Calcio venezuelano: Páez e i suoi “lanceros” sognano la FVF

Pubblicato il 01 giugno 2016 da redazione

Richard Paez

Richard Paez

CARACAS – Durante il XIX secolo José Antonio Páez partecipò con suoi lanceros in diverse battaglie insieme a Simón Bolívar per liberare il Venezuela dalla sottomissione spagnola: missione poi riuscita. Poi, tra il 1830 e 1835, Páez é stato anche presidente della nazione.

Dopo quasi 200 anni un altro Páez ha scritto pagine importanti nella storia del Venezuela, ma sui campi di calcio, il suo nome é Richard. E stato proprio lui il protagonista della metamorfosi della vinotinto ad inizio del XXI secolo. Adesso sogna di combattere la sua battaglia piú importante: sedersi sulla poltrona da presidente della Federación Venezolana de Fútbol e trasformare il calcio venezuelano dalle sue basi.

Come nasce l’idea di arrivare alla presidenza della FVF?

“La nostra idea é quella di avere un incontro con la gente del mondo del calcio: vogliamo trasmettere un messaggio di cambio strutturale dentro la Federación Venezolana de Fútbol promosso dalle basi. In questi ultimi 29 anni all’interno della Federcalcio non ci sono stati segni di progresso. Ci sono tante persone che non sopportano più la situazione che si vive nel mondo del ‘fútbol criollo’. Hanno aderito a questo progetto molti ex vinotinto, giocatori professionisti che giocano o hanno giocato nel nostro paese. Persone che conoscono la nostra realtá e che sognano un progresso nel mondo del calcio locale”.

Tutti sappiamo che il dottor Richard Páez, laureato in traumatologia, é un leader che sa motivare le persone che lo circondano. Quando si parla di calcio venezuelano, uno dei primi nomi che viene pronunciato dai tifosi é proprio quello di Richrad Páez, grazie al fatto che é riuscito a trasformare la nazionale da ‘cenerentola’ a ‘osso duro’ del Sudamerica ed ha incantato con il suo gioco gli amanti del calcio nel Venezuela.

Come sei riuscito a cambiare la mentalitá dei giocatori durante il tuo periodo da commissario tecnico della nazionale?

“Penso che il concetto che c’era prima era sbagliato. In Venezuela, si giocava a calcio, ma i giocatori quando arrivavano in nazionale non avevano la convizione giusta. Adesso c´é un’indentitá nello stile di gioco: il mio messaggio era che la squadra doveva assumere dei rischi se voleva raggiungere gli obiettivi. Questo stile di gioco ha innamorato i tifosi e ci ha aiutato a vincere”.

Richard Páez e i suoi ‘lanceros’ stanno percorrendo il paese per presentare il progetto ‘Somos Vinotintos’, percorso che lui ha battezzato come ‘Campaña admirable’ in onore ad una delle gesta svolte da Simón Bolívar. Durante il percorso hanno visitato le associazioni degli stati Barinas, Portuguesa, Cojedes, Mérida, Táchira, Trujillo, Zulia, Falcón, Lara, Yaracuy, Aragua, Carabobo, Bolívar, Monagas, Delta Amacuro. Il programma di viaggio prevede tappe nelle altre regioni del Venezuela.

Come sará la gestione di Páez?

“Stiamo svolgendo una prima tappa di presentazione del progetto ‘Somos Vinotintos’ che ci serve per raccogliere i pareri e conoscere le necessitá del calcio nelle diverse regioni del nostro paese. Durante il nostro percorso ci siamo resi conto che c’é tanto malcontento e tutti vogliono che la situazione del ‘fútbol criollo’ migliori dalle categori inferiori fino a quelle piú grandi. Se vogliamo che il nostro calcio migliori dobbiamo farlo dalla base. Se saró eletto, non saró di quelli che poltriscono in ufficio, saró sempre in giro per il paese a contatto con le persone che fanno calcio”.

Páez non é solo in questa sorta di ‘crociata’ di liberazione del calcio, lo accompagnano campioni del calibro di César Semidei, Bernardo Añor, Ruberth Morán, Memín Sánchez, Gaby Miranda, gli italo-venezuelani Roberto Cavallo, Luis Mendoza Benedetto, Franco Rizzi ed altri. Ma per poter optare alla sedia della Federación Venezolana de Fútbol ci dev’essere un cambio negli statuti del regolamento elettorale della FVF.

Cosa prevede lo statuto?

“Noi stiamo lottando per cambiarlo. Quello attuale è stato redatto per perpetuare un sistema di rielezione. Per cambiarlo ci dev’essere un’assemblea e proporre di ampliare la base votante e la candidatura degli aspitanti alla presidenza”

Com’é stata la ricezione del progetto ‘Somos Vinotintos’?

“E’ stata abbastanza positiva. Con l’attuale situazione gli iscritti alla federazione si sentono un po’ abbandonati e sono disposti a dare una svolta affinché migliori la situazione del calcio nazionale”.

Somos Vinotinto. Come nasce il nome?

“Il nostro é un movimento che rappresenta il sentimento di un paese. Quale miglior esempio della nostra nazionale che da Cenerentola nel 2001 é riuscita nell’impresa titanica di vincere quattro gare consecutive nelle qualificazioni per il mondiale Corea-Giappone 2002? Noi con il nostro progetto vogliamo unire tutti e che tutti pensino ad una sola cosa: il progresso del nostro calcio”.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

18:37Parroco accusato orge canonica: ‘avuto rapporti con 5 donne’

(ANSA) - PADOVA, 20 GEN - Don Andrea Contin, l'ex parroco di San Lazzaro al centro dell'inchiesta a Padova sulle orge in canonica, ha ammesso da subito, nel verbale reso ai carabinieri il 21 dicembre scorso, di aver avuto rapporti sessuali "con cinque donne". Parrocchiane - riferiscono i quotidiani locali - con le quali il sacerdote ha precisato di aver avuto "una relazione sentimentale" sfociata poi "in rapporti sessuali". Incontri che si consumavano "in canonica, anche con la partecipazione di uomini, anche di colore". Dichiarazioni che ha verbalizzato davanti agli investigatori subito dopo la perquisizione disposta dai magistrati nella parrocchia. Avrebbe invece negato i rapporti violenti, denunciato dalla sua prima amante, la 49enne che ha fatto partire l'indagine. Intanto si è allontanato dalla parrocchia - su consiglio della Curia - anche il secondo sacerdote di una chiesa nella zona dei Colli Euganei, che aveva ammesso di aver partecipato alle orge con don Andrea, e che al momento non è però indagato. (ANSA).

18:33Province: niente risorse Sardegna,Regione annuncia battaglia

(ANSA) - CAGLIARI, 20 GEN - Le Province sarde rimangono a secco di risorse. "Gli enti locali dell'Isola - denuncia l'assessore regionale Cristiano Erriu - sono stati esclusi dalla ripartizione nazionale di circa un miliardo di euro per sostenere i conti: 650 milioni alle Province e 250 alle Città Metropolitane per sterilizzare i tagli aggiuntivi della manovra di due anni fa". E ora la Sardegna minaccia di far mancare la propria intesa in sede di Conferenza Unificata, il 31 gennaio prossimo, quando verrà esaminato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri per l'individuazione dei beneficiari e la decisione sui criteri di riparto. Senza queste risorse, ribadisce l'esponente della Giunta Pigliaru, "gli enti locali sardi verrebbero messi nell'impossibilità di funzionare" e si profila "una grave lesione del principio di leale collaborazione tra i livelli istituzionali". Non solo. "Si arriverebbe al paradosso - spiega Erriu - che le uniche Province chiamate a contribuire al risanamento del debito pubblico dello Stato siano quelle siciliane e sarde. Quest'ultime dovrebbero gestire le funzioni fondamentali (istruzione, viabilità e ambiente) in una fase di riorganizzazione che ha portato a una riduzione degli enti da otto a quattro. Non è pensabile - attacca l'assessore - che la Sardegna venga lasciata sola a finanziare gli enti di area vasta, che sono ormai pressoché sprovvisti di entrate proprie, dunque non in grado di gestire l'esercizio delle loro funzioni, per garantire alla cittadinanza un livello di servizi adeguato ai bisogni dei territori e delle collettività amministrate". (ANSA).

18:24Maltempo: trovati morti padre e figlio dispersi a Crognaleto

(ANSA) - CROGNALETO (TERAMO), 20 GEN - Sono stati trovati morti padre e figlio dispersi da ieri nel comune montano di Crognaleto, nel teramano. A ritrovarli una delle squadre dei Vigili del Fuoco impegnate nelle ricerche da ieri sera. Mattia Marinelli, 23 anni, e il padre cinquantenne Claudio erano usciti di casa per andare a comprare delle pizze. La loro auto è stata individuata lungo la strada comunale nella frazione di Poggio Umbricchio; potrebbero averla lasciata lì perché in panne. Il paese è da giorni sotto una fitta coltre di neve e molte abitazioni sono senza energia elettrica a causa del maltempo. Recuperato in mattinata il corpo di Mattia, nel primo pomeriggio è stato ritrovato, poco distante, il padre, in fondo a una piccola scarpata piena di neve ghiacciata. Le salme sono state composte all'obitorio dell'ospedale Mazzini di Teramo, in attesa di una decisione della magistratura.

18:21Mamma modello in tv condannata per maltrattamenti ai figli

(ANSA) - TORINO, 20 GEN - È stata condannata a 1 anni e 10 mesi per maltrattamenti nei confronti dei sette figli, la donna che, qualche anno fa, era stata presentata in tv come una madre modello. Il giudice monocratico Diamante Minucci ha accolto la pena chiesta dal pm Marco Sanini, mentre l'ha assolta dall'accusa di maltrattamenti al consorte. A denunciare la donna è stato proprio il marito, parte civile nel processo e rappresentato dall'avvocato Anna Ronfani. Secondo la denuncia dell'uomo, che ha presentato anche alcuni video delle violenze, i problemi sarebbero iniziati nel 2013, dopo la nascita dell'ultimo bambino. "Un momento di particolare stress per la mia cliente", ha detto in aula l'avvocato difensore della donna, Elena Negri. "Questi episodi - ha aggiunto - sono stati il frutto di un comportamento provocatorio del marito". Secondo il legale, l'uomo, "invece di preoccuparsi di fornire sostegno adeguato alla moglie, ha pensato di scaricare ogni difficoltà e responsabilità su di lei, arrivando a sostenere, anche in presenza dei figli, che era affetta da disturbi psichiatrici risultati invece insussistenti". Il tribunale infatti ha respinto la richiesta di decadenza dalla responsabilità genitoriale", conclude il legale affermando che "la vicenda penale è una coincidenza strumentale a quella della separazione". (ANSA).

18:18L’Isis decapita un maestro sufi nel Sinai

(ANSA) - IL CAIRO, 20 GEN - L'Isis continua ad intimidire le popolazioni del nord-est del Sinai per scoraggiare una loro collaborazione con le autorità egiziane: un prelato sufi è stato rinvenuto decapitato stamattina nella penisola. Lo riferiscono fonti della sicurezza citando la famiglia del "maestro" (Shaikh) di dottrine islamiche Saleh Greir. L'uomo era stato sequestrato ieri davanti alla propria abitazione ad Al Arish dal braccio egiziano dell'Isis, gli ex "Ansar Beit el-Maqdis", precisano le fonti. Sempre ieri un professore di 38 anni è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre camminava per strada nella stessa Arish, aggiungono le fonti ricordando che gli Ansar uccidono le persone sospettate di aver collaborato con l'esercito. Come noto i metodi e dottrine del sufismo tendono a preservare la comunità islamica da un irrigidimento della fede e da un letteralismo arido e legalistico.

18:18Calcio: Cataldi, a Genova per 6 mesi ma voglio vincere

(ANSA) - GENOVA, 20 GEN - "Sono qua per vincere più partite possibili e per dare delle gioie ai nostri tifosi". Non si nasconde Danilo Cataldi nel giorno della presentazione ufficiale al Genoa, dove è arrivato in prestito dalla Lazio. "So che tra sei mesi tornerò alla Lazio ma non sono una persona che viene qua a fare sei mesi, tanto tra poco me ne vado - ha spiegato -. Sono un professionista e vengo a fare il massimo. Sono uno che si arrabbia quando perde la partitella in allenamento, potete immaginare in campionato, di certo non sono un burattino". Schierato subito a Cagliari, ma non contro la sua ex squadra in Coppa Italia, Cataldi domenica troverà il Crotone. "Li ho affrontati qualche settimana fa e mi aspetto un Crotone tosto come è stato in tutte le partite. Non ricordo ad esempio un Crotone che ha subito goleade. Sono una squadra dura con due attaccanti importanti che possono tenere su la palla e molto fastidiosi da marcare - ha aggiunto -. Ma noi in questo momento dobbiamo pensare a fare risultato e basta".

18:17Trump: Bill e Hillary Clinton a Capitol Hill per giuramento

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - Hillary e Bill Clinton arrivano a Capitol Hill per il giuramento di Donald Trump. Hillary è tutta vestita in bianco, con completo pantalone e cappotto.

Archivio Ultima ora