Più di 3 mila runners hanno partecipato alla 13k della Hacienda Santa Teresa

Pubblicato il 01 giugno 2016 da redazione

VI_Carrera_Race13K_0985_AVS

CARACAS – Nella splendida cornice della Hacienda Santa Teresa, nello Stato Aragua, si sono radunati circa 3.400 corridori per partecipare alla sesta edizione della prova podistica. La gara organizzata dalla ‘Fundación Santa Teresa’ ha un tracciato di 13 chilometri e percorre la zona Chaguaramos, una montagna che è nelle vicinanze della hacienda, e i campi di rugby ed ha un dislivello di 400 metri.

A tagliare per primo il traguardo è stato il merideño Rafael Guillén (33 anni) con un tempo di 52 minuti e 20 secondi, lasciandosi alle spalle il fratello Neido (53’09”) e Juan Acosta (54’09”).

“Essere il primo di 3.400 partecipanti è stimolante per un corridore. Per quanto riguarda i tempi sono stato vicino a quelli che ho segnato nella passata edizione, questo vuol dire che se il terreno non fosse stato bagnato, sicuramente avrei migliorato i miei tempi” ha confessato il vincitore della prova.

Nella categoria femminile, per quarta volta consecutiva la gara è stata vinta da Cruz Salazar con un crono di 1:03:32 alle sue spalle sono arrivate Rosa Elena Méndez (1:08:36) ed Ana Márquez (1:12:29).

La 13k dalla Hacienda Santa Teresa ha l’omologazione dell’Asociación Venezolana de Trail running de Venezuela, Federación Venezolana de Atletismo e Asociación Internacional de Atletismo.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

18:17Usa: sparatoria in scuola Texas

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - Una ragazza ferita: è questo per ora il bilancio della sparatoria in una scuola superiore di Italy, Texas. Lo riferiscono i media Usa. L'istituto è ancora in 'lockdown'.

18:16Olp, discorso di Pence è regalo agli estremisti

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Il discorso "messianico" del vicepresidente Mike Pence alla Knesset "servirà come regalo agli estremisti nella regione". Lo ha detto - citato dai media israeliani - il segretario dell'Olp Saeb Erekat. Un intervento - ha aggiunto - che prova come "l'amministrazione Usa sia parte del problema più che la sua soluzione. Il suo messaggio al resto del mondo è chiaro: violate la legge internazionale e le risoluzioni, e gli Usa vi compenseranno".

18:16Pence, accordo con Iran disastro, impediremo atomica Teheran

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - "L'accordo sul nucleare è un disastro e gli Usa non certificheranno più questa intesa mal concepita". Lo ha detto il vicepresidente Usa Mike Pence alla Knesset. Pence ha poi detto che gli Usa impediranno a Teheran di avere armi nucleari e che, come ha detto Trump, si "ritireranno dall'accordo immediatamente. Qualunque sia l'esito di quei negoziati oggi".(ANSAmed).

18:16Riciclaggio: Fini, io innocente e ho fiducia in giudici

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "La richiesta degli inquirenti era prevedibile, ribadisco la mia innocenza e confermo piena fiducia nell'operato della magistratura". Lo scrive Gianfranco Fini in una nota.

18:15Puigdemont, malgrado le minacce di Madrid faremo un governo

(ANSA) - MADRID, 22 GEN - "Malgrado le minacce di Madrid faremo un governo": cosi il presidente uscente catalano Carles Puigdedmont ora formalmente candidato alla rielezione oggi a Copenaghen per partecipare ad un dibattito sulla Catalogna, per il quale la procura di Madrid aveva chiesto il suo arresto. Puigdemont ha denunciato le misure repressive dello stato spagnolo e ha definito "una vendetta" che quattro leader indipendentisti siano ancora in carcere. "Sono - ha affermato - detenuti politici".

18:12Pence, ambasciata Usa a Gerusalemme l’anno prossimo

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - "L'ambasciata Usa aprirà a Gerusalemme entro la fine dell'anno prossimo". Lo ha detto il vicepresidente Usa Mike Pence. "Trump - ha aggiunto riferendosi alla decisione su Gerusalemme - ha fatto la storia".(ANSAmed).

18:11Erdogan, ‘gli Usa pensino all’Afghanistan e all’Iraq’

(ANSA) - ISTANBUL, 22 GEN - "Dagli Stati Uniti ci chiedono" quando finirà l'operazione contro l'enclave curda di Afrin nel nord della Siria. "Io vorrei chiedere agli Usa la stessa cosa: quando finirà l'operazione in Afghanistan? E in Iraq? E ora siete in Siria... Non penso che possiate parlare di scadenze. La guerra non è un'equazione matematica". Così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che è anche tornato ad attaccare gli Usa per l'invio ai curdi siriani del Pyd di "5 mila camion e 2 mila aerei pieni di armi, che sono state date a un'organizzazione terroristica e potrebbero essere usate contro di noi". "Come l'operazione 'Scudo dell'Eufrate', la nostra 'Ramo d'ulivo' finirà quando avremo raggiunto il nostro obiettivo, e non chiederemo il permesso a nessuno per condurre questa operazione", ha aggiunto Erdogan.

Archivio Ultima ora