Usa2016: in pista partito Libertari. Trump attacca i media

Pubblicato il 31 maggio 2016 da redazione

Donald Trump, Gary Johnson, y Hillary Clinton.

Donald Trump, Gary Johnson, y Hillary Clinton.

WASHINGTON. – Donald Trump va alla guerra dei reduci sbandierando i quasi 6 milioni di dollari raccolti a loro favore e attaccando in modo virulento la stampa per averlo criticato anche su questo fronte, mettendo in dubbio l’entità della somma. “La stampa dovrebbe vergognarsi di se stessa, voi mi fate apparire molto negativamente, non ho mai ricevuto una così cattiva pubblicità per il mio buon lavoro”, ha accusato il candidato presidenziale repubblicano, definendo la stampa “disonesta” e un reporter di Abc “abietto”.

“E Hillary, quanto ha dato ai reduci? niente!”, ha incalzato il tycoon mentre la sua rivale democratica, che ha incassato il prezioso endorsement del governatore della California, sta lanciando una campagna per denunciare le dichiarazioni denigratorie sugli ex combattenti fatte in passato dal magnate.

Ma i due, che nei sondaggi nazionali appaiono quasi testa a testa (47% a 45% per l’ex first lady nell’ultima rilevazione Nbc news), ora dovranno vedersela con un altro nemico, il terzo incomodo, dopo che era svanito lo spauracchio dell’ex sindaco di New York Michael Bloomberg: nel weekend infatti ha deciso di scendere in campo per la Casa Bianca anche il partito libertario, offrendo una alternativa sullo sfondo dell’ impopolarità di entrambi i candidati.

Il ticket è stato votato in una convention a Orlando. Si tratta di Gary Johnson e di William Weld, entrambi ex governatori repubblicani, il primo del New Mexico e il secondo del Massachusetts. Johnson era già stato il candidato presidenziale del partito libertario nel 2012 ottenendo oltre un milione di voti, pari all’1%, ma in due differenti e recenti sondaggi nazionali è dato al 10%-11%.

Alcuni analisti, scrive il Nyt, ritengono che potrebbe strappare uno stato, cosa che nessun terzo partito è riuscito a fare dopo George Wallace nel 1968, o ottenere abbastanza voti per influenzare le elezioni, come fecero Ross Perot e Ralph Nader (che determinò la sconfitta del democratico Al Gore nel 2000).

Secondo Kyle Kondik, del Centro per la politica dell’Università della Virginia, il ticket potrebbe catturare molti voti nei rispettivi ‘home state’ ma anche in Alaska, Arizona, Colorado e Nevada, che hanno dimostrato la propensione a votare candidati non convenzionali.

Il partito è il terzo più grande per numero di elettori registrati (411 mila) e punta a competere in tutti i 50 Stati, intercettando gli scontenti dei due schieramenti. Secondo un fresco sondaggio targato Nbc/Wsj, il 47% degli elettori registrati sarebbe pronto a considerare il candidato di un terzo partito se i duellanti fossero Trump e Hillary.

E quello libertario è un mix di destra e sinistra, molto liberale sulle questioni sociali e molto conservatore sul piano fiscale: contro la guerra, contro la spesa pubblica, contro le tasse, ma a favore della liberalizzazione della marijuana e dei grandi accordi commerciali.

Insomma, una mina elettorale vagante, che potrebbe togliere voti decisivi a Hillary e a Trump se la sfida finale si giocherà sul filo di lana, in una decina di Stati in bilico. Dei due rivali quello che forse ha più da temere è il tycoon, perché i libertari continuano ad essere percepiti come repubblicani ‘lite’ o “old white guys’ e il ticket votato propone due ex governatori repubblicani, con Weld che ha paragonato le politiche del magnate sull’immigrazione a quelle di Hitler.

In ogni caso potrebbe essere il banco di prova se può iniziare “l’era del terzo partito”, in un momento in cui circa il 40% degli elettori – secondo un sondaggio Ap-Norc center – afferma di non avere fiducia nel complicato e variegato processo delle primarie per selezionare i ‘nominèe’.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora