Usa2016: in pista partito Libertari. Trump attacca i media

Pubblicato il 31 maggio 2016 da redazione

Donald Trump, Gary Johnson, y Hillary Clinton.

Donald Trump, Gary Johnson, y Hillary Clinton.

WASHINGTON. – Donald Trump va alla guerra dei reduci sbandierando i quasi 6 milioni di dollari raccolti a loro favore e attaccando in modo virulento la stampa per averlo criticato anche su questo fronte, mettendo in dubbio l’entità della somma. “La stampa dovrebbe vergognarsi di se stessa, voi mi fate apparire molto negativamente, non ho mai ricevuto una così cattiva pubblicità per il mio buon lavoro”, ha accusato il candidato presidenziale repubblicano, definendo la stampa “disonesta” e un reporter di Abc “abietto”.

“E Hillary, quanto ha dato ai reduci? niente!”, ha incalzato il tycoon mentre la sua rivale democratica, che ha incassato il prezioso endorsement del governatore della California, sta lanciando una campagna per denunciare le dichiarazioni denigratorie sugli ex combattenti fatte in passato dal magnate.

Ma i due, che nei sondaggi nazionali appaiono quasi testa a testa (47% a 45% per l’ex first lady nell’ultima rilevazione Nbc news), ora dovranno vedersela con un altro nemico, il terzo incomodo, dopo che era svanito lo spauracchio dell’ex sindaco di New York Michael Bloomberg: nel weekend infatti ha deciso di scendere in campo per la Casa Bianca anche il partito libertario, offrendo una alternativa sullo sfondo dell’ impopolarità di entrambi i candidati.

Il ticket è stato votato in una convention a Orlando. Si tratta di Gary Johnson e di William Weld, entrambi ex governatori repubblicani, il primo del New Mexico e il secondo del Massachusetts. Johnson era già stato il candidato presidenziale del partito libertario nel 2012 ottenendo oltre un milione di voti, pari all’1%, ma in due differenti e recenti sondaggi nazionali è dato al 10%-11%.

Alcuni analisti, scrive il Nyt, ritengono che potrebbe strappare uno stato, cosa che nessun terzo partito è riuscito a fare dopo George Wallace nel 1968, o ottenere abbastanza voti per influenzare le elezioni, come fecero Ross Perot e Ralph Nader (che determinò la sconfitta del democratico Al Gore nel 2000).

Secondo Kyle Kondik, del Centro per la politica dell’Università della Virginia, il ticket potrebbe catturare molti voti nei rispettivi ‘home state’ ma anche in Alaska, Arizona, Colorado e Nevada, che hanno dimostrato la propensione a votare candidati non convenzionali.

Il partito è il terzo più grande per numero di elettori registrati (411 mila) e punta a competere in tutti i 50 Stati, intercettando gli scontenti dei due schieramenti. Secondo un fresco sondaggio targato Nbc/Wsj, il 47% degli elettori registrati sarebbe pronto a considerare il candidato di un terzo partito se i duellanti fossero Trump e Hillary.

E quello libertario è un mix di destra e sinistra, molto liberale sulle questioni sociali e molto conservatore sul piano fiscale: contro la guerra, contro la spesa pubblica, contro le tasse, ma a favore della liberalizzazione della marijuana e dei grandi accordi commerciali.

Insomma, una mina elettorale vagante, che potrebbe togliere voti decisivi a Hillary e a Trump se la sfida finale si giocherà sul filo di lana, in una decina di Stati in bilico. Dei due rivali quello che forse ha più da temere è il tycoon, perché i libertari continuano ad essere percepiti come repubblicani ‘lite’ o “old white guys’ e il ticket votato propone due ex governatori repubblicani, con Weld che ha paragonato le politiche del magnate sull’immigrazione a quelle di Hitler.

In ogni caso potrebbe essere il banco di prova se può iniziare “l’era del terzo partito”, in un momento in cui circa il 40% degli elettori – secondo un sondaggio Ap-Norc center – afferma di non avere fiducia nel complicato e variegato processo delle primarie per selezionare i ‘nominèe’.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

16:59Riciclaggio: chiesto processo per Fini e Tulliani

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Chiesto il rinvio a giudizio per l'ex presidente della Camera, Gianfranco Fini, accusato dai pm di Roma di riciclaggio. Oltre all'ex leader di An, il pm Barbara Sargenti, ha chiesto il processo per la sua compagna Elisabetta Tulliani, per il padre e il fratello di quest'ultima, Sergio e Giancarlo e per il "Re delle slot" Francesco Corallo. L'inchiesta condotta dal pm Barbara Sargenti della Dda capitolina, che coinvolge anche l'ex parlamentare Amedeo Labocetta e altre 4 persone, ha riguardato anche la vicenda della compravendita dell'appartamento a Montecarlo, lasciato in eredità dalla contessa Annamaria Colleoni ad An. L'immobile sarebbe stato acquistato da Giancarlo Tulliani (attualmente libero su cauzione a Dubai) grazie ai soldi di Corallo attraverso due società (Printemps e Timara) costituite ad hoc. Il coinvolgimento di Fini nell'inchiesta è legato proprio al suo rapporto con Corallo. Un rapporto, per la procura, che sarebbe alla base del patrimonio dei Tulliani.

16:34Valanghe: verso massimo grado di pericolo in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 22 GEN - Nel nordovest dell'Alto Adige nelle prossime ore sarà proclamato il massimo livello di pericolo valanghe (5 di 5) e la Protezione civile sarà messa in preallarme ("Bravo"). Lo comunica il meteorologo provinciale Dieter Peterlin. "Lungo la cresta di confine a 2.000 metri di quota registriamo oltre due metri di neve", informa Peterlin. In alcune zone della provincia, soprattutto in alta val Venosta, nessuno si ricorda tanta neve: a Roia di Fuori, per esempio, attualmente si segnalano 190 centimetri di neve, battendo di misura il record storico di 170 centimetri del 1981. La val Venosta è generalmente una delle zone più aride delle Alpi perché incastonata tra montagne che superano i 3.000 metri di altitudine, che formano una barriera naturale per le nuvole. Questo inverno invece è una della zone più ricche di neve.

16:29Diritti tv: presentate 5 buste

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Sono 5 le buste presentate per i diritti tv della Lega Serie A. Alcune contengono più di un'offerta, secondo fonti vicine al dossier. Sky ha presentato offerta per il pacchetto A (gare di 8 squadre fra cui le big per il satellitare), per il C (stesso contenuto per Internet) e per D1 e D2 (le partite delle altre 12 squadre, Roma inclusa, oltre che per i diritti accessori di A e D1-D2. Mediaset e Italia Way hanno offerto per il B (stesso contenuto di A per il digitale terrestre) e secondo quanto risulta anche Tim e Perform hanno avanzato offerte per il C.

15:51Calcio: Roma-Chelsea, Dzeko prende tempo

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Ore decisive per la trattativa in corso fra Roma e Chelsea. Secondo quanto riferisce SkySports, è tutto fatto per il passaggio di Emerson Palmieri ai Blues, mentre Edin Dzeko avrebbe delle perplessità in merito ai propri emolumenti e il Chelsea si starebbe chiedendo, sempre secondo la stessa fonte, se vale la pena pagare così tanto (per cartellino e stipendio) un calciatore di 31 anni. Così ora i londinesi starebbero prendendo in seria considerazione la candidatura alternativa dell'ex interista Marko Arnautovic, attualmente in forza al West Ham.

15:45Recuperati quadri di Luzzati trafugati a Sesto S.Giovanni

(ANSA) - CREMONA, 22 GEN - Un operaio di 65 anni di Trescore Cremasco (Cremona) è stato denunciato per furto dai carabinieri che hanno rinvenuto nella sua abitazione due quadri di Emanuele Luzzati trafugati lo scorso dicembre dall'Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. L'uomo si era recato nel centro medico per una visita. In quei giorni era in ospedale una retrospettiva di Luzzati. Benché la sala fosse sorvegliata, erano stati asportati due quadri. Dalla visione delle immagini della videosorveglianza dell'ospedale, i carabinieri hanno visto una persona uscire con fare sospetto occultando qualcosa di voluminoso sotto gli abiti. Le immagini sono state sottoposte al vaglio del personale del centro medico che ha riconosciuto la persona che si era sottoposta ad accertamenti sanitari proprio all'Ospedale Multimedica. I carabinieri hanno perquisito la sua casa e lì hanno trovato le due opere: 'La Rosaura' e 'La Rosaura vedova scaltra' di Luzzati, nato a Genova nel 1921 e morto nel 2007.(ANSA).

15:40Calcio: iniziato consiglio Aic, al centro elezioni Figc

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - E' iniziato, con un'ora e mezza di ritardo rispetto all'orario previsto, il Direttivo dell'Associazione italiana calciatori, in cui si discuterà della posizione dell'Aic alle prossime elezioni federali, previste per il 29 gennaio. Prima dell'inizio del Consiglio, il presidente Damiano Tommasi ha incontrato anche il presidente dell'Assoallenatori, Renzo Ulivieri: un faccia a faccia incentrato proprio sulle candidature alla Figc.

15:38Calcio: la Juventus sbarca su Netflix

(ANSA) - TORINO, 22 GEN - La Juventus sbarca su Netflix. La piattaforma dell'intrattenimento online offre dal 16 febbraio ai suoi iscritti, oltre cento milioni in 190 Paesi, 'Prima squadra: Juventus Fc', la docu-serie originale dedicata ai campioni d'Italia. Per realizzarla ci sono voluti quattro mesi di riprese, fianco a fianco ai campioni bianconeri. I primi tre episodi della serie - la seconda parte sarà disponibile in estate - permetteranno di accedere al dietro le quinte del club. Un racconto "avvincente e serrato di questa stagione - si legge sul sito del club bianconero - che si snoda tra le storie dei protagonisti e cattura dentro e fuori dal campo le vere esperienze di vita che rendono la Juventus non solo una squadra vincente, ma anche delle più affascinanti al mondo".

Archivio Ultima ora