA 2016: California spaccata tra Hillary e Bernie, mentre Trump vola

Pubblicato il 30 maggio 2016 da redazione

Democratic U.S. presidential candidate and former U.S. Secretary of State Hillary Clinton arrives with her husband, former U.S. President Bill Clinton (rear), to speak to supporters during her five state primary night rally held in Philadelphia, Pennsylvania , U.S., April 26, 2016.  REUTERS/Charles Mostoller - RTX2BSX6

Democratic U.S. presidential candidate and former U.S. Secretary of State Hillary Clinton arrives with her husband, former U.S. President Bill Clinton (rear), to speak to supporters during her five state primary night rally held in Philadelphia, Pennsylvania , U.S., April 26, 2016. REUTERS/Charles Mostoller – RTX2BSX6

NEW YORK. – Una sfida all’ultimo voto per conquistare la California. Per Hillary Clinton vincere è essenziale per motivi di immagine, visto che quasi matematicamente arriverà allo spoglio con la nomination già in tasca. Per Bernie Sanders è indispendabile per continuare a portare avanti la sua agenda e costringere la probabile candidata democratica a piegarsi ad alcune richieste.

La California si presenta spaccata: i sondaggi indicano un lieve vantaggio di Clinton, ma Sanders non molla e appare ben posizionato per infliggere quella che sarebbe una imbarazzante sconfitta per l’ex segretario di stato.

Guarda con distacco alla battaglia democratica Donald Trump, già concentrato sul voto di novembre, quello per la Casa Bianca. Difende la gestione della sua campagna e del suo staff dagli attacchi della stampa “bugiarda” puntando alla convention che lo incoronerà al voto finale. La strada non è facile: dopo aver spinto milioni di nuovi elettori a votare, per Trump la via che porta alla Casa Bianca presenta molti ostacoli.

Dal 1992 sono ben 18 gli Stati americani che hanno in modo coerente sempre appoggiato il candidato democratico, offrendogli una solida base di 242 voti elettorali (su 538) da cui partire per la scalata finale. A questo si aggiungono le difficoltà personali di Trump in alcune aree del paese, in Stati decisivi come la Florida, l’Ohio, La Pennsylvania, ma anche Virginia e North Carolina, oltre all’Arizona.

Con in tasca la nomination, il tycoon ha la possibilità di corteggiare gli elettori già in vista di novembre, e questo gli concede un vantaggio sulla probabile candidata Hillary, soprattutto considerando che si tratta di due personaggi non molti amati da molti elettori americani.

Trump lo ha fatto nelle ultime ore incontrando i motociclisti del Thunder Rolling e rivolgendosi direttamente ai veterani, categoria sulla quale in passato aveva ironizzato.

Una fascia della popolazione però importante da conquistare, come dimostra l’intenzione di Trump di rafforzare il proprio impegno finanziario, con un assegno di un milione di dollari, a un fondo per veterani.

Anche per Trump la California è una tappa importante, per testare la propensione ad appoggiarlo in novembre dello Stato più popoloso d’America.

L’ex governatore Arnold Schwarzenegger non si sbilancia: dopo aver appoggiato John Kasich, Schwarzenegger si mostra cauto e ammette di non avere ancora deciso se sosterrà Trump.

Ultima ora

18:32Terremoto: Ceriscioli, finora 1,23 mld euro per le Marche

(ANSA) - PIEVE TORINA (MARCHE), 18 GEN - Ammonta a "un miliardo e 231 milioni di euro" l'importo dei finanziamenti stanziati per le opere pubbliche nelle Marche dopo il terremoto. Lo ha ricordato il presidente della Regione Luca Ceriscioli dopo il comitato per la ricostruzione presieduto oggi a Pieve Torina dal commissario Paola De Micheli con i rappresentanti di Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio che ha dato via libera con l'ordinanza n.49 a un piano di opere pubbliche da 1,035 miliardi di euro. Sono "investimenti importanti - ha sottolineato Ceriscioli -. Significa aver coperto 860 opere nel complesso. Tutte finanziate le 120 scuole e le strutture sanitarie. E anche i municipi, tolti quelli nelle zone rosse, oltre alle case popolari molto importanti in termini di restituzione al territorio. Insomma significa molto per la comunità, per le persone - ha aggiunto - sapere di avere a disposizione le risorse che permetteranno di ripartire". "L'ordinanza - ha spiegato - ci ha permesso di legare ai Comuni, alle Province e a tanti altri soggetti, le attività di ricostruzione pubblica: si moltiplicano le persone che possono portare avanti questo processo di ricostruzione". "Dunque - ha concluso Ceriscioli - da un lato regole più snelle e, dall'altro, tante risorse per la ricostruzione".

18:28129 mln turisti cinesi nel mondo, 1,5 mln in Italia

(ANSA) - VENEZIA, 18 GEN - Sono stati 129 milioni i turisti cinesi nel mondo nel 2017 per un valore che ha superato i 110 miliardi di dollari. La richiesta di viaggi in Europa è elevata: 12 milioni di viaggiatori nel 2016 di cui quasi un milione e mezzo in Italia. I dati sono stati presentati da Dai Bin, presidente di China Tourism Association, per l'apertura dell'Anno del turismo Europa-Cina. Per fare un confronto, in Nord America sono stati registrati 3,1 milioni di viaggi. Il paese europeo che i cinesi preferiscono è la Francia, anche se, considerando la sicurezza personale come uno dei requisiti più importanti richiesti da questo tipo di viaggiatore, negli ultimi tempi i viaggiatori cinesi hanno preferito destinazioni come l'Italia. Nella prima metà del 2017 la spesa media in Europa è stata di 1485 euro pro capite. I viaggiatori individuali hanno speso in media 1607 euro, i singoli in viaggi di gruppo 1303 euro. Il 63% del totale dei turisti cinesi sono donne e la maggior parte ha più di 50 anni.

18:24Anziana morta in ospedale Catanzaro, indagati 19 medici

(ANSA) - CATANZARO, 18 GEN - Diciannove medici in servizio nell'ospedale civile Pugliese di Catanzaro sono stati iscritti nel registro degli indagati nell'ambito di un'inchiesta avviata dalla Procura della Repubblica del capoluogo sulla morte di una donna di 84 anni deceduta dopo essere stata sottoposta a un intervento di ortopedia nel nosocomio del capoluogo calabrese. L'inchiesta é stata avviata sulla base di una denuncia presentata dai parenti dell'anziana. La Procura ha anche disposto il sequestro della cartella clinica della paziente deceduta. I medici indagati sono quelli che hanno avuto in cura la paziente durante il suo ricovero nel nosocomio cittadino. La donna, residente a Girifalco, era stata ricoverata in Ortopedia per essere sottoposta a un intervento al femore. Alcune ore dopo l'operazione le condizioni della paziente si sono aggravate, tanto da rendere necessario il suo trasferimento nel reparto di Rianimazione, dove è deceduta. La Procura ha anche disposto l'autopsia sul corpo dell'anziana. (ANSA).

18:22Rigopiano: Borrelli, vicinanza e cordoglio famiglie vittime

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - "Cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime di Rigopiano" è stato espresso anche dal Capo dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli che ha partecipato al comitato per la ricostruzione a Pieve Torina (Macerata) presieduto dal commissario Paola De Micheli. "L'anno scorso in queste ore c'era un particolare impegno per il sistema di protezione civile - ha ricordato -, avevamo 31 mila persone assistite e l'evento di Rigopiano. Ringrazio tutti i volontari e le volontarie che si sono prodigati per alleviare le sofferenze della gente". Le aree vennero "colpite da un duplice evento - ha aggiunto -: da un lato le eccezionali nevicate su cui si sono innestate le scosse telluriche, quattro di magnitudo superiori a 5 gradi della scala Richter, localizzate in Abruzzo, e a distanza di qualche ora l'evento di Rigopiano". Si è trattato - ha concluso Borrelli - di "un momento di particolare impegno che il sistema ha saputo fronteggiare efficacemente con tutte le forze che aveva in campo".

18:17Volantinaggio antifascista e evento Casapound a Genova

(ANSA) - GENOVA, 18 GEN - Sarà un sabato ad alta tensione per il quartiere genovese della Foce dove l'assemblea antifascista ha convocato un presidio con volantinaggio in piazza Alimonda a partire dalle 16. Alla stessa ora, nell'attigua via Montevideo, Casapound ha organizzato nella sua sede un'iniziativa pubblica per la Festa del tesseramento che è stata comunicata alla Questura questa mattina. La concomitanza di questi due eventi a poche decine di metri di distanza e a una settimana dall'accoltellamento dell'antifascista da parte di un militanti usciti dalla sede di Casapound sta creando un certo allarme in Questura. Impossibile vietare a Casapound di tenere l'iniziativa in uno spazio privato, ma altrettanto inopportuno sarebbe anche vietare il volantinaggio antifascista che fra l'altro era stato annunciato prima che fosse nota l'iniziativa del partito di estrema destra. Gli appuntamenti quindi si terranno entrambi, tenuti separati da un dispositivo di ordine pubblico imponente. Molto probabile che vengano rispolverate le reti mobili utilizzate lo scorso anno per il convegno delle ultradestre a Sturla, ma i dettagli organizzativi e il numero di uomini impiegati saranno decisi nelle prossime ore. Al mattino intanto, l'attenzione sarà tutta su San Fruttuoso a causa della vicinanza tra il banchetto per la raccolta firme di Forza Nuova in piazza Martinez e quello di Potere al popolo in piazza Terralba. (ANSA).

18:16Pakistan: attaccato team anti-polio, uccise due operatrici

(ANSA) - ISLAMABAD, 18 GEN - Due operatrici di un team anti-polio, madre e figlia, sono morte oggi quando uomini armati non identificati a bordo di una motocicletta hanno aperto il fuoco contro di loro alla periferia di Quetta, capoluogo della provincia pachistana di Baluchistan. Lo ha riferito la tv DawnNews di Islamabad. Un portavoce della polizia ha precisato che il team stava lavorando nell'ambito di un piano di vaccinazione contro la polio che riguarda oltre 2,4 milioni di bambini. Gli operatori impegnati in questo tipo di campagne sono spesso presi di mira dai talebani che li considerano 'spie' del governo. Nessun gruppo tuttavia ha per il momento rivendicato l'attacco. Il Pakistan è uno dei pochi Paesi al mondo, insieme ad Afghanistan e Nigeria, che non sono ancora completamente liberi dalla poliomielite.

18:12Terremoto: Borrelli, 92% casette consegnate a fine febbraio

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - "Le casette o Sae (Soluzioni abitative di emergenza) ad oggi consegnate sono 2.286 su 3.662 ordinate alla data del 29 novembre 2017. Contiamo di arrivare a consegnarle più di 2.600 a fine gennaio e 3.385 a fine febbraio e questo vorrebbe dire aver soddisfatto il 92% della richiesta totale". Numeri forniti dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli nella conferenza stampa a Pieve Torina, al termine del Comitato istituzionale tra le 4 regioni colpite dal sisma del 2016, a cui ha preso parte anche la commissaria straordinaria alla ricostruzione, Paola De Micheli. Borrelli ha ricordato che "ad oggi sono 51.400 le persone ancora assistite dal sistema di Protezione civile, di questi oltre 41 mila (28 mila nella sola regione Marche) percepiscono il Cas (contributo di autonoma sistemazione)". Nelle casette vivono ora 4.000 cittadini, 5.362 persone sono ancora in alberghi e container collettivi. Gli allevatori che invece hanno optato per i moduli rurali (Mapre) sono ad oggi 760.

Archivio Ultima ora