Migranti: mentre l’Ue prepara una risposta, la Bulgaria completa il muro

Pubblicato il 31 maggio 2016 da redazione

Migranti: Ue prepara risposta, Bulgaria completa muro

Migranti: Ue prepara risposta, Bulgaria completa muro

BRUXELLES. – La rotta balcanica è (quasi) chiusa, quella del Mediterraneo verso l’Italia sta tornando ai livelli del 2015. E non sembrano bastare i 700 morti degli ultimi giorni per alzare ulteriormente l’allarme a Bruxelles.

Mentre da Vienna l’agenzia per i Diritti umani denuncia che la risposta alla crisi sta “mettendo a dura prova” la difesa dei diritti umani di cui la Ue si è sempre fatta paladina, la Commissione – a commento delle tragiche cifre del weekend – rivendica di aver presentato una strategia complessiva già più di un anno fa.

Intanto però gli sfollati da Idomeni sono stati trasferiti in strutture bocciate dall’assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e che il portavoce della Commissione deve definire “comunque migliori della vergogna” del pantano al confine con la Macedonia.

E la Bulgaria completa altri 35 chilometri della barriera di filo spinato che entro fine estate dovrebbe fisicamente blindare la frontiera con la Turchia.

La Commissione nel frattempo è al lavoro su due fronti. Da una parte l’esecutivo, che riconosce “progressi” da parte turca, ha inviato un team di esperti ad Ankara per lavorare sul dossier della riforma della legge anti-terrorismo che resta il principale ostacolo per dare il via libera alla liberalizzazione dei visti, che Erdogan vuole come contropartita per non far fallire l’accordo del 18 marzo.

Dall’altra Bruxelles è impegnata per mettere a punto il piano per affrontare alla radice le cause dell’immigrazione, basato anche sulle proposte del ‘migration compact’ presentato dall’Italia, che Timmermans e Mogherini presenteranno il 7 giugno da Strasburgo.

“Ogni morte è una morte di troppo” dice il portavoce della Commissione, assicurando che l’esecutivo “sta guardando con molta attenzione alla rotta del Mediterraneo”. Il problema è che il piano allo studio per gli “interventi su misura” per i paesi di origine e transito non ha una controparte come la Turchia, discutibile ma forte.

Per frenare il flusso, spiegano alti funzionari, da una parte è necessario continuare ad attaccare il modello di business dei trafficanti come si sta facendo con l’Operazione Sophia, dall’altra il “principale strumento” è appunto basato sul ‘migration compact’.

Il piano europeo sarà articolato su due fasi: a breve termine conterà su accordi, con fondi anticipati dalla Commissione, con una serie di paesi – tra cui Mali, Niger, Sudan ma anche Pakistan – per frenare le partenze e favorire il rientro dei migranti espulsi dai paesi europei.

Più complesso il progetto a lungo termine, per il quale si sta mettendo a punto un meccanismo che ‘miscela’ risorse dai fondi europei per la cooperazione e lo sviluppo e garanzie della Bei, con l’idea di attivare un effetto leva simile al ‘Piano Juncker’ per gli investimenti in Europa e permetta di attirare anche finanziamenti privati.

I soldi ‘veri’, tutto compreso, non dovrebbero però superare i 4,5 miliardi di euro. Ed è considerato “irrealistico” che l’effetto leva possa far lievitare il piano a quota 60 miliardi. Se il moltiplicatore del piano di investimenti europei è stato fissato a 15, “è impossibile” – dicono fonti europee – arrivare allo stesso livello per gli investimenti esterni alla Ue. Per ora da parte dei privati starebbe infatti emergendo qualche interesse solo per progetti in campo energetico.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

11:02Auto: a Vallelunga il nono Aci Racing Weekend

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Sarà un "Piero Taruffi" rinnovato quello che ospiterà il terzultimo ACI Racing Weekend 2017. Il circuito capitolino, dopo essersi rifatto il look con il nuovo asfalto e le modifiche al paddock, ospiterà quello che, di fatto, sarà un weekend fondamentale per i pretendenti al titolo di tutte le categorie in pista. A partire dal tricolore Gran Turismo, sempre più avvincente con 4 equipaggi racchiusi in una manciata di punti per il titolo assoluto, al TCR Italy con la sfida Scalvini - Baldan e l'esordio della lady romana Carlotta Fedeli oltre al ritorno di "Piedone" Giovanardi. Ma grande attesa anche per il tricolore Sport Prototipi, il MINI Challenge, la F.2 Italian Trophy e la Mitjet Italian Series dove farà il suo esordio il campione GP2 2012 Davide Valsecchi, ormai volto noto della Formula 1 su Sky. Una festa per l'autodromo romano che compie 65 anni con la presentazione di un libro che ne racconta la storia, venerdì sera. Ingresso gratuito scaricando il biglietto da acisport.it e vallelunga.it.

10:39Viabilità: chiuso traforo Gran San Bernardo

(ANSA) - AOSTA, 21 SET - Per un "problema di carattere tecnico" alle 8.50 è stato chiuso al traffico il traforo del Gran San Bernardo, che collega l'Italia alla Svizzera. "E' tutto al vaglio dei tecnici della società, stiamo conducendo delle valutazioni in merito. Al momento non sappiamo stimare i tempi per la riapertura", spiega un responsabile della Sistrasb, la Società italiana traforo del Gran San Bernardo. Il problema si è verificato "nella parte italiana" della galleria. La protezione civile della Valle d'Aosta ha applicato il piano per la viabilità che prevede il divieto di transito in salita per i mezzi pesanti. I veicoli leggeri possono invece percorrere il Colle del Gran Bernardo.(ANSA).

10:21Calcio: Allegri, ‘3 punti imparando a soffrire,ora il derby’

(ANSA) - TORINO, 21 SET - "Gli 1-0 servono perché oltre ai tre punti in classifica si impara a soffrire". Doppio risultato per Massimiliano Allegri, che vede la Juventus lottare per 90' per avere la meglio sulla Fiorentina, unendo alla buona prova di carattere anche il primo posto in classifica in compagnia del Napoli. "Bene così, ora sotto con il derby!" ha aggiunto l'allenatore bianconero nel consueto tweet che accompagna la fine delle partite della Juventus, impegnata sabato sera all'Allianz Stadium contro il Torino.

10:19Contrada: difensore, sentenza conferma ruolo di Corte Europa

(ANSA) - BOLOGNA, 21 SET - "Finalmente e senza mezzi termini: un pronuncia che conferma il ruolo protagonistico della Corte europea nell'ordinamento giuridico italiano, conferendo piena cogenza alle decisioni di Strasburgo". Il prof.Vittorio Manes, difensore di Bruno Contrada, commenta così la sentenza della Cassazione che ha dichiarato ineseguibile e improduttiva di effetti penali la condanna per l'ex numero 2 del Sisde. La sentenza, prosegue, è "molto coraggiosa e dai toni 'alti', decisamente consapevole della complessità dei problemi giuridici in gioco, che prende molto sul serio gli obblighi derivanti dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo". E "detta una parola decisiva in ordine ai doveri del giudice nazionale che - a prescindere dalla condivisione della decisione europea sul caso concreto - non può sottrarsi alle pronunce di condanna del giudice di Strasburgo, a cui deve dare piena esecuzione, eliminando ogni effetto dell'eventuale sentenza di condanna 'domestica' ritenuta illegittima dalla corte Edu".(ANSA).

10:06‘Ndrangheta: arrestato in Olanda latitante Bonarrigo

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 21 SET - E' stato arrestato ad Amsterdam Gioacchino Bonarrigo, 33 anni, di Cinquefrondi, latitante da luglio 2011 quando evase dai domiciliari. L'uomo, ritenuto elemento di spicco della cosca Bellocco di Rosarno e con ramificazioni in Italia e all'estero, è accusato di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di droga ed è stato arrestato dalla polizia olandese insieme ai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria. Destinatario di mandato di arresto europeo dal 2016, deve scontare anche 2 anni e 19 giorni di reclusione per armi e ricettazione. Dalla collaborazione tra i carabinieri del reparto operativo di Reggio e del Gruppo di Gioia Tauro e la polizia olandese, col raccordo del Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia, è emerso che il latitante, sotto false generalità, si muoveva in vari paesi europei, tra cui l'Olanda. E' stato quindi individuato in un quartiere del centro di Amsterdam e bloccato. (ANSA).

09:42Crolla solaio nella notte, quattro feriti a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 21 SET - Quattro persone - i genitori e i due figli - sono rimaste ferite, una delle quali in modo grave, a seguito di un crollo avvenuto in uno stabile di tre piani di via D'Alò Alfieri, a Taranto. Secondo le prime informazioni, pare che a cedere sia stato prima il solaio del terzo e ultimo piano (disabitato) che ha fatto poi cadere il pavimento con le macerie finite nella camera da letto del secondo piano. Una bambina sarebbe stata trasportata in codice rosso all'ospedale "Santissima Annunziata", ma non correrebbe pericolo di vita. Feriti in maniera non grave il genitori e il fratello sedicenne della piccola. Sul posto vigili del fuoco, 118, Polizia e carabinieri. L'edificio è stato sgomberato e messo in sicurezza.

09:38Morta la quindicenne ferita da ex compagno della madre

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA) - E' morta stamani la ragazza di 15 anni che ieri era stata ferita al volto da un colpo di pistola sparato dall'ex compagno della mamma, Antonio Di Paola, di 37 anni, che, dopo una fuga nelle campagne, si è ucciso con la stessa arma, una calibro 22. Nicolina Pacini stava andando a scuola quando è stata avvicinata da Di Paola, che le avrebbe chiesto della mamma, Donatella Rago, di 37 anni, fino ad un mese fa la sua compagna. Al rifiuto della ragazzina, l'uomo ha sparato colpendola al viso. Donatella Rago ha saputo della tragedia nella località della Toscana dove lavora e dove, pare, avesse cominciato una nuova relazione. Antonio Di Paola non si dava pace e voleva in tutti i modi ritornare con la donna che di recente lo aveva denunciato due volte per minacce, l'ultima un paio di settimane fa. Nicolina Pacini, per le condizioni di disagio famigliare, viveva con i nonni ai quali era stata affidata dai servizi sociali insieme con il fratello.

Archivio Ultima ora