Comunali, 14 “impresentabili”. Bindi: Liste civiche varco per mafie

Pubblicato il 01 giugno 2016 da redazione

Comunali, 14 "impresentabili" Bindi: Liste civiche varco per mafie

Comunali, 14 “impresentabili” Bindi: Liste civiche varco per mafie

ROMA. – La presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi l’aveva detto tempo fa: quest’anno lo screening sulle candidature non arriverà in zona Cesarini. E così non è stato. A cinque giorni dal voto per le comunali del 5 giugno che riguarderà oltre 1.300 comuni, l’Antimafia ha presentato i 14 nomi dei cosiddetti “impresentabili”, ovvero di coloro che sono incandidabili per la Legge Severino (8 in tutto), o che pure essendo candidabili dovrebbero poi essere sospesi sempre per la stessa legge (3 casi) o infine che sono “impresentabili” perché hanno commesso reati previsti dal Codice di autoregolamentazione delle candidature votato all’unanimità da tutti i partiti e che è più restrittivo delle stesse leggi esistenti (3 casi).

Tutti i 14 nomi (7 a Battipaglia, 5 a Roma, 2 in Calabria) fanno parte di liste civiche, “e che le liste civiche fatte nel modo che abbiamo visto siano un varco per le mafie è indubbio. Conosciamo anche liste civiche nate come capacità di riscatto, ma il 100% di liste civiche in quasi tutti i comuni sciolti per mafia, qualcosa vorranno dire”, ha evidenziato Bindi.

La quale ha sottolineato la necessità di un tagliando alla legge Severino (“a parte il gioco strano tra incandidabilità e ineleggibilità, un altro aspetto da rivedere riguarda le pene”) e ha rinnovato un forte appello alla politica: “I partiti devono decidersi a metterci la faccia; se vogliamo estirpare la mafia, ci vogliono forze politiche chiare, che non fanno operazioni trasformistiche: ricostruendo la storia di alcune liste civiche si trovano candidati cacciati da un partito che si alleano con pezzi di avversari.

In un comune, le tre famiglie di riferimento ‘ndranghetista hanno piazzato i loro candidati ciascuna in una delle tre liste. Diano Marina potrebbe presentare un certo interesse da questo punto di vista”, ha concluso rispondendo ai giornalisti.

Il vicepresidente dell’Antimafia, Claudio Fava ha puntato l’attenzione sul comune di Platì, in Calabria, su cui l’Antimafia ha fatto un focus, essendo stato commissariato ben 15 volte. “Nessun candidato – ha detto Fava – viola il Codice di autoregolamentazione ma decine di candidati hanno comprovati rapporti di amicizia con le cosche che gestiscono il territorio e che fanno essere concreto il pericolo che questo comune continui ad avere una democrazia sospesa”.

Per il senatore Giuseppe Lumia, “sarebbe utile anticipare a 60 giorni, anziché a 40, la presentazione delle candidature. Serve poi una banca dati sui carichi pendenti per non consentire a chi non è in regola di farsi beffa della nostra democrazia”.

“Dal nostro lavoro – ha sottolineato il capogruppo Pd Franco Mirabelli – emerge con evidenza l’esigenza di guardare con attenzione alle liste civiche, che rischiano di essere nei comuni più facilmente infiltrabili e di continuare a monitorare alcuni dei comuni a più alta concentrazione di criminalità organizzata. E’ inoltre necessario valutare modifiche alla legge sullo scioglimento per evitare che nei comuni commissariati si riproduca la situazione precedente”.

Il segretario dell’Antimafia Marco Di Lello, ha evidenziato “il ritardo con cui anche quest’anno si è arrivati all’esito della verifica che impone una riflessione all’intero Parlamento perché trovi nuovi strumenti normativi per consentire alle Istituzioni e ai partiti di verificare anche l’opportunità di qualche candidatura”.

Per il Pd Davide Mattiello, “la denuncia della Commissione Antimafia è un atto d’amore verso la politica. In queste settimane è stato immenso il lavoro dei funzionari e dei consulenti della Commissione per arrivare al risultato presentato dalla Presidente Bindi: uno sforzo che già di per sé denota quanto sia complicato, con gli strumenti esistenti, verificare almeno che i candidati non abbiano dichiarato il falso pur di competere”.

La Relazione approvata all’unanimità dall’Antimafia evidenzia tra l’altro come uno dei candidati a sindaco a Roma – è poi emerso che si tratta di Simone di Stefano, candidato di Casapound – è stato arrestato in flagranza per furto aggravato nel dicembre 2013 e si sofferma sulle gravi carenze dei vertici del Campidoglio che hanno consentito il proliferare di Mafia Roma.

Bindi ha infine evidenziato l’esigenza di una profonda revisione delle norme sullo scioglimento degli enti locali per infiltrazione mafiose e l’opportunità della cosiddetta terza via, come intervento da applicare nei casi in cui non sia stato possibile riscontrare il condizionamento mafioso ma siano comunque emerse situazioni opache o di criticità che l’amministrazione non è in grado di affrontare.

(di Valentina Roncati/ANSA)

Ultima ora

15:45Siria: autobomba in campo profughi, almeno 5 morti

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Almeno 5 persone sono rimaste uccise e 30 ferite oggi da un'autobomba in un campo di sfollati siriani sul confine con la Giordania, secondo fonti della sicurezza di Amman. Testimoni oculari hanno riferito all'ANSA che l'esplosione è avvenuta nei pressi del mercato centrale del campo di Al Raqban. Nella struttura è ospitata una fazione armata siriana, l'Esercito Al Ashair, sostenuta dalla Giordania per controllare la sicurezza nel campo e l'afflusso di rifugiati verso il Regno hashemita.

15:44Calcio: Udinese, Thereau gioca a Empoli “vogliamo carisma”

(ANSA) - UDINE, 21 GEN - "Thereau sta bene. E' della partita". Il tecnico dell'Udinese, Gigi Delneri, nella conferenza stampa della vigilia scioglie qualsiasi dubbio su un possibile impiego dell'attaccante francese, domani a Empoli. In settimana Thereau si è sottoposto a sedute di allenamento differenziato ''per recuperare questo tipo di malanno'', quello al ginocchio che ormai lo affligge da qualche tempo. Ma ieri e oggi si è ''allenato bene'' in gruppo. E quindi il tecnico friulano non è intenzionato a privarsi di quella che considera una delle pedine fondamentali della sua Udinese. "Per noi è importante avere giocatori di carisma; la squadra ha bisogno di gente che abbia impatto sulla partita importante", ha indicato. Pochi i dubbi del tecnico anche sulla formazione: "Non si discosta molto da quello di domenica scorsa. Stiamo bene. I giocatori che abbiamo a disposizione possono giocare tutti dal primo minuto". Il ballottaggio è tra Hallfredsson e Kums a centrocampo. Plauso agli uomini al lavoro a Rigopiano.

15:44Trump: donne in piazza a Milano contro neo presidente

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Anche a Milano donne in protesta contro il nuovo presidente americano Donald Trump. Circa un centinaio di manifestanti si sono radunate in piazza della Scala, di fronte a Palazzo Marino sede del Comune di Milano, per l'iniziativa 'Women's March' che oggi si tiene a Washington e in varie parti del mondo contro il neo presidente Usa, che ieri si è insediato ufficialmente. Le donne hanno dei cartelli con le scritte: 'Love not hate' (amore non odio), oppure 'Dump Trump' (butta via Trump), su altri viene riportato uno degli slogan della campagna della candidata democratica sconfitta alle elezioni Hillary Clinton, 'Women rights are human rights'. Tra le donne presenti in piazza, che si sono ritrovate anche tramite un passaparola sui social, ci sono anche alcune americane che vivono a Milano, in piazza "per lottare contro le discriminazioni, per i diritti delle minoranze che Trump calpesta", ha spiegato una di loro. (ANSA).

15:24Calcio: sfogo Balotelli “razzismo legale a Bastia? Vergogna”

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Vergogna davvero, una vera vergogna". Si chiude così il messaggio postato oggi da Mario Balotelli sul suo profilo Instagram per denunciare il comportamento razzista dei tifosi del Bastia nei suoi confronti durante la partita di ieri di Ligue 1 tra la squadra corsa e il suo Nizza, finita 1-1. "E' normale che i tifosi del Bastia abbiano fatto versi da scimmia e 'uh uh' per l'intera partita e nessuno della commissione disciplinare dica nulla? - scrive l'attaccante del Nizza - Dunque il razzismo è legale in Francia? O lo è solo a Bastia? Il calcio è un bello sport, ma persone come i tifosi del Bastia lo rendono orribile! Vergogna davvero. Una vera vergogna", conclude Balotelli, che accompagna allo sfogo una foto completamente nera.

15:19Bus ungherese: inchiesta per omicidio colposo plurimo

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - Omicidio colposo plurimo stradale: è il titolo di reato del fascicolo contro ignoti aperto dalla procura della repubblica di Verona sull'incidente che ha causato la morte di 16 persone che erano a bordo del pullman ungherese partito ieri mattina dalla Francia per fare ritorno a Budapest dopo una vacanza scolastica sulle nevi. La procura veronese, nel rispetto delle questioni giudiziarie legate a quella che si annuncia come un'inchiesta complessa per stabilire le cause e le eventuali responsabilità dell'incidente, ha espresso piena disponibilità a incontrare i familiari e le autorità ungheresi. (ANSA).

15:14Rigopiano: prefettura, 23 i dispersi per ora segnalati

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il bilancio della valanga che ha colpito l'hotel Rigopiano è per ora di nove persone salvate, 5 vittime recuperate e 23 dispersi. Lo comunica la prefettura di Pescara. I dispersi sono persone risultanti sulla lista ufficiale degli ospiti della struttura e da altre segnalazioni ricevute; si tratta comunque, precisa la prefettura, di una lista la cui composizione è soggetta a continue verifiche.

15:13Bullismo, permanenza in casa per due minori

(ANSA) - PERUGIA, 21 GEN - Sono accusati di avere minacciato per mesi i loro compagni di classe, derubandoli di penne e quaderni, colpendoli con calci e pugni, ma anche deridendoli per il loro aspetto due minorenni stranieri ai quali i carabinieri di Gualdo Tadino hanno notificato un provvedimento di permanenza in casa per atti persecutori. Senza possibilità di uscire né di comunicare con alcuno. La misura cautelare è stata notificata inizialmente a un quindicenne e ora a un connazionale di 16 anni, considerato suo complice. Quest'ultimo è stato rintracciato - hanno spiegato gli investigatori - appena tornato in Italia dal suo Paese d'origine nel quale si era recato con la famiglia. Nel fascicolo d'indagine sono finiti i racconti di sei studenti ascoltati dai militari della stazione di Gualdo Tadino e le note disciplinari scritte sul registro dai docenti. Il magistrato ha imposto ai due indagati di frequentare un corso di recupero in cui verranno approfonditi i concetti di legalità e rispetto.

Archivio Ultima ora