Lippi: idee da dt, patto per limitare gli stranieri in campo

Pubblicato il 30 maggio 2016 da redazione

09  July 2006 : Lippi of Italy  during the Germany's 2006 World Cup, Final soccer match between Italy and France and Italy at the Olympiastadium, Berlin. © Salvatore Giglio / Grazianeri Ag

09 July 2006 : Lippi of Italy during the Germany’s 2006 World Cup, Final soccer match between Italy and France and Italy at the Olympiastadium, Berlin. © Salvatore Giglio / Grazianeri Ag

ROMA. – L’azzurro di Marcello Lippi non è mai sbiadito. Il ct campione del mondo a Berlino 10 anni orsono è tornato prepotentemente di moda per il dopo Conte, sia pure nel ruolo di direttore tecnico ancora da ufficializzare. L’allenatore viareggino, che ieri è intervenuto a Radio anch’io lo sport, in onda su RadioRai, ha parlato di nuove norme per la gestione del calcio italiano, sempre più invaso da giocatori stranieri, che tolgono spazio ad atleti che potrebbero rifornire le Nazionali azzurre.

Lippi ha già una propria ricetta per un futuro più solido e meno avaro di talenti italiani. Attualmente solo il 35 per cento dei calciatori è impiegabile nelle Nazionali, contro un 66 per cento del 2006, anno in cui Lippi sedeva sulla panchina azzurra.

“Invertire la tendenza è possibile, ma ci deve essere la volontà dei presidenti – le parole del tecnico toscano -. Dal punto di vista legale è impossibile, per la libera circolazione dei lavoratori, e i calciatori sono lavoratori dipendenti, quindi possono giocare dappertutto.

Basterebbe che si mettessero d’accordo i presidenti, decidendo che, d’ora in avanti, prendono al massimo cinque stranieri per squadra e gli altri sei in campo sarebbero italiani. Lo so che può apparire pura fantasia, ma è l’unica cosa possibile. Tutti dicono che ci sono troppi stranieri, per questo servirebbe un patto d’onore”.

Sulla sua sempre più probabile nomina di direttore tecnico, Lippi non si sbilancia. “Non sono i giocatori o gli allenatori che annunciano gli ingaggi. Sono scelte che spettano a club e federazioni”, le sue parole.

“Ho sempre detto – spiega – che mi piacerebbe continuare nel calcio, ma non più per allenare”. Dieci dopo l’impresa in Germania, Lippi confessa di pensare “spesso a quel Mondiale. Sono in contatto con i giocatori che hanno partecipato a quella vittoria, tanti sono ancora protagonisti. Penso a Buffon, Barzagli, Totti, che è riuscito a convincere tutti per giocare ancora un anno. Sono giocatori immortali”.

Infine, Lippi parla della ‘sua’ ex squadra, la Juventus, che sembra intenzionata a tenersi Paul Pogba, per tentare l’assalto alla prossima Champions. “Se i dirigenti di una società nemmeno si siedono per trattare la vendita di un giocatore per 80 milioni, vuol dire che sono consapevoli della forza della squadra”, il parere di Lippi, che poi confessa di essere rammaricato “per non aver visto la Juventus l’altra sera in campo a Milano per la finale di Champions”.`

Ultima ora

08:16Sudafrica: morto Ahmed Kathrada, uno dei padri antiapartheid

(ANSA) - JOHANNESBURG, 28 MAR - E' morto questa mattina a Johannesburg Ahmed Kathrada, uno dei padri della lotta antiapartheid in Sudafrica e compagno di prigione di Nelson Mandela: Kathrada aveva 87 anni, 26 dei quali trascorsi in carcere, molti insieme a Mandela. La sua fondazione ha annunciato che il 'grande vecchio' del partito di Zuma, detto anche Kathy, e' morto dopo essere stato ricoverato in ospedale per un'embolia cerebrale all'inizio di questo mese. Nato il 21 agosto del 1929 nel nordovest del Sudafrica, Kathrada e' stato impegnato contro l'apartheid fin da giovane. Arrestato nel luglio del 1963 alla periferia di Johannesburg, fu condannato all'ergastolo l'anno successivo.

07:15Pakistan: treno merci contro autocisterna, due morti

ISLAMABAD - Almeno due persone sono morte ed altre 10 sono rimaste ferite ieri sera in Pakistan quando un'autocisterna per il trasporto di carburante si e' bloccata sui binari di un passaggio a livello incustodito nella provincia di Punjab poco prima che sopraggiungesse un treno merci. La tv DawnNews ha indicato che l'incidente e' avvenuto nel distretto di Sheikhupura ed ha coinvolto un convoglio partito da Lahore e diretto a Karachi.

05:30Giappone:bilancio valanga Tochigi sale a 9 morti e 40 feriti

TOKYO - Ammonta a 9 il bilancio finale delle vittime della valanga che si e' abbattuta nella prefettura di Tochigi, a circa 100 km a nord di Tokyo, nel corso di un evento di arrampicata in programma a inizio settimana. Le autorita' municipali hanno confermato la morte di 8 studenti di scuola superiore e un insegnante, oltre al ferimento di 40 persone. La polizia ha aperto un'indagine sui motivi per i quali la manifestazione era stata organizzata malgrado la forte nevicata, circa 30 centimetri di neve, caduta il giorno prima sul villaggio.

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

Archivio Ultima ora