Comunali, 14 “impresentabili”. Bindi: Liste civiche varco per mafie

Pubblicato il 01 giugno 2016 da redazione

Comunali, 14 "impresentabili" Bindi: Liste civiche varco per mafie

Comunali, 14 “impresentabili” Bindi: Liste civiche varco per mafie

ROMA. – La presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi l’aveva detto tempo fa: quest’anno lo screening sulle candidature non arriverà in zona Cesarini. E così non è stato. A cinque giorni dal voto per le comunali del 5 giugno che riguarderà oltre 1.300 comuni, l’Antimafia ha presentato i 14 nomi dei cosiddetti “impresentabili”, ovvero di coloro che sono incandidabili per la Legge Severino (8 in tutto), o che pure essendo candidabili dovrebbero poi essere sospesi sempre per la stessa legge (3 casi) o infine che sono “impresentabili” perché hanno commesso reati previsti dal Codice di autoregolamentazione delle candidature votato all’unanimità da tutti i partiti e che è più restrittivo delle stesse leggi esistenti (3 casi).

Tutti i 14 nomi (7 a Battipaglia, 5 a Roma, 2 in Calabria) fanno parte di liste civiche, “e che le liste civiche fatte nel modo che abbiamo visto siano un varco per le mafie è indubbio. Conosciamo anche liste civiche nate come capacità di riscatto, ma il 100% di liste civiche in quasi tutti i comuni sciolti per mafia, qualcosa vorranno dire”, ha evidenziato Bindi.

La quale ha sottolineato la necessità di un tagliando alla legge Severino (“a parte il gioco strano tra incandidabilità e ineleggibilità, un altro aspetto da rivedere riguarda le pene”) e ha rinnovato un forte appello alla politica: “I partiti devono decidersi a metterci la faccia; se vogliamo estirpare la mafia, ci vogliono forze politiche chiare, che non fanno operazioni trasformistiche: ricostruendo la storia di alcune liste civiche si trovano candidati cacciati da un partito che si alleano con pezzi di avversari.

In un comune, le tre famiglie di riferimento ‘ndranghetista hanno piazzato i loro candidati ciascuna in una delle tre liste. Diano Marina potrebbe presentare un certo interesse da questo punto di vista”, ha concluso rispondendo ai giornalisti.

Il vicepresidente dell’Antimafia, Claudio Fava ha puntato l’attenzione sul comune di Platì, in Calabria, su cui l’Antimafia ha fatto un focus, essendo stato commissariato ben 15 volte. “Nessun candidato – ha detto Fava – viola il Codice di autoregolamentazione ma decine di candidati hanno comprovati rapporti di amicizia con le cosche che gestiscono il territorio e che fanno essere concreto il pericolo che questo comune continui ad avere una democrazia sospesa”.

Per il senatore Giuseppe Lumia, “sarebbe utile anticipare a 60 giorni, anziché a 40, la presentazione delle candidature. Serve poi una banca dati sui carichi pendenti per non consentire a chi non è in regola di farsi beffa della nostra democrazia”.

“Dal nostro lavoro – ha sottolineato il capogruppo Pd Franco Mirabelli – emerge con evidenza l’esigenza di guardare con attenzione alle liste civiche, che rischiano di essere nei comuni più facilmente infiltrabili e di continuare a monitorare alcuni dei comuni a più alta concentrazione di criminalità organizzata. E’ inoltre necessario valutare modifiche alla legge sullo scioglimento per evitare che nei comuni commissariati si riproduca la situazione precedente”.

Il segretario dell’Antimafia Marco Di Lello, ha evidenziato “il ritardo con cui anche quest’anno si è arrivati all’esito della verifica che impone una riflessione all’intero Parlamento perché trovi nuovi strumenti normativi per consentire alle Istituzioni e ai partiti di verificare anche l’opportunità di qualche candidatura”.

Per il Pd Davide Mattiello, “la denuncia della Commissione Antimafia è un atto d’amore verso la politica. In queste settimane è stato immenso il lavoro dei funzionari e dei consulenti della Commissione per arrivare al risultato presentato dalla Presidente Bindi: uno sforzo che già di per sé denota quanto sia complicato, con gli strumenti esistenti, verificare almeno che i candidati non abbiano dichiarato il falso pur di competere”.

La Relazione approvata all’unanimità dall’Antimafia evidenzia tra l’altro come uno dei candidati a sindaco a Roma – è poi emerso che si tratta di Simone di Stefano, candidato di Casapound – è stato arrestato in flagranza per furto aggravato nel dicembre 2013 e si sofferma sulle gravi carenze dei vertici del Campidoglio che hanno consentito il proliferare di Mafia Roma.

Bindi ha infine evidenziato l’esigenza di una profonda revisione delle norme sullo scioglimento degli enti locali per infiltrazione mafiose e l’opportunità della cosiddetta terza via, come intervento da applicare nei casi in cui non sia stato possibile riscontrare il condizionamento mafioso ma siano comunque emerse situazioni opache o di criticità che l’amministrazione non è in grado di affrontare.

(di Valentina Roncati/ANSA)

Ultima ora

19:33Morto 77enne spinto da scogli, 17enne volontario per anziani

(ANSA) - BARI, 23 OTT - Dovrà fare volontariato in un centro per anziani, andare a scuola e frequentare corsi di legalità per tre anni il 17enne accusato di omicidio volontario per la morte del 77enne Giuseppe Dibello, spinto lo scorso 2 maggio da una scogliera a nord di Monopoli insieme con l'amico 75enne Gesumino Aversa, fortunatamente sopravvissuto alla caduta in mare. Il Tribunale per i Minorenni di Bari ha ammesso il ragazzo alla misura alternativa della messa alla prova per la durata di tre anni, collocandolo presso una comunità per minori. Qui dovrà rispettare un serrato programma rieducativo al termine del quale il reato sarà dichiarato estinto. In particolare, dovrà frequentare la scuola (si è già iscritto ad un istituto alberghiero), fare attività sportiva, volontariato con la Caritas e prestare servizio agli anziani, sottoporsi a sedute di sostegno psicologico e frequentare corsi di legalità. L'amico 15enne che era con il 17enne risponde di omissione di soccorso e sarà processato in abbreviato il 29 gennaio 2018.

19:18Aggressione con acido a Rimini, vittima 60enne napoletano

(ANSA) - RIMINI, 23 OTT - Un sessantenne napoletano residente a Rimini da circa dieci anni è rimasto vittima di una aggressione con acido mentre usciva dalla palestra in città. L'uomo che ha alle spalle un passato di problemi con la giustizia è stato ustionato dalla sostanza che ha colpito in prevalenza il volto. Il fatto, si è appreso oggi, è successo ieri nel tardo pomeriggio. Sul luogo dell'aggressione è intervenuta la polizia di stato e le indagini sono state affidate alla squadra mobile di Rimini che non esclude alcuna pista. Il 60enne è stato ricoverato all'ospedale Infermi di Rimini. (ANSA).

19:16Uccise suocera,ora stalking sua compagna:cura da criminologo

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Più dieci anni fa aveva ucciso la suocera e poi uscito dal carcere era stato nuovamente arrestato per stalking nei confronti della nuova fidanzata, da lui minacciata con una pistola mentre aspettava un bus. Ora l'uomo, Francesco Palmisano, che si trova in regime di custodia cautelare, dovrà seguire un percorso terapeutico portato avanti da un'equipe guidata dal criminologo Paolo Giulini, anche a capo del Cipm, ente che si occupa del trattamento e della valutazione psicodiagnostica degli autori di violenze sessuali e domestiche. Lo ha deciso la Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, presieduta da Fabio Roia, che con una decisione innovativa, sulla base di recente modifiche normative, ha disposto una "ingiunzione terapeutica" a carico dell'uomo, arrestato per stalking.

19:15Mafia: Commissione propone scioglimento Comune Lamezia

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 23 OTT - La Commissione d'accesso nominata nello scorso mese di giugno nel Comune di Lamezia Terme ha proposto lo scioglimento dell'Ente per infiltrazioni mafiose. L'accesso nel Comune di Lamezia era stato disposto dal prefetto di Catanzaro, Luisa Latella, su delega del Ministro dell'Interno, a seguito dell'operazione "Crisalide", condotta dai carabinieri su direttive della Dda di Catanzaro contro la cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri e che aveva portato a decine di arresti. Nell'inchiesta sono indagati il vicepresidente del Consiglio comunale lametino, Giuseppe Paladino, poi dimessosi, e Pasqualino Ruberto, candidato a sindaco nel 2015 e sospeso dalla carica di consigliere comunale dal Prefetto di Catanzaro dopo essere stato arrestato nel febbraio scorso nell'operazione "Robin Hood", condotta sempre dalla Dda di Catanzaro, sul presunto utilizzo illecito dei fondi comunitari destinati alle famiglie bisognose distratti, secondo l'accusa, anche col concorso di presunti affiliati a cosche lametine.

18:34Mafia: Fedotov visita tomba Falcone

(ANSA) - PALERMO, 23 OTT - Ha chiesto di visitare la tomba di Giovanni Falcone, ed è stato l'unico fuori programma per Yuri Fedotov, direttore esecutivo dell'Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine, a Palermo per partecipare alla Conferenza Mediterranea dell'Osce. Fedotov ha incontrato nella chiesa di San Domenico, Pantheon degli Illustri di Sicilia in cui il magistrato ucciso dalla mafia è tumulato, la sorella del giudice, Maria Falcone, presidente della fondazione che del magistrato porta il nome. Presente anche Tina Montinaro, vedova del caposcorta di Falcone morto nella strage. Fedotov ha deposto una corona di fiori sulla tomba. "Fu il primo a capire l'importanza della cooperazione internazionale nelle indagini su Cosa nostra e la necessità di seguire i flussi di denaro per contrastare i clan - ha detto - All'Onu continuiamo a seguire i suoi insegnamenti".

18:29Calcio: giudice, oltre Bonucci, 4 squalificati per un turno

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Oltre a Leonardo Bonucci, squalificato per due turni, il giudice sportivo ha fermato per una giornata altri quattro giocatori. Si tratta di Francesco Cassata (Sassuolo), Giancarlo Gonzalez (Bologna), Mario Mandzukic (Juventus) e Bruno Zuculini (Verona). Multe a Napoli (15.000 euro), Inter (12.000 + 4.000), Spal (2.500) e Fiorentina (2.000).

18:29Maltempo: albero cade su auto a Bari, illesi occupanti

(ANSA) - BARI, 23 OTT - In seguito delle forti raffiche di vento un albero si è spezzato a Bari cadendo su una Fiat Panda che era in transito su Viale della Repubblica, quasi ad angolo con via Toma. La donna di 41 anni che era alla guida e i suoi di figli di 13 e 5 anni che erano a bordo sono riusciti a mettersi in salvo e sono illesi. La caduta dell'albero è stata frenata parzialmente da alcuni cavi aerei. Sul posto sono giunti personale del 118, che ha soccorso la famiglia e i vigili del fuoco che sono al lavoro per sgomberare la sede stradale. Squadre dell'Amtab provvederanno a recidere per sicurezza il cavo che appartiene alla linea dei tram in disuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora