Almagro invoca la “Carta democrática”, Venezuela a un passo dall’isolamento

Pubblicato il 01 giugno 2016 da redazione

Almargo-Maduro

CARACAS – Il Venezuela ad un passo dall’isolamento internazionale. Il Segretario Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani (Osa), Luis Almagro, ha presentato il suo rapporto: 132 pagine in cui si denunciano violazioni della Costituzione da parte del governo del presidente Nicolás Maduro, “l’alterazione dell’ordine costituzionale e il grave deterioramente dell’ordine democratico”.

Almagro, quindi, ha invocato l’articolo 20 della “Carta Democrática” e “chiesto la convocazione di un Consiglio permanente degli Stati membri tra il 10 e il 20 giugno 2016”.

Nell’illustrare il contenuto del rapporto, Almagro, ex ministro del governo uruguaiano del presidente Josè “Pepe” Mujica, ha sostenuto che in Venezuela sono necessari “cambiamenti immediati nelle azioni del potere esecutivo, per evitare di cadere rapidamente in una situazione di illegittimità”.

Stando al documento presentato da Almagro, le “continue violazioni della Carta Magna” riguardano essenzialmente “l’equilibrio fra i poteri dello stato, il funzionamento e l’integrazione del Potere giudiziario, le violazioni dei diritti umani, il procedimento per il referendum abrogativo e una mancanza di capacità di risposta di fronte alla grave crisi umanitaria di cui soffre il paese, che compromette il pieno rispetto dei diritti sociali della popolazione”.

E’ in base a queste considerazioni – particolarmente sull’emergenza sanitaria, i problemi di rifornimento alimentare e il ruolo del Tribunale Supremo di Giustizia nella crisi istituzionale a Caracas – che Almagro ha convocato una riunione straordinaria del Comitato permanente dell’Osa, che dovrebbe realizzarsi fra il 10 e il 20 giugno. In questo Summit i membri dell’Osa dovrebbero decidere il destino del Paese.

L’Argentina, presidente “pro tempore” del Comitato Permanente dell’Osa, aveva giá richiesto una sessione straordinaria dell’organismo per fissare una posizione comune sul caso del Venezuela. L’iniziativa non è stata gradita dal governo del presidente Maduro che l’ha considerata un’ “ingerenza intollerabile”.

La Carta democratica, approvata l’11 settembre del 2001 nel corso di una sessione speciale svoltasi in Perú, rappresenta lo strumento principale attraverso il quale l’Osa può stabilire che l’alterazione o l’interruzione dell’ordine democratico in uno dei suoi membri rappresenta un “ostacolo insuperabile” per la sua appartenenza all’organizzazione.

E’ la prima volta nella storia dell’Osa che si discute l’applicazione della Carta democratica per un paese dell’organizzazione senza la richiesta del suo stesso governo.

La sua applicazione rappresenterebbe un duro colpo alla credibilità e all’immagine del presidente Maduro e del suo governo e potrebbe essere l’inizio dell’isolamento a livello internazionale le cui conseguenze sono imprevedibili.

La reazione del governo non si è fatta attendere, come era nelle attese. In una trasmissione a reti unificate, il capo dello Stato, che non ha dato maggior peso all’iniziativa di Almagro, ha affermato che “al Venezuela nessuno potrà applicargli alcuna Carta”.

– Il Segretario Generale dell’Osa – ha detto il presidente Maduro – pretende esercitare un potere superiore all’Osa e alla nostra sacra Costituzione, l’unica che riconosciamo. Il signor Almagro ha presentato un documento nel quale si chiede l’applicazione della “Carta Democratica”.

Il capo dello Stato ha precisato che “la destra ha chiesto l’intervento straniero affinchè l’impero nordamericano imponga il suo modello di governo”. E ha assicurato che darà battaglia in America Latina e nel Caribe “per la pace e l’indipensenza”.

Quindi ha incitato alla ribellione popolare contro una presunta minaccia internazionale e ha promesso di rispondere ad Almagro con maggiori dettagli.

Dal canto suo, Jorge Rodriguez, sindaco di Caracas e dirigente di spicco del Psuv, ha annunciato per oggi e sabato prossimo manifestazioni di protesta contro quello che ha definito “l’ingerenza brutale e grossolana dell’Osa e del suo Segretario Generale, Almagro”.

E ha ricordato che il presidente Maduro in precedenza aveva accusato Almagro di essere “un agente della Cia”; accusa che l’ex presidente uruguaiano, “Pepe” Mujica, di cui Almagro è stato ministro, aveva ridicolizzato con un’isolita battuta: “Maduro è piú pazzo di una capra”.

La notizia della richiesta del Segretario Generale dell’Osa, che è stata ribattuta da tutte le agenzie internazionali e che ha fatto il giro del mondo, è stata accolta dall’Opposizione con prudenza.

– Il Segretario Generale dell’Osa – ha affermato nel corso di una conferenza stampa il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup – ha convocato ad una riunione dell’organizzazione che dovrà avvenire tra il 10 e il 20 di giugno. Non c’è spazio a speculazioni. Attendiamo i risultati del Consiglio permanente degli Stati membri e i suoi sviluppi.

Ultima ora

20:42Usa: maltempo e tornado, in Georgia 11 morti e 23 feriti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Il maltempo si abbatte sulla Georgia e fa almeno 11 morti e 23 feriti. Il bilancio e' ancora provvisorio, con i mezzi di soccorso ancora impegnati a far fronte all'emergenza tornado nell'area.

20:31Terremoto: turbine da Fiumicino liberano frazioni isolate

(ANSA) - FIUMICINO, 22 GEN - Liberate, nelle ultime ore, dai blocchi di neve diverse frazioni isolate di Amatrice, tra i 1300 e 1450 metri di quota. Sono gli ultimi interventi delle squadre della Protezione civile-Associazione Nuovo Domani di Fiumicino e del personale specializzato di Aeroporti di Roma, 11 persone in totale, che da 4 giorni sono in azione tra Accumoli, Torrita, Amatrice e Ussita. Le squadre, in 4 giorni, hanno già rimosso la neve su 340 chilometri di strade, in luoghi con casali e fattorie isolate, e liberato anche mezzi sepolti dalla neve. Gli ultimi interventi hanno riguardato, nel comune di Amatrice, le frazioni di Domo, Poggio Vitellino, Rocca Salli, Villanova, Scandarello, Colle Moresco, oltre alla provinciale 18 di Accumoli. I lavori sono stati svolti attraverso l'impiego di 3 speciali turbine messe a disposizione dagli aeroporti di Fiumicino e Ciampino. I macchinari consentono di rimuovere dalle strade e in prossimità delle abitazioni blocchi di neve ghiacciata particolarmente duri e di grossi dimensioni.

20:14Georgiano ucciso nel Barese, forse con colpo pistola

(ANSA) - BARI, 22 GEN - Un georgiano di 45 anni è stato assassinato, forse con un colpo di pistola alla schiena: il cadavere è stato trovato stamani su una panchina di piazza Simon Bolivar, a Corato, nel Barese. In un primo momento si era pensato ad un malore, ma l'ispezione cadaverica esterna ha evidenziato una ferita alla schiena, verosimilmente prodotta da una pistola di piccolo calibro. Sulla vicenda indaga la polizia che ha acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza. Dalle informazioni raccolte dalla Squadra Mobile, l'uomo - ha riferito la moglie - ieri sera ha partecipato a una festa tra connazionali. L'ipotesi più plausibile è che possa esserci stato un diverbio durante la serata o immediatamente dopo. Sul luogo in cui è stato trovato il cadavere la polizia non ha trovato né tracce di sangue né bossoli. E' probabile, quindi, che l'uomo sia stato ferito altrove e che sia stato portato in piazza, oppure che l'abbia raggiunta a piedi morendo poco dopo. Alcuni testimoni vengono ascoltati in questura. (ANSA).

20:12Rigopiano: individuata in hotel sesta vittima

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 22 GEN - I vigili del fuoco hanno individuato il corpo di una vittima all'interno dell'Hotel Rigopiano. Si tratta di un uomo ed è la sesta vittima ufficiale, finora, della slavina che ha investito l'albergo.

20:08Calcio: Empoli, Martusciello “ancora non parliamo salvezza”

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 22 GEN - "Ancora la strada è lunga, la possibilità di perdere punti è ancora concreta. Stiamo facendo passi importanti, ma è presto". Il tecnico dell'Empoli, Giovanni Martusciello, è forse troppo prudente, ma è chiaro che per la matematica il +11 sulla terz'ultima non è ancora sufficiente. Il successo contro l'Udinese è comunque importantissimo: "Fino al 35' eravamo sullo 0-0 e rischiavamo pur sempre di perdere. Accolgo questi tre punti con grande soddisfazione perché non eravamo al meglio e perché ho dovuto scegliere una situazione tattica, senza Saponara, mai vista. Pucciarelli mi è piaciuto. Meno Mchedlidze, ma ha segnato e questo è importante. Un grande gol il suo".

19:58Maltempo: ancora rischio valanga a Lama dei Peligni

(ANSA) - LAMA DEI PELIGNI (CHIETI), 22 GEN - "Non ritengo si possa rientrare nelle case, almeno finché non avrò dati analitici dai tecnici che mi assicurano allarme cessato". Permane il rischio valanga a Lama dei Peligni, sotto al massiccio della Majella, dove il sindaco due giorni fa ha emesso un'ordinanza di sgombero per 12 case. Le 35 persone che ci vivono sono ospiti presso parenti, amici e strutture alberghiere. "I cittadini vogliono risposte - dice il sindaco Andrea Di Fabrizio - Sono in parte arrabbiati, ma il primo sono io. Dopo l'eccezionale nevicata del 2012, con l'ausilio di relazioni Meteomont abbiamo preparato, per ampliare la rete di paravalanghe, progetti trasmessi al ministero dell'Ambiente e alla Protezione civile regionale, ma nonostante le mie sollecitazioni non abbiamo mai avuto risposta". "Sapevo che prima o poi ci saremmo trovati in una situazione simile - continua Di Fabrizio - Chi non vive qui non si rende conto. Teniamo presente che sulla direttrice della slavina ci sono tralicci dell'alta tensione". "Ringrazio la cittadinanza per come sta collaborando, le forze dell'ordine e il personale del Comune, che lavora nel Coc attivato dall'inizio dell'emergenza maltempo, e la Forestale" Il progetto di cui parla il sindaco prevede l'ampliamento dei fronti delle rastrelliere fermaneve a monte e del cuneo spaccafronte a valle. Per realizzarlo servirebbero 2 milioni di euro. "Al momento dalla Protezione civile abbiamo ottenuto uno stanziamento d'urgenza di 150mila euro per la manutenzione straordinaria dei paravalanghe in legno" spiega ancora di Fabrizio.

19:58Calcio: Genoa, Juric “abbiamo perso sicurezza”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Ho parlato nello spogliatoio con Preziosi, ci siamo confrontati per capire alcune cose. Siamo in emergenza in mezzo, abbiamo fuori sia Cataldi sia Rigoni e calcolavamo come poter affrontare la prossima sfida". L'allenatore del Genoa, Ivan Juric, spiega così l'incontro con il presidente dopo il 2-2 col Crotone. "Abbiamo perso un po' di sicurezza e facciamo meno possesso palla, queste sono le difficoltà - prosegue Juric - poi abbiamo preso due gol su calci piazzati lontani dalla nostra porta e questo ci ha penalizzato molto. Al di là delle cessioni, penso che siamo stati anche molto sfortunati: penso agli infortuni di Veloso e Perin".

Archivio Ultima ora