Calcio venezuelano: Páez e i suoi “lanceros” sognano la FVF

Pubblicato il 01 giugno 2016 da redazione

Richard Paez

Richard Paez

CARACAS – Durante il XIX secolo José Antonio Páez partecipò con suoi lanceros in diverse battaglie insieme a Simón Bolívar per liberare il Venezuela dalla sottomissione spagnola: missione poi riuscita. Poi, tra il 1830 e 1835, Páez é stato anche presidente della nazione.

Dopo quasi 200 anni un altro Páez ha scritto pagine importanti nella storia del Venezuela, ma sui campi di calcio, il suo nome é Richard. E stato proprio lui il protagonista della metamorfosi della vinotinto ad inizio del XXI secolo. Adesso sogna di combattere la sua battaglia piú importante: sedersi sulla poltrona da presidente della Federación Venezolana de Fútbol e trasformare il calcio venezuelano dalle sue basi.

Come nasce l’idea di arrivare alla presidenza della FVF?

“La nostra idea é quella di avere un incontro con la gente del mondo del calcio: vogliamo trasmettere un messaggio di cambio strutturale dentro la Federación Venezolana de Fútbol promosso dalle basi. In questi ultimi 29 anni all’interno della Federcalcio non ci sono stati segni di progresso. Ci sono tante persone che non sopportano più la situazione che si vive nel mondo del ‘fútbol criollo’. Hanno aderito a questo progetto molti ex vinotinto, giocatori professionisti che giocano o hanno giocato nel nostro paese. Persone che conoscono la nostra realtá e che sognano un progresso nel mondo del calcio locale”.

Tutti sappiamo che il dottor Richard Páez, laureato in traumatologia, é un leader che sa motivare le persone che lo circondano. Quando si parla di calcio venezuelano, uno dei primi nomi che viene pronunciato dai tifosi é proprio quello di Richrad Páez, grazie al fatto che é riuscito a trasformare la nazionale da ‘cenerentola’ a ‘osso duro’ del Sudamerica ed ha incantato con il suo gioco gli amanti del calcio nel Venezuela.

Come sei riuscito a cambiare la mentalitá dei giocatori durante il tuo periodo da commissario tecnico della nazionale?

“Penso che il concetto che c’era prima era sbagliato. In Venezuela, si giocava a calcio, ma i giocatori quando arrivavano in nazionale non avevano la convizione giusta. Adesso c´é un’indentitá nello stile di gioco: il mio messaggio era che la squadra doveva assumere dei rischi se voleva raggiungere gli obiettivi. Questo stile di gioco ha innamorato i tifosi e ci ha aiutato a vincere”.

Richard Páez e i suoi ‘lanceros’ stanno percorrendo il paese per presentare il progetto ‘Somos Vinotintos’, percorso che lui ha battezzato come ‘Campaña admirable’ in onore ad una delle gesta svolte da Simón Bolívar. Durante il percorso hanno visitato le associazioni degli stati Barinas, Portuguesa, Cojedes, Mérida, Táchira, Trujillo, Zulia, Falcón, Lara, Yaracuy, Aragua, Carabobo, Bolívar, Monagas, Delta Amacuro. Il programma di viaggio prevede tappe nelle altre regioni del Venezuela.

Come sará la gestione di Páez?

“Stiamo svolgendo una prima tappa di presentazione del progetto ‘Somos Vinotintos’ che ci serve per raccogliere i pareri e conoscere le necessitá del calcio nelle diverse regioni del nostro paese. Durante il nostro percorso ci siamo resi conto che c’é tanto malcontento e tutti vogliono che la situazione del ‘fútbol criollo’ migliori dalle categori inferiori fino a quelle piú grandi. Se vogliamo che il nostro calcio migliori dobbiamo farlo dalla base. Se saró eletto, non saró di quelli che poltriscono in ufficio, saró sempre in giro per il paese a contatto con le persone che fanno calcio”.

Páez non é solo in questa sorta di ‘crociata’ di liberazione del calcio, lo accompagnano campioni del calibro di César Semidei, Bernardo Añor, Ruberth Morán, Memín Sánchez, Gaby Miranda, gli italo-venezuelani Roberto Cavallo, Luis Mendoza Benedetto, Franco Rizzi ed altri. Ma per poter optare alla sedia della Federación Venezolana de Fútbol ci dev’essere un cambio negli statuti del regolamento elettorale della FVF.

Cosa prevede lo statuto?

“Noi stiamo lottando per cambiarlo. Quello attuale è stato redatto per perpetuare un sistema di rielezione. Per cambiarlo ci dev’essere un’assemblea e proporre di ampliare la base votante e la candidatura degli aspitanti alla presidenza”

Com’é stata la ricezione del progetto ‘Somos Vinotintos’?

“E’ stata abbastanza positiva. Con l’attuale situazione gli iscritti alla federazione si sentono un po’ abbandonati e sono disposti a dare una svolta affinché migliori la situazione del calcio nazionale”.

Somos Vinotinto. Come nasce il nome?

“Il nostro é un movimento che rappresenta il sentimento di un paese. Quale miglior esempio della nostra nazionale che da Cenerentola nel 2001 é riuscita nell’impresa titanica di vincere quattro gare consecutive nelle qualificazioni per il mondiale Corea-Giappone 2002? Noi con il nostro progetto vogliamo unire tutti e che tutti pensino ad una sola cosa: il progresso del nostro calcio”.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

01:33Calcio: Mondiali 2018, Colombia-Bolivia 1-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - La Colombia ha battuto la Bolivia 1-0 in una gara valida per le qualificazioni mondiali dell'America del sud. Decide la rete su rigore dell'attaccante del Real, James Rodriguez, al 38' del secondo tempo. Si fa male invece Muriel: il giocatore della Samp è stato infatti costretto a uscire per un infortunio dopo mezzora di gioco.

00:41Iraq: tv curda, almeno 200 uccisi in raid a Mosul

(ANSA) - BEIRUT, 23 MAR - La televisione curdo-irachena Rudaw afferma che almeno 200 persone, la maggior parte civili, sono state uccise in raid aerei nell'ovest di Mosul ancora controllato dall'Isis. L'emittente non precisa se i raid siano stati compiuti dall'aviazione irachena o da jet della Coalizione internazionale a guida Usa, che appoggia l'offensiva lealista con pesanti bombardamenti. La settimana scorsa l'ong Osservatorio iracheno per i diritti umani aveva parlato di almeno 299 civili già uccisi dai raid della Coalizione a guida americana a Mosul ovest da febbraio, quando ha avuto inizio l'offensiva governativa per strapparla allo Stato islamico. L'inviato di Rudaw a Mosul, Hevidar Ahmed, ha detto che i raid hanno colpito il quartiere di Al Jadida e fino a 230 persone potrebbero essere state uccise. Di queste, 130 si trovavano in un solo edificio e 100 in un altro.

00:35Basket: l’ex Melli condanna l’EA7, Bamberg passa a Milano

(ANSA) - MILANO, 23 MAR - Nicolò Melli applaudito e poi giustiziere dell'EA7 Milano in Eurolega (76-84). L'ala italiana del Brose Bamberg, protagonista con l'Olimpia dello scudetto 2014, prima viene omaggiato con un video emozionale proiettato sul cubo del Forum che si chiude con la scritta "Nick uno di noi" e accolto con un standing ovation da parte di tutto il pubblico, poi sale in cattedra e abbatte come una furia la sua ex squadra che ancora lo rimpiange. I numeri non dicono tutto (9 punti e 8 rimbalzi), ma è enciclopedica, seppur viziata da un'infrazione di passi, la gestione del possesso che porta alla decisiva tripla di Causeur (72-80 al 39'), migliore in campo con 17 punti e 8 rimbalzi. Per Milano si tratta della settima sconfitta consecutiva in Eurolega, la ventunesima complessiva: a due turni dal termine lo spettro dell'ultimo posto aleggia sinistro al Forum.

00:34Argentina: ex presidente Kirchner a processo

(ANSA) - BUENOS AIRES, 23 MAR - Un magistrato argentino ha deciso che l'ex presidente Cristina Fernandez de Kirchen sarà processata per amministrazione fraudolenta, dopo essere stata accusata di aver ordinato vendite di futures sul dollaro a prezzi più bassi di quelli del mercato negli ultimi mesi del suo mandato, causando così perdite per poco meno di 10 milioni di dollari allo Stato. Il giudice Claudio Bonadio ha emesso un'ordinanza in base alla quale Kirchner dovrà essere processata insieme al suo ex ministro dell'Economia, Axel Kicillof, l'ex presidente della Banca Centrale, Alejandro Vanoli e altri dirigenti della sua ultima amministrazione. E' la prima volta che l'ex presidente deve affrontare un processo giudiziario, ma Kirchner è anche sotto indagine in altre inchieste, riguardanti tra l'altro l'aumento del suo patrimonio famigliare durante i suoi anni al governo e le presunte tangenti pagate da imprenditori vicini alla sua famiglia per aggiudicarsi contratti ed appalti di opere pubbliche.

00:32Colloqui esplorativi a quattro per nuovo governo in Olanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - Il partito conservatore Vvd del premier olandese Mark Rutte e altre tre formazioni politiche (cristiani democratici, i socialdemocratici D66 e i verdi dei GroenLinks) hanno raggiunto un'intesa per avviare dei colloqui per la formazione del nuovo governo. Colloqui solo esplorativi, per ora, con il premier Rutte che sottolinea: "Le differenze politiche tra questi partiti sono significative". "Terremo dei colloqui per vedere se queste divergenze possono essere superate", spiega il leader di GroenLinks, Jesse Klaver, ribattezzato il 'Trudeau olandese' dalla stampa.

00:31Calcio: 2-1 alla Polonia, buon test europei per Italia U21

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Buon test in vista degli europei per l'Italia Under 21. Gli azzurrini di Gigi Di Biagio hanno battuto a Cracovia la Polonia 2-1 (1-1), nella penultima amichevole prima del torneo continentale in programma a giugno. Italia in vantaggio al 30' con Pellegrini, i polacchi pareggiano al 43' con Kownacki. In avvio di ripresa, al 5', è Benassi a riportare in vantaggio gli azzurrini. Per l'Italia anche un calcio di rigore (Di Francesco atterrato da Kedziora), ma Cerri dal dischetto prende il palo. A Cracovia ha esordito da titolare Federico Chiesa, che ha giocato un tempo. "Abbiamo fatto risultato e prestazione - dice soddisfatto Gigi Di Biagio - in tanti si sono messi in mostra e molti li ho trovati in ottime condizioni. Sono molto contento di questi ragazzi. Chiesa era programmato che giocasse un tempo, ho preferito preservarlo e sostituirlo, nonostante avesse fatto molto bene". L'Under 21 torna in campo lunedì a Roma nell'amichevole con la Spagna.

00:02Attacco al Shabaab, ’17 soldati somali uccisi’

(ANSA) - MOGADISCIO, 23 MAR - E' di almeno 17 soldati somali uccisi e 22 feriti il bilancio di un attacco organizzato dai fondamentalisti islamici al Shabaab nel sudovest del Paese. Lo ha reso noto il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, precisando che il gruppo terrorista, legato ad al Qaida, ha rivendicato l'attacco su Facebook. Gli estremisti hanno anche aggiunto di avere bombardato una base dell'Unione africana (Ua) nella notte di ieri nella città di Barawe. Il governo di Mogadiscio ha confermato l'assalto precisando che è stato respinto con un bilancio di due persone.

Archivio Ultima ora