Almagro invoca la “Carta democrática”, Venezuela a un passo dall’isolamento

Pubblicato il 01 giugno 2016 da redazione

Almargo-Maduro

CARACAS – Il Venezuela ad un passo dall’isolamento internazionale. Il Segretario Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani (Osa), Luis Almagro, ha presentato il suo rapporto: 132 pagine in cui si denunciano violazioni della Costituzione da parte del governo del presidente Nicolás Maduro, “l’alterazione dell’ordine costituzionale e il grave deterioramente dell’ordine democratico”.

Almagro, quindi, ha invocato l’articolo 20 della “Carta Democrática” e “chiesto la convocazione di un Consiglio permanente degli Stati membri tra il 10 e il 20 giugno 2016”.

Nell’illustrare il contenuto del rapporto, Almagro, ex ministro del governo uruguaiano del presidente Josè “Pepe” Mujica, ha sostenuto che in Venezuela sono necessari “cambiamenti immediati nelle azioni del potere esecutivo, per evitare di cadere rapidamente in una situazione di illegittimità”.

Stando al documento presentato da Almagro, le “continue violazioni della Carta Magna” riguardano essenzialmente “l’equilibrio fra i poteri dello stato, il funzionamento e l’integrazione del Potere giudiziario, le violazioni dei diritti umani, il procedimento per il referendum abrogativo e una mancanza di capacità di risposta di fronte alla grave crisi umanitaria di cui soffre il paese, che compromette il pieno rispetto dei diritti sociali della popolazione”.

E’ in base a queste considerazioni – particolarmente sull’emergenza sanitaria, i problemi di rifornimento alimentare e il ruolo del Tribunale Supremo di Giustizia nella crisi istituzionale a Caracas – che Almagro ha convocato una riunione straordinaria del Comitato permanente dell’Osa, che dovrebbe realizzarsi fra il 10 e il 20 giugno. In questo Summit i membri dell’Osa dovrebbero decidere il destino del Paese.

L’Argentina, presidente “pro tempore” del Comitato Permanente dell’Osa, aveva giá richiesto una sessione straordinaria dell’organismo per fissare una posizione comune sul caso del Venezuela. L’iniziativa non è stata gradita dal governo del presidente Maduro che l’ha considerata un’ “ingerenza intollerabile”.

La Carta democratica, approvata l’11 settembre del 2001 nel corso di una sessione speciale svoltasi in Perú, rappresenta lo strumento principale attraverso il quale l’Osa può stabilire che l’alterazione o l’interruzione dell’ordine democratico in uno dei suoi membri rappresenta un “ostacolo insuperabile” per la sua appartenenza all’organizzazione.

E’ la prima volta nella storia dell’Osa che si discute l’applicazione della Carta democratica per un paese dell’organizzazione senza la richiesta del suo stesso governo.

La sua applicazione rappresenterebbe un duro colpo alla credibilità e all’immagine del presidente Maduro e del suo governo e potrebbe essere l’inizio dell’isolamento a livello internazionale le cui conseguenze sono imprevedibili.

La reazione del governo non si è fatta attendere, come era nelle attese. In una trasmissione a reti unificate, il capo dello Stato, che non ha dato maggior peso all’iniziativa di Almagro, ha affermato che “al Venezuela nessuno potrà applicargli alcuna Carta”.

– Il Segretario Generale dell’Osa – ha detto il presidente Maduro – pretende esercitare un potere superiore all’Osa e alla nostra sacra Costituzione, l’unica che riconosciamo. Il signor Almagro ha presentato un documento nel quale si chiede l’applicazione della “Carta Democratica”.

Il capo dello Stato ha precisato che “la destra ha chiesto l’intervento straniero affinchè l’impero nordamericano imponga il suo modello di governo”. E ha assicurato che darà battaglia in America Latina e nel Caribe “per la pace e l’indipensenza”.

Quindi ha incitato alla ribellione popolare contro una presunta minaccia internazionale e ha promesso di rispondere ad Almagro con maggiori dettagli.

Dal canto suo, Jorge Rodriguez, sindaco di Caracas e dirigente di spicco del Psuv, ha annunciato per oggi e sabato prossimo manifestazioni di protesta contro quello che ha definito “l’ingerenza brutale e grossolana dell’Osa e del suo Segretario Generale, Almagro”.

E ha ricordato che il presidente Maduro in precedenza aveva accusato Almagro di essere “un agente della Cia”; accusa che l’ex presidente uruguaiano, “Pepe” Mujica, di cui Almagro è stato ministro, aveva ridicolizzato con un’isolita battuta: “Maduro è piú pazzo di una capra”.

La notizia della richiesta del Segretario Generale dell’Osa, che è stata ribattuta da tutte le agenzie internazionali e che ha fatto il giro del mondo, è stata accolta dall’Opposizione con prudenza.

– Il Segretario Generale dell’Osa – ha affermato nel corso di una conferenza stampa il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup – ha convocato ad una riunione dell’organizzazione che dovrà avvenire tra il 10 e il 20 di giugno. Non c’è spazio a speculazioni. Attendiamo i risultati del Consiglio permanente degli Stati membri e i suoi sviluppi.

Ultima ora

13:17Gentiloni, con maggior crescita meno debito

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - "Un Paese che migliora le previsioni può avere una legge di bilancio e un abbassamento del debito più significativi e importanti". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni commentando le previsioni di crescita dell'Italia formulate dal Fmi. Durante la presentazione del dossier di candidatura Ema, Gentiloni ha sottolineato che il miglioramento delle previsioni porta anche "fiducia e convinzione delle possibilità del nostro Paese".

13:17Calcio: Neymar, passaporto spagnolo entro settembre

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Dopo le rassicurazioni del compagno di squadra Piqué ("resta"), un'altra pur piccola notizia puntella ulteriormente il rapporto fra Neymar e il Barcellona. Almeno per il momento, visto che la sessione di mercato non è ancora giunta nemmeno a metà e il Paris Saint-Germain non mollerà comunque la presa. Entro poche settimane, riferisce dunque il quotidiano "Mundo Deportivo", l'attaccante brasiliano dovrebbe ottenere il passaporto spagnolo. Come consentitogli dalla legge locale, per la quale servono due anni e mezzo vissuti in loco per poter ottenere la doppia nazionalità: requisito abbondantemente vantato da Neymar, che atterrò a Barcellona nell'estate del 2013. L'iter della pratica, infatti, era stato avviato un anno e mezzo fa e il tutto si concluderebbe a settembre con la cerimonia del giuramento. Ad esito raggiunto, spiega poi sempre "Mundo Deportivo", Neymar libererà un posto da extracomunitario, di cui potrebbe approfittare il nazionale colombiano Yerry Mina, in arrivo a gennaio dal Palmeiras.

13:15Gentiloni, cresciamo più di altri Paesi della eurozona

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - "Siamo dentro una fase positiva dell' Eurozona, ma dobbiamo registrare una cosa interessante: per altri Paesi stiamo parlando di uno scalino che si sale, nel caso italiano di qualche scalino in più". Lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni rispondendo a una domanda sul miglioramento delle stime di crescita da parte del Fondo monetario internazionale, durante la presentazione del dossier di candidatura di Milano come sede dell'Ema.

12:58Nuoto: Mondiali, Quadarella in finale

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Grande prestazione di Katie Ledecky nella seconda giornata dei Mondiali di nuoto in corso di svolgimento a Budapest. La statunitense, oro ieri nei 400 sl, ha chiuso le batterie dei 1500 sl con il tempo di 15'47"54, distanziando di quasi 18" la seconda classificata della sua batteria, la spagnola Mireia Belmonte (16'05"37). Qualificata per la finale l'azzurra Simona Quadarella, quarta con il tempo di 16'07"08. In chiave azzurra da segnalare il passaggio di Matteo Milli, alla sua prima gara internazionale, alle semifinali dei 100 dorso maschili (11/o tempo, 54"17) e di Arianna Castiglioni alle semifinali dei 100 rana (15/o tempo, 1'07"43). Nella stessa gara eliminata Martina Carraro (22/a, 1'08"11). Fuori nei 100 dorso donne Margherita Panziera (20/o tempo, 1'01"03) e nei 200 sl maschili Filippo Megli (28/o, 1'47"94).

12:54Incendio a Messina, piromani tre minorenni

(ANSA) - PALERMO, 24 LUG - Una ragazzina di 14 anni e due coetanei di 13 e 15 anni sono i responsabili dell'incendio che sabato pomeriggio ha bruciato le colline dell'area di Fondo Fucile, a Messina. Avevano ancora nelle tasche gli accendini con cui hanno appiccato il fuoco quando sono stati sorpresi dai poliziotti. Agli agenti uno dei tre ha detto: "Abbiamo fatto una stupidaggine". Nessuno ha saputo dare una spiegazione sui motivi del gesto. Gli agenti delle volanti sono stati allertati da numerose telefonate di cittadini preoccupati per le fiamme che velocemente si stavano propagando. Alcune persone avevano notato i tre ragazzini muoversi su per la collina. I vigili del fuoco, avvertiti dalla sala operativa della Questura, sono riusciti a bloccare l'incendio e a evitare che le fiamme raggiungessero le vicine abitazioni ai piedi della collina. Una vasta porzione di vegetazione è comunque andata distrutta. I tre ragazzini sono stati deferiti all'autorità giudiziaria per i minorenni per incendio boschivo e riaffidati alle famiglie.

12:48Fisco: blitz M5S in Agenzia Entrate Cagliari per sgravi

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - Blitz delle parlamentari del Movimento Cinque stelle, Emanuela Corda e Manuela Serra, assieme agli attivisti del punto Civico di Cagliari SOS Equitalia e una piccola rappresentanza del Movimento Artigiani, negli uffici dell'agenzia delle Entrate di Cagliari per chiedere l'applicazione della legge sugli sgravi contributivi nelle cartelle esattoriali (228/12). "Oggi abbiamo dovuto intraprendere questa azione forte, senza preavviso, perché ci sentiamo presi in giro, dopo mesi di rimandi e promesse mai mantenute - spiega la deputata Corda - chiediamo che vengano concessi gli sgravi a diversi contribuenti che ci hanno conferito delega a rappresentarli in questa sede, così come l'agenzia aveva garantito mesi fa, c'è una disposizione del direttore regionale che impone ai dirigenti di questa agenzia di provvedere immediatamente alla cancellazione del debito di queste persone, in ossequio a ciò che dispone la legge. Oggi vogliamo una risposta chiara e semplice".

12:46Mdp: Rossi, Pisapia chiarisca su sentirsi a casa con il Pd

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - "Sarebbe utile qualche chiarimento": è quanto manda a dire a Giuliano Pisapia il governatore della Toscana Enrico Rossi (Mdp), attraverso un post-lettera su facebook. "Caro compagno Giuliano Pisapia, molti compagni - scrive Rossi - mi fanno presente che la tua affermazione che ti senti a casa alla festa del Pd è un po' contraddittoria con la scelta di costruire una forza alternativa al Pd e con la scelta dolorosissima compiuta da molti tuoi sostenitori di abbandonare il Pd per costruire una casa nuova".

Archivio Ultima ora