Migranti: mentre l’Ue prepara una risposta, la Bulgaria completa il muro

Pubblicato il 31 maggio 2016 da redazione

Migranti: Ue prepara risposta, Bulgaria completa muro

Migranti: Ue prepara risposta, Bulgaria completa muro

BRUXELLES. – La rotta balcanica è (quasi) chiusa, quella del Mediterraneo verso l’Italia sta tornando ai livelli del 2015. E non sembrano bastare i 700 morti degli ultimi giorni per alzare ulteriormente l’allarme a Bruxelles.

Mentre da Vienna l’agenzia per i Diritti umani denuncia che la risposta alla crisi sta “mettendo a dura prova” la difesa dei diritti umani di cui la Ue si è sempre fatta paladina, la Commissione – a commento delle tragiche cifre del weekend – rivendica di aver presentato una strategia complessiva già più di un anno fa.

Intanto però gli sfollati da Idomeni sono stati trasferiti in strutture bocciate dall’assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e che il portavoce della Commissione deve definire “comunque migliori della vergogna” del pantano al confine con la Macedonia.

E la Bulgaria completa altri 35 chilometri della barriera di filo spinato che entro fine estate dovrebbe fisicamente blindare la frontiera con la Turchia.

La Commissione nel frattempo è al lavoro su due fronti. Da una parte l’esecutivo, che riconosce “progressi” da parte turca, ha inviato un team di esperti ad Ankara per lavorare sul dossier della riforma della legge anti-terrorismo che resta il principale ostacolo per dare il via libera alla liberalizzazione dei visti, che Erdogan vuole come contropartita per non far fallire l’accordo del 18 marzo.

Dall’altra Bruxelles è impegnata per mettere a punto il piano per affrontare alla radice le cause dell’immigrazione, basato anche sulle proposte del ‘migration compact’ presentato dall’Italia, che Timmermans e Mogherini presenteranno il 7 giugno da Strasburgo.

“Ogni morte è una morte di troppo” dice il portavoce della Commissione, assicurando che l’esecutivo “sta guardando con molta attenzione alla rotta del Mediterraneo”. Il problema è che il piano allo studio per gli “interventi su misura” per i paesi di origine e transito non ha una controparte come la Turchia, discutibile ma forte.

Per frenare il flusso, spiegano alti funzionari, da una parte è necessario continuare ad attaccare il modello di business dei trafficanti come si sta facendo con l’Operazione Sophia, dall’altra il “principale strumento” è appunto basato sul ‘migration compact’.

Il piano europeo sarà articolato su due fasi: a breve termine conterà su accordi, con fondi anticipati dalla Commissione, con una serie di paesi – tra cui Mali, Niger, Sudan ma anche Pakistan – per frenare le partenze e favorire il rientro dei migranti espulsi dai paesi europei.

Più complesso il progetto a lungo termine, per il quale si sta mettendo a punto un meccanismo che ‘miscela’ risorse dai fondi europei per la cooperazione e lo sviluppo e garanzie della Bei, con l’idea di attivare un effetto leva simile al ‘Piano Juncker’ per gli investimenti in Europa e permetta di attirare anche finanziamenti privati.

I soldi ‘veri’, tutto compreso, non dovrebbero però superare i 4,5 miliardi di euro. Ed è considerato “irrealistico” che l’effetto leva possa far lievitare il piano a quota 60 miliardi. Se il moltiplicatore del piano di investimenti europei è stato fissato a 15, “è impossibile” – dicono fonti europee – arrivare allo stesso livello per gli investimenti esterni alla Ue. Per ora da parte dei privati starebbe infatti emergendo qualche interesse solo per progetti in campo energetico.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora